Le vene varicose del piccolo bacino

Le vene varicose della piccola pelvi sono provocate da un fenomeno come un flusso inverso di sangue attraverso la vena ovarica, che si verifica sullo sfondo della compressione dei vasi sanguigni.

Il meccanismo scatenante per lo sviluppo della malattia è la gravidanza, vale a dire i cambiamenti ormonali osservati durante questo periodo e la crescente pressione dell'utero sui vasi della piccola pelvi. Questo tipo di vene varicose si manifesta con dolore intenso e prolungato nell'addome inferiore, che di solito appare dopo uno sforzo fisico intenso costante o prima delle mestruazioni.

Nel frattempo, la qualità della vita futura del paziente, la sua capacità di godere del lato intimo delle relazioni con una persona cara e la capacità di continuare la sua famiglia dipendono in gran parte dal rilevamento tempestivo delle vene varicose delle vene pelviche..

riferimento

Le vene varicose del piccolo bacino nelle donne (VVMT) sono un problema medico complesso. Sono stati descritti molti casi di successo del trattamento di questa malattia cronica. Allo stesso tempo, BPHMT spesso non viene diagnosticato. Con questa malattia, c'è un'alta probabilità di errori diagnostici, specialmente nella sua fase iniziale..

BPHMT è causato da due motivi principali:

  1. Ostruzione delle vene degli organi pelvici (ovaie, tube, utero), causando un aumento della pressione nelle aree sottostanti e la loro espansione.
  2. Blocco di grandi tronchi venosi, in cui una vasta rete di percorsi "collaterali" (collaterali) di deflusso venoso si sviluppa con la loro espansione.

VVMT è più comune con l'età. Quindi, può essere trovato nel 20% delle ragazze di 17 anni. Nelle donne perimenopausali (45-50 anni), l'incidenza di VVMT è già dell'80%.

Le ragioni per lo sviluppo della malattia

La patologia si verifica quando le grandi vene principali, che raccolgono il sangue dai genitali, vengono interrotte. Inoltre, la malattia si verifica spesso da un indebolimento uniforme dell'intera rete venosa della piccola pelvi. Le cause più comuni della malattia sono la predisposizione ereditaria e la presenza di displasia del tessuto connettivo. Quest'ultimo provoca il sottosviluppo della parete vascolare e una graduale diminuzione della sua densità.

I seguenti motivi possono anche causare vene varicose:

  • brusche interruzioni ormonali, tumori ovarici ormone-dipendenti e altre malattie disormonali;
  • gravidanza e parto (a causa di una maggiore pressione nella pelvi piccola);
  • malattie ginecologiche - endometriosi, endometrite cronica, precedenti operazioni;
  • lavoro fisico, carichi sportivi elevati;
  • obesità;
  • lavoro sedentario;
  • mancanza di orgasmi, soprattutto a lungo termine;
  • anomalie nella posizione dell'utero - curva posteriore, prolasso.

Classificazione e fasi di sviluppo

Le vene varicose della piccola pelvi possono manifestarsi in due forme: vene varicose della vulva e del perineo e sindrome di congestione venosa. In più della metà dei casi, entrambe queste forme condizionano e si sostengono a vicenda. Le vene varicose vulvare e perineale isolate spesso derivano dal reflusso sanguigno attraverso la giunzione saphenofemoral con danni alla vena genitale esterna e l'afflusso della grande vena safena.

Si verifica nel 30% delle donne in gravidanza, dopo il parto persiste nel 2-10% delle donne. Il principale fattore che provoca le vene varicose del perineo e della vulva è la pressione dell'utero in crescita sulla vena cava iliaca e inferiore. Il prerequisito patologico per le vene varicose del piccolo bacino è il reflusso di sangue attraverso la vena ovarica.

Esistono 3 gradi di gravità delle vene varicose del piccolo bacino, tenendo conto del diametro e della localizzazione dell'ectasia venosa:

  • 1 grado - i vasi dilatati hanno un diametro fino a 0,5 cm e un decorso contorto; la lesione può colpire uno qualsiasi dei plessi venosi della piccola pelvi;
  • Grado 2: i vasi dilatati hanno un diametro di 0,6-1 cm; la lesione può essere di natura totale o interessare il plesso ovarico, o le vene parametriche o le vene arcuate del miometrio;
  • Grado 3: i vasi dilatati hanno un diametro superiore a 1 cm con vene varicose di tipo totale o principale (localizzazione parametrica).

