Come trattare le emorroidi esterne

Le emorroidi esterne sono caratterizzate dalla comparsa di nodi all'esterno dell'ano. Richiede cure mediche immediate quando vengono rilevati i primi segni. La mancanza di trattamento per i nodi esterni con emorroidi può portare ad avvelenamento del sangue generale e altre gravi conseguenze per gli organi vitali di una persona.

Caratteristiche delle emorroidi esterne

Il motivo principale per la comparsa di patologia è l'insufficienza delle valvole vascolari, che assicurano un flusso sanguigno ottimale attraverso le vene. Questa è principalmente una predisposizione genetica, meno spesso - acquisita. Nelle persone con deflusso sanguigno compromesso, si formano forme di ristagno nelle vene, di conseguenza, le pareti dei vasi si assottigliano, il loro lume si espande, si formano nodi, che in medicina sono chiamati allargamenti locali simili all'aneurisma.

La formazione di emorroidi è facilitata da tutti i fattori che aumentano il livello di circolazione del sangue nel corpo, portando a una violazione del suo deflusso dalle vene del plesso esterno dell'intestino e provocando un aumento della pressione intra-addominale. It:

  • stile di vita sedentario;
  • stipsi;

Con le emorroidi esterne, i nodi sono localizzati all'esterno dell'ano e sono ricoperti di pelle, in contrasto con quelli che cadono con la forma interna della malattia, che ha una mucosa.

Sintomi della malattia

La comparsa di emorroidi esterne è accompagnata dai seguenti sintomi:

  • doloroso prurito e bruciore nell'area dello sfintere;
  • lieve sanguinamento dopo lo svuotamento;
  • ragadi anali.

Quando la malattia peggiora, le emorroidi si infiammano e si gonfiano, aumentano di dimensioni e acquisiscono un colore bluastro-viola. Questo processo è accompagnato da dolore acuto..

Non è difficile diagnosticare la malattia, le emorroidi sono chiaramente visibili visivamente e si sentono alla palpazione. Nonostante ciò, non dovresti auto-medicare e rimandare una visita a un coloproctologo, la patologia può diventare cronica e ha un impressionante elenco di possibili complicanze.

Farmacoterapia delle emorroidi esterne

Negli stadi 1 e 2 della patologia, di norma, viene prescritto un trattamento conservativo, la cui base è l'eliminazione e la prevenzione dei processi infiammatori, la normalizzazione della circolazione sanguigna nel retto, un aumento del tono delle pareti venose.

Il regime di farmacoterapia dipende dalle caratteristiche individuali dell'organismo, dal quadro clinico generale della patologia. È compilato da un coloproctologo e comprende i seguenti passaggi:

  1. Rimozione della sindrome del dolore. I farmaci spasmolitici sono usati sotto forma di gel e unguenti. Le medicine più popolari sono Ultraproct, Aurobin, Procto-Glivenol, Nefluan ed Emla. Gli analgesici narcotici, che aumentano il tono dello sfintere e portano a complicazioni durante i movimenti intestinali, dovrebbero essere evitati.
  2. Terapia antinfiammatoria La base di questa parte del trattamento sono i glucocorticosteroidi, farmaci ormonali ad azione rapida che hanno un effetto vasocostrittore e antiallergico: riducono il prurito e il bruciore. I principali farmaci sono Prednisolone, Proctosedil, Ultraproct. In presenza di infezioni virali e fungine del retto, vengono trattati con farmaci non steroidei - Ketoprofene, Diclofenac, Indometacina.
  3. Eliminazione della trombosi. In questo caso, specialmente durante i periodi di infiammazione dei nodi, il trattamento viene effettuato con farmaci combinati, che contengono sostanze trombolitiche, antinfiammatorie e antispasmodiche. Tali proprietà sono possedute dai farmaci Gepatrombin G e Procto-Glivenol, che vengono prodotti sotto forma di gel e unguenti. Nel trattamento vengono utilizzati anticoagulanti, farmaci che riducono l'attività della coagulazione del sangue e prevengono la formazione di coaguli di sangue: pomate Nigepan, eparina e troxevasina.
  4. Infiammazione del tessuto sottocutaneo. Questo fenomeno si osserva nel 70% dei pazienti, in tali casi, durante il trattamento, i farmaci contenenti eparina sono combinati con unguenti idrosolubili - Mafenid, Levomekol.
  5. Aumentando il tono venoso, accelerando la microcircolazione nei tessuti e normalizzando il flusso sanguigno nei vasi del plesso cavernoso. Il trattamento viene effettuato con farmaci flebotropici, questi sono: Detralex, Tribenoside, Troxerutin, Endothelon.
  6. Facilitare i movimenti intestinali. Per raggiungere questo obiettivo, nel trattamento vengono utilizzati lassativi osmotici, i farmaci principali sono Macrogol, Lattulosio, Psillio. Bene rilassare lo sfintere interno degli unguenti del retto a base di nitroglicerina.

Il trattamento conservativo è efficace per le emorroidi esterne di gravità lieve e moderata, è indicato anche per tutte le forme di patologia durante la gravidanza o nei casi in cui l'intervento chirurgico è impossibile per un motivo individuale.

Trattamenti minimamente invasivi

Nelle prime 3 fasi, oltre al trattamento farmacologico, vengono utilizzati metodi mini-invasivi per la rimozione delle emorroidi. Le procedure sono caratterizzate da un trauma minimo ai tessuti circostanti, questi sono:

  1. Fotocoagulazione a infrarossi. Durante questa procedura, i raggi infrarossi vengono applicati alla gamba dell'emorroide, questo porta a danni ai vasi che gli forniscono l'apporto di sangue e dopo un po 'muore.
  2. Criodistruzione. La base di questo metodo è il congelamento dell'emorroidi con azoto liquido. Con una forte e breve esposizione alla bassa temperatura, i tessuti del nodo muoiono e dopo 2-3 settimane vengono respinti.
  3. Scleroterapia. Gli sclerosanti vengono iniettati nei vasi che forniscono il nodo emorroidario - sostanze che riempiono il loro lume e fermano la nutrizione dei tessuti, che porta alla morte della formazione patologica.

Le procedure mini-invasive vengono eseguite in 10-15 minuti, hanno un breve periodo di riabilitazione (non più di 2 settimane) e non richiedono il ricovero in ospedale del paziente.

Chirurgia

L'assenza o il metodo di trattamento selezionato in modo errato porta al fatto che la malattia entra nella fase 4. Durante questo periodo, la patologia è caratterizzata da trombosi acuta di emorroidi. La qualità della vita del paziente è significativamente ridotta, sperimenta dolore insopportabile e prolungato, grave disagio in posizione seduta e durante i movimenti intestinali, spesso perde la sua capacità di lavorare.

In questa fase, viene mostrata la rimozione delle emorroidi, che, a seconda del quadro clinico, viene eseguita in due modi:

  1. Trombectomia. Il metodo è indicato in presenza di grandi nodi trombosi. L'operazione viene eseguita in anestesia locale e non richiede il ricovero in ospedale del paziente. Dopo aver rimosso il trombo, rimane una piccola ferita di 0,5 cm, che guarisce in 4 giorni. La trombectomia fornisce un rapido sollievo delle condizioni del paziente, ma lascia il rischio di trombosi ricorrente sui nodi adiacenti.
  2. Emorroidectomia. È usato per frequenti esacerbazioni di emorroidi esterne; durante l'operazione, il nodo stesso viene rimosso. Il periodo di riabilitazione è caratterizzato da dolore acuto, per il quale sono prescritti creme con nitroglicerina.

L'uso di un metodo radicale nel trattamento delle emorroidi esterne non è una panacea al 100%. Ignorare la dieta, l'attività fisica e lo stile di vita raccomandati porta al fatto che 1/3 dei pazienti ha di nuovo la malattia..

Trattamenti non convenzionali

Per il trattamento delle emorroidi esterne nella medicina popolare, vengono utilizzate erbe, prodotti delle api, verdure e minerali: venotonici naturali, antibiotici e antisettici. Le medicine fatte secondo le ricette popolari non dovrebbero essere un metodo di terapia indipendente. Sono intesi solo a migliorare il trattamento di base prescritto dal coloproctologo.

Decotti e infusi

Nelle prime fasi della malattia, sono ampiamente utilizzati medicinali dalle piante, che hanno proprietà antinfiammatorie, emostatiche e analgesiche:

  • L'highlander è buono. L'erba secca (2 cucchiaini) viene versata con acqua bollente (0,5 l) e cotta a vapore con un bagno d'acqua per 20 minuti. Insistere per 2 ore, filtrare e raffreddare. L'infusione viene presa in 100 ml 3 volte al giorno mezz'ora prima dei pasti. È possibile effettuare applicazioni utilizzando dischi di garza imbevuti di brodo, direttamente sulle emorroidi.
  • Cime di carote. Le materie prime vengono utilizzate appena raccolte e preparate come tè al ritmo di 40 g per 1 litro di acqua. È preso ogni giorno, 3 volte 200 ml. Il corso del trattamento dura almeno 2 settimane. Yarrow. Le materie prime secche (15 g) vengono versate con acqua bollente (250 ml) e infuse in un thermos per 1 ora. L'infusione viene filtrata e consumata 3 volte al giorno, 50 ml per 10 giorni.
  • Foglie di lampone Le materie prime (2 cucchiai. L.) vengono messe a nudo in acqua bollente (200 ml) per 30 minuti. Prendi 80 ml 3 volte al giorno per 14 giorni.

