"Samara flebologo" sito del Dr. Krasilnikov

La flebologia è una disciplina medica il cui campo di attività è lo studio dell'anatomia venosa, della fisiologia normale e patologica del deflusso venoso, della clinica, della diagnosi, del trattamento e della prevenzione di varie malattie venose acute e croniche.

Chiamata per telefono: (846) 990-89-58

MICROSCLEROTHERAPY "STELLE E GRIGLIE"

Cos'è la scleroterapia delle "stelle"

Le reti venose e le vene del ragno sono un problema estetico per il 50% delle giovani donne, ma non si tratta di vene varicose, ma di un difetto estetico. La microscleroterapia è l'introduzione del farmaco nelle vene più piccole e nelle "vene del ragno". Le vene varicose reticolari vengono eliminate con l'introduzione della microfoam utilizzando la tecnologia Foam-Form. L'eliminazione della rete venosa dovrebbe precedere la microscleroterapia delle "vene del ragno". Le stesse vene del ragno sono ben rimosse dalla scleroterapia liquida, poiché le bolle di schiuma non penetrano nei vasi più piccoli. La microscleroterapia è una procedura cosmetica: la rimozione delle vene del ragno è il lavoro più scrupoloso per un flebologo. La tecnica di microscleroterapia è la più indolore, cosmetica e sicura.

Quando eseguire la microscleroterapia

Le vene del ragno possono davvero essere eliminate efficacemente, ma il compito che affronta il flebologo è piuttosto difficile. È meglio affrontare questo problema nella stagione autunno-inverno. Tuttavia, molti di loro cercano di risolvere questo problema solo alla vigilia della stagione balneare. Di solito, sono necessarie diverse sessioni di microscleroterapia per eliminare completamente la rete venosa. L'effetto cosmetico dopo la scleroterapia appare in 3-6 settimane. L'uso della microscleroterapia, di norma, porta alla completa scomparsa della rete venosa. Tuttavia, a volte questo processo è ritardato. Da fenomeni spiacevoli, si verificano iperpigmentazione (oscuramento temporaneo della pelle nell'area degli asterischi) e metting (piccola foschia vascolare al posto dell'asterisco) rimosso. Di norma, tutti questi fenomeni scompaiono dopo 3-4 mesi, raramente più a lungo. Considerando queste caratteristiche, si consiglia di eseguire la microscleroterapia in autunno o in inverno per ottenere il miglior risultato cosmetico entro la stagione estiva..

Come viene eseguita la procedura

Gli asterischi scompaiono durante la somministrazione del farmaco e dopo alcuni secondi compaiono in una forma alterata, quindi si verifica una reazione cutanea, che dura fino a diverse ore. Questa reazione si manifesta con gonfiore della pelle, arrossamenti e vesciche come dalle ortiche. Dopo che la reazione si interrompe, rimangono piccoli lividi, che gradualmente scompaiono e con essi scompaiono gli asterischi. Dopo la procedura, è necessario indossare una calzetteria a compressione speciale. Il prossimo incontro con un flebologo si svolge in 1-2 settimane e viene eseguita una sessione di controllo. Potrebbero essere necessarie sessioni aggiuntive di microscleroterapia. Il risultato cosmetico si ottiene in genere in 2-3 mesi, dopo la fine del corso, ma a volte può richiedere più tempo, a seconda di molti fattori (compliance del paziente, tipo di pelle, carico ormonale, ecc.). La procedura viene eseguita con i migliori aghi utilizzando prodotti occidentali certificati. La microscleroterapia è efficace, indolore e non interrompe la capacità lavorativa.

Risultati a lungo termine della scleroterapia delle "stelle"

È importante capire che la microscleroterapia non garantisce che la rete vascolare non appaia altrove. Questa procedura è cosmetologica e viene eseguita quando sorge il problema. Per prevenire la comparsa di teleangectasie, si consiglia di abbandonare i contraccettivi ormonali, il massaggio profondo, i bagni e i bagni caldi e indossare calze a compressione leggera.

CALCOLO DEL COSTO DEL TRATTAMENTO DI "ASTERILE VASCOLARE" E VITI RETICOLARI

Scleroterapia a compressione delle vene degli arti inferiori: prima e dopo. Tipi di procedura, preparazione e riabilitazione

Il contenuto dell'articolo

Le vene varicose sono una malattia vascolare grave ed estremamente comune. Fino a un certo momento, le vene varicose procedono senza sintomi visibili. Ciò porta al fatto che una visita a un medico si verifica in una fase avanzata della malattia. Lo stadio II delle vene varicose è già considerato un tale stadio nello sviluppo della patologia. Di norma, in questo caso, i metodi di trattamento conservativi non sono più così efficaci ed è necessario un intervento chirurgico..

La diffusa prevalenza della malattia vascolare ci costringe a cercare sempre più nuovi metodi di trattamento. Pertanto, non ci sono solo tecniche mininvasive invasive, ma anche efficaci. Una delle procedure non chirurgiche più popolari è la scleroterapia per le vene varicose..

Scleroterapia delle vene degli arti inferiori

Scleroterapia delle vene degli arti inferiori: storia della tecnica, tipi, preparazione

Se a un paziente sono state diagnosticate vene varicose degli arti inferiori, uno specialista prescriverà il trattamento il prima possibile. Il regime terapeutico sarà complesso. Può consistere in raccomandazioni di uno specialista riguardanti lo stile di vita del paziente, i farmaci, l'uso di agenti topici, l'esecuzione di esercizi di ginnastica terapeutica e il massaggio. Nel caso in cui sia necessario un trattamento radicale, può essere prescritto un intervento chirurgico, in particolare la scleroterapia a iniezione. Cos'è questo metodo e quali caratteristiche ha??

La scleroterapia venosa non è nuova. Ma dalla prima menzione in opere scientifiche, ha subito una serie di cambiamenti significativi..

All'epoca, sali, esteri e sostanze chimiche complesse venivano usati come sclerosanti. Pertanto, le conseguenze della scleroterapia per il corpo sono state negative. Gli effetti collaterali si sono sovrapposti a tutti gli effetti positivi del trattamento della malattia. Questi fenomeni negativi sono diventati un ostacolo per l'ulteriore sviluppo di questo tipo di trattamento per le vene varicose per molti anni. Solo un secolo dopo, fu scoperto un farmaco che, quando accuratamente introdotto nel letto della nave, porta al suo successo "incollaggio".

Successivamente, la tecnica di scleroterapia è stata migliorata. Per controllare la somministrazione del farmaco, è stato deciso di utilizzare l'angioscanning duplex ad ultrasuoni. In precedenza, veniva utilizzato solo per la diagnosi e la valutazione dell'efficacia della terapia. L'uso del controllo ecografico migliora la qualità della procedura eseguita. Il metodo si chiama ecoscleroterapia. Oltre a ciò, ci sono altri tipi di scleroterapia. I più comuni sono la microscleroterapia delle vene varicose degli arti inferiori.

Scleroterapia con schiuma

La tecnologia a forma di schiuma o la scleroterapia con schiuma per le vene varicose viene utilizzata per rimuovere le grandi vene safene delle gambe. Schiuma finemente dispersa viene iniettata nella vena. Il vantaggio di questo metodo è che quando una sostanza entra nel lume venoso, non si mescola con il sangue, ma lo espelle.

Scleroterapia laser: caratteristiche del

Trattamento laser

La rimozione delle vene varicose con un laser è piuttosto popolare e molto efficace. La procedura ha un trauma minimizzato e il massimo grado di sicurezza per il paziente. La radiazione laser ha un effetto termico sulla parete venosa. Ciò accade sotto il controllo di un doppler ad ultrasuoni.

Cos'è meglio la scleroterapia laser o la coagulazione laser? La differenza nei metodi sta nel fatto che durante la coagulazione laser la guida della luce è rigida ed è difficile, e talvolta assolutamente impossibile, penetrare nei tortuosi affluenti della nave. Inoltre, con la loro posizione vicina alla pelle, non sono escluse emorragie e ustioni. Pertanto, rispetto alla coagulazione laser, la scleroterapia delle vene degli arti inferiori è meno traumatica e ha meno probabilità di causare complicazioni. Questo lo rende più efficace ed efficiente..