Sintomi delle vene varicose del piccolo bacino

Nelle donne, ci sono due opzioni per il decorso di questa malattia: congestione venosa degli organi pelvici e vene varicose del perineo. I sintomi di queste condizioni sono approssimativamente gli stessi, così come le cause di essi. La maggior parte delle donne presenta i seguenti sintomi delle vene varicose pelviche:

  • dolore nell'addome inferiore;
  • perdite vaginali profuse;
  • sindrome premestruale grave;
  • disturbi del ciclo mestruale;
  • disturbi urinari.

Questi sintomi in diversi pazienti possono manifestarsi in diverse combinazioni. Alcuni dei pazienti notano quasi tutti, alcuni ne hanno solo uno o due. Il sintomo più caratteristico della malattia è la presenza di un dolore estenuante nell'addome inferiore, che non è spiegato da alcun cambiamento visibile. Un altro sintomo predominante nella maggior parte dei pazienti è abbondante secrezione mucosa..

Più chiaramente, i sintomi inerenti a questa patologia venosa si fanno sentire dopo lo sforzo fisico e alla fine del ciclo mestruale. Le vene varicose esistenti delle gambe possono suggerire la presenza di questa particolare malattia. Dopotutto, le ragioni per lo sviluppo di entrambe le malattie sono gli stessi fattori..

L'esame di solito rivela un cambiamento nelle vene superficiali dei glutei, nel perineo e sulla superficie esterna posteriore della coscia.

Minaccia alla gravidanza normale

Le vene varicose degli arti inferiori sono molto spesso combinate con le vene varicose vaginali, che indicano la presenza di congestione nella piccola pelvi e il coinvolgimento di altri organi dell'area genitale femminile in generale e dell'utero, in particolare, nel processo patologico dell'apparato venoso.

Il danno ai vasi dell'utero può avere conseguenze negative e costituire una minaccia per il feto e la normale gestazione, pertanto le vene varicose durante la gravidanza acquisiscono uno stato speciale, in cui ai vasi venosi degli arti inferiori viene assegnato un ruolo guida. Dopotutto, è con loro che tutto inizia e la piccola pelvi è già coinvolta nel processo.

Sembra incredibile dire che le vene varicose possono prevenire la gravidanza e causare infertilità, ma è comunque. Inoltre, l'espansione delle vene prima o durante la gravidanza crea spesso un ostacolo al normale impianto dell'embrione e interrompe la corretta formazione della placenta..

Diagnostica

Secondo i ricercatori americani, nei primi anni 2000, solo il 2% dei pazienti con VVMT ha formulato la diagnosi iniziale corretta. A volte il risultato di un errore diagnostico era la rimozione degli organi riproduttivi nelle donne, sebbene ciò avrebbe potuto essere evitato se fossero stati usati i metodi più accurati per diagnosticare le vene varicose pelviche:

  1. Esame ecografico e Doppler delle vene: consente di sospettare le vene varicose;
  2. La flebografia è uno studio invasivo che consente di determinare con precisione la presenza e l'estensione della malattia;
  3. La laparascopia è indispensabile nella diagnosi differenziale di VVMT da malattie ginecologiche simili nella sintomatologia (endometriosi, mioma, colpite).
  4. Ovariografia selettiva: lo studio della condizione delle vene mediante l'introduzione di un mezzo di contrasto, è considerato il metodo diagnostico più obiettivo.
  5. L'imaging a risonanza magnetica o al computer consente di chiarire i dettagli del decorso della malattia e differenziarlo da altre patologie non ginecologiche simili nei sintomi (malattie articolari, morbo di Crohn, ecc.).

complicazioni

Se si osserva almeno uno dei suddetti sintomi, consultare un medico per un consiglio, non trascurare la condizione. Le vene varicose del piccolo bacino, scatenate, hanno diverse spiacevoli conseguenze:

  • disfunzione dell'utero;
  • controindicazione al parto naturale;
  • la comparsa di malattie concomitanti come le vene varicose delle gambe e le emorroidi;
  • disturbi mentali (aumento dell'ansia, irritabilità, disturbi del sonno, scarsa attenzione, paura dei rapporti sessuali dovuti a sensazioni dolorose).

