Sintomi e trattamento della linfostasi degli arti inferiori

La linfostasi è una malattia del sistema linfatico, caratterizzata da ritenzione di liquidi negli arti inferiori. Nel corso del processo patologico, c'è gonfiore, ispessimento della pelle, sviluppo di ferite che si trasformano in lesioni ulcerative. Le cause della malattia sono piuttosto diverse, viene effettuato un esame completo con l'identificazione della fonte primaria e, solo allora, è possibile prescrivere una terapia adeguata.

Ragioni per l'apparenza

Come detto in precedenza, le cause dello sviluppo della malattia sono diverse e non è sempre possibile identificarle in modo tempestivo. Secondo gli esperti, i fattori che provocano sono disturbi del sistema cardiovascolare, del sistema urinario (in particolare i reni), delle vene varicose e un contenuto proteico estremamente basso. In casi più rari, la linfostasi degli arti inferiori si sviluppa sullo sfondo di un'infezione batterica o difetti del sistema linfatico.

Se la patologia è associata a un'anomalia congenita del sistema linfatico, i primi segni si sviluppano durante l'infanzia, periodicamente esacerbando. Esiste anche un tipo secondario di linfostasi delle gambe, che è una conseguenza di lesioni alle gambe, infiammazione o patologie dei vasi linfatici.

Anche l'insufficienza venosa combinata con uno stile di vita inattivo e i cambiamenti ormonali durante la gravidanza sono fattori provocatori. La conseguenza di questa situazione è il ristagno di sangue nelle vene degli arti inferiori a causa della ridotta funzionalità della valvola. La linfostasi delle gambe può essere un segno paraneoplastico, cioè accompagnare alcuni tipi di malattie maligne.

Sintomi, fasi e localizzazione della malattia

Attualmente, nella pratica della flebologia, è consuetudine distinguere tre fasi della linfostasi:

  • Primo. Caratterizzato come linfedema (edema reversibile).
  • Secondo. Fibredema (edema irreversibile).
  • Terzo. Elefantiasi o elefantiasi (allargamento persistente degli arti inferiori).

La prima fase del processo patologico è caratterizzata dalla localizzazione nella caviglia e nelle dita dei piedi. C'è edema, tuttavia non pronunciato, ma facilmente palpabile. Non c'è dolore alla palpazione. È interessante notare che nella stagione fredda, con poco riposo, il linfedema può praticamente scomparire..

I sintomi del secondo stadio sono più pronunciati, il gonfiore si diffonde in tutta la gamba e non scompare dopo un lungo riposo. La natura dell'edema cambia, diventa densa, la palpazione lascia tracce dagli effetti delle dita. Altri segni di patologia sono anche aggiunti: dolore alla gamba, sensazione di pesantezza, crampi durante la notte. L'arto inizia gradualmente a deformarsi, un forte gonfiore porta all'incapacità di piegare / distendere il ginocchio. Dopo qualche tempo, la pelle cambia: acquisisce una tonalità bluastra.

Il quadro clinico del terzo stadio è caratterizzato dalla proliferazione del tessuto connettivo nella pelle. Allo stesso tempo, la crescita raggiunge dimensioni tali che l'arto del paziente inizia a somigliare alla gamba di un elefante. In questa fase, le lesioni ulcerative a lungo termine appaiono abbastanza spesso sulla pelle..

Diagnosi della malattia

La diagnostica consiste in un esame faccia a faccia da parte di un flebologo o di un chirurgo vascolare, quindi vengono assegnati numerosi studi per confermare la diagnosi e prescrivere una terapia efficace.

Prima di tutto, il paziente viene sottoposto all'ecografia Doppler dei vasi degli arti inferiori. L'evento è una procedura diagnostica non invasiva che consente di determinare il grado di congestione linfatica e le condizioni dei vasi sanguigni. Per rilevare un focus della linfostasi, viene prescritto un esame ecografico del bacino, della TC o della RM.

Inoltre, viene prescritto un esame del sangue biochimico, che rivelerà l'infiammazione e valuterà il lavoro degli organi interni. Lo studio fornisce anche informazioni sulla natura del metabolismo. Con lo sviluppo di ulcere alle gambe, viene eseguita la semina batteriologica del contenuto della ferita per determinare il tipo di microflora patogena.

Va tenuto presente che tale gonfiore può agire come sintomo di malattie del sistema cardiovascolare e dei reni, pertanto la diagnosi di questi organi è obbligatoria. Spesso la causa dello sviluppo della linfostasi degli arti inferiori è l'insufficienza venosa cronica, potrebbe essere necessario consultare uno specialista specializzato - un angiologo. Quando un paziente viene esaminato da un angiologo, il medico di solito utilizza un'ecografia delle vene per valutare le condizioni del sistema venoso profondo e il flusso sanguigno locale..

In alcuni casi, il medico può raccomandare uno studio per determinare il livello di D-dimero, un prodotto di degradazione della fibrina. I dimeri D sono frammenti di proteine ​​che si formano quando i coaguli di sangue si dissolvono. Un aumento della formazione di trombi significa un'alta concentrazione di questo enzima nel sangue, che indica la presenza di insufficienza venosa, trombosi venosa profonda. Tuttavia, questo tipo di diagnosi viene raramente prescritto, poiché è considerato informativo sull'esclusione di trombosi e vene e inefficace rispetto ad altri tipi di insufficienza venosa..

Come viene diagnosticata la linfostasi delle gambe?

Come viene eseguito il trattamento?

Il trattamento della linfostasi degli arti inferiori viene effettuato nel reparto ospedaliero di chirurgia vascolare o sotto la supervisione di un flebologo su base ambulatoriale, in assenza di sintomi gravi.

Trattamento farmacologico

Il compito principale dell'effetto terapeutico è ripristinare al massimo il deflusso del liquido linfatico nei tessuti dell'arto malato. A tal fine, a uno specialista viene prescritto un farmaco flebotonico. Nella pratica vascolare, ricorrono spesso a farmaci chiamati Vasotek e Diosmin. Sono usati per l'insufficienza venosa e l'interruzione del sistema linfatico. Inoltre, i farmaci possono essere utilizzati durante la gravidanza, poiché sono abbastanza ben tollerati..

Se viene diagnosticato il primo stadio della malattia, ricorrono ai seguenti farmaci: Paroven, Troxerutin o Troxevasin. La loro azione è mirata ad aumentare il tono vascolare e normalizzare il deflusso linfatico.

Oltre al trattamento principale, è possibile prescrivere rimedi omeopatici ed erboristici. Nella prima versione, un tale farmaco è Lymphomyazot - migliora il drenaggio linfatico, nella seconda - Glicoside, a base di ippocastano.

Anche i farmaci prescritti che hanno effetti anti-infiammatori e antiedema, più spesso è Wobenzym.

Se necessario, il medico prescriverà i diuretici, ma devono essere usati con estrema cautela. I diuretici non sono sempre efficaci contro la linfostasi.

Se è stata stabilita un'infiammazione dell'eziologia batterica, vengono utilizzati antibiotici per iniezione - Amoxicillina clavulanato, Ampicillina.

Il trattamento della linfostasi degli arti inferiori è sempre complesso, altrimenti la terapia potrebbe essere inefficace. È importante che il paziente capisca che l'automedicazione è altamente scoraggiata per evitare complicazioni..

