Insufficienza venosa cronica (CVI): classificazione e trattamento

L'insufficienza venosa è un problema molto comune. Per tali statistiche deludenti, possiamo ringraziare lo stile di vita moderno. Lavoro sedentario, mancanza di attività fisica, dieta malsana - tutto ciò influisce negativamente sul lavoro del sistema vascolare.

Quindi cos'è questa malattia? Quali sono i suoi primi sintomi? Quanto può essere pericolosa l'insufficienza venosa? Ci sono trattamenti efficaci? Queste domande sono di interesse per molti pazienti..

Cos'è questa malattia??

L'insufficienza venosa è una malattia che alcuni medici chiamano scherzosamente retribuzione per camminare eretti. Non è un segreto che le vene siano vasi attraverso i quali il sangue si sposta verso il cuore, il che significa contro la forza di gravità. Il flusso di ritorno del sangue è impedito da speciali valvole venose. Ma con carichi statici prolungati (seduti, in piedi), la pressione sulle valvole e sulle pareti dei vasi è troppo grande.

Innanzitutto, le valvole vengono allungate, dopo di che si osserva spesso il cosiddetto reflusso venoso: un flusso inverso di sangue dall'alto verso il basso. Il volume aggiuntivo di fluido preme sulla parete del vaso, facendolo allungare e assottigliare. Nel tempo, il plasma inizia a fuoriuscire attraverso la sottile parete vascolare, che poi si accumula nei tessuti molli, formando edema. Pertanto, non solo la struttura dei vasi sanguigni è disturbata, ma anche l'alimentazione dei tessuti vicini..

Recenti studi statistici hanno dimostrato che nei paesi sviluppati almeno il 15-40% della popolazione soffre di insufficienza venosa. Inoltre, nella maggior parte dei casi, la malattia viene diagnosticata in soggetti di età compresa tra 20 e 50 anni..

Sfortunatamente, la maggior parte delle persone malate va dal medico in fasi molto tardive dello sviluppo della malattia. Questo è ciò che i flebologi considerano il problema principale. Dopotutto, prima viene assistito il paziente, più facile sarà eliminare i sintomi principali e prevenire lo sviluppo di complicanze..

Le ragioni principali per lo sviluppo dell'insufficienza venosa degli arti inferiori

In effetti, l'insufficienza venosa cronica degli arti inferiori può svilupparsi sotto l'influenza di vari fattori. Per cominciare, va notato che questa malattia appare spesso sullo sfondo delle vene varicose. Inoltre, l'insufficienza vascolare può essere causata da alcune anomalie congenite delle vene superficiali o profonde. Questo gruppo di malattie comprende ipoplasia, aplasia e presenza di fistole artero-venose..

Abbastanza spesso, il fallimento è il risultato della flambotrombosi di un paziente precedente. Molto meno spesso, la malattia si sviluppa dopo l'infortunio..

D'altra parte, ci sono alcuni fattori di rischio che aumentano la probabilità che una persona sviluppi la malattia. Ad esempio, alcune persone hanno una certa predisposizione genetica, che è associata a una mancanza di tessuto connettivo, a causa della quale c'è una carenza di collagene - le pareti dei vasi sanguigni in tali pazienti sono meno elastiche.

I fattori di rischio includono anche carichi statici a lungo termine, che si osservano nelle persone la cui professione richiede una permanenza permanente in posizione seduta o in piedi (commessi, cassieri, impiegati). Non dimenticare l'obesità, poiché i chili in più sono un peso aggiuntivo per il sistema cardiovascolare..

L'insufficienza venosa cronica nelle donne viene diagnosticata molto più spesso rispetto agli uomini. Ciò è dovuto alle costanti fluttuazioni del livello di estrogeni, che si osserva durante la gravidanza o l'assunzione di farmaci ormonali. Il rischio di sviluppare una carenza aumenta con l'età. Inoltre, il gruppo a rischio comprende persone che soffrono di costipazione cronica..

Classificazione e gravità della malattia

In effetti, nella medicina moderna ci sono diversi sistemi di classificazione per questa malattia. Ad esempio, a seconda dell'eziologia, l'insufficienza venosa cronica può essere congenita (associata ad alcune caratteristiche anatomiche del corpo), primaria (la causa della malattia non è esattamente nota) o secondaria (la malattia sviluppata a causa di traumi, trombosi o altre malattie venose).

Molto spesso i flebologi utilizzano il seguente sistema di classificazione, che tiene conto della presenza e dell'intensità dei sintomi:

  • Grado 0: la persona non ha sintomi della malattia. Questa categoria di persone non è stata individuata per caso, poiché l'assenza di segni non indica sempre una salute completa. Alcuni pazienti a cui è stata diagnosticata una carenza non presentano alcun disagio e non ci sono nemmeno sintomi esterni..
  • Al primo grado si osservano dolori ricorrenti alle gambe, crampi notturni e sensazione di pesantezza, che aumenta con carichi statici prolungati. Il gonfiore appare solo di volta in volta.
  • Il secondo grado di gravità è caratterizzato da edema persistente. Iperpigmentazione ed eczema umido o secco possono essere sostituiti sulla pelle.
  • Nel terzo grado, compaiono ulcere trofiche sulla pelle, che periodicamente si aprono e guariscono.

I principali segni della malattia

Sicuramente nella vita di quasi ogni persona esiste almeno un fattore di rischio, sotto l'influenza del quale può svilupparsi l'insufficienza venosa. È estremamente importante conoscere i sintomi di questa malattia, perché prima una persona presta attenzione a un deterioramento del benessere, prima consulterà un medico e riceverà un trattamento di qualità..