Microsclerotherapy

La scleroterapia delle vene del ragno non solo sulle gambe, ma anche su varie parti del corpo (la rimozione delle vene del ragno sul viso dovrebbe essere eseguita con altri metodi) è chiamata microscleroterapia. Indicazioni: viene utilizzato per rimuovere le neoplasie vascolari fino a 0,2 cm di diametro Come si fa? Questa procedura è piuttosto cosmetica ed è eseguita da un flebologo. La scleroterapia degli asterischi sulle gambe con questo metodo comporta l'introduzione di un farmaco nel lume della nave usando un ago sottile. Lo spessore degli aghi è molto piccolo. Se necessario, uno specialista può utilizzare dispositivi ottici speciali.

Preparazione per la scleroterapia delle vene degli arti inferiori

Quando il trattamento delle vene comporta una terapia come la scleroterapia, sorge la domanda su come prepararsi? Di norma, tutte le raccomandazioni necessarie per la preparazione alla scleroterapia delle gambe sono date da un chirurgo vascolare o da un flebologo. Dopotutto, il grado di danno ai vasi sanguigni è diverso. Inoltre, non sono escluse le condizioni aggravanti della malattia del paziente e le complicanze delle vene varicose. Pertanto, la preparazione per la procedura avrà caratteristiche individuali..

Esistono fasi preparatorie generali per tutte le categorie di pazienti. Alla consultazione prima della procedura, è necessario informare lo specialista su quali farmaci stai assumendo. Ciò è particolarmente vero per i farmaci ormonali e antinfiammatori. Possono aumentare i tempi di sanguinamento e recupero dei tessuti poiché aumentano il rischio di lividi e indurimento dopo la scleroterapia.

Come prima di qualsiasi intervento chirurgico, anche se minimamente invasivo, è necessario superare i test. Prima della scleroterapia, è necessario eseguire un esame del sangue per la coagulazione ed eseguire test allergologici se il paziente ha una storia di reazioni allergiche ai farmaci.

La scleroterapia non implica una dieta restrittiva precedente. Prima della procedura, dovresti fare solo uno spuntino leggero e non meno di 2 ore. È estremamente importante pulire in anticipo il corpo dalle tossine. Pertanto, la risposta alla domanda popolare sul fumo e l'alcol ("è possibile o no?"), Sarà negativa. Inoltre, è necessario rinunciare alle bevande alcoliche entro e non oltre 2 giorni e dal fumo - non meno di 10 ore prima dell'intervento. È importante capire che la mancata osservanza di queste raccomandazioni provoca un cambiamento nelle condizioni fisiche: aumento della pressione sanguigna, contrazione del diaframma, vasospasmo, palpitazioni cardiache, che possono influire negativamente sull'operazione.

La preparazione per la sessione implica anche sbarazzarsi del cuoio capelluto dell'area della pelle operata. Non epilare meno di 72 ore prima della procedura. La preferenza dovrebbe essere data alla depilazione mediante rasatura. Inoltre, per almeno mezzo mese devi rifiutare di visitare il solarium e prendere il sole. Prima della sessione è necessaria una doccia igienica.

Calzetteria medica a compressione dovrebbe essere portata per il trattamento. Lo specialista avviserà in anticipo di quali bende o calze saranno necessarie dopo la scleroterapia. Devi scegliere vestiti e scarpe da solo. Non può essere stretto e realizzato con materiali sintetici. Il requisito principale è praticità e comfort, in modo da non ostacolare il movimento quando si indossano calze a compressione.

Scleroterapia: caratteristiche del

Caratteristiche della procedura

La scleroterapia è una procedura minimamente invasiva. Pertanto, nonostante il fatto che sia effettuato in un ospedale o in qualsiasi altro istituto medico, sarà effettuato in regime ambulatoriale e non è necessario il ricovero in ospedale..

Il corso del trattamento può variare da 1 a 5 procedure, in media non più di 3. Il numero di sessioni dipenderà dalle caratteristiche delle lesioni vascolari. Una sessione dura non più di 10-20 minuti.

L'efficacia della procedura è piuttosto elevata, ma nessuno specialista darà al paziente una garanzia a vita, nonostante la completa eliminazione delle vene dopo la procedura. Una nave sclerosata può ripristinare l'afflusso e si verificherà una ricaduta dopo alcuni anni.

Video: scleroterapia a compressione

La società "VERTEX" non è responsabile per l'accuratezza delle informazioni presentate in questo video. Fonte - ALTERMED Clinics Group

Scleroterapia e gravidanza

Una delle domande principali è se è dannosa e la scleroterapia può essere eseguita durante la gravidanza? La gravidanza è un periodo molto importante e difficile nella vita di una donna. Per 9 mesi, il suo corpo è sotto stress e tremendo stress. Inoltre, è necessario proteggere il più possibile la salute e la salute del nascituro..

Nonostante la naturalezza, sopportare un feto è un processo complesso. E quasi ogni secondo una donna incinta si trova ad affrontare patologie vascolari. Le vene varicose sono una malattia insidiosa e i suoi sintomi possono essere rilevati dopo la gravidanza, anche se la malattia è presente da molto tempo. Inoltre, lo sviluppo della patologia vascolare durante la gestazione non è escluso. Dopotutto, questo è facilitato da molti fattori: un aumento del peso corporeo, una pancia in crescita, un carico sugli arti inferiori, una diminuzione dell'attività, ecc..

Condurrà un esame e possibilmente nominerà un esame. Nel caso di diagnosi di vene varicose o dei suoi primi segni, lo specialista selezionerà il trattamento appropriato per la condizione. Di norma, alle pazienti in gravidanza viene prescritto un trattamento conservativo senza farmaci. Se fare la scleroterapia per una paziente incinta sarà deciso da uno specialista. Perché l'uso di farmaci sclerosanti presenta una serie di limitazioni. E di solito la gravidanza è una controindicazione alla scleroterapia. Ciò significa che molto probabilmente la risposta alla domanda se la scleroterapia sia pericolosa quando si trasporta un feto sarà affermativa. Le conseguenze dopo la scleroterapia delle vene degli arti inferiori possono essere imprevedibili in questo caso. E per il periodo di gravidanza, tutti i rischi dovrebbero essere esclusi. Pertanto, con un alto grado di probabilità, questa procedura per il trattamento delle gambe non verrà eseguita. È estremamente importante valutare e confrontare i possibili danni e i reali benefici della procedura per una donna incinta..

Cosa fare dopo la scleroterapia?

C'è un periodo di recupero dopo qualsiasi intervento chirurgico. Quale sarà la riabilitazione e quali sono i limiti preoccupa tutti i pazienti, senza eccezioni. Cosa non si dovrebbe fare dopo la procedura? Quanto indossare calze a compressione dopo la scleroterapia delle vene degli arti inferiori? E molte altre domande riguardanti le gambe operate.

La scleroterapia ha un periodo di riabilitazione relativamente breve, che è senza dubbio il suo grande vantaggio. Le raccomandazioni che dopo la procedura di scleroterapia è possibile e quali dovrebbero essere i metodi di ulteriore trattamento, nonché la prevenzione, verranno comunicate dal medico curante.

La completa assenza di carico sulle gambe farà solo male. L'unico "ma" è che devi farlo in maglieria medica. Per quanto tempo dovresti indossare indumenti compressivi? La compressione è essenziale dopo la scleroterapia. La biancheria intima a compressione non deve essere rimossa per i primi 2-3 giorni dopo la procedura (se non diversamente indicato). La maglia medica eliminerà il dolore quando si cammina, previene il gonfiore, allevia la spiacevole sensazione di distensione delle gambe dopo la scleroterapia venosa. La durata di indossare indumenti compressivi è determinata dal medico.

I farmaci usati per "incollare" le vene contengono alcoli. Pertanto, la scleroterapia appena eseguita esclude la guida di un veicolo durante le prime ore dopo la procedura..

Dopo che la rete vascolare o le vene varicose sono state rimosse, molti sono interessati a vietare lo sport? Posso correre e quando posso andare in palestra? Ci sono certamente alcune limitazioni dopo la scleroterapia. Gli sport dovrebbero essere esclusi per almeno una settimana in modo che non ci siano complicazioni dopo la scleroterapia venosa. Vale la pena notare che è necessario consultare un medico sulla possibilità di praticare sport di potenza e impatto..