Trattamento con rimedi popolari

Va notato subito che tutte le ricette di medicina tradizionale non hanno l'efficacia del trattamento farmacologico, quindi possono essere utilizzate come aggiunta alla terapia principale. I metodi popolari più famosi per la linfostasi degli arti inferiori comprendono:

  1. Comprimere a base di cipolla al forno. La verdura viene cotta insieme alla buccia, quindi macinata in uno stato di pappa e mescolata con una piccola quantità di catrame di betulla. Utilizzare di notte per 8-12 settimane.
  2. Brodo di aglio. Un bicchiere di aglio sbucciato viene schiacciato, quindi vengono aggiunti 400 ml di miele naturale liquido e lasciati in un luogo buio per 7 giorni. Prendi un cucchiaio ogni giorno 3 volte al giorno.
  3. Un decotto di piante medicinali. In proporzioni uguali, è necessario prendere le foglie e le infiorescenze di dente di leone, piantaggine, frutti di carota selvatica, erba di nodi. Le piante vengono versate con acqua bollente al ritmo di 500 ml per cinque cucchiaini di piante. Insistere per almeno 8 ore e assumere 50 ml 4 volte al giorno.
Cipolle e aglio nel trattamento della linfostasi delle gambe

Procedure di fisioterapia nella terapia della linfostasi degli arti inferiori

La fisioterapia è considerata un'efficace aggiunta al trattamento principale, accelerano il processo di ripristino del normale funzionamento del sistema linfatico, riducono la gravità del processo infiammatorio e il gonfiore.

Le procedure più comunemente utilizzate sono:

  • Idromassaggio. Può anche essere trovato sotto il nome di massaggio subacqueo. Eseguito con un flusso d'acqua di una certa intensità.
  • Magnetoterapia. L'effetto si basa su un campo magnetico statico. Contiene varie tecniche.
  • Terapia laser. Durante la manipolazione, viene utilizzato un apparato speciale: un laser, il cui funzionamento si basa sulla radiazione del campo ottico.
Massaggio per linfostasi degli arti inferiori

Dieta e regime per la linfostasi delle gambe

La dieta occupa un posto importante nella vita dei pazienti con linfostasi, poiché le persone con un aumento del peso corporeo sono più suscettibili alla malattia. Quando si è seduti, è desiderabile che gli arti inferiori siano ad un livello elevato, che manterrà il flusso sanguigno locale. Una forma efficace di prevenzione è l'uso di calze a compressione.

Per quanto riguarda l'alimentazione dietetica, si consiglia ai pazienti di ridurre al minimo l'assunzione di sale, che provoca l'accumulo di liquidi.

La dieta per un paziente con linfostasi contiene le seguenti raccomandazioni: consumare un massimo di 100 grammi di proteine ​​al giorno, indipendentemente dal suo tipo; 15-20 grammi di grasso animale; 15 ml di olio di semi di girasole al giorno.

L'uso di carboidrati è ridotto al minimo: prodotti da forno a base di farina di grano, dolci, semola. Si consiglia di sostituire tutto questo con prodotti ad alto contenuto di fibre: crusca, farina d'avena.

Si raccomanda di aumentare il consumo di frutta e verdura fresca e succhi di frutta.

Prevenzione

È necessario ricorrere a misure preventive per tutti i pazienti inclini allo sviluppo di linfostasi degli arti inferiori. Per le persone con eccesso di peso corporeo, è importante ricorrere alla perdita di peso. È anche necessario gestire attentamente anche i danni minori alla pelle, monitorare le condizioni del cuore, dei reni e curare tempestivamente quando si diagnosticano violazioni in questi organi.

Trattamento della linfostasi degli arti inferiori

La linfostasi degli arti inferiori è una patologia in cui il deflusso della linfa dai vasi linfatici e dai capillari è compromesso. Il risultato della malattia è visibile ad occhio nudo: le gambe di una persona si gonfiano e aumentano di volume.

Cause di linfostasi delle gambe

La causa principale della malattia è la permeabilità compromessa dei vasi linfatici. La linfa scorre attraverso questi organi - un liquido contenente proteine ​​e sostanze necessarie per il corpo.

Se la linfa non riesce a coprire la distanza dal letto venoso, allora si accumula nelle estremità inferiori, a seguito della quale le gambe si gonfiano e diventano innaturalmente grandi.

Lo sviluppo della linfostasi è preceduto da alcuni motivi:

  • danno ai vasi linfatici durante l'intervento chirurgico alle gambe;
  • venosa cronica e insufficienza cardiaca;
  • infiammazione della pelle;
  • compressione dei linfonodi da parte di tumori (oncologia).

Se il paziente vive in una città o in un paese con un clima caldo, i parassiti possono essere la causa di disturbi linfatici. L'ingresso di organismi patogeni interrompe il deflusso della linfa, che porta alla linfostasi.

Sintomi della malattia

La patologia si sviluppa in 3 fasi. Ogni fase è caratterizzata da diversi sintomi:

  1. Il primo stadio della malattia è il linfedema. Questo è un edema reversibile che si verifica nell'area del piede e della parte inferiore della gamba. C'è un leggero gonfiore tra le dita dei piedi che non provoca disagio o dolore.
  2. Se il paziente inizia la malattia, la patologia passa a un nuovo stadio: il fibredema. Questo è un edema irreversibile pronunciato. La pelle si indurisce e si ispessisce, si scurisce e diventa cianotica.
  3. Lo stadio finale della malattia è l'elefantiasi. Lo stadio è caratterizzato da un significativo aumento degli arti inferiori, erisipela, eczema e ulcere trofiche.

Se noti uno dei segni della malattia, non rimandare una visita a uno specialista. La patologia viene curata da un flebologo: eseguirà le procedure necessarie, determinerà la diagnosi e prescriverà il trattamento.

Terapia fisica per linfostasi

Un'interessante domanda per i pazienti con diagnosi di "linfostasi degli arti inferiori" è il trattamento a domicilio. Con le fasi avanzate della malattia, è difficile camminare anche per brevi distanze e visitare gli ospedali diventa un vero calvario. Il trattamento della patologia a casa è possibile. Una delle opzioni terapeutiche è la terapia fisica o lo yoga. Ti consigliamo di familiarizzare con gli esercizi che aiuteranno ad alleviare il disagio:

  • Massaggio morbido. Strofina i piedi, tra le dita dei piedi, degli stinchi e dei polpacci con movimenti fluidi. Massaggio dal basso verso l'alto. Ripetere i movimenti di massaggio fino a quando appare calore.
  • Sdraiati sulla schiena e poggia i piedi sul muro in un punto 20-30 cm sopra il pavimento, eseguendo movimenti circolari con i piedi. Ripeti 20 volte.
  • Sdraiarsi sulla schiena. Metti le mani sotto o sopra la testa e piega le gambe sulle ginocchia. Solleva alternativamente ogni gamba per simulare il ciclismo. Continua a pedalare per 5 minuti.

Includi gradualmente l'attività fisica nella tua vita e aumentala. Combina ginnastica correttiva con nuoto e nordic walking.

Nutrizione per linfostasi

Il trattamento per la linfostasi comprende una varietà di metodi. Uno di questi è l'adeguamento della dieta del paziente. La dieta è una parte importante della terapia domiciliare.

Riduci l'assunzione di liquidi, carboidrati e cibi ricchi di sale.

Si consiglia di eliminare gli alimenti che ti fanno sentire assetati. Inoltre, si consiglia di ridurre al minimo:

  • pasticceria - torte, dolci, cioccolato, pasticcini, si consiglia di limitare o eliminare completamente l'uso di zucchero.
  • pasta e prodotti da forno;
  • pane in qualsiasi forma;
  • porridge di riso e semola.

Limitare l'assunzione di cibi salati. A causa di questa sostanza, il liquido si accumula nei tessuti interessati, il che complica notevolmente il recupero..