I primi segni di insufficienza venosa degli arti inferiori sono dolore e gonfiore. Di norma, la pesantezza e il dolore alle gambe compaiono nel tardo pomeriggio. Il disagio aumenta con una posizione eretta prolungata. Il gonfiore appare anche la sera e il gonfiore è visibile solo sulle caviglie e non si estende alle dita dei piedi. Al mattino, una persona di solito si sente bene, che è la ragione più comune per rifiutare una visita medica..

Se non trattata, l'insufficienza venosa linfatica si sposta a un nuovo livello - ora i sintomi diventano più evidenti. Una persona malata soffre di continue esplosioni e bruciore alle gambe. Il gonfiore diventa persistente e può essere visto in qualsiasi momento della giornata. Molti malati lamentano crampi notturni che influiscono sulla qualità del sonno..

A causa dell'insufficiente circolazione sanguigna, il trofismo (nutrizione) dei tessuti è disturbato. Macchie iperpigmentate possono apparire sulla pelle che appaiono come piccole macchie marroni. La pelle sopra i vasi colpiti diventa più sottile e inizia a staccarsi - ecco come si sviluppa l'eczema.

Ecco come appare l'insufficienza venosa. I suoi sintomi peggiorano ogni mese. Il terzo stadio della malattia è caratterizzato dalla comparsa di ulcere trofiche. Queste lesioni cutanee si formano gradualmente. Innanzitutto, sulla superficie si forma una macchia scura. Nel tempo, al suo centro appare un piccolo sigillo, il cui aspetto ricorda un accumulo di cera. Quest'area della pelle è estremamente sensibile alle sollecitazioni meccaniche: qualsiasi colpo o lesione porta all'apertura di un'ulcera, che aumenterà di dimensioni nel tempo.

Questo è lontano dall'intero pericolo a cui è associata l'insufficienza venosa. La foto mostra l'aspetto di una futura ulcera trofica. Questa area aperta sulla pelle diventa un eccellente gateway per l'infezione. Spesso, il processo ulcerativo è complicato da varie infiammazioni batteriche e fungine..

Metodi diagnostici moderni

Naturalmente, quando compaiono i primi sintomi della malattia, devi andare dal medico. Solo uno specialista può valutare correttamente lo stato del corpo del paziente e diagnosticare "insufficienza venosa".

Di norma, il sospetto del medico per i problemi vascolari sorge anche durante l'esame iniziale. Tuttavia, il paziente deve sottoporsi ad alcuni test. I test standard sono esami biochimici di campioni di sangue e urine. Questi non sono test specifici, ma consentono di determinare la presenza di infiammazione e alcune malattie concomitanti. Un emocromo completo aiuta a scoprire il numero di eritrociti, piastrine e, di conseguenza, l'indicatore della viscosità del sangue.

La procedura più informativa è l'esame ecografico dei vasi degli arti inferiori. Durante l'esame, lo specialista può determinare la presenza di aree allargate di vene, noduli o coaguli.

In rari casi (se l'ecografia non ha dato un risultato accurato), al paziente vengono prescritte procedure più complesse. In particolare, la flebografia è considerata un metodo abbastanza accurato. Durante la ricerca, il paziente viene iniettato per via endovenosa con uno speciale agente di contrasto, quindi monitora i suoi progressi attraverso il sistema venoso.

Insufficienza venosa degli arti inferiori: trattamento conservativo

Quando viene identificata una tale malattia, sorge la questione della terapia. Come viene trattata l'insufficienza venosa? Per cominciare, vale la pena notare che questa malattia è di natura cronica, quindi la terapia in questo caso deve necessariamente essere completa e a lungo termine..

Il corso del trattamento è selezionato individualmente. Alcuni pazienti assumono il farmaco per due mesi, mentre altri richiedono una dose più lunga. Nella maggior parte dei casi, i medici prescrivono farmaci che possono rafforzare la parete venosa e normalizzare il flusso sanguigno. Inoltre, i farmaci vengono utilizzati per aiutare a migliorare la nutrizione dei tessuti - questo impedisce la comparsa di ulcere trofiche..

È necessaria un'attenzione speciale per i pazienti che hanno già avuto un processo ulcerativo. La pelle danneggiata deve essere regolarmente trattata con varie soluzioni o pomate antisettiche e cicatrizzanti. A volte i medici prescrivono farmaci antinfiammatori: nei casi più gravi sono necessari corticosteroidi. Se è probabile che si formino coaguli di sangue, somministrare eparina o altri fluidificanti del sangue.

Questo è il tipo di terapia richiesta dall'insufficienza venosa. Il trattamento include anche una varietà di terapie fisiche che accelerano il processo di guarigione. Le procedure più efficaci comprendono il trattamento con campi magnetici, correnti dinamiche. Inoltre, i pazienti con questa diagnosi spesso vanno all'elettroforesi. La terapia laser dà buoni risultati.

Per normalizzare la circolazione sanguigna, si raccomanda ai malati di indossare calze o collant a compressione speciali. Tali dispositivi aiutano a liberarsi dell'edema, ripristinare parzialmente la circolazione sanguigna e prevenire il ristagno di sangue nei tessuti molli..