L'applicazione di unguento e crema per i piedi dovrebbe essere ripresa non prima di un mese dopo la procedura. Quando posso iniziare a bere vitamine e farmaci? Il ricevimento di farmaci ormonali e antinfiammatori dopo la scleroterapia venosa deve essere escluso per 10-14 giorni. L'inizio dell'assunzione di tutti i medicinali deve essere concordato con uno specialista..

Complicanze dopo la scleroterapia

La scleroterapia ha sia pro che contro. Nonostante la bassa invasività della procedura, è ancora un'operazione. Pertanto, è possibile, ma non è assolutamente necessario, la presenza di alcune complicazioni ed effetti collaterali. Ad esempio, come: allergie, necrosi, macchie (pigmentazione), febbre, lividi e indurimento dopo la scleroterapia.

Scleroterapia delle vene degli arti inferiori: controindicazioni

La procedura per "incollare" le vene è il più sicura ed efficace possibile e presenta più vantaggi che svantaggi. Ma ci sono circostanze in cui è meglio non fare la scleroterapia. Hanno un nome - controindicazioni temporanee:

  • pianificare la gravidanza;
  • trattamento della dipendenza da alcol;
  • stagione calda;
  • sovrappeso.

Queste controindicazioni sono piuttosto arbitrarie. Pertanto, se c'è una necessità diretta di scleroterapia, allora tutto è soggetto a discussione durante il processo di consultazione con uno specialista, dove ti dirà esattamente se vale la pena eseguire la procedura.

Oltre a queste controindicazioni, ci sono anche controindicazioni assolute:

  • una reazione allergica al farmaco iniettato;
  • trombosi e tromboflebite (tromboflebite);
  • gravidanza e allattamento (Lactatio);
  • malattie infettive;
  • focolai purulenti sulla pelle;
  • malattie croniche del cuore e dei reni nella fase acuta.
  1. Baeshko A.A. Scleroterapia con schiuma: storia di sviluppo e dati moderni. Notizie di chirurgia, 2012.
  2. Konstantinova G.D., Bogdanov A.E. Aspetti moderni del trattamento delle malattie venose croniche. Archivio terapeutico, 1990.
  3. Bukina O.V. ecc. La trombosi venosa si sviluppa dopo la somministrazione di un farmaco sclerosante? Flebologia, 2010.
  4. Kirienko A.I., Bogachev V.Yu., Zolotukhin I.A. Scleroterapia a compressione (una guida pratica per i medici). Ed. Accademico di RAS e RAMS V.S. Saveliev. M.: Casa editrice della NTSSSH im. UN. Bakuleva RAMS, 2004.
  5. Baccaglini U. Scleroterapia delle vene varicose degli arti inferiori. Flebolinfologia, 1998
  6. https://www.healthline.com/health/sclerotherapy
  7. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/12515979
  8. https://docplayer.net/12225304-Microfoam-ultrasound-guided-sclerotherapy-of-varicose-veins-in-100-le.
  9. https://veindirectory.org/question/should-my-legs-look-worse-after-sclerotherapy-404
  10. https://cyberleninka.ru/article/n/sovremennaya-kompressionnaya-skleroterapiya
  11. https://cyberleninka.ru/article/n/pennaya-skleroterapiya-istoriya-razvitiya-i-sovremennye-dannye

Per una diagnosi accurata, contattare uno specialista.

Microsclerotherapy

Le vene del ragno sono il primo segno di insufficienza venosa. Di per sé, le teleangectasie non sono pericolose, ma rappresentano un problema in termini di estetica. Microscleroterapia: una procedura che utilizza un farmaco speciale che incolla piccoli vasi.

Io, chirurgo-flebologo A.E. Solomakhin, eseguo microscleroterapia in un ambiente clinico confortevole a Mosca. Scopri il prezzo della procedura per telefono o durante una consultazione.

costo dell'esame e del trattamento
Consultazione primaria di un chirurgo vascolare, chirurgo-flebologo, Ph.D. Solomakhina A.E.RUB 2 800,00.
L'esame del medico comprende: angioscanning duplex ultrasonico delle vene degli arti inferiori
forma di schiuma per microscleroterapia / scleroterapia
Microscleroterapia delle vene del ragno (teleangectasie) (una sessione)RUB 7.000,00.
Scleroterapia con schiuma delle vene reticolari (una sessione)RUB 7.000,00.

Microscleroterapia: fasi, benefici

L'essenza del metodo consiste nell'introdurre uno sclerosante nella cavità dei capillari. Una preparazione speciale incolla le pareti dei vasi sanguigni. I processi naturali nel corpo convertono nel tempo gli elementi inattivi del sistema circolatorio in tessuto connettivo.

La microscleroterapia viene eseguita in più fasi:

  • preliminare: diagnostica completa, scansione dei vasi sanguigni, identificazione delle ragioni della loro espansione;
  • terapeutico: l'introduzione di uno sclerosante per eliminare il problema. Dopo che il farmaco è entrato nella cavità del vaso, il sito di trattamento viene premuto con un batuffolo di cotone o una garza. Ciò aumenta le possibilità di successo della microscleroterapia la prima volta. Se necessario, il medico ripete le iniezioni;
  • riabilitazione - seguendo le raccomandazioni del medico per una pronta guarigione.

La procedura viene eseguita utilizzando gli aghi più sottili il cui diametro è inferiore al diametro dei vasi. Inoltre, viene utilizzato uno speciale venovisor, che consente di rimuovere le vene varicose intradermiche con la massima efficienza, che consente di moltiplicare l'efficacia del trattamento stesso.

Il periodo di riabilitazione dura 10-14 giorni. È possibile ripetere la procedura se necessario. Immediatamente dopo la procedura, il paziente indossa calze a compressione. Il periodo delle calze è determinato individualmente e può durare da uno a tre giorni. Un metodo di trattamento in più fasi viene utilizzato per trattare vaste aree o rimuovere un gran numero di vene del ragno..

I vantaggi della microscleroterapia rispetto ad altri metodi includono:

  • painlessness;
  • bassa invasività;
  • sicurezza;
  • breve periodo di recupero;
  • pronunciato effetto cosmetico;
  • mancanza di cicatrici e danni alla pelle.

Microscleroterapia: prezzo, indicazioni, controindicazioni

Le indicazioni per la microscleroterapia sono teleangectasie e vene dilatate sotto forma di una rete. La procedura viene eseguita su navi con un diametro di 0,1-1,5 mm. La forma, l'area e la posizione della griglia non contano. L'unica condizione è la presenza di una lesione nella parte inferiore del corpo. Le vene del ragno sul viso vengono effettivamente rimosse dal laser.

La microscleroterapia è efficace nei seguenti casi:

  • terapia della fase iniziale delle vene varicose;
  • riduzione del trauma durante la rimozione chirurgica delle vene;
  • la presenza di neoplasie benigne nei sistemi circolatorio e linfatico.

Per scoprire il prezzo della microscleroterapia, iscriviti per una consulenza telefonica +7 (495) 233-08-55. Il costo finale della procedura è determinato su base individuale, a seconda della complessità del lavoro. L'efficienza e la qualità del servizio sono garantite per ogni paziente.

Microsclerotherapy

Cos'è la microscleroterapia?

Le piccole angioectasie, altrimenti chiamate vene del ragno, sono fondamentalmente un difetto estetico che parla dei segni iniziali di insufficienza venosa. Per combatterli, viene utilizzato un metodo moderno efficace: la scleroterapia. L'essenza della procedura è l'introduzione di preparati speciali con un effetto sclerosante nei piccoli vasi dilatati. Pertanto, le navi danneggiate vengono chiuse, le manifestazioni esterne di questo difetto scompaiono..

Questa procedura viene eseguita al meglio in istituti medici specializzati, dove sono presenti tutte le attrezzature necessarie e personale qualificato. Il Centro di flebologia innovativa di Mosca è sempre pronto ad aiutare i pazienti con angiectasie attraverso la microscleroterapia, eliminando tutte le manifestazioni di insufficienza vascolare iniziale.