Come trattare le vene varicose del piccolo bacino?

Per il trattamento delle vene varicose della piccola pelvi nelle donne, ci sono molti metodi, ognuno dei quali è efficace nel suo caso, ma l'effetto più grande è portato da una combinazione di vari metodi come parte di una terapia complessa.

I compiti più importanti della terapia per le vene varicose del bacino piccolo sono:

  1. Ripristino del tono vascolare.
  2. Eliminazione di processi stagnanti.
  3. Prevenire i coaguli di sangue.
  4. Miglioramento del trofismo tissutale.

La malattia viene trattata con un approccio integrato. Per questo, vengono prescritti farmaci. La paziente dovrebbe normalizzare il suo stile di vita, mangiare bene e usare speciali indumenti compressivi. Va ricordato che con una malattia diagnosticata, è severamente vietato utilizzare i metodi di medicina tradizionale. Possono essere utilizzati solo dopo aver consultato un medico, come terapia aggiuntiva..

Farmaco

Nella diagnosi delle vene varicose, viene utilizzata anche la terapia farmacologica. Molto spesso, vengono prescritti diversi gruppi di farmaci:

  1. Phleboprotectors. Fornire effetti anti-infiammatori, migliorare la circolazione sanguigna.
  2. Flebotonici. Le compresse sono indicate per migliorare l'elasticità delle pareti dei vasi..
  3. Enterosorbents. Indicato per legare ed eliminare le tossine nell'intestino.
  4. Farmaci antinfiammatori non ormonali. Aiuta ad alleviare il dolore e l'infiammazione.

I complessi vitaminici sono anche prescritti per aiutare a sostenere il sistema immunitario. Gli agenti antipiastrinici sono prescritti per prevenire la formazione di coaguli di sangue. Le medicine sono assunte solo come indicato da un medico nei dosaggi indicati.

Normalizzazione dello stile di vita

Le ragioni dell'impossibilità del concepimento con le vene varicose dei vasi pelvici e la comparsa di altri sintomi della malattia è uno stile di vita scorretto. Gli esperti raccomandano:

  1. Rifiutare da cattive abitudini.
  2. Evita di stare in piedi o seduto per più di tre ore.
  3. Rinunciare a uno sforzo fisico intenso.
  4. Fai ginnastica ogni giorno.
  5. Non fare un bagno caldo. La procedura può essere sostituita con una doccia a contrasto. Cambiare la temperatura dell'acqua aiuterà a mantenere i vasi sanguigni in buona forma..
  6. Sbarazzarsi del peso in eccesso. Per fare questo, puoi seguire una dieta e praticare sport..

Non è facile curare una malattia. Per fare questo, è necessario seguire tutte le raccomandazioni del medico. Il medico prescrive anche una serie di esercizi speciali che aiuteranno a ripristinare la circolazione sanguigna..

Nutrizione

Nel trattamento della malattia, una dieta equilibrata con l'esclusione di cibi grassi e bevande alcoliche è di grande importanza..

Il menu dovrebbe includere piatti ricchi di fibre, grassi vegetali. Gli alimenti principali nella dieta dovrebbero essere verdure, frutta, succhi naturali, tè verde. Dolci, piatti con molte spezie, fast food non sono raccomandati. I pasti dovrebbero essere frequenti, ma in piccole porzioni.

Gli alimenti ricchi di vitamina C (agrumi, ribes nero), frutti di mare (ostriche, gamberi, alghe) sono utili. I pasti dovrebbero essere cotti con una quantità minima di sale.

Ginnastica

Inoltre, i pazienti con VVMT devono fare ginnastica quotidianamente eseguendo:

  • esercitare "betulla";
  • esercizio di bicicletta";
  • esercizio di forbici;
  • esercitare in posizione supina - allungare le gambe, quindi piegare le ginocchia e tirare verso il petto;
  • esercitare in una posizione prona - a sua volta, sollevare la parte superiore di una o l'altra gamba;
  • camminando per la stanza: sulle dita dei piedi, sui talloni e poi con le ginocchia sollevate in alto (almeno 15 minuti);
  • in posizione supina, sollevare le gambe raddrizzate, piegare le ginocchia e le articolazioni dell'anca e raddrizzare nuovamente.