E, naturalmente, la ginnastica correttiva è parte integrante della terapia di qualità. L'insufficienza venosa degli arti inferiori si sviluppa spesso sullo sfondo di uno stile di vita sedentario. Questo fattore di rischio può e deve essere eliminato. Naturalmente, quegli sport che comportano carichi pesanti sulle gambe (calcio, pallacanestro, sollevamento pesi) non sono adatti. Ma il nuoto o la ginnastica aiuteranno a migliorare la salute..

Trattamento chirurgico di CVI

La chirurgia è di solito prescritta se il trattamento conservativo è inefficace. Ci sono molte procedure chirurgiche disponibili oggi. E la scelta qui dipende sia dalla gravità della malattia, sia dallo stato del corpo del paziente, se ha controindicazioni, ecc..

Nella prima fase della malattia, la scleroterapia può essere efficace. Durante la procedura, viene iniettato un farmaco speciale nella nave interessata, che blocca il lume della nave e blocca il flusso sanguigno in questa parte della rete vascolare.

Sfortunatamente, questo metodo non può sempre curare una malattia chiamata insufficienza venosa cronica. Il trattamento del secondo e terzo grado della malattia è un'indicazione per un intervento chirurgico più massiccio. A seconda dello stato del sistema vascolare, viene eseguita la fasciatura o la rimozione della sezione allargata della nave. A volte durante la procedura è necessaria anche la plastica vascolare, ciò consente di normalizzare il flusso sanguigno. Naturalmente, dopo l'intervento segue un periodo di riabilitazione. Alcuni pazienti richiedono un corso aggiuntivo di assunzione di vari farmaci. E, naturalmente, è estremamente importante in futuro aderire a uno stile di vita sano ed evitare l'esposizione a fattori di rischio, poiché la malattia può tornare.

Possibili complicanze dell'insufficienza venosa

L'insufficienza venosa degli arti inferiori è una condizione estremamente pericolosa, che in nessun caso deve essere presa alla leggera. Per cominciare, vale la pena notare che l'accumulo di volumi significativi di sangue nei vasi delle gambe influisce negativamente sul lavoro di tutto l'organismo. Poiché il sistema nervoso non riceve abbastanza ossigeno e sostanze nutritive, i pazienti con questa diagnosi spesso lamentano vertigini, svenimenti e problemi di stress mentale costanti. L'insufficienza cardiovascolare è anche una complicazione frequente..

Questi non sono tutti i problemi a cui è associata l'insufficienza venosa. Il risultato della malattia può essere la flebite (infiammazione delle pareti venose) o la tromboflebite (infiammazione delle pareti con formazione di coaguli di sangue). A sua volta, il distacco di un coagulo di sangue e il suo ingresso nel flusso sanguigno possono portare a embolia polmonare - il blocco dei vasi polmonari in assenza di assistenza di emergenza, di regola, è fatale.

Trattamento con rimedi popolari

Oggi, molte persone di età diverse si trovano ad affrontare la diagnosi di "insufficienza venosa degli arti inferiori". Il trattamento è un processo lungo e scrupoloso. Naturalmente, il medico dovrebbe scegliere il trattamento per il paziente. Ma ci sono anche alcune ricette per la medicina tradizionale che possono aiutare ad accelerare il processo di recupero del corpo..

Ad esempio, gli uomini di medicina popolare raccomandano vivamente l'estratto di ippocastano, poiché l'estratto di questa pianta rafforza davvero le pareti venose. L'infusione di nocciole è considerata un altro rimedio efficace. Sia la corteccia che le foglie della pianta sono utilizzate come materie prime..

Kalanchoe è un'altra pianta utile che viene utilizzata per impacchi. Per cucinare, devi macinare 50 g di foglie di piante e versarvi dentro 500 ml di alcol. Il barattolo deve essere chiuso e conservato in un luogo buio per sette giorni. L'infusione è quindi pronta per l'uso. Ma puoi disinfettare la superficie delle ulcere trofiche con l'aiuto dell'estratto di sophora giapponese..

In ogni caso, si dovrebbe comprendere che il trattamento dell'insufficienza venosa con i rimedi popolari è possibile solo dopo una consultazione preliminare con un medico. Le ricette di cui sopra possono essere utilizzate solo come terapia adiuvante. In nessun caso dovresti trascurare gli ordini del tuo medico..

Esistono metodi di prevenzione efficaci?

Oggi a molte persone viene diagnosticata un'insufficienza venosa. Il trattamento è un processo lungo e difficile. Ecco perché è molto più facile provare a prevenirne lo sviluppo. Naturalmente, non esistono farmaci in grado di proteggere in modo permanente dall'insufficienza vascolare. Tuttavia, seguire alcune semplici regole aiuterà a minimizzare il rischio di sviluppare la malattia..

Poiché il principale fattore di rischio in questo caso è uno stile di vita sedentario, è con esso che devi iniziare. Non tutte le persone hanno l'opportunità di cambiare il loro stile di vita. Ma se devi trascorrere la maggior parte del tuo tempo di lavoro in posizione seduta, assicurati di fare delle pause di tanto in tanto per allungare le gambe. Anche l'attività fisica è un prerequisito: di tanto in tanto fai alcuni esercizi di ginnastica, iscriviti a corsi di fitness o nuoto, cammina più spesso all'aria aperta, corri al mattino, ecc..

Assicurati di prestare attenzione alle scarpe: devono essere comode. Se necessario, è sempre possibile acquistare solette ortopediche speciali. Durante il riposo o il sonno, cerca di mantenere le gambe in una posizione leggermente elevata (ad esempio, posiziona un cuscino sotto di esse). E, naturalmente, osserva il tuo peso corporeo, poiché i chili in più influenzano negativamente non solo il lavoro del sistema vascolare, ma anche lo stato di tutto l'organismo.