Microscleroterapia / Scleroterapia a forma di schiumaCosto, rub.)
1Scleroobliterazione del catetere a forma di schiuma controllata dall'eco del tronco della grande (piccola) vena safena15.000,00
2Sclerobliterazione a forma di schiuma controllata da eco degli afflussi delle vene safene (per 1 afflusso)10.000,00
3Sclerobliterazione a forma di schiuma controllata da eco delle vene perforanti (per 1 vena)10.000,00
4Microscleroterapia delle teleangectasie (una sessione)8.000,00
cinqueMicroscleroterapia in schiuma delle vene reticolari (una sessione)8.000,00
6Un corso di scleroterapia a microfoam delle vene del ragno e delle vene reticolari su un arto inferiore (3 sessioni)18.000,00
7Un corso di scleroterapia a microfoam delle vene del ragno e delle vene reticolari su un arto inferiore (4 sessioni)24.000,00
8Un corso di scleroterapia a microfoam delle vene del ragno e delle vene reticolari su un arto inferiore (5 sessioni)30.000,00

I prezzi per altri servizi sono disponibili qui.

Avanzamento della procedura

Il nome stesso della procedura - "microscleroterapia" suggerisce che il lavoro del medico sarà scrupoloso e richiederà un'esperienza sufficiente. Il chirurgo utilizza strumenti molto sottili: cateteri e aghi, il cui spessore è inferiore al diametro dei vasi operati. Per ottenere dati più accurati sull'andamento dell'intervento, il medico può utilizzare ottiche speciali. Con l'aiuto di aghi e cateteri, una sostanza sclerosante viene iniettata nei vasi danneggiati, che incollano le vene, chiudendole.

Dopo che la composizione è stata iniettata, la superficie viene pressata con tovaglioli di garza e quindi attentamente esaminata per vedere quanto bene la sostanza è penetrata nei vasi. Se necessario, vengono somministrate iniezioni ripetute. Di solito, immediatamente dopo l'introduzione del farmaco, le stelle scompaiono, ma poi si verifica una reazione cutanea. Consiste nella comparsa di edema, orticaria, arrossamento e quindi ecchimosi nei siti di iniezione. Nel tempo, le tracce dell'intervento scompaiono insieme alle angioectasie..

Al termine della procedura, il paziente viene messo su calze a compressione, il cui periodo di usura dipende dal grado di complessità dell'intervento e varia da uno a diversi giorni. Indossare calze a compressione è un prerequisito per una lotta di successo contro l'angioectasia. Se il paziente vuole sbarazzarsi di un gran numero di piccole stelle, la procedura viene eseguita in più fasi, l'intervallo tra le manipolazioni può essere di 3-7 giorni. Dopo l'operazione, è necessario essere osservati da un medico, la prima ricezione postoperatoria da parte del flebologo richiede 10-14 giorni, a seconda delle condizioni del paziente. Se necessario, è possibile eseguire un'ulteriore microscleroterapia.

I vantaggi di questo metodo sono evidenti:

  • painlessness;
  • sicurezza;
  • bassa invasività;
  • breve periodo di riabilitazione;
  • buon effetto cosmetico.

Se la consultazione del flebologo si è conclusa con indicazioni per la microscleroterapia, va ricordato che è più conveniente eseguire la procedura in autunno o in inverno. Durante questi periodi, l'uso obbligatorio della calzetteria a compressione non causa problemi. In generale, la procedura può essere eseguita in altri periodi dell'anno, tuttavia, l'effetto completo si manifesta 4-6 settimane dopo l'operazione. Alcuni fenomeni postoperatori: aumento della pigmentazione nella zona interessata, la "foschia" delle navi al posto delle stelle può scomparire fino a 3 mesi, quindi è meglio risolvere il problema prima della stagione balneare.

Rimozione delle vene del ragno (microscleroterapia) in Smolensk

Microscleroterapia - rimozione delle vene del ragno in Smolensk

La microscleroterapia (rimozione delle vene del ragno) in Smolensk è una tecnica moderna per la rimozione cosmetica delle teleangectasie (vene del ragno, reticoli) introducendo un farmaco speciale (sclerosante) nel lume della nave, facendo aderire le pareti delle vene, seguito dal suo riassorbimento.

Microscleroterapia degli asterischi a Smolensk - non fa male!

La storia della tecnica della scleroterapia (microscleroterapia)

I primi tentativi di vene sclerose probabilmente hanno avuto luogo nell'antichità. I dati su questo sono stati conservati nelle opere scritte più antiche. Queste opere sono conosciute oggi come "Ippocratic Corps". Qui, in una forma piuttosto dettagliata, è stato descritto un processo infiammatorio creato artificialmente in una vena varicosa, seguito da una puntura con una spina dell '"Ippocrate" (platano orientale). I primi esperimenti documentati sull'introduzione di soluzioni in vena risalgono al 1656. Quindi lo scienziato inglese di Oxford, Christopher Wren e un gruppo di suoi associati, uniti intorno al fisico Robert Boyle, hanno cercato di investigare sperimentalmente la teoria della circolazione del sangue presentata di recente da W. Harvey. Il primo, documentato, tentativo di provocare la distruzione delle vene iniettando acido nel suo lume appartiene al medico svizzero D. Zollikofer nel 1682. Un importante traguardo storico nello sviluppo delle tecniche di iniezione è stata l'invenzione della siringa da parte del medico francese di Lione C. Pravaz, che ha usato la propria invenzione per aneurismi arteriosi sclerosanti.

Il dottore francese C. Pravaz ha inventato la siringa

Per la prima volta, i dati sulla riuscita rimozione delle vene varicose mediante scleroterapia con perclorato di ferro furono presentati da Debu e Cassignac nel 1853. Degrange nel 1860 riportò il successo nel trattamento delle vene varicose iniettando iodio e tannino in una vena. Negli anni seguenti, la sclerobliterazione fu utilizzata con vari gradi di successo dai principali medici dell'epoca per rimuovere le vene varicose. Lo sviluppo della scleroterapia fu influenzato dai risultati fondamentali di quel tempo nel campo della chirurgia. L'apertura della grande vena safena di Madelung (1844), l'asepsi di I. Simmelweis (1848), gli antisettici di J. Lister (1867), lo sviluppo di tecniche di anestesia determinarono lo spostamento vettoriale nel trattamento delle vene varicose verso la chirurgia a cielo aperto. Allo stesso tempo, l'imperfezione dei farmaci e la tecnica della scleroterapia hanno portato a un numero significativo di complicanze, a volte fatali. Questi fattori portarono al fatto che il Congresso mondiale dei chirurghi, tenutosi a Lione nel 1894, fornì una valutazione inequivocabilmente negativa del metodo della scleroterapia e che la chirurgia a vene aperte prese la posizione dominante per molti anni. Il lavoro sugli sclerosanti alternativi è continuato all'inizio del XX secolo. Una nuova pagina nello sviluppo della tecnica fu aperta nel 1911, quando il medico francese Jean Sicard parlò dell'esperienza di successo nell'uso di una soluzione di salicilato di sodio relativamente sicura. Successivamente (1919, 1920) la soluzione di salicilato fu sostituita da una soluzione di carbonato di sodio e fondò la tecnica "francese" della scleroterapia. Negli anni '30, apparve un nuovo tipo di farmaci sclerosanti: i detergenti. La loro azione si basa sulla denaturazione delle proteine ​​dell'endotelio della parete venosa. Ulteriore lavoro con farmaci di questo tipo ha portato alla comparsa negli anni 1940-1950 di tetradecil sufato di sodio e polidocanolo. Il loro aspetto ha portato al fatto che la tecnica della scleroterapia venosa ha raggiunto un nuovo livello. Questi sclerosanti rimangono rilevanti nel mondo della flebologia moderna fino ai giorni nostri. Per la prima volta, la combinazione di sclerosante e aria fu proposta negli anni '40 del XX secolo, ma l'implementazione diffusa nella pratica ebbe luogo solo negli anni '90. Ciò è stato facilitato sia dal rafforzamento del ruolo della scansione ad ultrasuoni nella pratica flebologica sia dall'introduzione della tecnica della valvola a tre vie di L. Tessari..

Valvola a tre vie L. Tessari in moderna modifica

La creazione di schiuma di alta qualità finemente dispersa, l'uso della navigazione ad ultrasuoni ha permesso di cancellare con successo le vene di grande diametro, di utilizzare la scleroterapia per il trattamento del reflusso venoso dello stelo. Una recensione di Cochrane pubblicata nel luglio 2014 sulla base di 13 studi clinici randomizzati ha mostrato che nel trattamento delle vene varicose, la scleroterapia con controllo dell'eco microfoam non provoca più ricadute della flebectomia combinata. E sebbene attualmente il metodo della scleroterapia controllata da eco-microfoam sia significativamente inferiore in termini di efficacia dell'obliterazione termica, è usato con successo dai principali flebologi di tutto il mondo..