Panoramica dei farmaci per il trattamento della linfostasi

Con la linfostasi degli arti inferiori, il trattamento con farmaci è uno dei metodi più comprovati e affidabili. Se combinati con altri trattamenti, i medicinali danno un risultato duraturo e influenzano attivamente i sintomi della malattia. Puoi conoscere i gruppi di farmaci e gli effetti forniti nella tabella seguente:

Il nome del farmaco, il suo gruppoControindicazioniEffetti collateraliEffetto curativo
Detralex, venotonico.Ipersensibilità o intolleranza ai componenti, gravidanza, allattamento.Mal di testa, nausea, vomito, reazioni cutanee (prurito, orticaria), edema isolato.Il medicinale tonifica le vene, riduce la permeabilità capillare, rimuove la stasi del sangue venoso, rende le vene meno elastiche, normalizza la microcircolazione.
Venarus, venotonico.Intolleranza ai componenti, allattamento.Mal di testa, nausea, vertigini, prurito, dolore al petto.Ha un effetto positivo sul tono venoso, rafforza i capillari, migliora il deflusso linfatico e riduce la gravità dei sintomi osservati nell'insufficienza venosa.
Acenocumarolo, cumarina e anticoagulante.Ipersensibilità, diatesi emorragica, insufficienza renale o epatica, esaurimento fisico, periodo di gestazione o allattamento, ipertensione arteriosa, neoplasie maligne.Sanguinamento, nausea, diarrea, vomito.Previene la rapida coagulazione del sangue, inibisce i processi ossidativi, elimina lo spasmo della muscolatura liscia, allevia il dolore, lenisce.
Troxerutin, angioprotectrGastrite cronica (esacerbazione), ulcera peptica, ipersensibilità.Reazioni allergiche, mal di testa, vertigini, lesioni ulcerative del tratto gastrointestinale.Blocca l'azione dei radicali liberi, allevia il gonfiore e l'infiammazione, tonifica le vene, rinforza le pareti dei vasi sanguigni.
Wobenzym, preparazione enzimaticaMalattie in cui esiste il rischio di sanguinamento, emodialisi, età fino a 5 anni, ipersensibilità, intolleranza ai componenti.Orticaria, cambiamenti nella consistenza delle feci.Ha un effetto immunomodulatore, allevia l'infiammazione.
Pentossifillina, angioprotettore.Ipersensibilità, sanguinamento abbondante, gravidanza, allattamento, infarto del miocardio.Mal di testa, tachicardia, secchezza delle fauci, rossore al viso, nausea, vomito.Regola la microcircolazione, previene i coaguli di sangue, migliora la saturazione di ossigeno nel sangue.

Prima di acquistare e utilizzare medicinali, consultare un flebologo e sottoporsi a una visita medica.

Metodi tradizionali di trattamento

Un metodo ausiliario di trattamento per la linfostasi sono i bagni e le tinture preparati secondo le ricette popolari. Considera i rimedi popolari popolari e comprovati:

  • Wrapping. Mescola argilla bianca e acqua in un rapporto 2: 1. Metti l'argilla su un panno sottile, stendilo e poi legalo attorno all'arto interessato, formando un impacco. Riparare e lasciare per 4 ore. Il corso del trattamento è di un mese.
  • Applicare 2 sanguisughe sulla zona interessata e lasciare per mezz'ora. Ripeti la procedura 7 volte.

Prima del trattamento con rimedi popolari, leggi attentamente gli ingredienti..

condividi con i tuoi amici

Fai qualcosa di utile, non ci vorrà molto

Trattamento della linfostasi degli arti inferiori

La linfostasi degli arti inferiori è una malattia vascolare in cui si osserva edema tissutale. La patologia è piuttosto rara, ha la capacità di colpire una o entrambe le gambe contemporaneamente. La particolarità della malattia è che porta a conseguenze irreversibili agli arti. Come identificare e trattare un'anomalia?

Le ragioni

Esistono molte cause di linfostasi. La malattia stessa è divisa in primaria e secondaria. A seconda di ciò, anche i fattori provocatori sono divisi in due gruppi. La patologia primaria deriva dai seguenti fenomeni:

  • Diametro stretto dei vasi linfatici.
  • Pochi canali che drenano il fluido linfatico.
  • Difetti vascolari.
  • La comparsa di costrizioni amniotiche, che provoca cicatrici.
  • Eredità del sistema linfatico relativamente sottosviluppato.
  • Neoplasie nei vasi sanguigni di natura congenita.

Il linfedema secondario si sviluppa sotto l'influenza negativa di altri processi patologici nel corpo. Le seguenti malattie possono causare edema linfatico delle gambe:

stai attento

Secondo le statistiche, oltre 1 miliardo di persone sono infette da parassiti. Non puoi nemmeno sospettare di essere diventato vittima di parassiti.

È facile determinare la presenza di parassiti nel corpo in base a un sintomo: l'alitosi. Chiedi ai tuoi cari se il tuo alito puzza al mattino (prima di lavarti i denti). In tal caso, c'è una probabilità del 99% di essere infettato da parassiti..

L'infezione da parassiti porta a nevrosi, rapida affaticabilità, improvvisi sbalzi d'umore, in futuro iniziano malattie più gravi.

Negli uomini, i parassiti causano: prostatite, impotenza, adenoma, cistite, sabbia, calcoli renali e vescicali.

Nelle donne: dolore e infiammazione delle ovaie. Si sviluppano fibroma, fibromi, mastopatia fibrocistica, infiammazione delle ghiandole surrenali, vescica e reni. Oltre a cuore e cancro.

Vogliamo avvertirti subito che non è necessario correre in farmacia e acquistare medicinali costosi che, secondo i farmacisti, stermineranno tutti i parassiti. La maggior parte dei farmaci sono estremamente inefficaci e causano anche danni enormi al corpo..

Cosa fare? Innanzitutto, ti consigliamo di leggere un articolo del principale istituto di parassitologia della Federazione Russa. Questo articolo rivela un metodo con il quale puoi purificare il tuo corpo dai parassiti senza danneggiare il corpo. Leggi l'articolo >>>

  1. Lesioni al tratto linfatico dovute a danni agli arti: fratture, lussazioni e altre lesioni.
  2. Cicatrici sulla superficie dei vasi sanguigni.
  3. Esposizione del corpo alle radiazioni.
  4. Insufficienza cardiovascolare e venosa.
  5. Tumori nel sistema linfatico, benigni o oncologici.
  6. Eccesso di peso corporeo.
  7. Nefropatia.
  8. Sviluppo di infiammazione della pelle degli arti inferiori.
  9. Malattie parassitarie.

La linfostasi secondaria delle gambe può anche svilupparsi a seguito del trasferimento dell'intervento chirurgico sugli organi del torace, nonché di un intervento chirurgico per rimuovere i linfonodi. Spesso l'edema linfatico si verifica a causa di una lunga permanenza senza movimento.

Classificazione della patologia

La linfostasi del piede e della gamba è di due forme:

  1. Primario (congenito).
  2. Acquisito secondario per tutta la vita (solitamente associato ad altre condizioni mediche).

Il tipo più comune di edema linfatico secondario.

Quadro clinico

I sintomi della linfostasi possono essere diversi a seconda dello stadio della malattia..

Primo grado

Lo stadio iniziale di sviluppo della patologia è chiamato una forma lieve, poiché è caratterizzato da reversibilità. Il gonfiore delle gambe con linfostasi di questo stadio si verifica nell'area delle caviglie, delle dita e anche nella parte posteriore del piede. I pazienti notano che il gonfiore appare la sera dopo l'esercizio.

Sopra il sito della lesione, la pelle diventa pallida. Può essere facilmente raccolto in una piega per palpazione. L'area dell'edema non provoca dolore, è piuttosto morbida. Dopo il riposo o il sonno, questi segni scompaiono da soli..