Se si assumono regolarmente contraccettivi ormonali, assicurarsi di sottoporsi periodicamente all'esame ecografico delle vene degli arti inferiori. E, naturalmente, ai primi segni di malattia, devi assolutamente consultare un medico. Nelle fasi iniziali, il problema è molto più semplice da risolvere..

Insufficienza di navi cerebrali: che cos'è?

Una patologia comune oggi è l'insufficienza venosa della circolazione cerebrale. Una malattia simile si sviluppa sotto l'influenza di molti fattori che possono portare all'interruzione del normale deflusso di sangue dalla cavità cranica..

Di norma, la malattia si sviluppa sullo sfondo di altre condizioni patologiche. Le principali cause di insufficienza cerebrovascolare includono trauma craniocerebrale, idropisia del cervello, insufficienza cardiovascolare e polmonare, nonché tumori cerebrali, pleurite. I sintomi della malattia compaiono spesso nelle persone che hanno avuto pleurite o pneumotorace. I fattori di rischio includono ipertensione, trombosi e tromboflebite e asma. A volte la malattia si sviluppa dopo l'asfissia.

L'insufficienza venosa del cervello è talvolta asintomatica. Tuttavia, nella maggior parte dei casi, i pazienti lamentano mal di testa persistente. Il dolore, di norma, aumenta con bruschi giri della testa, cambiamenti di temperatura o pressione atmosferica, nonché durante forti stress o intossicazione da alcol.

Oltre al mal di testa, ci sono altri sintomi. In particolare, i pazienti avvertono affaticamento persistente, letargia e debolezza muscolare. Di tanto in tanto compaiono vertigini, acufeni. I sintomi dell'insufficienza venosa comprendono disturbi del sonno, oscuramento degli occhi, disturbi mentali e convulsioni epilettiche..

In ogni caso, vale la pena capire che l'insufficiente circolazione sanguigna nel cervello è un problema estremamente serio. La mancanza di un trattamento tempestivo può portare a conseguenze pericolose. Pertanto, se hai sintomi, non esitare a visitare un medico. In questo caso, è necessaria una terapia complessa, che mira a ridurre l'edema, normalizzare il flusso sanguigno e migliorare il tono delle pareti vascolari..

Segni di insufficienza venosa acuta e cronica delle gambe - cause, gradi e terapia

La violazione della circolazione venosa, accompagnata da sintomi pronunciati, porta a una malattia chiamata insufficienza venosa degli arti inferiori: i sintomi, il trattamento e la prevenzione di essa sono volti a ripristinare il flusso sanguigno all'interno della vena. La malattia è associata a uno stile di vita sedentario e una predisposizione genetica, a determinate fasi è accompagnata da vene varicose.

Qual è l'insufficienza venosa degli arti inferiori

L'insufficienza venosa degli arti inferiori è al primo posto in termini di prevalenza tra patologie vascolari. Molto spesso le donne ne soffrono e in totale, secondo le statistiche, quasi un terzo della popolazione adulta è colpita. Quando, per una serie di ragioni, incluso a causa dell'aumento del carico, il lavoro delle valvole delle valvole venose che regolano la circolazione sanguigna viene interrotto, inizia un deflusso costante di sangue nelle estremità inferiori, contro il movimento verso l'alto, verso il cuore, appare il primo sintomo: una sensazione di pesantezza alle gambe.

Se la malattia si sviluppa, la pressione sulle pareti dei vasi aumenta costantemente, il che porta al loro assottigliamento. Possono formarsi intasamenti delle vene e, se non si avvia una terapia tempestiva, ulcere trofiche dei tessuti che circondano i vasi venosi. Compaiono i sintomi delle vene varicose: edema degli arti inferiori, convulsioni notturne, un chiaro schema venoso sulla superficie della pelle.

Sintomi

I sintomi dell'insufficienza venosa dipendono dalla forma in cui si verifica: acuta (CVI) o cronica (CVI), gravità, stadio della malattia. Il VNI degli arti inferiori si sviluppa rapidamente, accompagnato da forte dolore, edema, sporgenza del modello venoso sulla pelle. I principali sintomi di CVI degli arti inferiori sono:

  • una sistematica sensazione di pesantezza alle gambe;
  • crampi muscolari di notte e durante il riposo;
  • rigonfiamento;
  • ipo o iperpigmentazione della pelle, dermatite venosa;
  • ulcere trofiche, secchezza, arrossamento della pelle;
  • vertigini, svenimento.

Le ragioni

Il gruppo medico di cause, cioè malattie e condizioni a causa delle quali si sviluppa l'insufficienza venosa cronica degli arti inferiori, sono malattie in cui il funzionamento del sistema di pompaggio muscolo-venoso viene interrotto:

  • flebotrombosi;
  • tromboflebite;
  • patologie congenite del sistema vascolare;
  • trauma e gravi danni agli arti inferiori.

Esistono fattori secondari, cosiddetti non modificanti, che non sono la causa di AVI e CVI, ma appartengono al gruppo a rischio, possono contribuire allo sviluppo della malattia o al peggioramento delle condizioni del paziente. Questi includono:

  • predisposizione genetica alla malattia;
  • genere - le donne soffrono di CVI in media tre volte più spesso degli uomini, a causa del livello più alto dell'ormone estrogeno;
  • gravidanza, attività lavorativa: aumenta il carico sui vasi venosi, cambia lo sfondo ormonale nel corpo della donna;
  • età avanzata;
  • sovrappeso;
  • bassa attività fisica;
  • regolare lavoro fisico duro, sollevamento di carichi pesanti.