Fasi della microscleroterapia

La microscleroterapia nella sua forma moderna è diventata possibile grazie alla comparsa degli aghi più sottili affilati al laser. Questi aghi consentono di iniettare il farmaco con precisione millimetrica anche nei vasi più piccoli, praticamente senza danneggiare i tessuti circostanti..

Cos'è una vena ragno

La stragrande maggioranza delle donne in un modo o nell'altro prestava attenzione alla presenza di "ragnatele" vascolari, "reti" o "stelle" sulle loro gambe. Queste formazioni si sviluppano per espansione patologica dei vasi più piccoli di venule o arteriole.

Varietà di vene ragno

Questi ultimi hanno un afflusso di sangue prevalentemente arterioso e sono chiamati teleangectasie rosse. Il loro diametro, di regola, non supera 0,2 mm. Per rimuoverli, l'obliterazione con radiofrequenza mediante una sonda ad ago e i laser transcutanei sono efficaci. Le teleangectasie blu della genesi venosa (venulectasie) sono molto più comuni e hanno un maggiore valore estetico. Il loro diametro è 0,5-2 mm. Spesso, anche in assenza di sintomi di insufficienza venosa cronica, queste vene portano a una significativa deturpazione degli arti inferiori. Oggi, il modo migliore per rimuovere queste navi, riconosciuta a livello statale e corrispondente ai moderni standard europei, è la microscleroterapia..

L'essenza del metodo è la microscleroterapia delle teleangectasie (vene del ragno)

L'essenza del metodo è l'introduzione di un farmaco speciale (sclerosante) nel lume delle vene del ragno, che porta a danni irreversibili al rivestimento interno della nave, adesione e successivo riassorbimento della teleangectasia.

L'essenza del metodo di microscleroterapia è l'introduzione di uno sclerosante nell'asterisco interessato

I moderni farmaci per la scleroterapia si distinguono per la capacità di agire direttamente sulla nave bersaglio senza influire sulle vene sane, questo è garantito da:

  • Flusso sanguigno più lento nelle vene del ragno.
  • Il farmaco agisce sulla parete interna della nave solo in una certa concentrazione. Quando si diffonde in vene sane con un flusso sanguigno più veloce, lo sclerosante viene diluito con sangue ad una concentrazione sicura che non influisce sui vasi sanguigni.

Requisiti per un buon sclerosante moderno

  • Mancanza di effetti tossici sistemici.
  • Il farmaco dovrebbe avere un effetto solo al di sopra di una certa (soglia) concentrazione.
  • L'azione del farmaco deve essere eseguita solo dopo una prolungata interazione con la parete vascolare.
  • Il farmaco non deve causare reazioni allergiche.
  • Lo sclerosante deve essere abbastanza forte da indurire vasi sufficientemente grandi, ma non causare danni ai tessuti se usato in modo extravasale.
  • Il farmaco non deve causare pigmentazione della pelle o cicatrici.
  • Lo sclerosante non deve causare dolore quando somministrato.
  • Il farmaco deve essere facilmente solubile in soluzione salina.

Tipi di sclerosanti moderni

Tutti i farmaci per la scleroterapia attualmente utilizzati da diversi paesi del mondo appartengono a uno dei seguenti gruppi:

  1. Detergenti. Questi sono preparati a base di acidi grassi o alcoli. La loro azione si basa sulla distruzione delle cellule endoteliali mediante l'estrazione di proteine ​​dalla membrana superficiale delle cellule, che porta al suo danno irreversibile e alla morte cellulare ritardata. Questo processo è possibile solo a una determinata concentrazione dello sclerosante e quando viene ridotto (diluizione del farmaco), non appare l'effetto dannoso sull'endotelio venoso. Questa proprietà dei detergenti, per esercitare un effetto solo a una certa concentrazione, conferisce a questi farmaci un vantaggio innegabile rispetto ad altri sclerosanti. Nella buona pratica flebologica russa moderna, vengono utilizzati i seguenti preparati del gruppo detergente:
  • Polidocanolo (etossisclerolo).
  • Tetradecil solfato di sodio (fibrowein).

Attualmente, nella pratica mondiale vengono utilizzati anche i seguenti detergenti: sodio morrato, etanolamina oleato, glicerina.

  1. Tossine cellulari. Nella pratica flebologica mondiale, questi farmaci sono usati raramente, poiché mantengono una certa tossicità anche alla massima diluizione..
  2. Sclerosanti osmotici. Questo tipo di sclerosante comprende le seguenti sostanze:
  • Soluzione ipertonica di cloruro di sodio (soluzioni al 20 e 23,4%).
  • Sclerodex (una miscela di soluzioni al 25% di glucosio e 10% di cloruro di sodio).
  • Iodio ionizzato (variglobina, sclerodina).
  • Soluzione di glucosio al 75%.

I farmaci di questo gruppo, ad eccezione di quest'ultimo, a causa degli effetti collaterali pronunciati, non sono stati ampiamente utilizzati nella flebologia europea moderna. Attualmente, una soluzione di glucosio (75%) è attivamente utilizzata nella loro pratica da alcuni importanti flebologi in Europa e Sud America. Forse, nel prossimo futuro, questo sclerosante sarà approvato per l'uso in Russia..

Attualmente, solo il polidocanolo e il tetradecil solfato sono ufficialmente approvati a livello statale per l'uso nel nostro paese. Questi farmaci soddisfano i requisiti moderni per gli sclerosanti, non causano emolisi e coagulazione intravascolare. Un vantaggio importante di questi farmaci è la capacità di trasformarsi in una forma di schiuma, che aumenta significativamente la loro efficienza nel lavoro con navi più grandi..

Aspetti tecnici della microscleroterapia delle vene del ragno

I principi della microscleroterapia delle stelle nel centro di innovazione di Smolensk sono pienamente conformi ai migliori standard europei. Ecco qui alcuni di loro:

  • Innanzitutto, il reflusso sanguigno viene eliminato nel letto venoso prossimale.
  • Le vene più grandi sono principalmente sclerobliterate..
  • È necessario ridurre al minimo il numero di iniezioni, preferibilmente per rimuovere le vene interconnesse da una singola puntura.
  • È molto importante garantire una compressione adeguata. Pertanto, immediatamente dopo la procedura, il paziente viene indossato con calze a compressione moderne di alta qualità e si consiglia una passeggiata di mezz'ora..

Quali tecniche di scleroterapia sono utilizzate al centro della flebologia "SCIF"

Tipi di sclerobliterazione venosa innovativa e moderna nel centro flebologico europeo di Smolensk:

  • Microscleroterapia delle vene del ragno. Le vene piccole fino a 1 mm di diametro vengono sclerosate usando una forma liquida del farmaco: soluzione di polidocanolo (dallo 0,25 allo 0,75%), soluzione di tetradecil solfato (dallo 0,1 allo 0,2%).
  • Con l'aiuto della microscleroterapia e della scleroterapia a micro-schiuma (a forma di schiuma) vengono rimosse venulectasie (1-2 mm di diametro) e vene reticolari (2-4 mm di diametro). Il farmaco viene utilizzato sia sotto forma di soluzione che in forma di schiuma del farmaco in concentrazione: per polidocanolo (0,5-1%), per tetradecil solfato (0,25-0,4%).
  • Sclerobliterazione ecologica delle vene varicose. Nell'innovativo centro flebologico di Smolensk, usando questa tecnica, gli affluenti delle grandi vene e delle vene perforanti vengono rimossi con successo. Viene utilizzata solo la forma di schiuma del farmaco: polidocanolo (3%), tetradecil solfato (1-3%).

Tecnica moderna di realizzazione di microscleroterapia con una mano

Indicazioni per la rimozione delle vene del ragno in Smolensk

L'indicazione per la microscleroterapia presso il principale centro di innovazione di Smolensk è spesso un difetto estetico associato alla presenza stessa di teleangectasie e vene reticolari dilatate. Spesso, queste formazioni coprono una vasta area della pelle degli arti inferiori e portano a una grave deturpazione delle gambe. In questo caso, la soluzione al problema estetico porta contemporaneamente all'eliminazione dei sintomi della stasi venosa nelle estremità inferiori..