Secondo grado

In questa fase dello sviluppo del processo patologico delle gambe, si verificano conseguenze irreversibili. Il secondo stadio dura abbastanza a lungo, è caratterizzato dalla proliferazione del tessuto connettivo. Il gonfiore delle estremità con linfostasi copre gradualmente un'area in aumento.

I nostri lettori scrivono

Coloro che stanno leggendo questo testo hanno probabilmente affrontato lo stesso problema. Qualcuno ha appena raccolto il fungo ed è solo nella fase iniziale e qualcuno ha sofferto per molti anni.

Voglio dire subito che ho vissuto con il fungo dell'unghia del piede per quasi dieci anni. Tutto è iniziato in modo così innocuo che non ho dato alcuna importanza ad esso! In generale, qualsiasi infezione fungina può manifestarsi in qualsiasi momento. Che si tratti di stress, i miei piedi sono bagnati, il mio sistema immunitario è caduto. Nel mio caso, era, avevo l'ARVI e una settimana dopo ho iniziato a notare sintomi spiacevoli: prurito, desquamazione, scolorimento, odore sgradevole.

Mia moglie non ha suonato l'allarme e di notte mi ha imbrattato le gambe con un unguento salicilico. "Le nostre nonne sono state trattate in questo modo, forse passerà anche per te!" Questo "forse" non ha funzionato con me, e dopo un po 'sono stato costretto a correre dal dottore, dove mi hanno tagliato l'unghia alla radice.

Pensi che abbia aiutato? Un anno dopo, quando l'unghia praticamente ricresce, il fungo inizia con una forza ancora maggiore! Mi sono reso conto che nessuno, tranne me, mi avrebbe aiutato con questa sventura. Pertanto, sono andato online e ho iniziato a studiare come viene trattato il fungo..

Si scopre che è stato sviluppato un farmaco che "ferma" le spore fungine, ad es. lo priva dell'opportunità di riprodursi. L'agente si chiama Mycocin ed è compresse e gel antifungini. Il gel, grazie alla sua composizione unica, penetra in profondità sotto la pelle o l'unghia e uccide il fungo.

Il posto di gonfiore è denso. La pelle che copre l'area interessata è soggetta a tensione e ispessimento. Non è più possibile raccoglierlo in una piega. L'edema è osservato costantemente, non dipende dallo stato di riposo o di movimento. Insieme a loro, i pazienti sono preoccupati per la sensazione di pesantezza alle gambe e sensazioni dolorose.

Nella seconda fase, gli arti colpiti iniziano a deformarsi e si verifica un aumento significativo delle loro dimensioni. I pazienti notano che con una posizione prolungata in posizione eretta, hanno crampi ai polpacci e ai piedi.

A poco a poco, la pelle diventa bluastra e su di essa compaiono escrescenze a forma di verruca. Con il contatto regolare con gli indumenti, la copertura viene danneggiata, si formano ferite e ferite, da cui viene rilasciato il fluido linfatico.

Terzo grado

Le articolazioni fanno male - cosa fare?

Abbiamo studiato un'enorme quantità di materiali e, soprattutto, testato la maggior parte dei rimedi per il trattamento delle articolazioni nella pratica. Quindi, si è scoperto che l'unico farmaco che non rimuove i sintomi, ma guarisce davvero è Sustalife.

Per non pensare che un altro "miracolo" ti stia bevendo, non descriveremo che tipo di farmaco efficace è... Se interessati, leggi tu stesso tutte le informazioni su Sustalife. Ecco il link all'intervista.


Questa fase è la più difficile. Con il suo sviluppo, il tessuto connettivo cresce fortemente nell'area della manifestazione dell'edema. La pelle diventa densa, ruvida, ha una tinta bluastra. L'arto malato diventa di dimensioni maggiori, il che è impossibile non notare ad occhio nudo.

Formazioni cistiche, la fibrosi appare nei tessuti muscolari. Esternamente, la gamba ricorda quella di un elefante. Le sue funzioni sono compromesse fino alla completa perdita della capacità di muoversi. Nell'ultima fase, patologie come l'artrosi, l'eczema, le ulcere trofiche e i processi infiammatori della pelle si uniscono alla linfostasi cronica..

Con un grave grado di malattia linfatica, il paziente diventa molto debole, si stanca rapidamente e soffre di mal di testa. Aumenta il peso corporeo, la concentrazione dell'attenzione è disturbata.

Misure diagnostiche

Prima di trattare la linfostasi degli arti inferiori, il paziente deve essere attentamente esaminato. Prima di tutto, il medico esegue un esame esterno, durante il quale puoi notare cambiamenti patologici nelle gambe. Ma per valutare lo stato del sistema linfatico, determinare la causa dello sviluppo dell'edema e identificare le malattie concomitanti, eseguire un esame completo.

linfografia

Esame a raggi X dei vasi linfatici, effettuato con l'uso di un colorante e agente di contrasto. Questo metodo aiuta a stabilire il numero di navi, la loro forma, il grado di permeabilità e pervietà.

Nella patologia primaria, la diagnosi mostra uno sviluppo insufficiente degli organi linfatici, con linfostasi secondaria degli arti inferiori - un cambiamento nella forma dei vasi, una violazione della loro pervietà.

linfoscintigrafia

Si riferisce alla diagnostica del radioisotopo, poiché durante l'esame viene introdotta una sostanza isotopica. Questo metodo consente di valutare lo stato del sistema linfatico, la natura del deflusso della linfa dalle estremità inferiori, per determinare il livello di pervietà vascolare.

Doppler

Questa è un'ecografia di routine, ma utilizza solo Doppler. Con il suo aiuto, viene rilevato l'edema, lo stato del sistema linfatico, il movimento della linfa viene controllato.

Metodi aggiuntivi

Oltre alle misure diagnostiche di cui sopra, si raccomanda ai pazienti di sottoporsi a:

  1. Ultrasuoni degli organi pelvici per rilevare infiammazione, neoplasie che provocano una violazione del deflusso del liquido linfatico.
  2. Esame del sangue per i parametri clinici e biochimici per valutare lo stato del corpo, identificare i processi infiammatori.
  3. Test delle urine generale per controllare la funzionalità renale.
  4. Elettrocardiogramma e diagnostica ecografica del cuore per valutare la sua attività.

Sulla base dei risultati dell'esame, il medico curante effettua la diagnosi finale e seleziona la terapia appropriata.

Metodi di trattamento

Il trattamento della linfostasi a casa viene effettuato utilizzando un gran numero di metodi diversi..

È severamente vietato prescrivere tattiche di trattamento da soli al fine di evitare complicazioni.

Gli obiettivi e le difficoltà della terapia

La lotta contro l'edema linfatico ha due compiti principali: il primo è quello di normalizzare il deflusso linfatico, il secondo è quello di ripristinare la funzionalità delle gambe.

La terapia linfostatica è estremamente complessa. Più tardi viene rilevata la malattia, più è difficile liberarsene. Se non si inizia il trattamento in modo tempestivo, quindi anche quando si utilizzano tutti i tipi di metodi medici, le complicazioni non sono sempre evitate..

Assunzione di farmaci

I medici prescrivono un gran numero di farmaci per il trattamento della linfostasi degli arti inferiori. Questi includono:

  1. Phlebotropes. Aiuta a normalizzare la circolazione sanguigna, migliorare il flusso linfatico, aumentare il tono venoso.
  2. Benzopironi. In grado di ridurre il gonfiore, fluidificare il sangue.
  3. Angioprotectors. Permette di ripristinare il tono dei vasi linfatici e dei vasi sanguigni, ridurre il grado di permeabilità delle pareti vascolari, prevenire l'insorgenza di gonfiori.
  4. diuretici Le compresse sono progettate per rimuovere il liquido in eccesso dal corpo.
  5. Agenti antipiastrinici. La loro azione è mirata a fluidificare il sangue.
  6. Agenti antibatterici e antinfiammatori. Prescritto per la rilevazione di ulcere trofiche, erisipela, eczema.