Rimedi popolari

Le medicine tradizionali sono efficaci nel superare i sintomi della malattia se applicate in anticipo. Tè e decotti di chaga e radice di tarassaco, tinture a base di ippocastano sono molto efficaci.

Il modo più economico per usare il chaga è il tè medicinale basato su di esso. Per questo, 3 cucchiai di chaga essiccato vengono versati in 0,5 litri di acqua bollita e insistono in un luogo caldo per diverse ore. Prendi mezz'ora prima dei pasti non più di 2-3 volte al giorno.

Un cucchiaio da dessert di radice di tarassaco schiacciata viene versato con un bicchiere di acqua bollente, insistito per diverse ore e bevuto tre volte al giorno 10-15 minuti prima dei pasti. Questo tè è controindicato per le persone che soffrono di gastrite o malattie del tratto biliare..

Per preparare la tintura di ippocastano, i frutti vengono sbucciati, tritati finemente, posti in una bottiglia con vetro scuro e versati con vodka in un rapporto di 1:10. La durata dell'infusione è di 14 giorni. 25-30 gocce della tintura risultante vengono mescolate con una piccola quantità di acqua e prese tre volte al giorno. La durata dell'ammissione non deve superare i 30 giorni.

Chirurgia

Il trattamento chirurgico delle vene varicose del piccolo bacino viene effettuato secondo rigorose indicazioni:

  • inefficacia della terapia conservativa;
  • 3 gradi della malattia;
  • incapacità di alleviare il dolore.

Varie tecniche chirurgiche vengono utilizzate a seconda della localizzazione di reflusso e conglomerati venosi:

  • legatura della vena ovarica (attraverso accesso retroperitoneale o laparoscopia);
  • sclerobliterazione delle vene ovariche sotto il controllo dell'agiografia (una sostanza sclerosante viene introdotta nel lume della vena, l'operazione viene eseguita in anestesia locale)
  • resezione (rimozione parziale) delle vene ovariche attraverso accesso retroperitoneale o laparoscopico;
  • ritaglio di vene ovariche laparoscopicamente;
  • flebectomia (rimozione delle vene) con vene varicose vulvare e perineale;
  • coagulazione laser e radiofrequenza;
  • crossectomia - legatura della grande vena safena e dei suoi affluenti - con una combinazione di vene varicose del perineo e degli arti inferiori.

Prevenzione

  1. Normalizzazione delle condizioni di lavoro con esclusione della seduta o della posizione prolungata. Ginnastica industriale, pause regolari dal lavoro. Eliminazione di pesanti sforzi fisici, sollevamento di carichi pesanti.
  2. Normalizzazione delle feci, alleviando costipazione. La dieta dovrebbe contenere più fibre vegetali e olio vegetale. Smettere di fumare e fumare. Esclusione dalla dieta di cibi piccanti e salati.
  3. Doccia di contrasto perineale verso l'alto ogni giorno.
  4. Esercizi in posizione prona con le gambe sollevate ("bici", "betulla", "forbici").
  5. Ginnastica respiratoria: respirazione lenta che coinvolge i muscoli addominali.
  6. Indossa speciali collant medici di grado II.
  7. Assunzione profilattica di farmaci venotonici in corsi 3-4 volte l'anno.

Un trattamento efficace è riconosciuto nei casi in cui i sintomi della malattia cessano, il deflusso venoso migliora secondo studi strumentali e migliora la qualità della vita del paziente..

Diagnosi ecografica delle vene varicose e trombosi delle vene pelviche nelle donne

Scanner ad ultrasuoni HS70

Diagnosi accurata e sicura. Sistema ad ultrasuoni multifunzionale per esami con precisione diagnostica esperta.

introduzione

La prevalenza delle vene varicose nella piccola pelvi varia ampiamente, il che indica l'ambiguità degli approcci diagnostici e tattici a questo problema. Secondo gli studi sugli ultrasuoni, le vene varicose della piccola pelvi si verificano nel 5,4% delle donne condizionatamente sane e nel 15,7% delle donne con patologia ginecologica diagnosticata. La combinazione di insufficienza della piccola vena pelvica e vene varicose degli arti inferiori si nota nel 62% dei casi [1].