La presenza di teleangectasie e vene intermedie (reticolari) dilatate è abbastanza spesso combinata con vene varicose e insufficienza valvolare delle principali vene safene. Pertanto, tutti i pazienti del moderno centro di flebologia europea di Smolensk devono sottoporsi a un buon esame ecografico duplex di livello esperto e viene elaborato un piano di trattamento individuale, in cui la microscleroterapia cosmetica sarà una delle fasi.

Controindicazioni alla microscleroterapia

La moderna microscleroterapia estetica, se eseguita in modo professionale, è una delle procedure innovative più sicure. Tuttavia, ci sono alcune limitazioni per lei. Controindicazioni per la microscleroterapia nel moderno centro di flebologia europea di Smolensk:

  • Infezione della pelle.
  • Trombosi, tromboflebite nel periodo acuto.
  • Gravidanza e allattamento.
  • Allergia a una droga sclerosante.
  • Trombofilia (con uno stato ipercoagulabile).
  • Immobilità del paziente.
  • Malattie cardiache (finestra ovale aperta) - per l'utilizzo della forma di schiuma del farmaco.

I risultati del trattamento possono essere influenzati da una violazione del regime di compressione, pertanto, per i pazienti con ischemia degli arti inferiori, per i quali la terapia di compressione è controindicata, la microscleroterapia a fini cosmetici rimane una domanda. Le controindicazioni relative alla microscleroterapia includono anche:

  • Linfostasi, obesità patologica.
  • Voli lunghi e terapia ormonale.

Come è la procedura di microscleroterapia nel moderno centro flebologico di Smolensk.

Per la microscleroterapia innovativa nel nostro centro Smolensk, vengono utilizzati gli aghi più sottili affilati al laser 27-30G, che praticamente non danneggiano i tessuti, i pazienti non avvertono quasi forature. La procedura viene eseguita da un flebologo esperto che è uno dei migliori specialisti in questo settore in Russia ed Europa.

Flebologo Antipov A.A. rimuove le vene del ragno in Smolensk

La sessione si svolge in posizione orizzontale del paziente, a volte con arti leggermente rialzati. Dopo aver inserito la punta dell'ago nel vaso, il flebologo inietta lentamente e con attenzione lo sclerosante, assicurandosi attentamente che l'eccessiva pressione non causi iperestensione e rottura della vena.

Utilizzando speciali dispositivi di ingrandimento

Una volta completata la procedura, vengono applicate delle bende agli arti inferiori e viene applicata una calzetteria speciale a compressione. Si consiglia una passeggiata di mezz'ora per il paziente.

Dopo una sessione di microscleroterapia (sclerobliterazione) presso il Centro di flebologia di Smolensk

Durante il trattamento delle teleangectasie nel centro di innovazione di Smolensk con il metodo della microscleroterapia, il paziente deve indossare una buona calzetteria a compressione. I termini del suo utilizzo sono determinati individualmente e dipendono da:

  • Volume di scleroterapia.
  • Diametro delle vene rimosse.

Nel processo di trattamento, i pazienti devono osservare il regime motorio. Escursionismo, ciclismo, aerobica leggera sono molto utili.

I limiti nel processo di trattamento sono minimi, ma ci sono. È necessario astenersi da:

  • Fare un bagno caldo, visitare saune, bagni.
  • Esposizione a luce solare aperta e radiazioni ultraviolette.
  • Carichi statici prolungati.
  • Una settimana dopo la procedura, è necessario astenersi da lunghi voli e sessioni di depilazione.

Complicanze ed effetti collaterali dopo la microscleroterapia

La presenza di piccola ecchimosi (lividi) nell'area di iniezione immediatamente dopo la procedura è tutto ciò che preoccupa la maggior parte dei pazienti. L'ecchimosi si risolve entro una settimana. Complicanze rare ed effetti collaterali includono:

  • Iperpigmentazione della pelle - è una conseguenza della deposizione di emosiderina nella pelle, scompare da sola entro 6-12 mesi.
  • Edema locale - si verifica quando una dose aumentata del farmaco viene iniettata in una piccola area. Passa da solo e non richiede un trattamento specifico.
  • Complicanze neurologiche: parestesie, emicrania, perdita di campi visivi. Questi fenomeni si verificano molto raramente quando si utilizza la forma di schiuma del farmaco in pazienti con cardiopatia congenita (forame ovale aperto). Passa da solo entro 10-15 minuti.
  • Metting (teleangectasie "secondarie"). Questa è la comparsa delle migliori teleangectasie rosse dopo la sclerosi. Nella maggior parte dei casi, queste teleangectasie scompaiono da sole entro pochi mesi..
  • Necrosi cutanea: si verifica quando una sostanza entra nei tessuti paravasali, arteriole cutanee. Una complicazione estremamente spiacevole, ma piuttosto rara. Molto spesso è associato a una tecnica errata per l'esecuzione della procedura..
  • Reazioni allergiche. Come la stragrande maggioranza dei farmaci, la formazione di sensibilizzazione del corpo è possibile per gli sclerosanti. I moderni farmaci per la scleroterapia non sono forti allergeni e le reazioni allergiche sono piuttosto rare.

Microscleroterapia cosmetica (sclerobliterazione) nel moderno centro di Smolensk

Il metodo di microscleroterapia è il gold standard per il trattamento delle teleangectasie nella moderna pratica flebologica europea, ha una minima invasività, non richiede gravi restrizioni ed è comodamente tollerato dai pazienti..

AA. Antipov è uno dei migliori scleroterapisti a Smolensk e in Russia

La microscleroterapia ben eseguita ha il miglior effetto cosmetico rispetto a qualsiasi altra tecnica per la rimozione delle teleangectasie e l'unica che elimina le vene varicose reticolari. Il metodo della scleroterapia estetica soddisfa i migliori standard europei di stato e occupa una posizione di primo piano nella risoluzione dei problemi venosi estetici nelle migliori cliniche flebologiche del mondo. Nell'innovativo centro flebologico di Smolensk, la microscleroterapia viene eseguita solo da maestri riconosciuti di questa tecnica, che hanno eseguito molte migliaia di procedure di successo.

Cos'è la scleroterapia?

Esistono molti trattamenti per le vene varicose. Alcuni comportano l'assunzione di farmaci, altri comportano l'uso di metodi invasivi. Questi ultimi sono attualmente abbastanza ben sviluppati. Un tipo popolare di intervento nel corso della malattia è la scleroterapia delle vene degli arti inferiori. Appartiene a tecniche minimamente invasive e pertanto merita un'attenzione particolare da parte della comunità medica..

Cos'è?

Una sessione di scleroterapia delle vene degli arti inferiori comporta l'introduzione di una sostanza speciale nella cavità della nave, dopo di che i suoi tessuti vengono sostituiti con fibre connettive più dense. Questo porta al restringimento e quindi all'incollaggio completo del lume della vena.

Inizialmente, sono stati utilizzati farmaci a base di scleroterapia a base acida. Tuttavia, oltre all'effetto desiderato, sono state notate anche molte complicazioni, che non hanno consentito un ulteriore utilizzo di tale composizione. Negli anni '50 del XX secolo, vi fu una scoperta significativa nel campo della flebologia: fu inventato un tetracil solfato sclerosante di alta qualità, che è ancora usato dai medici. Da allora, solo i metodi di introduzione della sostanza sono cambiati, l'attrezzatura è stata migliorata..

Indicazioni per la procedura

Non solo le vene varicose possono essere trattate con la scleroterapia. Questo metodo viene utilizzato per trattare le patologie dei vasi sanguigni e dei sistemi linfatici. Le indicazioni includono quanto segue:

  • piccoli emangiomi;
  • linfangiomi;
  • vene varicose della parte inferiore della gamba;
  • difetti visivi della pelle sotto forma di teleangectasie, vene del ragno;
  • aggiunta di trattamenti chirurgici e conservativi per migliorare l'effetto.

L'indicazione più comune per la scleroterapia è il grado iniziale di vene varicose, che si manifesta con la comparsa di "asterischi" vascolari, che a loro volta indicano la presenza di danni ai piccoli capillari superficiali. Un trattamento adeguato con farmaci, compressione e uso della scleroterapia può salvare completamente il paziente dalla malattia.