Forme

Ci sono insufficienza venosa acuta e cronica degli arti inferiori (c'è anche insufficienza venosa del cervello). L'AVI si forma come conseguenza dell'occlusione delle vene profonde degli arti inferiori, durante la trombosi o lesioni alle gambe. I vasi sottocutanei non sono interessati. Il sintomo principale dell'ARI è un forte dolore che si interrompe dopo l'applicazione di un impacco freddo, poiché il freddo riduce il volume del sangue nei vasi.

Il CVI, al contrario, colpisce le vene situate vicino alla superficie della pelle, quindi è accompagnato da cambiamenti degenerativi e di pigmentazione nelle aree della pelle - età, ulcere trofiche. Se il trattamento è ritardato, si verificano inevitabili anomalie vascolari come piodermite, coaguli di sangue, patologie del traffico articolare della caviglia..

Classificazione CVI

Esiste un sistema internazionale per la classificazione dell'insufficienza venosa CEAP. Secondo questo sistema, ci sono tre fasi di CVI:

  • CVI 1 grado - accompagnato da dolore, gonfiore, sindrome convulsiva, il paziente è preoccupato per la sensazione di pesantezza alle gambe;
  • CVI 2 gradi - accompagnato da eczema, dermatosclerosi, iperpigmentazione;
  • CVI grado 3 - ulcere trofiche sulla pelle degli arti inferiori.

Diagnostica

Per chiarire il quadro clinico della malattia, stabilire una diagnosi accurata e fornire assistenza, dopo un esame esterno, il medico ordina al paziente di eseguire i seguenti test:

  • Ultrasuoni degli arti inferiori;
  • analisi generale e biochimica del sangue;
  • flebografia.

Trattamento dell'insufficienza venosa degli arti inferiori

La violazione del deflusso venoso degli arti inferiori, chiamata insufficienza venosa, viene trattata con una terapia complessa, che comprende:

  • eliminazione dei fattori di rischio;
  • terapia farmacologica;
  • correzione dell'attività fisica del paziente con l'aiuto di esercizi terapeutici;
  • fisioterapia;
  • Intervento chirurgico;
  • metodo di compressione elastica.

farmaci

Il meccanismo del trattamento CVI con farmaci è sviluppato in base allo stadio di sviluppo della malattia. Al primo grado di CVI, viene utilizzata la scleroterapia: un'iniezione endovenosa di un farmaco che riduce significativamente il flusso sanguigno nella parte deformata del vaso. Durante il secondo grado, la terapia viene utilizzata con farmaci che aumentano il tono generale dei vasi venosi e migliorano la circolazione dei tessuti adiacenti. In questo caso, i risultati principali vengono raggiunti solo per 3-4 mesi di trattamento e la durata totale del corso è di 6-8 mesi.

Nella terza fase, il paziente necessita di un trattamento complesso dei principali sintomi e complicanze. Sono prescritti farmaci a spettro generale e unguenti topici. Nel corso della terapia complessa, è necessario prescrivere flebotonici, farmaci antinfiammatori non steroidei, anticoagulanti, agenti antipiastrinici e antistaminici. I farmaci per uso esterno sono selezionati dal gruppo di farmaci contenenti corticosteroidi.

È importante prescrivere le corrette procedure fisioterapiche e la selezione di un complesso di esercizi terapeutici. Nella maggior parte dei casi, sono assegnati;

  • elettroforesi;
  • balneoterapia;
  • corrente diadinamica.

Le ulcere trofiche che accompagnano il terzo stadio appartengono a un tipo molto pericoloso di malattie della pelle, irto di numerose complicazioni gravi e insorgenza di infezioni. Al paziente vengono prescritti riposo a letto, terapia antibiotica a lungo termine, regolare trattamento igienico locale con l'uso di antisettici. Per accelerare il processo, raccomandiamo prodotti contenenti antisettici vegetali naturali - propoli, olivello spinoso - e indossare una maglia medica.

Rimedi popolari

Nelle fasi iniziali dell'insufficienza venosa degli arti inferiori e come misura preventiva per migliorare la circolazione sanguigna e ridurre le sensazioni dolorose, ricorrono a rimedi popolari. Aiuto da disturbo:

  • infuso di ippocastano;
  • olio di camomilla;
  • tintura alcolica di rue profumata;
  • tintura di assenzio d'argento;
  • Impacchi di cardo - cardo di scrofa comune;
  • impacchi di siero di latte;
  • tintura di alcol di Kalanchoe.

Per la prevenzione dell'insufficienza venosa degli arti inferiori, è importante seguire il regime dietetico: rinunciare a cibi fritti e grassi. Si consiglia di mangiare prodotti alimentari con proprietà anticoagulanti:

Terapia di compressione

Il trattamento con compressione elastica comporta due punti principali: indossare biancheria intima a compressione (altamente raccomandato per le donne in gravidanza) e bendare le estremità inferiori con una fascia elastica. Con l'aiuto della terapia compressiva, si ottiene un significativo miglioramento delle condizioni di un paziente con insufficienza venosa degli arti inferiori in base ai seguenti segni:

  • riduzione del gonfiore;
  • ripristino del normale funzionamento della pompa muscolo-valvola;
  • miglioramento della microcircolazione dei tessuti e dell'emodinamica venosa.