Le piante sono venotoniche naturali:

  • Ippocastano. I semi di piante schiacciate (50 g) vengono versati con alcool al 50% (250 ml) e conservati per 14 giorni. Per la somministrazione orale, sciogliere 35 gocce di tintura in 100 ml di acqua filtrata e assumere 3 volte al giorno..
  • Nocciola. Foglie secche schiacciate di una pianta (2 cucchiai. L.) Insistere in acqua bollente (0,5 l) per 2 ore. Assumere 4 volte al giorno, 100 ml.

I farmaci venotonici tradizionali vengono assunti mezz'ora prima dei pasti, si raccomanda un ciclo continuo di trattamento - almeno 10 giorni.

Lozioni per emorroidi esterne

Si raccomanda di trattare le emorroidi esterne con lozioni. Per queste procedure, avrai bisogno di un tampone di garza, che viene inumidito in una sostanza attiva, può essere:

  • succo di cipolla,
  • Catrame di betulla,
  • miele di tiglio,
  • succo di aloe;
  • catrame di betulla, diluito con acqua da 1 a 1;
  • decotto medicinale alla camomilla;
  • brodo di calendula.

Le lozioni vengono fatte prima di coricarsi, lasciando la medicina al lavoro fino al mattino.

Il grave gonfiore delle emorroidi può essere rimosso con burro di cacao, che viene applicato sull'area problematica per 2 ore. Una lozione fredda a base di cetriolo fresco precedentemente conservato in frigorifero allevia rapidamente il dolore e il sanguinamento.

Unguenti a base di antibiotici naturali, venotonici e antisettici

Gli unguenti preparati secondo ricette popolari, come i preparati farmacologici, penetrano facilmente nei tessuti, hanno un effetto rapido e mirato sulle aree interessate. Sono preparati sulla base di grassi vegetali e animali, che esclude le screpolature della pelle nella zona anorettale e danni alle pareti venose.

Diverse ricette per unguenti comprovati:

  1. La tintura di calendula (50%) viene miscelata con burro morbido in un rapporto da 1 a 5.
  2. Miele (1 cucchiaio. L.) E propoli schiacciata (10 g) vengono miscelati fino a che liscio. La cera d'api (50 g) e l'olio vegetale (50 g) vengono fatti bollire in una ciotola di smalto e raffreddati. Le due composizioni sono combinate in un contenitore di vetro. L'unguento viene conservato in frigorifero.
  3. Vaselina di boro (1 cucchiaio. L.), Snuff (1 pizzico), miele (1 cucchiaio. L.), Burro (1 cucchiaio. L.) Sono accuratamente miscelati in un contenitore di vetro. In presenza di crepe sanguinanti, puoi aggiungere una compressa di streptocide in polvere alla composizione.

L'uso dell'unguento sarà più efficace se, prima della procedura, fai un bagno caldo con erbe medicinali o douching con soluzione di furacilina.

Bagni curativi per emorroidi esterne

I bagni freddi hanno un buon effetto antispasmodico e tonico, che influenzano l'area dell'ano per 5 minuti. Tali procedure sono raccomandate 2 volte al giorno..

Ai bagni caldi si aggiungono aglio tritato, bucce di cipolla o decotti alle erbe: calamo, calendula, camomilla, salvia. Il bagno viene fatto prima del raffreddamento dell'acqua, il ciclo di trattamento raccomandato è di almeno 10 procedure.

I bagni di fumo sono procedure ben collaudate e popolari nella terapia popolare. Questo metodo richiede un contenitore di metallo o di legno con un foro di 5 cm di diametro. L'essenza della procedura è l'effetto del fumo con proprietà curative. Per fare questo, metti un mattone rovente nel contenitore e cospargilo con una sostanza attiva, questi sono:

Durante i bagni di fumo, il paziente è avvolto fino alla vita. Si consiglia di eseguire 10 procedure con una frequenza a giorni alterni.

Si raccomanda di trattare le emorroidi esterne in combinazione con una dieta speciale. In questo momento, gli alimenti ricchi di fibre e stimolanti del tratto intestinale vengono introdotti nella dieta. Gli alimenti che possono provocare stitichezza dovrebbero essere evitati.

Diagnostica ed elenco dei metodi di trattamento delle emorroidi esterne

Ippocrate scrisse delle emorroidi, quindi, naturalmente, questa malattia non può essere definita l'acquisizione di un modo di vivere moderno. Le statistiche assicurano che almeno il 20% di tutte le persone sul pianeta soffre di questa malattia e se aggiungiamo a questi dati quei pazienti che non vanno dal medico, i numeri saranno almeno il doppio.

La malattia emorroidaria non sceglie il genere, l'età, lo stato - anche i bambini possono ammalarsi. Ma più spesso la malattia colpisce entrambi i sessi oltre i quaranta. Le emorroidi esterne indicano le vene varicose in particolare del plesso emorroidario esterno, situato sotto la cute del perineo vicino alla linea dentata del canale rettale.

Cause di patologia

In proctologia, è consuetudine distinguere tra emorroidi esterne (o sottocutanee) e interne (o sottomucose). Nell'intera struttura della patologia, le emorroidi esterne rappresentano il 35-42 percento dei casi. La malattia colpisce più spesso gli uomini: hanno emorroidi all'età di circa 35 anni+.

Questa patologia può essere spiegata dalla natura congenita della malattia o dalla distrofia acquisita delle pareti venose. Se il deflusso è compromesso, il sangue ristagna, a seguito del quale i corpi cavernosi si espandono e iniziano le deformità iperplastiche in essi.

Se i corpi cavernosi si espandono in modo significativo, l'aspetto meccanico funzionerà - l'indebolimento attende il muscolo longitudinale del retto stesso. Perderà semplicemente la capacità di trattenere i noduli e si gonfieranno ancora più sottocutaneamente nell'area interessata..

Ciò che contribuisce a questa patologia:

  • L'eredità è il momento più importante nello sviluppo della malattia, ma non è ancora decisivo, con il corretto stile di vita di una persona, il fattore genetico non prevarrà;
  • La costipazione persistente è davvero un grosso problema, più a lungo ti siedi sul water, più peggiora la condizione del flusso sanguigno nella piccola pelvi e la mucosa intestinale è irritata;
  • Gravidanza e parto difficile - le emorroidi sono spesso diagnosticate a causa di queste circostanze gioiose, perché se la donna incinta ha sintomi di emorroidi esterne, è necessario essere trattate senza indugio;
  • Uno stile di vita con una mancanza di attività fisica - questo si oppone anche al buon funzionamento del corpo con la normale circolazione sanguigna;
  • Nutrizione impropria: se si abusano di cibi che contengono piccante, salato, affumicato, si espone anche il tratto digestivo all'irritazione, che aumenta solo il rischio di sviluppare emorroidi.

Devo dire che l'adesione all'alcol aumenta anche la probabilità di sviluppare deformità vascolari. Non è un caso che la malattia sia chiamata diagnosi professionale di caricatori, sollevatori di pesi, impiegati, conducenti.

Sintomi di emorroidi localizzate esternamente

Con la localizzazione esterna del problema, il paziente può notarlo quando appare un disagio nell'anello anale. Ciò può essere associato allo svuotamento dell'intestino, ma più spesso si verifica ancora spontaneamente. Il dolore può provocare seduta prolungata, in piedi, starnuti, sforzo fisico. Le sensazioni negative sono spesso esacerbate da starnuti o tosse, salto o corsa. L'intensità di questo dolore è diversa: lieve disagio, dolore palpabile o persino sensazioni insopportabili con nodi trombosi.

Oltre al dolore, i pazienti possono lamentare prurito, bruciore e distensione insopportabili nell'area anale.

Ma il primo sintomo che di solito il paziente corregge è il sangue:

  1. Con la localizzazione esterna, il sanguinamento rettale è meno comune rispetto a quello interno e non sono così voluminosi;
  2. Il sangue non si trova nelle feci, ma sulla carta igienica, sulla biancheria intima, su un asciugamano;
  3. A volte si vedono strisce di sangue sopra le feci.

Potrebbe non esserci affatto sangue, ma la malattia non si sviluppa senza alcun segno. Di solito, il paziente stesso è in grado di tentare formazioni minime nell'ano. Queste formazioni assomigliano a protuberanze e sono spesso dolorose. Se i noduli sono notevolmente ingranditi, il paziente può sentire un oggetto estraneo nell'ano (ovviamente, non c'è nulla di estraneo, ma i nodi creano una percezione così ingannevole). A volte con grave infiammazione dei nodi, il dolore cresce, come la temperatura..

Fasi della malattia

Questa patologia si sviluppa in più fasi: la malattia ha tre fasi in totale (a meno che, ovviamente, non sia stata fermata in tempo). Nella prima fase si riscontrano dolore e disagio - in particolare, questo si nota dopo un movimento intestinale o una festa violenta. All'esame, verrà trovato un denso nodulo allargato, succede che si nota il gonfiore.

Al secondo stadio, i sintomi diventano più forti: la pelle nell'area del nodo diventa rossa, anche l'edema diventa più pronunciato. A causa del dolore, il medico in questa fase non può eseguire un esame digitale..

Nella terza fase della malattia, l'infiammazione passa al tessuto sottocutaneo e alle aree vicine. Se il proctologo palpa il nodo, il paziente è molto doloroso, il dolore è acuto e acuto. La pelle sopra il nodo infiammato diventa più chiara con una cianosi evidente. Il medico indaga una formazione densa con infiltrato circostante, anche le zone necrotiche vengono rivelate.

Misure diagnostiche: emorroidi esterne

Questa diagnosi può essere fatta da un medico durante un esame iniziale di routine. Vicino all'ano, fissa piccoli sigilli speciali: a volte cadono dall'esterno, proprio come i dossi. A volte si sentono solo sotto la pelle. I ciuffi bluastri a volte saranno un marker di trombosi, che parla già di emorroidi complicate. Premendo fermamente sul nodo stesso, la persona sentirà dolore. Se il problema peggiora, l'edema si forma intorno alla zona perianale, la pelle diventa rossa.