Inoltre, i medici raccomandano di assumere complessi vitaminici. Le vitamine E, C, P, PP aiutano a rafforzare le pareti dei vasi sanguigni, riducono la loro permeabilità, migliorano il movimento linfatico.

Intervento operativo

L'operazione è prescritta se il trattamento farmacologico non aiuta, si osservano complicanze della patologia, c'è un rapido aumento del gonfiore delle gambe.

La medicina offre diversi metodi di chirurgia per la linfostasi. Ma il più delle volte, i medici preferiscono un'operazione in cui vengono applicate le anastomosi linfo-venose. Prima di effettuare la colorazione dei vasi sanguigni, perché questo è l'unico modo per vederli.

Successivamente, i vasi linfatici vengono asportati, le loro estremità centrali vengono coagulate e le estremità periferiche vengono anastomizzate con vene. Grazie a questa tecnica, è possibile ottenere l'eliminazione del gonfiore, la stabilizzazione del movimento del liquido linfatico.

Cibo sano

La dieta con linfostasi degli arti inferiori è uno dei principali metodi di lotta contro la patologia. Ciò è dovuto al fatto che la maggior parte dei pazienti è in sovrappeso. La regola principale quando si redige un menu medico è limitare il consumo di sale e acqua. È anche importante non lasciarsi trasportare dai prodotti farinacei, dai dolci, dagli alimenti ricchi di proteine..

I medici consigliano ai pazienti di includere nella dieta più latticini, carne, pesce, legumi, cereali, grassi vegetali, frutta e verdura.

Trattamento di compressione

Questo tipo di terapia consiste nello spremere i tessuti degli arti inferiori. Questo viene fatto con l'aiuto di una speciale fasciatura elastica, che viene applicata alla gamba dolorante al mattino, quando la persona non si è ancora alzata dal letto. Il bendaggio viene eseguito dalle dita alle cosce. Togliere la benda prima di dormire.

Fisioterapia

Nella lotta contro la linfostasi, devono essere prescritte procedure fisioterapiche che migliorano l'effetto dell'assunzione di farmaci, normalizzano il movimento della linfa, eliminano l'edema.

Vengono utilizzati metodi di fisioterapia come elettrostimolazione della contrazione dei vasi linfatici, terapia laser, magnetoterapia, terapia con amplipulse..

Massaggio

Le procedure di massaggio per la linfostasi nell'area delle gambe aiutano a ripristinare il flusso linfatico, prevenire il ristagno di liquido biologico nei vasi e normalizzare la circolazione sanguigna. Inoltre, il massaggio ha un effetto rilassante, che è importante per alleviare la fatica alla fine della giornata..

Il massaggio di drenaggio linfatico per linfostasi degli arti inferiori viene effettuato da uno specialista o dal paziente stesso.

Controindicazioni al massaggio:

  1. Ulcere trofiche.
  2. Trombosi.
  3. Oncologia.
  4. Patologie gravi di organi interni.

Per i primi 5 minuti, è necessario accarezzare con il palmo nella direzione del movimento della linfa, cioè a partire dai piedi. Dopodiché, strofinando, premendo. Alla fine del massaggio, viene eseguito il picchiettamento. Devi massaggiare le gambe per 15 minuti.

hirudotherapy

Il trattamento con sanguisughe di linfostasi degli arti inferiori è un metodo efficace di terapia che aiuta ad alleviare rapidamente il gonfiore. Ma non tutti i pazienti sono autorizzati a utilizzare questo tipo di misure di miglioramento della salute. Controindicazioni alla procedura:

  • Bassa pressione sanguigna.
  • Portare un bambino.
  • Mestruazioni nelle donne.
  • Anomalie dei vasi sanguigni e del sangue.
  • Assumere determinati farmaci.
  • Basso livello di emoglobina nel sangue.

Quando si trattano le sanguisughe, viene rilasciata una sostanza che contiene componenti che hanno un effetto curativo.

La fisioterapia è anche un metodo efficace per trattare la linfostasi delle gambe. Con il suo aiuto, è possibile normalizzare il movimento del liquido linfatico, rafforzare gli arti inferiori e migliorare la circolazione sanguigna in essi..

Per il trattamento della patologia, vengono eseguiti i seguenti esercizi:

  1. Prendi una posizione supina, metti le mani dietro la testa. Alza le gambe, piega l'articolazione del ginocchio ed esegui movimenti circolari, imitando il ciclismo.
  2. Sedersi sul pavimento, raddrizzare gli arti inferiori e fare movimenti di flessione con le dita.
  3. Siediti su una sedia, raddrizza la gamba e ruota il piede.
  4. Stai dritto, solleva un arto e fai movimenti rotazionali con esso.

Fare ginnastica è necessario due volte al giorno. Durata della terapia fisica - 15 minuti.

Metodi popolari

Un buon modo ausiliario nel trattamento conservativo dell'edema linfatico è l'uso di ricette di medicina alternativa che migliorano le condizioni del paziente prima di andare dal medico.

La scelta di un rimedio specifico deve essere effettuata insieme al medico curante.

Impacco all'argilla e pediluvio

Nel trattamento della linfostasi con rimedi popolari, l'argilla bianca è ampiamente utilizzata. Per preparare la massa medicinale, il prodotto viene versato con acqua in rapporto 1: 2. Successivamente, il fluido in eccesso viene rimosso.

Successivamente, la gamba interessata viene trattata con olio vegetale e la pappa risultante viene spalmata su di essa, distribuendola uniformemente. Quindi l'arto viene bendato, l'impacco viene lasciato per 4-5 ore. È importante bagnare regolarmente la medicazione per evitare che l'argilla si secchi. Durante l'avvolgimento, l'arto deve essere mantenuto in uno stato elevato.

Inoltre, con la linfostasi, è necessario fare i pediluvi. Per fare questo, si consiglia di preparare la seguente infusione: versare 6 cucchiai di piantaggine con 2 litri di acqua, cuocere per 5 minuti, quindi filtrare e usare come indicato. Ci vogliono 10 minuti per tenere i piedi nel brodo.

Decotti, infusi, unguenti

Al fine di sbarazzarsi della linfostasi, i rimedi popolari vengono utilizzati anche per l'assunzione interna. Una medicina efficace è un'infusione di aglio e miele: 250 g di aglio tritato devono essere mescolati con 350 g di miele, infusi per 7 giorni. Prendi un cucchiaio tre volte al giorno un'ora prima dei pasti. Corso - un mese.

Il seguente decotto medicinale è ampiamente usato: prepara una miscela di fiori di immortella e foglie di dente di leone in un rapporto di 2: 1, versa 500 ml di acqua bollente, lascia fermentare per 6 ore. Prendi 4 volte al giorno, 100 ml a stomaco vuoto per un mese.

Un unguento a base di cipolle cotte e catrame di betulla aiuta a far fronte al gonfiore dei piedi. Per prepararlo, devi fare una miscela di uguali quantità degli ingredienti specificati. Applicare il prodotto risultante sulle aree interessate.

Complicanze e prognosi

Se il trattamento della linforrea non viene avviato tempestivamente, il paziente dovrà affrontare le seguenti conseguenze:

  • Formazione di contrattura articolare.
  • Sviluppo di artrosi deformante.
  • Formazione di ulcere trofiche.
  • Penetrazione dell'infezione.
  • Erisipela, che può portare a sepsi e morte.

La prognosi per il trattamento tempestivo dell'edema linfatico è favorevole. Se il paziente rifiuta il trattamento, le complicanze saranno molto gravi..