La malattia colpisce le donne di età compresa tra 20 e 25 anni e il numero maggiore cade nel periodo tra 25 e 45 anni.

La dilatazione delle vene pelviche nelle donne è facilitata dalle caratteristiche anatomiche e fisiologiche dell'afflusso di sangue: i plessi uterovaginali, cistici, rettali, anastomosi l'uno con l'altro, trasportano il sangue nella vena iliaca interna e anche, fondendosi con i rami delle vene uterine del terzo superiore del corpo dell'utero, le vene dell'utero e dell'esterno: al cancello dell'ovaio. Anastomosi con le sue vene, formano il plesso ovarico. Ulteriore deflusso si verifica nella vena ovarica, che a destra anastomosi con la vena mesenterica superiore, scorre nella vena cava inferiore e a sinistra, anastomosi con la vena mesenterica inferiore, nella vena renale sinistra [2].

Una caratteristica della struttura delle vene dei plessi elencati, ad eccezione delle vene cistiche e iliaca, è l'assenza o lo sviluppo debole dell'apparato valvolare, e quindi del sistema nervoso simpatico, gli ormoni (in particolare l'estradiolo, il progesterone), le sostanze vasoattive svolgono un ruolo guida nel mantenere il tono della parete venosa, equilibrio acido-base. C'è un punto di vista che le vene varicose sono la collagenosi geneticamente determinata o una manifestazione di angiodisplasia.

L'insufficienza venosa cronica si sviluppa sotto l'influenza di due meccanismi principali: ipertensione renale venosa laterale sinistra e cavale. Con ogni sforzo, una persona sviluppa reflusso cavale. In assenza di una predisposizione al processo varicoso, la diffusione del reflusso nelle vene parietali è impedita dal loro apparato valvolare a pieno titolo e nei plessi viscerali senza valore - dal tono sufficiente e dalle contrazioni attive delle pareti venose. Nelle donne, il reflusso cavale isolato provoca cambiamenti varicosi nel plesso aciniforme dell'ovaio destro [3].

Il prerequisito anatomico per lo sviluppo dell'ipertensione renale venosa regionale è la compressione della vena renale sinistra in "forcipe" aortomesenterici. Sullo sfondo di una diminuzione del tono venoso, questa ostruzione aumenta la pressione nella vena renale, che porta allo sviluppo di reflusso sanguigno lungo la vena ovarica sinistra. Il reflusso renovariale provoca l'ingrossamento delle vene del plesso a forma di grano dell'ovaio sinistro, dei plessi uterovaginali, presacrale, urinario e rettale. La flebostasi più pronunciata negli organi pelvici nelle donne si sviluppa con una combinazione di reflusso ematico cavaovarico renoovarico e lato destro [4].

I fattori che provocano lo sviluppo delle vene varicose della piccola pelvi sono condizioni di lavoro (attività ortostatica e fisica prolungata forzata), gravidanza e parto, disfunzione sessuale, malattie ginecologiche, iperestrogenismo; negli ultimi anni, gli effetti collaterali della terapia ormonale sostitutiva e della contraccezione orale sono stati sempre più discussi [5].

Poiché le pareti dei vasi venosi sono una vasta zona riflessogena, l'espansione del loro lume è accompagnata da dolore. Si presume che la natura retrograda del flusso sanguigno con la formazione di flussi turbolenti abbia un effetto irritante sui recettori della parete vascolare..

Le vene varicose della piccola pelvi sono ancora un problema insufficientemente studiato, dal momento che è una patologia invisibile per il medico, ma porta a sindrome del dolore cronico, irregolarità mestruali, infertilità dovuta allo sviluppo di ipofunzione ovarica e può essere complicata da trombosi venosa.

La formazione di trombi si basa sull'interazione di fattori congeniti e acquisiti. I fattori congeniti comprendono la mancanza di antitrombina III, disfibrinogenemia ereditaria, riduzione dei livelli di trombomodulina nell'aterosclerosi, iperomocisteinemia, presenza di anticorpi verso i fosfolipidi, eccessiva inibizione degli attivatori del plasminogeno, deficit di plasminogeno, mutazione del gene C della protrombina e mutazione, G20210A, displasminogenemia, deficit di fattore XII.