  • Anoscopia e retromanoscopia - con l'aiuto di questi dispositivi, viene eseguito un esame strumentale del retto, che consente di escludere la forma interna di emorroidi con espansione nodulare e conseguente perdita di coni;
  • Colonscopia: esamina le condizioni del colon e fornisce informazioni più complete rispetto ai metodi di cui sopra;
  • Irrigoscopia: esame a raggi X con clistere di contrasto;
  • Angiografia: viene eseguita durante il fissaggio del sanguinamento al fine di rilevare la sua fonte.

Se il medico vede la necessità, prescriverà al paziente e un'ecografia del canale rettale: questo esame consente di visualizzare le deformità dei corpi venosi e delle vene adiacenti.

Tutti i metodi di laboratorio per la diagnosi delle emorroidi esterne non saranno informativi..

L'UCK consentirà di valutare i segni infiammatori esistenti: il livello di ESR e la conta dei leucociti è in aumento. Se la storia della malattia ha raggiunto la trombosi, i dati nel coagulogramma possono cambiare.

Trattamento delle emorroidi esterne: principi generali

Come trattare le emorroidi esterne dovrebbe essere determinato dal coloproctologo. I metodi conservativi sono puramente sintomatici. Ma i metodi medici non portano alla completa guarigione. I medici di solito prescrivono unguenti non steroidei al paziente, a volte sono combinati con formulazioni ormonali (se i sintomi sono significativamente pronunciati). Possono alleviare gonfiore, dolore e sentimenti negativi. I pazienti devono inoltre attenersi a una dieta speciale, cambiare stile di vita, rifiutare di sollevare pesi.

Se il medico corregge la trombosi, il paziente dovrà assumere anticoagulanti. Se la trombosi viene rilevata in modo tempestivo, i trombolitici daranno il risultato. Ma se un tale programma non ha dato risultati, il coagulo di sangue dovrà essere rimosso chirurgicamente. Il medico taglierà il nodo con un bisturi e rimuoverà il coagulo di sangue. Questa manipolazione è considerata minimamente invasiva, non sono necessarie condizioni stazionarie.

Sicuramente un trattamento completo delle emorroidi esterne è la rimozione di nodi deformati. Questa tecnica consentirà a un paziente di essere curato a lungo (o anche per sempre). Le emorroidi esterne vengono eliminate in anestesia locale, cioè non è necessario il ricovero in ospedale del paziente.

Unguenti per emorroidi esterne

Uno dei rimedi per le emorroidi esterne è unguenti. Questi sono medicinali a base di grassi sintetici e naturali. Gli unguenti guariscono rapidamente le ferite, smettono di sanguinare, alleviano il gonfiore e creano uno speciale film protettivo sulla pelle. I mezzi hanno effetti diversi: alleviano il dolore, si rigenerano, alleviano l'infiammazione.

Unguenti popolari per emorroidi esterne:

  1. Levomekol. Questo è un unguento economico con l'antibiotico cloramfenicolo, che aiuta attivamente con vari tipi di infiammazione. Cura le crepe profonde, riduce il gonfiore e previene la suppurazione. Utilizzare il prodotto sia per lo sfregamento che per le applicazioni. Esistono poche controindicazioni per tale trattamento. Applicare l'unguento in corsi di cinque giorni a intervalli.
  2. Unguento di Vishnevsky. Questa è una semplice medicina naturale a base di xeroform, catrame di betulla e normale olio di ricino. Guarisce rapidamente graffi e ferite, disinfetta e può essere noto per le sue proprietà anti-infiammatorie. L'unguento guarirà se lo usi sotto forma di impacchi: la composizione viene applicata ai dossi infiammati, coprendo la lesione con un film plastico. L'impacco dura di solito 2-3 ore o non lo rimuove tutta la notte.
  3. Unguento eparina. Questo farmaco è rilevante per il gonfiore grave. Non consente lo sviluppo dell'infiammazione, aiuta anche con le emorroidi localizzate internamente. La composizione viene sfregata nell'ano, ma non viene iniettata all'interno. Il corso della terapia dura da una a due settimane e mezzo.
  4. Hepatrombin G. Questo unguento è composto da eparina e prednisolone. Ti consente di ridurre i nodi sporgenti di diametro. L'unguento tonifica i vasi sanguigni, rende le loro pareti più forti allo stesso tempo e migliora il flusso sanguigno. Riduce il dolore, previene la formazione di infiammazione e microtrauma. Il farmaco viene generalmente strofinato sulla pelle stessa e in protuberanze palpabili.

Il farmaco non può essere utilizzato se il paziente ha gravi patologie del tratto gastrointestinale.

L'unguento non è l'unico modo per trattare le emorroidi esterne. Questo è un farmaco locale, i cui componenti non entrano nella circolazione sistemica. Pertanto, gli unguenti sono spesso prescritti alle donne in gravidanza e ai pazienti che, ad esempio, non possono assumere pillole. E anche, a proposito, partecipano alla correzione sintomatica dello stato delle emorroidi esterne.

Compresse ed emorroidi esterne

Il regime individuale comprende compresse o capsule assunte per via orale. Questi farmaci ottimizzano il flusso sanguigno, prevengono l'infiammazione e la crescita dei grumi. Le compresse sono ben compatibili con i prodotti farmaceutici locali.

Spesso il medico prescrive ai pazienti:

  • Detralex. Queste compresse migliorano le condizioni della rete vascolare, ne prevengono la deformazione. Lo strumento funziona delicatamente, ma anche efficacemente. È usato in diverse fasi della malattia. Dopo un corso di due settimane, il nodulo emorroidario esterno diminuisce leggermente (e talvolta in modo significativo). Ma tali pillole non dovrebbero essere bevute da persone con diabete mellito, con malattie autoimmuni e con intolleranza individuale.
  • Diclofenac. Il prodotto ha un pronunciato effetto analgesico, riduce la febbre e riduce l'infiammazione. Le compresse non devono essere bevute per malattie dell'apparato digerente e formazioni maligne.
  • Lachesi. Questa è una nota preparazione omeopatica, basata sull'estratto di un serpente a sonagli, non importa quanto possa sembrare spaventoso. Allevia efficacemente l'infiammazione e il gonfiore, allevia la febbre, allevia il dolore e guarisce le ferite. Il paziente usa 6-7 granuli al giorno, li dissolve fino alla dissoluzione. Il corso dura circa 3 settimane.

Nel trattamento delle emorroidi esterne, anche le supposte di inserimento sono efficaci. Più spesso sono ancora presi per il trattamento dei nodi interni, ma sono anche utili nel decorso esterno della malattia. Il fatto è che quando disciolti nel retto, i componenti contenenti grasso perdono dall'ano e hanno un effetto positivo sulla pelle circostante e, naturalmente, sui dossi sporgenti. Per la guarigione delle ferite, le candele Prostopin (su miele e cera) e le candele Olestezin (sull'olio di olivello spinoso) possono essere adatte al paziente.

Le emorroidi esterne possono essere curate rapidamente?

I pazienti si chiedono quanto tempo impiegano le emorroidi esterne per guarire. In effetti, una rapida soluzione a un problema comporta solo un'operazione. Ma se per qualche motivo non hai ancora deciso un intervento cardinale, in alcuni casi al paziente vengono somministrate iniezioni con anestetici. Se al paziente viene somministrata un'iniezione di novocaina o lidocaina, l'attacco acuto verrà interrotto rapidamente.

Con un'infiammazione estesa, al paziente verrà raccomandata la terapia antibiotica. Ma queste misure non rispondono alla domanda su come curare le emorroidi esterne, aiutano solo ad alleviare urgentemente i sintomi. Tuttavia il trattamento sintomatico funziona, come si suol dire, per il momento. Dovremo decidere misure drastiche per correggere la situazione.

Tecnologie di rimozione dei nodi minimamente invasive

Queste tecniche possono essere chiamate trattamenti non chirurgici. La chirurgia classica è l'anestesia, il tavolo operatorio e il recupero a lungo termine. Ma le tecniche minimamente invasive sono paragonabili a quelle del dentista. L'anestesia locale non è sempre necessaria, la procedura non richiede molto tempo, il paziente recupera rapidamente.

Caratteristiche di tali mini-operazioni:

  1. Sono fatti con un danno insignificante ai tessuti che circondano i nodi;
  2. L'intera azione non richiede più di 30-35 minuti;
  3. L'anestesia locale è possibile, ma non sempre necessaria;
  4. I pazienti non sentono dolore e si trovano letteralmente a casa un paio d'ore dopo il mini-intervento chirurgico;
  5. Dopo un tale intervento, la minaccia di cicatrici e deformazioni delle strutture del muco-tessuto del retto è estremamente piccola;
  6. I tecnici hanno alcune limitazioni;
  7. Tali tecniche funzionano nelle fasi 1-3 della malattia..

Come rimuovere le emorroidi esterne, decide il medico - è lui che sceglie il metodo di correzione terapeutica. La coagulazione laser è considerata uno di questi metodi..

Opinione dei proctologi: il modo migliore per rimuovere i noduli esterni

Molti pazienti sono davvero sorpresi che supposte e unguenti allevino bene i sintomi, ma ancora non rimuovono gli stessi urti esterni. Ma quando ti causano inconvenienti, c'è solo un modo per perderli: rimuoverli chirurgicamente.

I nodi esterni possono essere effettivamente rimossi:

  • Laser;
  • Surgitron (apparecchi a onde radio);
  • Coagulatore (coltello elettrochirurgico speciale);
  • Con un bisturi tradizionale;
  • Forbici chirurgiche.