Le bende perdono elasticità dopo diversi lavaggi, quindi dovrebbero essere sostituite in media ogni due o tre mesi e si alternano con calze o pantaloni compressivi. Il bendaggio compressivo degli arti inferiori viene effettuato secondo le seguenti regole:

  • prodotto prima del sollevamento;
  • le gambe sono fasciate dal basso verso l'alto, dalla caviglia a metà coscia;
  • il bendaggio dovrebbe essere stretto, ma non si dovrebbe sentire dolore e spremitura.

Intervento chirurgico

Quando un paziente visita in una fase avanzata dello sviluppo dell'insufficienza venosa degli arti inferiori, il medico può prescrivere il seguente tipo di intervento chirurgico:

  • scleroterapia;
  • irradiazione laser;
  • flebectomia;
  • abelation.

Prevenzione

Come profilassi dell'insufficienza venosa, la riduzione dei fattori di rischio viene praticata conducendo uno stile di vita attivo, regolando le abitudini alimentari, smettendo di fumare e alcool, scarpe scomode e vestiti attillati. Se esiste una predisposizione genetica in presenza di anamnesi, si raccomanda di sottoporsi a un esame ecografico profilattico delle vene per rilevare i sintomi patologici e il trattamento tempestivo dell'insufficienza venosa.

CVI - insufficienza venosa cronica degli arti inferiori

Le continue violazioni del deflusso venoso, i problemi con la circolazione sanguigna nelle gambe portano all'emergenza della sindrome CVI - insufficienza venosa cronica. Circa il 10-15% della popolazione adulta soffre di questa malattia. Questa sindrome è una compagna delle vene varicose.

CVI - cause di insufficienza venosa cronica

CVI è un complesso di sintomi in cui ci sono problemi con il lume delle vene. Di solito le navi hanno un lume normale. In caso di violazioni, la capacità delle vene è significativamente ridotta. Il sovraccarico del sistema venoso porta a un ritorno del sangue compromesso, che si manifesta con la comparsa di sintomi di insufficienza venosa cronica.

Il ritorno alterato del sangue venoso porta a sintomi di CVI

CVI è pericoloso? Wikipedia afferma che CVI si sta attivamente sviluppando e progredendo nelle donne di età compresa tra 30 e 50 anni, in particolare quelle con una predisposizione ereditaria. I sintomi CVI compaiono spesso durante la gravidanza, quando il peso corporeo aumenta in modo significativo.

Tra i fattori che portano alla CVI, viene chiamata scarsa attività fisica.

L'aspetto di CVI è provocato da:

  • viaggiare nel trasporto senza cambiare posizione;
  • lunga posizione statica sul posto di lavoro;
  • peso in eccesso;
  • tendenza alla costipazione;
  • stare al caldo a lungo;
  • sforzandosi quando si sollevano i pesi.

Inoltre, la CVI può verificarsi durante l'esercizio sistematico e l'assunzione di contraccettivi ormonali, la CVI si verifica spesso durante la gravidanza.

CVI - sintomi

La CVI potrebbe non apparire a lungo, ma i sintomi che compaiono influenzano in modo significativo la qualità della vita del paziente. I primi sintomi sono una sensazione di pesantezza alle gambe, molto spesso appare gonfiore della parte inferiore della gamba e del piede. Inoltre - dolori di scoppio. I muscoli del polpaccio possono crampare durante la notte, il paziente avverte una sensazione di calore negli arti inferiori.

Forme avanzate di insufficienza venosa: eczema trofico e ulcere

Le "stelle" e le vene vascolari iniziano ad apparire attraverso la pelle, che con le vene varicose diventano significativamente visibili sotto forma di plessi, simili a grappoli d'uva. La pelle diventa più secca, coperta da "isolotti" marroni che crescono mentre la malattia progredisce. Alla fine, un'ulcera trofica si forma nel loro centro..

CVI - stadi di insufficienza venosa cronica

La malattia ha diverse fasi:

  • in primo luogo, la parete venosa cambia;
  • le valvole cessano di funzionare;
  • c'è un flusso di sangue perverso, che porta all'ipertensione venosa;
  • compaiono le vene varicose;
  • cambiamenti della pigmentazione della pelle;
  • può apparire eczema varicoso;
  • in questa fase, spesso si sviluppa trombosi, che colpisce le vene profonde;
  • le complicanze includono tromboflebite, embolia polmonare.

Le pareti delle vene diventano più permeabili, la linfa entra nel flusso sanguigno, il trofismo è disturbato e si verifica l'infiammazione (10-15% dei casi). L'ultimo stadio della CVI è un'ulcera trofica venosa (4% dei casi)

CVI - Diagnostica

Di solito, i pazienti si rivolgono a un flebologo quando gli evidenti segni di CVI sono visibili ad occhio nudo e la diagnosi è semplice. Le cliniche specializzate per la diagnosi di CVI utilizzano metodi a ultrasuoni:

  • lo stato delle navi è in fase di studio;
  • viene valutato come il sangue scorre attraverso di essi;
  • vengono considerate violazioni nel lavoro delle valvole venose.

UZDS fornisce un quadro completo delle cause della CVI

Durante l'esame ecografico, il medico riceve un'immagine tridimensionale della nave, informazioni affidabili sul suo funzionamento e può fare una diagnosi obiettiva.

CVI durante la gravidanza

Nelle donne in gravidanza, l'insufficienza venosa cronica degli arti inferiori è molto comune. Di solito si manifesta nella forma:

  • dilatazione delle vene di piccolo calibro situate sotto la pelle;
  • alterazioni delle vene safene, accompagnate da edema;
  • allargamento delle vene del perineo;
  • flebopatia - lo sviluppo di sintomi CVI in assenza di cambiamenti evidenti.