Tra i fattori provocatori acquisiti, la gravidanza e il parto, la chirurgia, le infezioni, le lesioni, le fratture, la posizione prolungata seduta o in piedi forzata, il viaggio lungo, l'immobilizzazione, l'assunzione di contraccettivi orali, l'obesità, il fumo, i tumori maligni e la chemioterapia, la vecchiaia, l'insufficienza cardiaca, devono essere notati, insufficienza venosa cronica, ictus.

Fino ad ora, il rilevamento della trombosi dei plessi venosi della piccola pelvi mediante ultrasuoni transvaginali (TVUS) è ​​considerato casuistry [6].

Lo scopo di questo studio era di valutare la possibilità di TVUS di routine nella diagnosi delle vene varicose e della trombosi delle vene pelviche e di sviluppare un algoritmo per l'ulteriore gestione di tali pazienti..

materiale e metodi

Abbiamo analizzato retrospettivamente i risultati di TVUS di 2.530 donne di età compresa tra 19 e 83 anni (età media 51,3 anni) eseguite su moderni dispositivi a ultrasuoni con trasduttori transvaginali con una frequenza variabile di 7,5-10,0 MHz in modo pianificato (2.210 pazienti) o per indicazioni urgenti (320) nella direzione di un ginecologo con varie malattie del sistema riproduttivo femminile. Il diametro delle vene non superiore a 4 mm è stato considerato normale. Nel valutare il grado di ectasia delle vene pelviche, la classificazione di A.E. Volkov [2], secondo il quale il grado I includeva il diametro delle vene di qualsiasi plesso venoso del bacino piccolo fino a 5 mm e il corso simile a cavatappi delle navi; all'II grado - il diametro delle vene è di 6-10 mm con un tipo totale di espansione varicosa, ectasia libera del plesso ovarico, vene parametriche, vene del plesso arcuato; all'III grado - il diametro delle vene è superiore a 10 mm con il tipo totale di espansione varicosa o il principale tipo di localizzazione parametrica.

risultati

Le vene varicose della piccola pelvi sono state diagnosticate in 258 donne, che era il 10,2% del numero di risultati TVUS analizzati. Il diametro delle vene fino a 5 mm (ectasia di grado I) è stato stabilito in 98 (38%) pazienti, da 6 a 10 mm (ectasia di grado II) - in 111 (43%) casi e più di 10 mm (ectasia di grado III) - in 49 ( diciannove%). Al I grado di espansione, la loro localizzazione sul lato sinistro era predominante, al II-III grado il diametro delle vene su entrambi i lati era comparabile, il che è coerente con i dati della letteratura..

Le principali lamentele dei pazienti con vene varicose della piccola pelvi erano dolore cronico nell'addome inferiore, nella parte bassa della schiena, aggravato dopo carichi statici e dinamici prolungati, specialmente verso la fine della giornata lavorativa e nella seconda fase del ciclo mestruale, dopo raffreddamento, sovraccarico, sullo sfondo di stress o esacerbazione di malattie degli organi interni (73 %), dismenorrea - aumento della durata delle mestruazioni, spotting prolungato, allungamento del ciclo mestruale, mestruazioni pesanti (59%), dispareunia - disagio e dolore durante e dopo i rapporti (31% dei pazienti). Nel 3% delle donne non si sono manifestati dolore o altre manifestazioni cliniche. L'assenza o la bassa gravità del dolore in alcuni pazienti con vene varicose significative è spiegata dall'alta soglia della sensibilità al dolore [7].

Nel 53% dei pazienti è stata trovata una combinazione di vene varicose del piccolo bacino con vene varicose degli arti inferiori, perineo o emorroidi croniche.

Nell'analizzare la frequenza della combinazione delle vene varicose della piccola pelvi con patologia non vascolare, è stata notata la prevalenza di fibromi uterini (28,4%), cisti ovariche e cisti paraovariche (24,3%). Meno comunemente, le vene varicose della piccola pelvi sono state combinate con processi iperplastici dell'endometrio e del canale cervicale (13,5%), segni di aderenza nella piccola pelvi (9,5%), endometriosi interna (4,0%), idrosalpinx (1,4%).