Queste opzioni sono solo uno strumento che i medici usano per asportare i nodi. Qualunque modo scegliate, dopo l'escissione, si forma una piccola ferita nel sito del nodo. Non ci saranno punti, ma la ferita guarisce ancora in circa tre settimane.

Laser in pratica proctologica

Il laser è davvero utilizzato attivamente in proctologia. È in grado di concentrare l'energia termica nella più piccola area di impatto e di controllarne la profondità. Il modo principale di funzionamento del laser è l'influenza di un raggio ad alta temperatura con un'accuratezza unica sull'oggetto richiesto.

Cosa offre il trattamento laser:

  1. Effetto di taglio: i tessuti vengono distrutti rigorosamente nel posto giusto;
  2. Ustione asettica;
  3. cicatrici;
  4. Necrosi tissutale appositamente delineata con un aumento di quest'area del tessuto connettivo;
  5. Sigillatura delle navi richieste;
  6. Rottura delle radici nervose;
  7. Sterilizzazione dell'area danneggiata.

Possiamo dire che un raggio laser in coloproctologia è un bisturi moderno davvero accurato, anestetizza, blocca il sangue e sterilizza. Inoltre "evapora" il fluido cellulare, che porta alla necrosi cellulare pianificata.

La coagulazione laser viene eseguita per diversi tipi di emorroidi, in una situazione di localizzazione interna della malattia, è più efficace, ma le emorroidi esterne possono anche essere un'indicazione per tale sessione.

La coagulazione laser è un'operazione "un giorno". Viene eseguito in regime ambulatoriale e la persona è già a casa lo stesso giorno. La coagulazione laser non richiede l'anestesia generale. Il raggio laser agisce in modo preciso, chiaramente solo sulla zona interessata. In realtà non tocca i tessuti adiacenti, quindi il trauma postoperatorio è trascurabile. L'intera manipolazione non dura più di 20 minuti.

Non ci sono punti e cicatrici dopo l'operazione laser. Non c'è alcun dolore o è insignificante. La coagulazione laser non interferisce con la capacità di lavorare, limita solo il lavoro con sollevamento pesante.

Rimozione dei nodi con Surgitron

È una terapia sicura e molto efficace. L'essenza dell'azione di questo dispositivo risiede nella produzione di onde radio ad alta frequenza. L'unicità di questa tecnica è che il medico può effettivamente tagliare senza un coltello. Le radiazioni delle onde radio contribuiscono all'escissione senza contatto dei tessuti con la successiva saldatura dei vasi - questo elimina la minaccia di sanguinamento e altre difficoltà.

Quando ci sono indicazioni per il trattamento con Surgitron:

  • Dossi deformati esterni che devono essere rimossi;
  • Emorroidi in diverse fasi;
  • Asportazione di fistole;
  • Terapia della ragade anale;
  • Distruzione di polipi e escrescenze non cancerose.

Il metodo delle onde radio non consente la perdita di sangue, perché a volte i vasi vengono sigillati durante l'operazione. Ciò ovviamente riduce le possibilità di infezione. Pertanto, questo metodo di gestione dei nodi è spesso consigliato ai pazienti anziani e alle persone indebolite, poiché hanno una ridotta capacità rigenerativa dei tessuti..

Descrizione dell'operazione Surgitron

La correzione delle onde radio viene eseguita solo dopo che il paziente è stato sottoposto all'esame prescritto dal medico, dopo aver superato i test. La sessione stessa viene eseguita in regime ambulatoriale, ma viene ancora utilizzata l'anestesia locale.

Non è necessario alcun lavoro preparatorio preliminare speciale, ad es. ad esempio, puoi mangiare come al solito, non ci sono restrizioni significative. Due ore prima della mini-operazione, al paziente viene somministrato un clistere detergente.

Prima della sessione, al paziente verranno fornite speciali mutande usa e getta con una fessura nel luogo in cui il medico lavorerà. Durante l'operazione, il paziente sarà sul lettino o sul tavolo operatorio nella posizione "sdraiato su un fianco". Il medico inietta l'area anale con lidocaina o novocaina.

  1. L'escissione dei nodi esterni viene eseguita con un coltello radio (questo è un elettrodo chirurgico che emette onde radio dell'intervallo desiderato);
  2. Dopo il completamento dell'asportazione, la ferita non deve essere cucita, poiché il dispositivo li "sigilla", impedendo il sanguinamento;
  3. Durante la manipolazione, le onde radio uccidono letteralmente tutti i batteri patogeni che possono causare infezione;
  4. Nel periodo postoperatorio, la ferita guarisce sotto una crosta - una crosta densa, che protegge in modo affidabile la ferita da microrganismi dannosi esterni.

Qual è il periodo postoperatorio

Il proctologo si concentra sempre su ciò che non può essere fatto con le emorroidi esterne dopo l'intervento chirurgico. La cura dell'area operata non è difficile, ma è obbligatoria. Il paziente tratterà quotidianamente la superficie della ferita con un unguento curativo (ad esempio Levomekol). Inoltre, può applicare unguenti e creme che funzionano come rigeneranti.

È indispensabile monitorare la corretta igiene dell'area anorettale, seguire tutte le raccomandazioni mediche. Devi prenderti cura delle ferite ogni giorno fino a quando non scompaiono. Non aspettarti cicatrici e cicatrici che sfigurano la pelle: tutto sarà uguale.

Nei primi due giorni dopo il mini-intervento chirurgico, una persona non è raccomandata per sedersi - solo in piedi o sdraiarsi. Inoltre, l'attività fisica è inaccettabile per almeno una settimana, è necessario abbandonare il bagno e la sauna, anche un bagno caldo per un mese. Se fai tutto correttamente, le ferite postoperatorie guariranno molto rapidamente e senza problemi..

Casi speciali: emorroidi esterne dopo il parto

Nelle giovani madri, questo fenomeno viene diagnosticato abbastanza spesso. Le donne stesse si incolpano per i tentativi sbagliati, o dicono che i medici hanno permesso un tale sviluppo della malattia. Ma le emorroidi di solito non si sviluppano durante il parto, ma durante la gestazione. La malattia attraversa diverse fasi e nelle fasi iniziali è asintomatica. Il motivo dello sviluppo della malattia sarà la gravidanza stessa - e può essere anche un utero allargato, che preme sugli organi, interrompendo il normale flusso sanguigno. Il sangue venoso ristagna nella piccola pelvi e questo è irto di infiammazione.

Cause delle emorroidi postpartum:

  • Hypodynamia;
  • Costipazione a lungo termine;
  • Disturbi ormonali;
  • Peso in eccesso;
  • Lavoro complicato con un periodo persistente problematico.

Una giovane madre non può ignorare la malattia. È necessario contattare il proctologo, indicando le circostanze speciali (allattamento al seno). Selezionerà farmaci lievi per la terapia sintomatica. Ma se le emorroidi esterne ti danno ancora fastidio, il medico può indicare la necessità di un trattamento chirurgico. E poi la giovane madre ricorre alle stesse tecniche minimamente invasive dei pazienti normali.

Se la terapia antibiotica viene prescritta al paziente nel periodo postoperatorio, dovrà sospendere l'allattamento per un po '.

Prevenzione delle emorroidi esterne

Come molte altre malattie, le emorroidi sono più facili da prevenire. E se sai che le persone della tua famiglia hanno sofferto di questa malattia vascolare, ha senso essere più attento e prudente..

Il punto principale è che non esistono medicinali preventivi per le emorroidi. Questo è semplicemente impossibile: nessun unguento e candela ti salveranno dallo sviluppo della malattia, ma possono causare reazioni indesiderate. Ma la cosa più pericolosa è che se inizi a sviluppare emorroidi, questi unguenti e supposte cesseranno di funzionare, dal momento che nessuno ha annullato la dipendenza da farmaci.

Tra le regole preventive:

  1. Controlla la tua dieta. Queste non sono solo azioni una tantum, ma un modo di vivere e un modo di pensare. Tutto il cibo "spazzatura" dovrebbe essere raro, un'eccezione alla regola generale. Prepara in anticipo un menu equilibrato e fortificato in modo da non essere tentato di passare a fast food e cibi pronti. Molta verdura, frutta, latticini, carne magra e pesce sono le basi del menu.
  2. Bevi abbastanza. Dovresti bere circa 8 bicchieri d'acqua al giorno. Puoi aggiungere all'acqua tè verde e alle erbe, bevande alla frutta e composte di frutta secca. Un normale regime di consumo salverà dalla costipazione che provoca emorroidi.
  3. Mossa! Il buon vecchio slogan "Il movimento è vita!" pertinente. Può aiutarti a evitare la congestione pelvica, che può anche causare emorroidi. Inizia l'esercizio mattutino, cammina molto, nuota e sviluppa le tue capacità fisiche.

Se sei un impiegato, ogni ora devi fare una pausa per la ginnastica standard, come dicevano prima. Stare seduti a lungo, così come stare a lungo, non fa affatto bene al corpo. Alcune persone sono persino costrette a cambiare lavoro, capendo in che modo le sue specifiche minacciano la loro salute..

Alla prima sintomatologia negativa, affrettati a vedere un coloproctologo. Se nella tua clinica non è presente tale specialista, puoi contattare il chirurgo e attendere ulteriori appuntamenti. Ma la malattia non può essere iniziata: a determinate condizioni progredisce piuttosto rapidamente. Questo porta a un cambiamento nella vita di una persona malata: è costretto ad abbandonare le solite cose, diventa costretto nelle materie elementari. La malattia può influire sulla vita sessuale dei partner, il paziente spesso rifiuta di fare una vacanza al mare, è costantemente in tensione.