Prevenzione della malattia

Per prevenire lo sviluppo della linfostasi delle gambe, si raccomanda di rispettare le seguenti regole:

  1. Indossa calzature comode e non schiaccianti.
  2. Fai sport, non sovraccaricare il corpo.
  3. Mantenere l'igiene degli arti.
  4. Rifiutare da cattive abitudini.
  5. Mangia correttamente.
  6. Trattare tempestivamente patologie che possono provocare lo sviluppo di edema.

La linfostasi è una malattia delle gambe che può causare effetti irreversibili agli arti inferiori. Pertanto, con frequenti manifestazioni di edema in questa parte del corpo, è necessario visitare un medico il più presto possibile e, se necessario, iniziare il trattamento..

Linfostasi degli arti inferiori

Come trattare la linfostasi degli arti inferiori?
La linfostasi degli arti inferiori (linfadema delle gambe, edema linfatico delle gambe) è una malattia del sistema linfatico, caratterizzata da alterata circolazione linfatica e ritenzione linfatica patologica nei tessuti.

Secondo le statistiche dell'OMS, la linfostasi è attualmente diagnosticata nel 10% della popolazione mondiale. La progressione di questa patologia nello sviluppo dell'elefantiasi genera sofferenza fisica e psicologica per il paziente e quasi sempre porta alla disabilità. Ecco perché la prevenzione e il trattamento della linfostasi sta attualmente ricevendo una maggiore attenzione da parte di flebologi e linfologi di tutto il mondo..

Cos'è?

La linfostasi è una lesione dell'intero sistema linfatico e una violazione del deflusso linfatico. Smette semplicemente di circolare e si accumula nei tessuti. Ecco perché le gambe si gonfiano molto e la pelle diventa molto densa nel tempo. Il problema non scompare da solo e si sviluppa in una forma più grave, quando una persona può già difficilmente camminare a causa di un forte ispessimento delle gambe.

La gente chiama questo fenomeno elefantiasi a causa della somiglianza esterna con gli arti di questo animale. Una simile stagnazione della linfa può svilupparsi su una o due gambe, oltre a toccare le mani. Da un punto di vista estetico, uno spettacolo del genere è molto spiacevole ed è abbastanza difficile nasconderlo. Su Internet puoi vedere le foto che mostrano esempi di questa malattia..

Cause di linfostasi

Lo sviluppo della linfostasi può essere dovuto a una serie di fattori, con l'esclusione della quale è possibile prevenire lo sviluppo del processo patologico o portare a regressione persistente.

Tra i principali ci sono:

  • costrizione amniotica dei vasi sanguigni;
  • patologia cardiaca;
  • patologie congenite del sistema linfatico;
  • piccoli parametri diametrici del lume vascolare;
  • tumori di varie origini;
  • malattie infiammatorie della pelle delle gambe;
  • ipoalbuminemia (carenza di proteine);
  • insufficienza venosa cronica o acuta;
  • fratture o lussazioni;
  • insufficienza renale (stadio della terapia sostitutiva);
  • rimozione delle articolazioni nodali del sistema linfatico;
  • varie infestazioni parassitarie;
  • Chirurgia toracica (ad es. Mastectomia)
  • immobilizzazione prolungata.

Le cause dello sviluppo della malattia potrebbero non avere una connessione diretta con il sistema linfatico, ma indirettamente avere un effetto patologico attraverso organi o sistemi adiacenti.

Sintomi di linfostasi, foto

Ognuno degli stadi della linfostasi degli arti inferiori ha i suoi sintomi (vedi foto).

Esistono tre livelli di sviluppo della patologia:

  1. Edema lieve (linfedema) Il gonfiore è regolare, scompare al mattino, dopo il riposo, aumenta dall'attività fisica. I tessuti connettivi non crescono, la pelle è pallida, facilmente palpabile, forma una piega alla palpazione. Quando fa freddo, può scomparire completamente. Non ci sono cambiamenti irreversibili in questa fase.
  2. Edema irreversibile (fibridema) Il gonfiore non scompare, appare il dolore, la pelle è densa, la palpazione lascia una traccia di pressione, le gambe si stancano facilmente. Le convulsioni si verificano nel sito delle lesioni, la pelle non si piega, gradualmente la pelle si scurisce.
  3. Elefantiasi. Il tessuto connettivo sotto la pelle cresce fortemente, la pelle è bluastra, ruvida, tesa. Il gonfiore è molto doloroso, la gamba ricorda l'arto di un elefante, si ispessisce sempre di più. Compaiono ulcere, processi necrotici, infiammazione. L'arto è gradualmente sempre più deformato, le articolazioni non si piegano.

La linfostasi delle gambe può svilupparsi primaria o secondaria. Il linfadema primario è caratterizzato da un malfunzionamento del sistema linfatico causato da malformazioni congenite del tratto linfatico e colpisce uno o entrambi gli arti. Le manifestazioni primarie di linfostasi compaiono già nell'infanzia e progrediscono ulteriormente..

La linfostasi secondaria si sviluppa a causa di un trauma alle gambe o dello sviluppo di malattie acquisite del sistema linfatico inizialmente correttamente formato.

Diagnostica

Quando si determinano le tattiche terapeutiche, è consigliabile condurre un esame esteso del paziente, che include:

  1. Il metodo più affidabile per diagnosticare i disturbi del trasporto linfatico negli arti inferiori è la RM (risonanza magnetica);
  2. Ultrasuoni (esame ecografico) degli organi pelvici e dell'intera cavità addominale;
  3. Scansione duplex dei vasi delle braccia e delle gambe;
  4. Ultrasuoni del cuore, ECG;
  5. LHC (analisi del sangue biochimica) con la determinazione obbligatoria di proteine ​​ed enzimi epatici (ALT, AST);
  6. Esame radiografico (linfografia);
  7. Diagnostica radioisotopica (linfoscintigrafia);
  8. OMK (analisi generale delle urine).

Molto probabilmente, tutte queste misure diagnostiche indicheranno non solo lo sviluppo dell'edema linfatico, ma troveranno anche la causa di questi disturbi.

Trattamento della linfostasi degli arti inferiori

Tutti i metodi di trattamento conservativi vengono utilizzati solo nella prima fase della malattia, quando i cambiamenti strutturali nel tessuto connettivo e nella pelle non sono ancora iniziati. Il modo in cui verrà trattata la linfostasi dipende direttamente dalla causa di essa. Prima di tutto, è necessario eliminare il fattore eziologico (ad esempio, in presenza di un tumore della piccola pelvi che comprime i vasi linfatici, è necessaria la sua rimozione).

Raccomandazioni di base per i pazienti con questa patologia:

  • tagliare le unghie in modo accurato e tempestivo;
  • quando si esegue un massaggio, non ricorrere alle tecniche di impasto;
  • non indossare scarpe con allacciatura o tallone (il tallone aumenta il carico sulle gambe e quindi peggiora il flusso linfatico e l'allacciatura può stringere eccessivamente i vasi molli e i tessuti, il che influenzerà anche lo sviluppo di questa malattia);
  • è severamente vietato visitare la sauna, lo stabilimento balneare o prendere il sole (l'effetto del calore dilata i vasi sanguigni, compresi i vasi linfatici, che influenzano negativamente la linfa, il flusso sanguigno nelle estremità inferiori);
  • trattare le più lievi lesioni cutanee (comprese le punture di insetti) con soluzioni antisettiche;
  • evitare carichi statistici e sollevare pesi (seduta o posizione prolungata);
  • non puoi sedere in una posizione a gambe incrociate, che, tra l'altro, è la posizione preferita di ogni donna, perché in questo modo impedisci il flusso sanguigno e il flusso linfatico negli organi pelvici e nelle gambe;
  • rinunciare a vestiti attillati e biancheria intima attillata (prima di tutto, stringono i linfonodi e l'attrito della pelle porta a disturbi trofici);
  • utilizzare oli speciali quando si fa il bagno e, dopo le procedure dell'acqua, assicurarsi di pulire la pelle delle gambe con lozioni e creme senza conservanti e profumi, che non solo proteggeranno, ma anche ammorbidendolo, avendo un effetto positivo sulla barriera protettiva;
  • è vietato camminare a piedi nudi fuori casa (c'è un'alta probabilità che la pelle dei piedi venga danneggiata e si formino ulcere che non guariranno bene);
  • usare polvere (polvere per bambini, talco) con forte sudorazione delle gambe, che riduce il rischio di sviluppare disturbi trofici e sudorazione).