Alle donne in gravidanza vengono prescritti agenti terapeutici volti a migliorare la fleboemodinamica.

CVI - complicanze dell'insufficienza venosa cronica

È opinione diffusa in molti pazienti che CVI non sia troppo pericoloso, che si tratti solo di cosmetici. Infatti, i disturbi nel flusso sanguigno venoso delle gambe provocano la formazione di coaguli di sangue. Pertanto, CVI ha due complicazioni principali: trombosi e tromboflebite. Con la prima malattia, le vene profonde sono interessate:

  • l'area interessata diventa bluastra,
  • i tessuti si gonfiano,
  • i movimenti sono accompagnati da dolore.

Con la tromboflebite, si formano coaguli di sangue nelle vene superficiali. dove

  • la pelle diventa rossa;
  • grumi dolorosi si formano sotto la pelle
  • quando cammina, il paziente avverte un forte dolore alle gambe.

Un coagulo di sangue strappato può ostruire una nave di grandi dimensioni e causare la morte. Le manifestazioni acute di queste malattie sono trattate solo in un ospedale chirurgico. Puoi essere convinto del pericolo di CVI - foto, i risultati sono su siti su Internet.

Insufficienza venosa cronica - trattamento a Mosca

Nelle prime fasi della malattia, si può fare molto per trattare i sintomi della CVI. Il trattamento conservativo prevede le seguenti misure:

  • viene prescritto un effetto di compressione, in particolare calzetteria a compressione e massaggio pneumatico;
  • la dieta è adeguata, poiché CVI è spesso una conseguenza dell'eccesso di peso;

CVI - trattamento farmacologico

Se il CVI deve essere rimosso, il trattamento (Mosca offre molti farmaci) si basa sui seguenti punti:

  • un'attenzione particolare è riservata agli sport, in particolare al nuoto;
  • vengono prescritti farmaci rinforzanti: venotonica, gel e unguenti.

Hai CVI? Il trattamento CVI senza chirurgia è reale! Hai solo bisogno di trovare un medico che spiegherà tutto correttamente e facilmente.

CVI. Come trattare la malattia con le creme?

Il trattamento con tutti i tipi di unguenti è molto comune a livello familiare. Molti pazienti si fermano a questo e interrompono il trattamento. La maggior parte degli unguenti allevia solo temporaneamente gonfiore e dolore. CVI - come trattare? Questa domanda è posta da tutti i pazienti. Tali rimedi popolari come unguento eparinico, venoruton, venitan, epatrombina affrontano bene le manifestazioni esterne di CVI in una fase iniziale, ma non possono eliminarne la causa. Per un trattamento efficace che darà un risultato a lungo termine, è obbligatoria una visita a un flebologo o un chirurgo vascolare.

CVI - come curare senza conseguenze?

Questo può essere fatto anche in casi difficili; il trattamento CVI a Mosca può essere effettuato ad alto livello. Tuttavia, sarà necessario un intervento chirurgico per ripristinare il flusso sanguigno nelle vene. Ma nelle fasi iniziali, è sufficiente un trattamento conservativo di CVI senza chirurgia. In particolare, viene utilizzata la compressione elastica. Per questo, viene utilizzata una speciale maglia medica sotto forma di calze, golf, collant (trattamento conservativo).

Quando si tratta di CVI, è molto importante non perdere tempo sull'uso di vari unguenti che danno un effetto locale e a breve termine, ma cercare l'aiuto di uno specialista qualificato.

CVI - trattamento domiciliare

Non aver paura se ti viene diagnosticato un CVI. Il trattamento con rimedi popolari faciliterà la situazione. Ad esempio, i farmaci venotonici aiuteranno. Rafforzano le pareti dei vasi sanguigni, stimolano la microcircolazione, alleviano rapidamente la sensazione di gambe stanche, gonfiore. Inoltre, i pazienti sottoposti a trattamento con farmaci per fluidificare il sangue..

Hai bisogno di alleviare il dolore CVI? Trattamento con metodi popolari:

  • Aceto di mele. Due volte al giorno per 30 minuti. mettere una garza imbevuta di aceto sulle gambe per 30 minuti. Le gambe sono più alte. Le recensioni sullo strumento sono controverse, ma la maggior parte nota un effetto debole positivo.
  • Capsico. Un cucchiaino di polvere di pepe viene diluito in un bicchiere di acqua calda e bevuto tre volte al giorno. Blocca il dolore alle gambe e migliora il flusso sanguigno. Ma CVI non va così facilmente, il trattamento, i risultati non sono ancora gli stessi di quelli trattati da un flebologo professionista.

Prevenzione dell'insufficienza venosa cronica

Se esegui attività semplici su base giornaliera, il rischio di CVI diminuisce in modo significativo. Anche se si riscontrerà CVI, il trattamento non diventerà così grave, specialmente nelle prime fasi..

  • Dovresti condurre uno stile di vita sano, praticare sport.
  • Segui una dieta.
  • Indossa scarpe comode, usa solette ortopediche.
  • Usa la compressione elastica.

Se i primi segni di CVI appaiono ancora, non è possibile posticipare la visita al flebologo. Diagnostica il grado di CVI. Qualsiasi ritardo nel tempo è pieno di complicazioni. Alcuni di loro sono fatali. Se la malattia si è comunque sviluppata in una fase difficile, non dovresti disperare. Anche i casi complessi sono curabili con i metodi della moderna chirurgia endovascolare, vedi la foto sul sito web della nostra clinica.