Prima arrivi, più modi ha il medico nel suo arsenale di far fronte alla malattia. Non automedicare, non perdere tempo con ricette popolari inefficaci, le emorroidi, sia esterne che interne, possono essere curate solo sotto controllo medico.

Emorroidi esterne

Emorroidi esterne: sintomi, foto e metodi di trattamento
Le emorroidi esterne (esterne) sono considerate una malattia molto comune, che è un'infiammazione delle vene del retto. Come risultato del costante ristagno di sangue, si forma un nodulo esterno, che provoca gravi disagi al paziente..

Durante la remissione, una persona conduce una vita normale e quando si verifica una esacerbazione, molti pazienti lamentano un deterioramento generale della salute. Inoltre, molto spesso la patologia si riscontra negli uomini e nelle donne adulti, mentre nei bambini tali problemi sono rari..

Perché compaiono le emorroidi?

Affinché questa patologia appaia, ci deve essere una certa predisposizione, che consiste nella debolezza delle pareti venose. Per inciso, il fenomeno è molto comune: dalle emorroidi esterne, secondo le stime più approssimative, soffre più della metà della popolazione mondiale.

È difficile nominare le cifre esatte delle statistiche - considerando questo problema piuttosto intimo, molte persone non vanno dal medico, provano a farcela da sole, con l'aiuto di rimedi popolari o raccomandazioni di "vicini". In questo caso, la malattia può temporaneamente attenuarsi, creando un'illusione illusoria di benessere, in modo che, se si presenta l'opportunità, può riprendere con rinnovato vigore..

I seguenti motivi sono generalmente distinti come fattori provocatori per la comparsa (esacerbazione) di emorroidi esterne.

  1. Mancanza di attività fisica (seduta o posizione prolungata).
  2. Problemi con i movimenti intestinali (costipazione, tensione prolungata o attesa).
  3. Sollevamento pesi.
  4. Disturbi dietetici (cibi piccanti, alcool, assunzione insufficiente di prodotti a base di latte fermentato, frutta e verdura).
  5. Molto spesso preoccupato per le emorroidi durante la gravidanza o dopo il parto.

Sotto l'influenza di questi fattori, le vene della piccola pelvi e del perineo traboccano di sangue. Le vene si estendono, sporgono e si formano le emorroidi.

Sintomi

Le emorroidi esterne (vedi foto) si manifestano come segue:

  • gonfiore nella zona intorno allo sfintere;
  • disagio, bruciore e prurito nell'area dello sfintere;
  • ragadi anali;
  • emorroidi di varie dimensioni, facilmente identificabili con la palpazione;
  • il sanguinamento dopo un movimento intestinale spesso non viene osservato. Le emorroidi esterne sanguinano solo quando le emorroidi sono troppo grandi e danneggiate dalle feci.

Che aspetto hanno le emorroidi esterne, foto

La foto sotto mostra come la malattia si manifesta nell'uomo..

[titolo spoiler = "Foto 18+" stile = "predefinito" collapse_link = "falso"] Fai clic qui per visualizzare

complicazioni

Le complicanze più comuni e gravi delle emorroidi esterne sono:

  1. Trombosi dell'emorroidi: la formazione di un coagulo di sangue in un vaso dilatato, che impedisce la normale circolazione sanguigna, provoca congestione, porta a gonfiore e aumento del dolore e infine alla necrosi tissutale.
  2. Ragade anale causata da movimenti intestinali irregolari e difficili.
  3. Paraproctite purulenta - infiammazione e necrosi dei tessuti nella regione anale, che può portare a sepsi e morte del paziente.

È importante notare che i sintomi delle emorroidi esterne nelle donne e negli uomini sono esattamente gli stessi, indipendentemente dall'età. Ma le cause dell'inizio della malattia differiscono - nelle donne, le emorroidi si sviluppano spesso durante la gravidanza (vedere i sintomi) e negli uomini - a causa di uno stile di vita o di lavoro impropri (autista, impiegato, ecc.).

Come trattare le emorroidi esterne

La tattica del trattamento delle emorroidi esterne è determinata dal proctologo in base alle caratteristiche della clinica della malattia in un particolare paziente.

Nelle fasi iniziali, possono essere utilizzati metodi conservativi di terapia, con una forma avanzata, è preferibile l'intervento chirurgico. I metodi popolari per sbarazzarsi della malattia sono ampiamente utilizzati, ma il loro uso deve necessariamente essere coordinato con il medico curante.

Trattamento conservativo

L'unguento per le emorroidi esterne è facile da usare e ha un rapido effetto terapeutico. I più popolari sono:

  • Epatrombina G (unguento, supposte). Questo prodotto combinato contiene eparina, dexpantenolo e allantoina. L'eparina impedisce la formazione di coaguli di sangue, riduce il gonfiore e normalizza il flusso sanguigno locale nel retto. Il dexpantenolo guarisce il tessuto, l'allantoina combatte l'infiammazione e migliora il metabolismo cellulare.
  • Aurobin (unguento). Il farmaco contiene l'agente ormonale prednisolone, quindi può essere utilizzato solo come indicato da un medico. Un altro componente è la lidocaina, che allevia rapidamente il dolore e riduce l'infiammazione. Il triclosan, che fa parte dell'unguento, ha un potente effetto antimicrobico e il dexpantenolo ha un effetto curativo.
  • Posterisan è una preparazione combinata che stimola l'immunità locale a livello cellulare, aumenta il tono dei vasi sanguigni e riduce la loro permeabilità;
  • Rilievo, Rilievo avanzato, Rilievo Ultra. Sono a base di olio di fegato di squalo. I preparati della serie Relief hanno pronunciato effetti antinfiammatori, decongestionanti, rigeneranti;
  • Unguento eparina. Il farmaco contiene eparina, che interrompe il processo infiammatorio e ha un effetto antitrombotico, l'anestesia, che allevia il dolore e l'estere niacina, che promuove un migliore assorbimento dell'eparina.
  • Proctosedil è un unguento a base di eparina, glucocorticosteroide e antibiotico, che ha effetti antinfiammatori, antimicrobici e antitrombotici.

Il medico sceglie il farmaco necessario in base ai risultati della diagnosi e alle caratteristiche individuali della malattia. Oltre ai farmaci topici, le capsule e le compresse si sono dimostrate efficaci nel trattamento dei nodi esterni:

  • Detralex (Venarus, Venodiol, Phlebodia). Questi fondi hanno un effetto venoprotettivo e venotonico. Riducono l'elasticità delle vene, aiutano a ridurre la congestione e rafforzano i piccoli vasi sanguigni (capillari).
  • Ginkor Fort - compresse venotoniche che ripristinano la microcircolazione del sangue, rafforzano i capillari e alleviano i sintomi dolorosi durante l'esacerbazione delle emorroidi.
  • Il pilex è un farmaco combinato, il cui uso riduce la congestione, allevia l'edema e il rossore della pelle, ha effetti curativi e antinfiammatori sulla ferita.
  • Asklezan A (compresse). Una preparazione a base di erbe che aiuta a normalizzare la circolazione sanguigna e rafforzare le pareti dei vasi sanguigni.

Inoltre, nel trattamento delle emorroidi esterne, possono essere utilizzati farmaci antinfiammatori non steroidei, come il sodio Diclofenac, l'indometacina. Aiutano a eliminare i sintomi dolorosi e l'infiammazione..

I farmaci per le emorroidi esterne saranno efficaci solo se vengono apportate modifiche allo stile di vita. Un'attività sana unita a una dieta sana porterà a un trattamento efficace e aumenterà la durata della remissione della malattia. Certo, è necessario selezionare un complesso vitaminico per ricostituire vitamine e microelementi nel corpo. [Adsen]

Rimedi popolari

A casa, con il trattamento conservativo delle emorroidi esterne, è possibile utilizzare la medicina tradizionale. Questo dovrebbe essere fatto dopo aver consultato il medico..

L'uso di ricette popolari è una misura abbastanza efficace che ti consente di accelerare il recupero, ma puoi solo essere completamente guarito combinando correttamente questi metodi con la terapia farmacologica e la stretta aderenza alle raccomandazioni degli specialisti.

  1. Uno dei rimedi più popolari è l'olio di olivello spinoso. Per il trattamento di nodi esterni, l'olio di olivello spinoso viene applicato su un bastoncino di garza o un dischetto di cotone e applicato sulla zona interessata. I bagni con allume o cipolla a vapore e trattamenti con aglio sono efficaci.
  2. Rafforza bene la parete vascolare e ha un effetto venotonico di rosa canina, ippocastano e infusi di nocciola. Per preparare l'infuso di ippocastano, 50 g di semi di piante vengono versati con una bottiglia di vodka e insistono in un luogo buio per due settimane. Prendi 30-35 gocce tre volte al giorno.
  3. I cinorrodi vengono prima macinati in un macinacaffè, quindi 500 ml di acqua bollente vengono versati su un cucchiaio di materie prime, vengono aggiunti 2 cucchiaini di miele e insistono sotto un coperchio chiuso per 10 ore. L'infusione risultante viene filtrata e prendo l'intero volume durante il giorno con i pasti.
  4. Ben alleviare il sintomo del dolore di un bagno con l'aggiunta di decotti di camomilla, calamo, salvia, aglio tritato, bucce di cipolla. Il bagno viene fatto fino a quando l'acqua si raffredda. Un ciclo di 10 procedure è di solito sufficiente per la scomparsa dei sintomi..

La cosa principale da ricordare è che il trattamento domiciliare non può contraddire le prescrizioni del medico e deve essere concordato con lui.!