Il trattamento domiciliare del linfedema dovrebbe essere completo, compresi farmaci e terapia compressiva, massaggi speciali, cura dei piedi attenta, dieta, sport ed esercizi terapeutici.

  1. La dieta per la linfostasi dovrebbe essere ipocalorica e praticamente priva di sale, poiché il sale, che trattiene i liquidi nel corpo, contribuisce solo alla progressione dell'edema. Il cibo dei pazienti con linfostasi dovrebbe essere ricco di proteine ​​vegetali e animali, acidi grassi polinsaturi. Dovresti limitare l'uso di dolci, prodotti da forno e pasta, alcuni tipi di cereali. Ma l'uso di frutta fresca, verdura e prodotti lattiero-caseari è il benvenuto..
  2. Il trattamento farmacologico consiste nel prendere pillole. L'assunzione di compresse di troxevasin, Detralex e Venoruton Forte aiuterà a normalizzare la circolazione linfatica. Per migliorare la circolazione periferica, sono prescritti no-shpa e teonikol. Trental aiuterà a ripristinare la microcircolazione del sangue.
  3. Con la linfostasi, sono necessarie sedute di massaggio per il drenaggio linfatico, combinando un massaggio profondo dei linfonodi con un carezza ritmica e delicata della pelle esterna. Dopo il massaggio, che dura circa un'ora, si consiglia di applicare una benda terapeutica.
  4. La terapia compressiva si riduce all'indossare speciali mutande compressive a pressione distribuita o al bendaggio regolare degli arti colpiti. Per le medicazioni, puoi utilizzare una benda elastica o prodotti speciali di maglieria medica. Promuovendo il flusso linfatico, queste misure aiutano a ridurre significativamente il gonfiore.
  5. I pazienti con linfostasi sono molto utili per sessioni di fisioterapia, nuoto e nordic walking.

Preparati per linfostasi

Vale la pena notare che il trattamento farmacologico della linfostasi delle gambe contiene una vasta gamma di farmaci che normalizzano il flusso linfatico e sanguigno, riducono la permeabilità delle pareti vascolari e aiutano anche ad aumentarne l'elasticità:

  • diuretici - prescritti con cautela sotto la supervisione di un medico;
  • agenti antipiastrinici (fluidificano il sangue) - trental, courantil;
  • preparati enzimatici (wobenzym, flogenzym) - stimolano il sistema immunitario, combattono l'edema, hanno effetti antinfiammatori e fibrinolitici;
  • agenti flebotropici (detralex, troxevasin e troxerutin gel) - migliorano la microcircolazione dei tessuti, aumentano il tono venoso, ripristinano il flusso linfatico;
  • rimedio omeopatico - lymphomyazot, che stimola il metabolismo, migliora il drenaggio linfatico e migliora l'eliminazione delle tossine dal corpo;
  • benzopironi (cumarina): riducono l'edema ad alto contenuto proteico, fluidificano il sangue, attivano la proteolisi attivando i macrofagi; viene anche prescritto il dobesilato di calcio, che è simile in azione ai benzopironi;
  • angioprotettori (farmaci dall'estratto di ippocastano) - normalizzano il tono dei vasi linfatici e delle vene, riducono la permeabilità della parete vascolare, che riduce l'intensità dell'edema (escuzan, venitan, aescin);
  • solcoseryl: riduce l'edema tissutale, ha un effetto rigenerativo, aumenta il tono della parete vascolare (stimola la formazione di collagene nelle pareti dei vasi sanguigni);
  • antistaminici - raccomandati per le ricadute dell'erisipela e sopprimono l'effetto inibitorio dell'istamina sull'attività contrattile dei vasi linfatici (vedi tutti gli antistaminici);
  • immunomodulatori (acido succinico, tintura di eleuterococco, licopide) - stimolano l'immunità, rafforzano la parete vascolare;
  • antibiotici e farmaci antinfiammatori per disturbi della pelle trofica (ulcere, eczema, erisipela);
  • vitamine (acido ascorbico, vitamina E, PP, P) - rafforzano la parete vascolare, riducono la permeabilità vascolare, hanno un effetto antiossidante.

Biancheria intima a compressione

Maglia medica - salvezza per pazienti con patologie della circolazione sanguigna e del sistema linfatico.

I prodotti presentano numerosi vantaggi:

  1. Funzionalità. Il linfedema è efficacemente trattato con maglia medica. Calze, calze e maniche non solo schiacciano delicatamente le aree interessate e allargate dei vasi linfatici o dei vasi sanguigni, ma forniscono anche supporto per l'arto.
  2. Convenienza. È improbabile che tutti abbiano le capacità di bendare con un bendaggio elastico o le basi del massaggio linfatico drenaggio. E la calzetteria a compressione (calze, maniche, gambaletti) può essere indossata da tutti.
  3. Bellezza. Il trattamento per il linfedema, l'edema può essere alla moda ed elegante. La maglia è realizzata in diversi colori, design elegante. Può essere indossato al posto della solita biancheria intima sotto i normali vestiti.

È necessario scegliere la maglia medica solo per misurazioni individuali. Vengono rimossi da un chirurgo, un consulente medico. Per un effetto positivo su ristagno, gonfiore, uso prolungato, lavare quotidianamente le calze o le maniche.

Kinesotherapy

Il metodo prevede una combinazione di massaggio drenaggio linfatico e terapia fisica. Secondo le regole, viene eseguito un massaggio che migliora il flusso linfatico usando una tecnica speciale per 15 minuti, quindi seguono 15 minuti di carica. Il corso del trattamento è di 14 procedure.

Massaggio

Con la linfostasi, questa è la base del trattamento. L'impatto hardware e manuale su strati profondi e grandi vasi sanguigni sono ugualmente efficaci. Non sarà possibile massaggiare un braccio o una gamba da soli in caso di edema. Lo studio della stagnazione inizia dall'inguine o dall'area dell'ascella, che è fisicamente difficile per il paziente stesso. Se hai la tendenza ad accumulare linfa e liquido interstiziale, edema, fai un corso di massaggio con uno specialista.

Dopo la prima sessione, dopo 1 ora, sostituirai che l'arto interessato è diminuito di dimensioni, piacevoli "pelle d'oca" e sensazioni di formicolio possono attraversare il corpo. Questo è un segnale che il ristagno di liquido e linfa, l'edema si attenua. Durante la sessione, il massaggiatore copre un braccio o una gamba con un anello di dita, si riscalda lentamente e lavora attraverso gli strati profondi dei tessuti. La linfostasi degli arti inferiori o delle braccia può essere risolta con una spazzola o un rullo per massaggi. E rafforzare le navi e rimuovere la congestione, il gonfiore. Le aree con grandi nodi varicosi, ulcere trofiche e altre violazioni dell'integrità della pelle vengono escluse. Se il disagio appare durante la sessione, la lezione viene interrotta.