Quali farmaci vengono utilizzati

Come accennato in precedenza, inizialmente gli acidi venivano usati per trattare le vene varicose con il metodo di "incollaggio" delle vene. Gli sclerosanti che sono inerti al mezzo sanguigno vengono ora utilizzati. I dosaggi raccomandati praticamente non hanno un effetto negativo sul corpo umano. Tra i farmaci più popolari, vale la pena notare:

  • Soluzione allo 0,5% di polidacanolo o etossisclerolo: ha un debole effetto sclerosante, ma anche un rischio minimo di effetti collaterali. Adatto per il trattamento delle vene del ragno, manifestazioni varicose minori;
  • Fibrowein è un farmaco altamente attivo ampiamente utilizzato nei paesi europei. Tuttavia, oltre all'evidente effetto terapeutico, provoca una serie di complicazioni sotto forma di necrosi cutanea e cambiamenti nel suo colore;
  • Thrombovar è un rimedio che è rimasto nella storia della scleroterapia. Era considerato uno dei medicinali più efficaci, ma allo stesso tempo pericolosi per la salute umana..

Secondo il meccanismo d'azione, tutti gli sclerosanti sono suddivisi in detergenti, soluzioni osmotiche e agenti corrosivi. I primi sono considerati i più sicuri: distruggono le proteine ​​dello strato interno della nave in una frazione di secondo, provocando così il suo restringimento.

Le soluzioni osmotiche hanno un meccanismo più complesso. Danneggiano lo strato interno delle vene solo dopo un po '. Per questo, il medicinale deve rimanere nella cavità della nave per un lungo periodo, il che complica notevolmente la procedura..

I principali ingredienti attivi degli sclerosanti del meccanismo corrosivo sono composti di iodio e cromo. Dopo l'iniezione del farmaco nella vena, non solo lo strato endoteliale, ma anche lo strato muscolare della parete vascolare che lo segue viene distrutto: l'azione del farmaco è così aggressiva.

La scelta di uno strumento si basa sulla sua disponibilità, proprietà, qualità, nonché sulle preferenze individuali di uno specialista. Inoltre, solo un medico può rispondere a domande sulle caratteristiche distintive di ciascun medicinale..

Sui vantaggi e gli svantaggi del metodo

Come tutti i metodi medici, la scleroterapia delle vene degli arti inferiori presenta numerosi vantaggi e svantaggi. Delle qualità positive, si dovrebbe distinguere quanto segue:

  • bassa invasività, nessun segno di interferenza;
  • rischio minimo di effetti collaterali;
  • nessuna necessità di ricovero in ospedale;
  • periodo di riabilitazione a breve termine;
  • disponibilità del metodo;
  • painlessness;
  • non è necessario somministrare anestetici.

Tra le carenze si notano:

  • efficienza insufficiente;
  • frequente necessità di sessioni ripetute;
  • gamma ristretta di indicazioni;
  • la necessità di cambiamenti nello stile di vita dopo la procedura;
  • impossibilità di cancellare la droga, indossare biancheria intima a compressione.

In ogni caso, la scelta di un metodo per il trattamento delle vene varicose, compresa la scleroterapia, viene effettuata dal medico curante, a seconda delle caratteristiche individuali del paziente..

Tipi di procedure

A seconda dei materiali utilizzati, nonché del metodo di somministrazione della sostanza, la scleroterapia delle vene degli arti inferiori è suddivisa in diversi tipi:

1. Microfoam o indurimento a forma di schiuma. Una caratteristica distintiva di questo metodo è la forma del farmaco somministrato durante la procedura. Il prodotto si presenta come una schiuma a maglia fine, pur contenendo una quantità significativa del farmaco.

Allo stesso tempo, il rischio di effetti collaterali è minimo. Inoltre, la schiuma è chiaramente visibile sulla macchina ad ultrasuoni e pertanto è possibile controllare l'introduzione dello sclerosante. A causa del fatto che la schiuma ha un volume maggiore del solo agente disciolto, ne occorrerà meno per trattare una vena.

2. Microscleroterapia (utilizzata per eliminare le imperfezioni estetiche della pelle). La modalità d'azione consiste nell'introduzione di soluzioni terapeutiche nelle vene più piccole con gli aghi più sottili (3 mm di diametro). In una sessione, il medico esegue fino a 7 iniezioni direttamente nell'area della rete vascolare.

È possibile aumentare l'efficienza utilizzando la forma di schiuma dello sclerosante. Dopo la sessione, c'è gonfiore e arrossamento delle vene, ma queste manifestazioni presto scompaiono. Alla fine della procedura, le gambe sono fasciate con bende elastiche o calzata a compressione. Calze speciali dopo la microscleroterapia dovrebbero essere indossate per i prossimi 5-7 giorni.

3. Ecoscleroterapia (consente di ottenere un effetto duraturo dopo la procedura, anche nelle vene profonde). Il metodo consiste nell'uso di un'apparecchiatura ad ultrasuoni per il monitoraggio del farmaco iniettato. Il medico posiziona il sensore in modo che la vena colpita dalle vene varicose si trovi sotto. Dopo la penetrazione dell'ago nella cavità della nave, viene iniettato il medicinale (preferibilmente sotto forma di schiuma), quindi viene valutato il flusso sanguigno.

Quando il dosaggio dell'agente raggiunge il volume richiesto, il medico rimuove l'ago e preme il tessuto molle con il sensore per 30-40 secondi. La fine della procedura è una benda elastica delle gambe. L'ecoscleroterapia può essere classificata come trattamento radicale minimamente invasivo per le vene varicose. Con il suo aiuto, è possibile correggere il flusso sanguigno nel sistema di vene perforanti, vene safene e vasi nascosti in uno strato significativo di grasso sottocutaneo..

4. Sclerobliterazione del catetere (utilizzata nei casi in cui è necessario escludere i tronchi della vena safena piccola o grande dal flusso sanguigno). Per fare questo, un catetere speciale viene inserito nella cavità del vaso, lungo il quale si muove lo sclerosante.

Oltre al farmaco, nel lume viene installata una fascia elastica, che diventa possibile quando il catetere viene fatto avanzare lungo la lunghezza del tronco vascolare. Questo tipo di sclerobliterazione può far parte di un'operazione oppure può essere utilizzata separatamente. Lo svantaggio di questo metodo è l'elevata probabilità di ripristinare il flusso sanguigno precedente dopo la scleroterapia..

Passaggi preparatori necessari

Prima della scleroterapia, vengono eseguiti numerosi test di laboratorio e strumentali. Solo dopo che il medico ha effettuato una diagnosi accurata e determinato il grado della malattia, è possibile prescrivere uno o un altro tipo di indurimento venoso..

Il medico dice al paziente quanto tempo ci vorrà per indossare le calze a compressione dopo la procedura, nonché quale tipo di maglieria dovrebbe essere scelta in modo che il paziente prepari in anticipo le condizioni e i prodotti ortopedici. Pochi giorni prima dell'intervento, non fumare, bere alcolici, utilizzare prodotti che possono potenzialmente danneggiare la pelle delle gambe. In particolare, le donne sono ammonite contro la depilazione e la rasatura delle gambe..

La presenza di ferite sulla pelle è una controindicazione alla procedura..

Due settimane prima della procedura, i farmaci che influenzano il sistema di coagulazione del sangue vengono annullati: molto spesso, i pazienti usano farmaci a base di acido salicilico. Se il paziente dubita della necessità di rifiutare i farmaci, dovrebbe inoltre sottoporsi a una consultazione con uno specialista specializzato.