Intervento operativo

Le emorroidi esterne possono essere rapidamente curate solo con misure radicali. Vengono praticati i seguenti tipi di intervento minimamente invasivo:

  1. Scleroterapia: l'introduzione di una sostanza sclerosante nei nodi, che porta alla loro desolazione e riassorbimento. Controindicato in condizioni complicanti: crepe non cicatrizzanti, paraproctite, trombosi.
  2. Fotocoagulazione a infrarossi - efficace solo nelle fasi iniziali dello sviluppo della malattia.
  3. Legatura del lattice - fissazione delle vene varicose dell'ano con anelli di lattice (è consigliabile se il trattamento chirurgico è impossibile - vecchiaia, patologia concomitante).

Può anche essere prescritto - trombectomia - escissione delle emorroidi. Viene eseguito in anestesia locale per le condizioni del paziente potenzialmente letali (sanguinamento, trombosi dei nodi, ecc.).

Dieta e regole nutrizionali

Il rispetto di una dieta per le emorroidi, specialmente durante le sue esacerbazioni, è la chiave per una cura rapida e un prolungamento della remissione.

I prodotti di fissaggio dovrebbero essere esclusi:

  • mele cotogne, melograno, pere, cachi, cenere di montagna, uva passa e uva;
  • purè di patate, carote, melanzane;
  • carne bollita, brodi forti, uova crude e bollite, ricotta;
  • porridge di semola e riso;
  • pasta;
  • gelatina, gelatina di carne e gelatina;
  • biscotti, pane bianco, bagel, crackers;
  • caramella mou, cioccolato;
  • decotti di piante di ancoraggio - corteccia di quercia, camomilla, menta, ciliegia di uccello;
  • caffè nero, tè, composta di frutta secca.

In questo caso, è necessario includere nella dieta un massimo di prodotti lassativi:

  • barbabietole, zucca, broccoli, zucchine, cavolfiore;
  • succo di prugna e albicocca, succhi di verdura con polpa;
  • prugne secche, albicocche secche, albicocche, mele, pesche, fichi;
  • pane ai cereali o ai cereali;
  • vino bianco.

Per ricostituire gli oligoelementi e le vitamine necessari, i seguenti alimenti devono essere inclusi nella dieta:

  • vitamina K: verdure e piante verdi, olio di soia, fegato, cavolo, spinaci, pomodori, noci;
  • magnesio: noci, prugne, pomodori, olive, foglie verdi, prezzemolo, zucca, avena, crusca, pane di segale, crusca;
  • vitamina P: grano saraceno, rosa canina, tè verde, arance, ribes nero, chokeberry nero;
  • Vitamina C e B: bacche, cavoli, cipolle verdi, pomodori, acetosa, peperoni, ribes nero, fragole, agrumi, kiwi.

Sollevare pesi, uno stile di vita sedentario, frequente stitichezza è una scorciatoia per lo sviluppo di emorroidi. Per prevenire la ricomparsa di una malattia curata, è necessaria la prevenzione della costipazione. Bisogna fare attenzione a svuotare le viscere ogni giorno senza trattenere le feci.

esercizi

È anche molto utile per la ginnastica dello sfintere delle emorroidi esterne, dovrebbe essere eseguito ogni giorno, questi sono solo 3 semplici esercizi:

  1. L'esercizio è fatto sdraiati sulla schiena, stringi i glutei, contando lentamente fino a 5, mentre il retto dovrebbe essere aspirato il più possibile. Dovresti anche rilassarti sul conto fino a 5. Ripetizioni dell'esercizio 15 volte.
  2. Sdraiati a pancia in giù, metti le mani sotto il mento - solleva alternativamente le gambe dritte una ad una, a sinistra 10 volte, a destra 10 volte.
  3. Sdraiati sul lato destro, piega il braccio destro sul gomito sotto la testa, mentre anche il braccio sinistro è piegato, ma davanti al petto, piega anche la gamba destra. Sollevare la gamba sinistra per 4 conteggi e piegare il ginocchio, raddrizzare, tirando indietro, quindi abbassarlo. Fai un esercizio simile sul lato sinistro 10 volte.

Se soffri di questo disturbo e conosci eventuali rimedi e metodi efficaci per il trattamento delle emorroidi esterne, la tua recensione sarà di interesse per i nostri lettori, puoi lasciarla nei commenti.

Prevenzione

Il successo del trattamento delle emorroidi e la prevenzione della ricomparsa dei coni emorroidali è impossibile senza un'adeguata prevenzione, il che significa:

  • monitorare la regolarità del processo di movimento intestinale, che dipende anche direttamente dalla corretta alimentazione e dal grado di attività fisica;
  • esercizi di fisioterapia;
  • lavare quotidianamente l'area intorno allo sfintere con acqua fresca;
  • una diminuzione dell'attività fisica, a seguito della quale c'è un eccessivo riempimento di vene emorroidali con sangue;
  • aumento dell'attività fisica, soprattutto se il tuo lavoro è associato a una lunga posizione seduta;
  • una dieta sana - ridurre al minimo l'uso di cibi piccanti, che promuovono un flusso sanguigno eccessivo agli organi pelvici, provocando la formazione di coaguli di sangue. La dieta per le emorroidi esterne è molto importante;
  • l'uso su base continuativa di varie vitamine e farmaci volti a tonificare i vasi sanguigni.

Seguendo queste semplici regole, puoi dimenticare la malattia..

Come trattare le emorroidi esterne?

Il trattamento delle emorroidi esterne consiste in tre aree:

Anche nella fase iniziale dello sviluppo della malattia, i primi sintomi si fanno sentire. Nel perineo, c'è una sensazione di disagio, prurito e una leggera sensazione di bruciore. C'è un leggero sanguinamento che si vede di solito sulla carta igienica. Alla fine dei movimenti intestinali, si verifica dolore. I grumi si fanno sentire sotto la pelle intorno all'ano.

Le emorroidi esterne che non vengono trattate in tempo possono essere complicate. Ad esempio, la trombosi emorroidaria si verifica a causa della stasi del sangue. Il dolore diventa insopportabile non solo con lo sforzo fisico, ma anche con starnuti e tosse. Si verifica anche un processo infiammatorio: la pelle intorno all'ano si gonfia e diventa rossa, la temperatura aumenta. Successivamente, gonfiore e infiammazione possono diffondersi all'intera area dei glutei e del perineo. Se anche in una situazione del genere una persona non cerca aiuto, possono verificarsi necrosi tissutale e paraproctite purulenta..

Le emorroidi si sviluppano a seguito dell'espansione patologica delle vene del retto, che provoca congestione e disturbi circolatori nella parete vascolare del canale anale. Questa comune malattia può assumere molte forme. A seconda della posizione dei nodi, ci sono 3 tipi di emorroidi:

  1. esterno o esterno,
  2. interno,
  3. combinato.

Ognuna di queste forme dà al paziente molte sensazioni spiacevoli e dolorose e riduce significativamente la qualità della vita.

La diagnosi e il trattamento delle emorroidi, indipendentemente dalla loro forma, devono essere effettuati in modo tempestivo. Non dovresti ritardare a contattare uno specialista, altrimenti la malattia progredirà e minaccerà con esacerbazioni costanti e gravi complicazioni. In casi avanzati, le complicanze delle emorroidi rappresentano una grave minaccia per la vita del paziente e richiedono il ricovero ospedaliero e l'intervento chirurgico..

Al fine di prevenire tali conseguenze indesiderate, è necessario prestare attenzione ai primi sintomi avversi in tempo e non rimandare la visita al proctologo. Soffermiamoci più in dettaglio su una delle forme della malattia - emorroidi esterne e parliamo delle cause della sua insorgenza, delle caratteristiche del decorso e dei metodi di trattamento.

Caratteristiche delle emorroidi esterne

Per le emorroidi esterne, la posizione dei nodi all'esterno del retto è caratteristica. Le emorroidi sono raggruppate all'esterno, intorno all'ano. Possono avere dimensioni diverse e si formano a seguito dell'espansione e della sporgenza delle pareti dei vasi venosi, che normalmente si trovano nello strato sottocutaneo attorno all'ano. Questa forma della malattia deve essere distinta dallo stadio avanzato delle emorroidi interne, un sintomo caratteristico del quale è il prolasso dei nodi verso l'esterno.

Con le emorroidi esterne, i nodi si formano nei plessi vascolari cavernosi situati sotto la pelle intorno allo sfintere. Durante la remissione, le emorroidi potrebbero non manifestarsi in alcun modo e non disturbare affatto il paziente. Ma durante un'esacerbazione, si infiammano e ricordano a se stessi con sintomi estremamente spiacevoli..

Un'altra caratteristica delle emorroidi esterne è l'assenza o l'insignificanza del sanguinamento emorroidario e il forte dolore dei nodi durante l'esacerbazione della malattia. In questo caso, i nodi esterni delle emorroidi sono coperti di pelle, mentre i plessi interni prolasso hanno una mucosa.

Cause di emorroidi esterne

Una predisposizione genetica e una debolezza congenita della parete venosa spesso portano alla formazione di emorroidi esterne. Alcuni fattori diventano l'impulso per lo sviluppo della malattia:

  • Bassa attività fisica, lavoro sedentario o, al contrario, attività lavorativa associata a molte ore di permanenza giornaliera "in piedi".
  • Problemi con i movimenti intestinali. Stipsi ostinata, forzando uno sforzo violento durante i movimenti intestinali.
  • Sport di forza o lavori di sollevamento pesi.
  • Dieta impropria e sbilanciata con una predominanza di cibi grassi, piccanti, salati e piccanti.
  • Cattive abitudini, abuso di alcol e tabacco.
  • Il periodo di gravidanza e parto nelle donne.