Domande frequenti dei nostri pazienti su Internet

Maria di Arkhangelsk chiede: Ho le gambe costantemente gonfie, come ripristinare la circolazione del sangue nelle gambe.

Cara Maria! Per ripristinare la circolazione sanguigna nelle gambe, devi prima scoprire la causa del gonfiore. Di norma, da posizioni moderne, è necessario iniziare con la scansione ecografica duplex delle vene e la consultazione con un flebologo.

A Oksana di Vladimir interessa: come identificare i coaguli di sangue nelle gambe.

Caro Oksana! Se hai il minimo sospetto di trombosi, devi cercare urgentemente un aiuto medico. Inizia una buona diagnosi e include sempre l'ecografia vascolare. Questa tecnica consente di determinare con precisione non solo i coaguli di sangue nelle gambe, ma anche la causa del loro verificarsi. Tuttavia, il metodo ha una forte dipendenza dell'operatore ed è meglio fidarsi dei professionisti nel loro campo..

Maxim di Ekaterinburg è interessato a: come capire che ci sono coaguli di sangue nelle vene?

Caro Maxim! È solo uno specialista in grado di comprendere in modo affidabile l'esistenza di coaguli di sangue nelle vene o di escludere questa situazione. La trombosi può essere assunta dai seguenti segni:

  • Gonfiore dell'arto.
  • Dolore e / o arrossamento.
  • Sensazione di pesantezza e pienezza dell'arto.
  • La trombosi venosa è stata precedentemente diagnosticata, poiché i trombi venosi si ripresentano spesso.

La soluzione migliore sarebbe quella di consultare un flebologo con un'ecografia dei vasi venosi. Nel nostro centro è possibile iscriversi per una consultazione in qualsiasi momento conveniente per telefono: +7 (495) 641-62-70.

Valentina di Smolensk chiede: come controllare le vene per i coaguli di sangue sulle gambe?

Caro San Valentino! È possibile controllare le vene per la presenza di coaguli di sangue nelle gambe utilizzando l'ecografia duplex o la scansione triplex delle vene degli arti inferiori a un appuntamento dal flebologo.

Zinaida di Tambov chiede: come trattare l'insufficienza venosa cronica a casa?

Cara Zinaida! È necessario trattare l'insufficienza venosa cronica a casa solo dopo una buona consultazione con uno specialista che diagnosticherà e fornirà raccomandazioni. Altrimenti, hai buone probabilità di avere complicazioni della malattia. Arrivare ai siti in cui è descritto in modo colorato come e cosa trattare a casa, ricorda che molto spesso i medici professionisti non hanno nulla a che fare con tali raccomandazioni.

Nelly di Ufa chiede: come affrontare i sintomi dell'insufficienza venosa cronica?

Cara Nelly! È meglio iniziare a combattere i sintomi dell'insufficienza venosa cronica sulle gambe prima che compaiano questi sintomi, cioè con la profilassi: stress fisiologico regolare, nutrizione bilanciata, uso di calze a compressione con carichi eccessivi, trasporto aereo. Se compaiono segni di CVI: gonfiore, pesantezza, vene varicose, è necessario consultare un buon specialista. Questo è l'unico modo per contare sul successo..

Post scriptum Non ti consiglio di trattare i sintomi CVI a casa su Internet.

Alexandra di Tyumen chiede: come alleviare rapidamente il dolore nell'insufficienza venosa cronica a casa?

Cara Alexandra! La comparsa del dolore con le vene varicose, il più delle volte, è un sintomo di una complicazione sviluppata, varicotromboflebite o trombosi venosa profonda. Se c'è dolore con le vene varicose, è estremamente pericoloso fermarlo a casa. È necessario cercare rapidamente un aiuto medico, è possibile chiamare un'ambulanza. Puoi alleviare rapidamente il dolore con qualsiasi FANS, ad esempio ketoprofene o meloxicam (movalis). Ma questa è esclusivamente una misura temporanea..

Maria di Nižnij Novgorod chiede: sono iniziate le vene varicose, cosa fare?

Cara Maria! Se hai iniziato le vene varicose, ci sono segni pronunciati di vene varicose, devi contattare un professionista. La diagnosi più competente e il successivo trattamento possono essere forniti da centri specializzati per il trattamento della patologia venosa. Dopo la ricerca, lo specialista del centro ti spiegherà in dettaglio cosa e come fare.

A Nadezhda di Orenburg interessa: cos'è una buona prevenzione delle vene varicose sulle gambe?

Cara speranza! La prevenzione delle vene varicose nelle gambe comprende i seguenti aspetti:

  • Il più vicino al carico fisiologico sugli arti inferiori, l'uso dei muscoli del polpaccio, una diminuzione del tempo di carico statico.
  • Nutrizione completa ed equilibrata.
  • Con statica prolungata, trasporto aereo - Indossare calze a compressione I-II classe di compressione.

A Marina di Almetyevsk interessa: qual è il trattamento moderno delle vene varicose degli arti inferiori?

Cara Marina! Il moderno trattamento delle vene varicose degli arti inferiori prevede l'uso di tecnologie innovative. Buone cliniche e centri di flebologia usano solo nuove tecniche.

Trattamento moderno delle vene varicose degli arti inferiori:

  • Obliterazione termica endovasale (laser, radiofrequenza).
  • Miniflebectomia secondo Varadi, Ash.
  • scleroterapia.