Fasi della procedura

Per il paziente, l'intervento è più semplice da trasferire quando è a conoscenza di tutte le complessità della procedura imminente. Pertanto, un buon medico ti dirà sempre come andrà e cosa dovrà fare il paziente:

  • prima di tutto, 2 ore prima della sessione, è necessario liberare le gambe dall'intimo modellante;
  • controllare la scansione a ultrasuoni e la marcatura dei siti di iniezione con un marker immediatamente precede l'inizio dell'intervento;
  • se stiamo parlando di teleangectasie, lo specialista esegue diverse (fino a 20) iniezioni del farmaco. Dovresti sapere che la comparsa di lividi dopo la scleroterapia di piccoli vasi è una cosa comune, quindi non aver paura;
  • se vengono trattati tronchi venosi più grandi, il medico stringe il vaso dilatato 3-4 cm sopra e sotto il sito dell'iniezione prevista, iniettando una piccola quantità di agente sclerosante. A questo punto, il paziente può avvertire una leggera sensazione di bruciore nella posizione della vena interessata;
  • quando lo sprarate viene fissato, l'ago viene rimosso e il sito di iniezione viene trattato;
  • al paziente viene chiesto di mantenere una posizione orizzontale per altri 10 minuti, mentre deve spostare l'articolazione della caviglia per portare la pressione nella vena al valore richiesto;
  • sempre dopo questa procedura, vengono applicate bende elastiche;
  • solo il medico curante può stabilire per quanto tempo indossare le calze compressive dopo l'intervento. Il termine standard è di 1 settimana. Un giorno dopo la sessione, è possibile rimuovere la biancheria intima modellante per la prima volta e lavare la gamba con acqua fresca e sapone (dopo di ciò, la compressione deve essere ripresa);
  • è indispensabile mantenere l'attività fisica durante l'intero periodo di trattamento: si consiglia di fare passeggiate giornaliere lunghe circa cinque chilometri.

È importante ricordare che una procedura non è sempre sufficiente per ottenere l'effetto desiderato. Dopo 1-2 settimane, il medico può suggerire una seconda sessione. Di solito, la scleroterapia delle vene degli arti inferiori viene eseguita 5-6 volte (il risultato visibile appare 3-7 settimane dopo l'intervento).

A chi non dovrebbe essere dato lo sclerosante?

Come qualsiasi altra procedura medica, il trattamento delle vene varicose con la scleroterapia ha una serie di controindicazioni. Questi includono:

  • una storia di reazioni allergiche ai farmaci, un'allergia specifica ai componenti dello sclerosante;
  • trombosi di tronchi venosi profondi;
  • tromboflebite di tronchi venosi superficiali;
  • stadi acuti di malattie infettive;
  • stadi di scompenso delle patologie croniche;
  • gravidanza, allattamento al seno;
  • mancanza di visualizzazione delle vene.

Oltre a queste controindicazioni (assolute), ci sono ancora circostanze che possono limitare l'uso del trattamento della scleroterapia. Questi includono:

  • pianificare la gravidanza;
  • assunzione di farmaci ormonali;
  • obesità;
  • mobilità limitata del paziente, nonché le caratteristiche del suo stile di vita;
  • anomalie nello sviluppo del sistema cardiovascolare;
  • alta temperatura dell'aria, calore;
  • aterosclerosi;
  • trattamento dell'alcolismo nella storia;
  • leggerezza psicologica del paziente.

Il medico dovrebbe discutere con il paziente tutti i possibili rischi, spiegare l'essenza dell'intervento, nonché i suoi effetti. Solo in questo caso, puoi iniziare il trattamento..

complicazioni

Degli effetti collaterali dopo la scleroterapia, si possono distinguere i seguenti:

  • reazione allergica;
  • gonfiore dell'arto;
  • trombosi venosa;
  • forte dolore alla vena;
  • vertigini, svenimento;
  • danno accidentale a nervi e arterie a causa di errore medico;
  • tromboflebite;
  • iperpigmentazione del sito di iniezione (lividi);
  • necrosi della pelle e dei tessuti circostanti;
  • disfunzione respiratoria;
  • colpi;
  • una sensazione di oppressione nella vena quando viene premuto dopo la tecnica del catetere.

Tutte le complicazioni sono rare. Di norma, si presentano a causa di un esame insufficiente del paziente o dell'inesperienza del medico. Alcuni effetti collaterali sono soggetti a eliminazione e follow-up urgenti, mentre altri non richiedono un trattamento aggiuntivo.

Ad esempio, come accennato in precedenza, i lividi appaiono spesso dopo la procedura. Ciò è dovuto al danneggiamento di piccoli vasi e tessuti molli. Questo difetto si verifica immediatamente dopo l'intervento e può persistere per diversi giorni. Tuttavia, i lividi gradualmente diventano pallidi e scompaiono da soli..

Periodo di recupero

La durata della riabilitazione dipende dal metodo di esecuzione della procedura, dalla professionalità del medico e dalla presenza di patologie concomitanti nel paziente. Immediatamente dopo la procedura, il paziente indossa un indumento a compressione, che stringe le vene per i prossimi giorni 24 ore su 24. Una settimana dopo, viene indossato solo durante il giorno..

Si consigliano passeggiate lente. È vietato sedersi, stare in piedi a lungo.

Anche lo sport, inclusa la forma fisica, è nell'elenco delle restrizioni: ciò può provocare lo sviluppo di complicanze e forse una ricaduta delle vene varicose.

FAQ

Che è meglio: esposizione laser o iniezione sclerosante?

Ogni paziente deve scegliere la procedura appropriata individualmente. A seconda della gravità della patologia, delle complicanze, delle malattie concomitanti e del costo delle procedure mediche, al paziente verrà offerta la migliore opzione di trattamento.

Quando bere alcolici?

Dopo il completamento del trattamento, dovresti aderire a uno stile di vita sano. L'alcol ha un effetto dannoso sul letto vascolare. La sua presenza nel corpo può provocare lo sviluppo di una ricaduta, a causa della quale tutti gli sforzi spesi saranno vani. Pertanto, è meglio abbandonare completamente l'uso di bevande alcoliche..

Le donne in gravidanza possono essere curate?

La gravidanza e la sua pianificazione sono tra le controindicazioni per la somministrazione di sclerosanti. Durante questo periodo, il corpo della donna subisce cambiamenti significativi: gli ormoni vengono ricostruiti per "proteggere" il feto. Sfortunatamente, questo influisce anche sulle vene (è in questo momento che sono più indebolite).

La scleroterapia sarà inefficace durante il periodo di gestazione. Inoltre, i preparati contengono alcoli nella loro composizione: le sostanze entrano nel flusso sanguigno e quindi nella placenta e quindi hanno un effetto distruttivo sul feto.

Quando aspettarsi il risultato?

A seconda della gravità della malattia, la durata degli effetti desiderati visibili varia da 2-9 mesi. Le donne che vogliono liberarsi della "maglia" vascolare dovrebbero pensare al trattamento in autunno per avere una bella pelle delle gambe in estate.

Perché dopo la procedura sono comparse nuove "stelle"??

Una delle complicazioni tardive sono le telaniectasie ricorrenti. Appaiono 2-4 settimane dopo la somministrazione del farmaco. Molto spesso, un tale effetto collaterale si sviluppa nelle donne che assumono contraccettivi ormonali, estremamente raramente (solo nel 2-3% dei casi in altri pazienti). Nei prossimi 3-5 mesi, le stelle scompaiono da sole se vengono seguite le raccomandazioni del medico.

La scleroterapia è dannosa?

In determinate situazioni, è pericoloso intervenire. Questi rischi sono tra le controindicazioni. Naturalmente, in questi casi, l'uso di questo metodo sarà pericoloso. Per altri pazienti, la scelta della tecnica più innocua per la somministrazione di sclerosanti è determinata dal medico curante individualmente.

È possibile praticare sport dopo la procedura?

Durante il periodo di riabilitazione, è necessario interrompere l'esercizio..

Quando posso fare un bagno dopo una sessione?

Il giorno dopo l'intervento, puoi irrigare l'arto malato con acqua calda. I bagni caldi per le vene varicose sono vietati al fine di prevenire ricadute e deterioramento delle condizioni del paziente. Dopo 1,5-2 mesi dall'ultima sessione, puoi fare un bagno a temperatura moderata (non superiore a 40 gradi).

Quanto costa un corso di trattamento??

I prezzi per la somministrazione di farmaci differiscono significativamente in diverse città, cliniche. Il punto chiave nella determinazione del costo della procedura è la sua complessità, il nome del farmaco, la sua quantità. Quindi, per la scleroterapia con schiuma, in media, devi pagare 15 mila rubli, per 1 fiala di un classico farmaco per microscleroterapia - 4 mila rubli. Le offerte di sconto delle cliniche sono possibili per il pagamento dell'intero ciclo di trattamento in una sola volta (3-6 sessioni). Il prezzo di un tale complesso inizia a 50 mila rubli.

Leggi Trombosi Venosa