Sotto l'influenza di uno dei suddetti fattori, c'è un flusso di sangue agli organi pelvici, che porta al verificarsi di congestione e difficoltà nel deflusso del sangue dalle formazioni cavernose sottocutanee nel retto. Questi fenomeni sono accompagnati dall'espansione dei vasi venosi e dalla formazione di nodi sottocutanei attorno all'ano..

Sintomi di emorroidi esterne

Nelle fasi iniziali della malattia, i primi sintomi compaiono anche prima della formazione di nodi esterni allargati. Il paziente può sentire:

  • Disagio costante, bruciore e prurito nella zona anale. Graffiare le aree pruriginose della pelle provoca irritazione.
  • Tracce di sangue sulla carta igienica dopo il movimento intestinale. Il sanguinamento per le emorroidi esterne non è tipico, ma quando i nodi raggiungono grandi dimensioni, le feci dense possono ferirle. In questo caso, c'è un leggero rilascio di sangue. Le emorroidi esterne sono spesso accompagnate dalla comparsa di ragadi anali, durante un movimento intestinale, possono causare sanguinamento.
  • Durante un'esacerbazione, le emorroidi si gonfiano e si infiammano, il che è accompagnato dalla comparsa di dolore piuttosto forte e acuto. Senza esacerbazione, i fenomeni dolorosi sono assenti.
  • Le emorroidi attorno all'ano hanno dimensioni diverse, sono elastiche, il paziente può sentirle indipendentemente.

Le emorroidi esterne durante la remissione praticamente non causano ansia e si affermano come sintomi caratteristici solo durante le esacerbazioni. La diagnosi di emorroidi esterne è semplice, poiché i nodi possono essere visti durante un esame visivo dell'area anale.

complicazioni

La progressione delle emorroidi esterne può essere accompagnata da complicanze come la trombosi del nodo. In questo caso, il paziente presenta sintomi clinici caratteristici accompagnati da dolore acuto e insopportabile.

Un trombo si forma a causa del prolungato ristagno del sangue, che porta al suo ispessimento e alla formazione di un coagulo di sangue. Il trombo espande il nodo dall'interno, causando un dolore lancinante che peggiora quando si cammina, si tossisce, si starnutisce. Il paziente non può sedersi e ha difficoltà a camminare.

Il nodo stesso diventa cianotico, teso ed edematoso, quando viene toccato risponde con dolore acuto. L'esacerbazione delle emorroidi esterne può essere accompagnata da un processo infiammatorio, sullo sfondo del quale si sviluppa edema dei tessuti molli della regione perianale, si osservano arrossamenti della pelle e un aumento della temperatura corporea.

Se il processo infiammatorio progredisce e si diffonde nel tessuto sottocutaneo, quindi l'edema e l'iperemia catturano l'intera regione perineale e il dolore diventa ancora più doloroso e intenso.

Questa situazione minaccia lo sviluppo di paraproctite purulenta e la formazione di fistole pararettali, pertanto, in tali casi, è necessario un intervento chirurgico urgente per rimuovere il coagulo di sangue..

I medici consigliano di non rimandare la visita al proctologo ai primi sintomi senza successo e, insieme a uno specialista, decidono come sbarazzarsi delle emorroidi esterne.

Trattamento di emorroidi esterne

Tre metodi principali sono usati nel trattamento delle emorroidi esterne:

  • prudente
  • Minimamente invasivo
  • Chirurgico

Il metodo conservativo prevede una serie di misure volte ad eliminare i sintomi dolorosi e ad alleviare le condizioni del paziente. La terapia con emorroidi esterne prevede l'uso di medicinali in combinazione con una dieta speciale e adattamenti dello stile di vita.

Vengono utilizzate varie forme di dosaggio:

L'azione dei farmaci per il trattamento delle emorroidi esterne è finalizzata ad alleviare gonfiore, prurito e infiammazione. Molti di essi contengono nella loro composizione anestetici che alleviano il dolore e le sostanze che contribuiscono alla rigenerazione e alla guarigione dei tessuti danneggiati. L'effetto maggiore è fornito da farmaci contenenti componenti che fluidificano il sangue, contribuiscono al riassorbimento dei coaguli di sangue formati e impediscono l'ulteriore formazione di coaguli.

Con le emorroidi esterne, gli unguenti, i gel o le creme sono spesso prescritti, poiché sono più facili da applicare ai nodi esterni delle emorroidi e l'effetto del loro uso si verifica molto più rapidamente rispetto a quando si usano supposte rettali. I più popolari sono i seguenti unguenti e gel

  • Relief Advance, Relief Ultra (unguento, gel). Queste preparazioni includono olio di fegato di squalo. Unguenti e gel per il sollievo hanno un potente effetto antinfiammatorio e rigenerante, guariscono rapidamente i tessuti danneggiati, riducono il prurito e il gonfiore e smettono di sanguinare.
  • Proctosedil (unguento). Il farmaco contiene eparina, un antibiotico e un glucocorticosteroide, quindi l'unguento ha un pronunciato effetto antitrombotico, antibatterico, analgesico e antinfiammatorio.
  • Posterisan (candele, unguento). Questa preparazione combinata migliora e stimola l'immunità cellulare locale, rigenera i tessuti, riduce la permeabilità e aumenta il tono dei vasi sanguigni.
  • Aurobin (unguento). Il farmaco contiene l'agente ormonale prednisolone, quindi può essere utilizzato solo come indicato da un medico. Un altro componente è la lidocaina, che allevia rapidamente il dolore e riduce l'infiammazione. Il triclosan, che fa parte dell'unguento, ha un potente effetto antimicrobico e il dexpantenolo ha un effetto curativo.
  • Epatrombina G (unguento, supposte). Questo prodotto combinato contiene eparina, dexpantenolo e allantoina. L'eparina impedisce la formazione di coaguli di sangue, riduce il gonfiore e normalizza il flusso sanguigno locale nel retto. Il dexpantenolo guarisce il tessuto, l'allantoina combatte l'infiammazione e migliora il metabolismo cellulare.
  • Unguento eparina. Il farmaco contiene eparina, che interrompe il processo infiammatorio e ha un effetto antitrombotico, l'anestesia, che allevia il dolore e l'estere niacina, che promuove un migliore assorbimento dell'eparina.

La scelta del farmaco dipenderà dai sintomi principali, i farmaci sono prescritti dal medico individualmente, tenendo conto delle caratteristiche della malattia.

Oltre ai farmaci topici nel trattamento delle emorroidi esterne, compresse e capsule che devono essere assunte per via orale si sono dimostrate efficaci..

  • Detralex (Venarus, Venodiol, Phlebodia). Questi fondi hanno un effetto venoprotettivo e venotonico. Riducono l'elasticità delle vene, aiutano a ridurre la congestione e rafforzano i piccoli vasi sanguigni (capillari).
  • Forte di Ginkor. Le compresse hanno un effetto venotonico, normalizzano la microcircolazione del sangue nel retto e rafforzano i capillari. Con esacerbazione delle emorroidi, alleviare i sintomi dolorosi, prevenire la formazione di coaguli di sangue e nuove emorroidi.
  • Asklezan A (compresse). Una preparazione a base di erbe che aiuta a normalizzare la circolazione sanguigna e rafforzare le pareti dei vasi sanguigni.
  • Paylex (compresse). Questo è un rimedio a base di erbe multicomponente che aiuta a ridurre la congestione, il gonfiore e l'iperemia della pelle, ha un effetto antinfiammatorio, cicatrizzante e venotonico, ha un effetto antiossidante e antibatterico.

Nel trattamento di forme esterne di emorroidi, possono essere utilizzati farmaci antinfiammatori non steroidei, che vengono assunti per via orale. Questi sono indometacina, diclofenac, ibuprofene. Aiutano a gestire l'infiammazione e i sintomi dolorosi, ma devono essere prescritti da un medico..

Metodi minimamente invasivi

Se la terapia conservativa non dà un risultato positivo, vengono utilizzate tecniche minimamente invasive. Sono ampiamente utilizzati i seguenti metodi di trattamento:

Vi sono alcune limitazioni all'uso delle tecniche minimamente invasive. Quindi, con le emorroidi esterne, l'uso della scleroterapia è controindicato. È impossibile eseguire interventi per complicanze come paraproctite acuta e purulenta, trombosi dell'emorroidi, fessura rettale.

Trattamento chirurgico per emorroidi esterne

L'intervento chirurgico per rimuovere le emorroidi esterne viene utilizzato nei casi in cui le esacerbazioni della malattia si verificano costantemente, le emorroidi progrediscono e il trattamento conservativo non dà risultati. Se le emorroidi esterne sono complicate dalla trombosi del nodo emorroidario e la terapia in corso non migliora le condizioni del paziente, il nodo viene aperto e il coagulo di sangue rimosso.

Questo tipo di intervento è chiamato trombectomia e nella stragrande maggioranza dei casi è l'unico modo per risolvere il problema. La trombosi del nodo emorroidario è pericolosa perché, in assenza di un trattamento tempestivo, porta a danni al tessuto necrotico e avvelenamento del sangue. Questa condizione rappresenta una grave minaccia per la vita del paziente e richiede ricovero e chirurgia..

La chirurgia per le emorroidi esterne consiste nella rimozione dei coaguli di sangue venoso (trombi) dalle emorroidi. L'intervento viene eseguito in regime ambulatoriale in anestesia locale, richiede diversi minuti ed è notevole per la sua tecnica semplice. Poco dopo le manipolazioni, il paziente può tornare a casa, la sua capacità di lavorare rimane, può condurre una vita normale. Come è l'intervento?