Informazioni sui benefici della terapia fisica

Oltre al massaggio per la linfostasi degli arti inferiori, l'esercizio fisico è molto importante. Sono inclusi nel trattamento di questo disturbo. Certo, è necessario sviluppare un complesso speciale che deve essere fatto 2 volte al giorno. Le lezioni dovrebbero essere impartite solo un quarto d'ora. In questo caso, una fascia di compressione deve essere presente sulla gamba dolorante..

Quali esercizi possono essere inclusi nel complesso?

  • Bicicletta con una gamba dolorante;
  • Flessione ed estensione delle dita;
  • Rotazione dei piedi in diverse direzioni alternativamente;
  • "Disegnando" con i piedi della figura di otto.

Gli esercizi sono molto semplici, ma una regola importante è di farli tutti i giorni..

Trattamento con rimedi popolari

A casa, vari rimedi popolari sono usati per trattare la linfostasi (come medicina ausiliaria e solo nelle fasi iniziali). Senza essere in grado di descriverli tutti, ecco alcuni esempi:

  1. Aceto di mele. Rafforza le pareti dei vasi sanguigni, elimina l'edema e i cambiamenti trofici. Per macinare, diluire l'aceto con acqua in rapporto 1: 2. Strofina con movimenti di massaggio dai piedi alle cosce. Quindi, dopo una breve esposizione, lavare la soluzione rimanente e applicare una crema con un effetto di rafforzamento vascolare sulla pelle.
  2. Le compresse aiutano molto. Ad esempio, cipolle al forno mescolate con catrame farmaceutico. Cuocere la cipolla, macinare fino a che liscio e aggiungere 2-3 cucchiai di catrame. La miscela finita viene stesa su un panno di tela pulito. Il tessuto è distribuito uniformemente sul sito di edema locale, fissato con una benda e lasciato fino al mattino.
  3. Radice di tarassaco - il prodotto migliora il linfodrenaggio e tonifica la parete vascolare. Usa l'infuso di foglie di tarassaco, prendendo 0,5 tazze a stomaco vuoto tre volte al giorno. Per preparare l'infusione, avrai bisogno di 2 cucchiai. cucchiai di foglie di tarassaco secche, devono essere versate in 0,5 litri la sera. acqua bollita. Pronto a bere l'infuso per tutto il giorno successivo e la sera preparare una porzione fresca. Le radici di tarassaco possono anche essere usate, ma dovrebbero essere bollite a bagnomaria per 5-8 minuti. nello stesso volume d'acqua. Bere il brodo pronto in un bicchiere al mattino prima dei pasti.
  4. I decotti dalle tasse medicinali possono essere utilizzati sotto forma di applicazioni notturne. Prendi l'erba di San Giovanni, il piantaggine e la achillea come erbe. Aggiungere 25 ml di alcool medico, una compressa di aspirina e una compressa ampiax alla soluzione preparata. Metto a bagno la garza con la composizione e la applico sulla zona interessata della pelle, applico un panno inumidito con una soluzione salina fresca sulla parte superiore e lo fisso saldamente con una benda, lasciandolo durante la notte.
  5. Le erbe naturali, che hanno un effetto diuretico, hanno un effetto terapeutico, contribuendo ad eliminare rapidamente il gonfiore delle gambe. Mescola la raccolta di foglie di ortica, gemme di betulla e rosa canina in proporzioni uguali e fai sobbollire a bagnomaria per 10-15 minuti. Dopo aver filtrato l'infusione, consumare mezzo bicchiere tre volte al giorno 30 minuti prima dei pasti.
  6. La medicina tradizionale non ha risparmiato l'uso attivo delle sanguisughe. Con edema inespresso, puoi usare 2-3 sanguisughe per sessione. In casi più avanzati, il numero di sanguisughe può essere aumentato a 7-8 pezzi. Puoi fare due corsi di trattamento durante la settimana. L'irudina contenuta nelle sanguisughe non solo assottiglia perfettamente il sangue, ma rafforza anche la parete vascolare, riducendo il versamento di liquidi nel tessuto e, di conseguenza, riduce significativamente il gonfiore delle gambe.

Inoltre, non bisogna dimenticare altre raccomandazioni dei medici ai pazienti che stanno maturando o che hanno problemi simili. Dovranno escludere il bagno, la sauna, il solarium, i profumi e i conservanti nei cosmetici usati per i piedi, rinunciare a scarpe col tacco alto, vestiti stretti che sfregano la pelle, evitare di sollevare pesi, in piedi o seduti a lungo (soprattutto, con una gamba sopra l'altra).

operazione

Il problema del trattamento chirurgico è considerato in caso di grave patologia congenita del sistema linfatico, mancanza di effetto dalla terapia conservativa, progressione del linfedema, fibrosi dei tessuti molli, frequenti episodi di erisipela, ecc..

Tipi di chirurgia:

  1. Dermatofasciolipectomia con il metodo insulare - rimozione di aree cutanee alterate insieme a grasso sottocutaneo, fascia, fibrosi. La preparazione preoperatoria comprende diverse sessioni di liposuzione necessarie per liberarsi del tessuto sottocutaneo. L'intervento chirurgico consiste nell'escissione di alcune aree della pelle con tessuto sottostante affetto da fibrosi. La superficie della ferita risultante viene chiusa con lembi cutanei conservati o prelevata da un'area sana della pelle del paziente.
  2. Il tunneling è la creazione artificiale di canali speciali nelle aree interessate per il deflusso della linfa accumulata nei tessuti sani con ulteriore assorbimento nei vasi linfatici. I tunnel temporanei sono realizzati con drenaggi a spirale o protesi speciali, permanenti - da una sezione della vena safena o una spirale realizzata con un materiale inerte. È indicato per la forma avanzata di linfedema, che esclude la possibilità di trattamento con uno dei metodi sopra indicati.
  3. Operazione con la creazione di anastomosi linfoveose. È indicato per la linfostasi secondaria, in particolare dopo l'esposizione alle radiazioni ai linfonodi o dopo la loro rimozione durante la mastectomia. Per il trattamento della linfostasi primaria è inefficace. L'intervento consiste nell'isolare i vasi del letto linfatico e collegarli con una vena vicina usando le microanastomosi più fini.
  4. Liposuzione - rimozione chirurgica dell'aspirazione del tessuto sottocutaneo, soggetta a cambiamenti fibrotici. Eseguito in presenza di fibrosi moderata e limitata.

Dopo qualsiasi tipo di intervento chirurgico, viene prescritto un trattamento farmacologico. Ogni paziente con linfostasi, indipendentemente dallo stadio del processo, viene monitorato da un angiosurgeon. I corsi di terapia di supporto nella maggior parte dei casi vengono svolti durante la vita del paziente.

Prevenzione

Per prevenire la linfostasi degli arti inferiori, si raccomanda di seguire le seguenti regole:

  • indossare biancheria intima a compressione;
  • visitare la piscina regolarmente;
  • rinunciare a scarpe scomode;
  • bere almeno due litri di acqua pulita al giorno;
  • prendere mezz'ora a piedi, in bicicletta ogni giorno;
  • prendersi cura della pelle delle gambe: tagliare le unghie, rimuovere la pelle morta, trattare le ferite, trattare le punture di insetti con antisettici o acido borico - tutto deve essere fatto in modo tempestivo.

Il ristagno nei tessuti, il deflusso alterato del liquido linfatico provocherà la comparsa di altre gravi malattie e limiterà i movimenti. Come prevenire lo sviluppo della patologia? Se la linfostasi degli arti inferiori è già stata diagnosticata, il trattamento a casa aiuterà a far fronte rapidamente. Il sistema di influenza sui fattori di rischio non deve essere trascurato nei pazienti con predisposizione genetica o remissione.