  • Nella prima fase, gli anestetici vengono somministrati al paziente..
  • Quindi il chirurgo esegue una piccola incisione (0,5 cm) sulla superficie del nodo tromboso.
  • Una soluzione salina viene iniettata attraverso l'incisione, ammorbidendo il trombo e consentendo la completa rimozione del coagulo venoso.
  • Successivamente, il medico ripristina l'integrità della nave e sutura la ferita..

Dopo l'intervento, un miglioramento significativo delle condizioni del paziente si verifica quasi immediatamente. Il dolore insopportabile scompare, il gonfiore si attenua e l'infiammazione scompare completamente. La ferita postoperatoria guarisce per diversi giorni.

Nel periodo di recupero, si raccomanda al paziente di igienizzare accuratamente l'area anale dopo un movimento intestinale e applicare una medicazione sterile asciutta sull'area della ferita. La chirurgia trombectomica esclude l'insorgenza di gravi complicanze. A volte nei primi giorni dopo l'intervento, la ferita provoca dolore nella zona anale. In tali casi, al paziente vengono prescritti antidolorifici..

Il costo dell'intervento chirurgico per le emorroidi esterne è relativamente basso e, insieme all'anestesia e al trattamento postoperatorio, non supera i 15-20 mila rubli.

Trattamento delle emorroidi esterne con rimedi popolari a casa

Come misure aggiuntive nel trattamento conservativo delle emorroidi esterne, può essere utilizzata la medicina tradizionale. Questo dovrebbe essere fatto dopo aver consultato il medico. L'uso di ricette popolari è una misura abbastanza efficace che ti consente di accelerare il recupero, ma puoi solo essere completamente guarito combinando correttamente questi metodi con la terapia farmacologica e la stretta aderenza alle raccomandazioni degli specialisti.

La medicina tradizionale offre l'uso di sedentari e bagni di vapore con l'aggiunta di decotti di erbe medicinali, una varietà di lozioni e impacchi e unguenti a base di ingredienti naturali. Per alleviare l'infiammazione, si consigliano decotti di una corda, camomilla, calendula. Per la preparazione di unguenti, vengono utilizzati propoli, miele o mummia. Si consiglia ai nodi esterni di lubrificare con succo di cipolla, catrame di betulla, succo di celidonia. Lozioni da patate crude, carote, argilla aiutano ad alleviare l'infiammazione.

Uno dei rimedi più popolari è l'olio di olivello spinoso. Per il trattamento di nodi esterni, l'olio di olivello spinoso viene applicato su un bastoncino di garza o un dischetto di cotone e applicato sulla zona interessata. I bagni con allume o cipolla a vapore e trattamenti con aglio sono efficaci.

Tra le erbe medicinali, l'alpinista è considerato il rimedio più efficace. Questa pianta ha potenti effetti anti-infiammatori. Puoi prendere un decotto della pianta all'interno o fare lozioni con esso sui nodi infiammati. Per preparare il brodo, due cucchiai di materie prime vengono versati durante la notte con due bicchieri di acqua bollente, il giorno successivo l'infusione viene filtrata e utilizzata come indicato.

Alcune ricette di medicina tradizionale

Foglie di lampone, foglie di olivello spinoso, cime di carota alleviano bene il dolore e l'infiammazione.

  1. Per preparare il brodo, le foglie di lampone (2 cucchiai) vengono versate con un bicchiere di acqua bollente, insistendo per mezz'ora. Prendi 1/3 di tazza tre volte al giorno prima dei pasti.
  2. L'olivello spinoso (20 g) viene versato su 200 ml di acqua, portato a ebollizione e fatto sobbollire per 20 minuti. Prendi un cucchiaio due volte al giorno prima dei pasti.
  3. Le cime delle carote possono essere preparate come il tè, al ritmo di 40 g di materie prime per litro di acqua bollente. L'infusione viene presa un bicchiere tre volte al giorno..
  4. Rafforza bene la parete vascolare e ha un effetto venotonico di rosa canina, ippocastano e infusi di nocciola. Per preparare l'infuso di ippocastano, 50 g di semi di piante vengono versati con una bottiglia di vodka e insistono in un luogo buio per due settimane. Prendi 30-35 gocce tre volte al giorno.
  5. L'infusione di nocciola viene preparata come segue. Prendi due cucchiai di foglie tritate e infondi in 500 ml di acqua bollente per un'ora e mezza. Bere mezzo bicchiere quattro volte al giorno prima dei pasti.
  6. I cinorrodi vengono prima macinati in un macinacaffè, quindi 500 ml di acqua bollente vengono versati su un cucchiaio di materie prime, vengono aggiunti 2 cucchiaini di miele e insistono sotto un coperchio chiuso per 10 ore. L'infusione risultante viene filtrata e prendo l'intero volume durante il giorno con i pasti.

Un eccellente effetto analgesico ed emostatico è fornito dai bagni freddi. Per questo, l'acqua fredda viene versata nel bacino, vengono aggiunti decotti di erbe medicinali e si siedono nella vasca da bagno per 5 minuti. Si consiglia di eseguire la procedura due volte al giorno fino alla scomparsa dei sintomi..

I bagni caldi con l'aggiunta di decotti di camomilla, calamo, salvia, aglio tritato e bucce di cipolla alleviano bene i sintomi del dolore. Il bagno viene fatto fino a quando l'acqua si raffredda. Un ciclo di 10 procedure è di solito sufficiente per la scomparsa dei sintomi..

Efficace per emorroidi esterne e bagni di vapore fumosi con cipolle tritate o aglio, che vengono schiacciati su un mattone caldo. Il mattone è posto in un contenitore di argilla o metallo con un coperchio di legno e un buco al suo interno. Il paziente è posizionato sopra il contenitore in modo che l'area dell'ano sia sopra l'apertura da cui fuoriesce il vapore. Il sollievo arriva dopo la prima procedura. Puoi fare questi bagni a giorni alterni. Dopo la procedura, l'ano viene imbrattato di vaselina per evitare irritazioni alla pelle.

Con la scelta giusta, i metodi tradizionali di trattamento portano risultati tangibili e alleviano significativamente le condizioni del paziente..

Emorroidi esterne durante la gravidanza - trattamento con unguento e supposte

Il trattamento di forme esterne di emorroidi durante la gravidanza richiede un approccio individuale. Quando si scelgono i farmaci, è necessario tenere conto delle possibili controindicazioni, dell'età gestazionale ed escludere i rischi per la salute del nascituro. Le emorroidi esterne nelle donne durante il periodo del parto richiedono un controllo medico obbligatorio; l'automedicazione non deve essere eseguita. Solo un medico esperto può selezionare farmaci sicuri e prescrivere il corso di terapia necessario.

Per il trattamento delle emorroidi esterne durante la gravidanza, vengono spesso utilizzati pomate o gel. I seguenti farmaci sono approvati per l'uso:

  • Unguento di Fleming. È un rimedio omeopatico contenente estratti di erbe. L'unguento allevia bene l'infiammazione, elimina prurito, bruciore e dolore.
  • Crema Bezornil. Una medicina tradizionale cinese contenente ingredienti naturali sicuri. Agisce come anestetico, allevia l'infiammazione, combatte il sanguinamento.
  • Posterized. Ha un effetto immunomodulatore, elimina infiammazione, dolore e prurito.
  • Unguento all'olivello spinoso. Ha un buon effetto rigenerante e cicatrizzante, aiuta ad eliminare l'infiammazione.
  • Rilievo di unguento e gel. Il preparato contiene ingredienti naturali, in particolare olio di fegato di squalo. Il farmaco ha effetti antinfiammatori, analgesici e curativi.

Per il trattamento delle emorroidi esterne nelle donne in gravidanza, è possibile utilizzare compresse con effetto venotonico. Farmaci come Flebodia, Venarus, Detralex contengono esperidina e diosmina nella loro composizione, che aiutano a rafforzare i vasi venosi ed eliminare la congestione.

Il loro uso è consentito durante la gravidanza, ma il trattamento deve essere sotto la supervisione di un medico che determina il dosaggio richiesto e la durata del corso della terapia. Le forme di compresse vengono utilizzate per esacerbazioni di emorroidi esterne, hanno un effetto benefico sull'intero sistema circolatorio. In alcuni casi, per varie condizioni patologiche, tali farmaci possono avere un effetto negativo sul corso della gravidanza, quindi solo un medico può prescriverli..

Il trattamento delle emorroidi esterne durante la gravidanza richiede un approccio competente. In tali casi, prima di utilizzare i rimedi popolari a casa, è necessario visitare un buon proctologo. Il rinvio tempestivo agli specialisti ti consentirà di combattere efficacemente la malattia e di ottenere un risultato positivo e duraturo.

Recensioni del trattamento delle emorroidi esterne in uomini e donne
Revisione numero 1

Ho scoperto un nodo esterno. Il medico ha prescritto il seguente set: supposte ultraprogettate, unguento aurobinico e epatrombina-g. Naturalmente, il trattamento si è rivelato più lungo di quanto inizialmente mi aspettassi. Ma se resisti, allora andrà tutto bene.

Soprattutto, ho notato che durante il trattamento è meglio non fumare o bere alcolici. Non appena ho bevuto anche un bicchiere di champagne, il nodo è cresciuto di nuovo. Ho anche spesso preso posizione sulle scapole - "betulla", mangiato corniolo e bloccato a dieta - non mangiavo grasso.

Revisione numero 2

Oltre agli unguenti e alle pillole per le emorroidi esterne, prescritte dal medico, ho trovato un'altra procedura interessante per me stesso. Esiste un letto Nuga Best. Ha una cintura miostimolatrice che utilizza una corrente elettrica per contrarre i muscoli.

Lo stesso delle cinture pubblicizzate per la stampa. E mi ha aiutato molto quando mi sono seduto su questa cintura. Letteralmente nei primi due giorni, l'infiammazione è passata.