In 1 paziente, le vene varicose del plesso parauretrale erano accompagnate da nefroptosi bilaterale. Nel 40,5% dei casi, le vene varicose della piccola pelvi erano combinate con una malattia, nel 56,8% - due o più, il 2,7% delle donne presentava l'unica patologia identificata.

Sullo sfondo di II e III grado di ectasia, sono stati diagnosticati 34 casi di trombosi delle vene pelviche.

Su TVUS, un trombo è stato visualizzato come una formazione avascolare, coprendo parzialmente o completamente il lume della nave venosa. L'ecogenicità di un trombo, a seconda dell'età del suo verificarsi, variava da bassa o media (Fig. 1, 2) ad alta, fino alla presenza di inclusioni calcificate (Fig. 3, 4).

a) Nella modalità scala di grigi, un trombo anecoico di 2,2x1,1 cm non viene praticamente visualizzato.

Le vene varicose del piccolo bacino nelle donne

Le vene varicose del piccolo bacino nelle donne (ectasia, parametria, dilatazione o flebostasi) sono innescate da questa condizione a causa del flusso inverso di sangue attraverso l'arteria ovarica, che appare a causa della compressione vascolare.

L'intensificazione dello sviluppo della malattia è la gravidanza.

Le vene varicose interne della piccola pelvi sono espresse da dolore intenso e prolungato nell'addome inferiore.

Le cause dell'apparizione della patologia

Molto spesso, l'ectasia delle vene pelviche è determinata nelle donne. Inoltre, di norma, questa malattia in ginecologia viene diagnosticata in pazienti di età compresa tra 20 e 40 anni.

Spesso, i pazienti con vene varicose della piccola pelvi cercano prima di eseguire il trattamento a casa. I metodi popolari, usati senza il consiglio e le raccomandazioni di un medico, possono portare alla comparsa di effetti collaterali negativi, quindi dopo un po 'devi andare da un flebologo per un consulto.

I principali fattori che portano alla comparsa di questa patologia includono:

  1. Attività fisica eccessivamente aumentata.
  2. Stile di vita passivo.
  3. Malattie congenite delle pareti dei vasi sanguigni: indebolimento, plasticità, sottosviluppo.
  4. Processi infiammatori negli organi pelvici.
  5. Squilibrio ormonale.

Patologia del piano sessuale - anorgasmia, dolore e comparsa di disagio durante i rapporti sessuali, che hanno un'eziologia psicologica dell'apparenza, mentre molto spesso praticano il contatto sessuale interrotto.

Allo stesso tempo, le vene varicose della piccola pelvi, il trattamento e i sintomi di questa malattia sono simili alle vene varicose sulle gambe. In questa situazione, il lavoro delle valvole inizia a interrompere le vene, il che aiuta il flusso di circolazione del sangue al muscolo cardiaco..

Viene visualizzata la disfunzione delle valvole, che funge da protezione per il flusso sanguigno inverso.

Se il loro lavoro viene interrotto, inizia il ristagno di sangue nelle vene. Le vene riempite di sangue aumentano di volume, il che aumenta ulteriormente il fenomeno della stagnazione. Il sintomo di sovraccarico venoso pelvico di solito appare vicino alla vulva, alle tube di Falloppio, alla regione uterina e può persino dilatare le vene nella vagina.

Primi segni e sintomi

Numerosi sintomi clinici di base indicano lo sviluppo di vene varicose. Il più importante dei segni di questa malattia è il dolore irragionevole nell'addome inferiore, nella zona pelvica, spesso iniziano a dare nel perineo o nella regione lombare. Il paziente è anche infastidito dall'abbondante secrezione di muco dalla vagina, specialmente a metà del ciclo mensile.

Oltre ai sintomi principali, ci sono anche altri sintomi molto importanti delle vene varicose:

  1. In alcuni casi, l'infertilità è nota nelle donne.
  2. Dismenorrea. Manifestazione di dolore durante le mestruazioni.
  3. Passaggio percettibile di sintomi premestruali.
  4. Irradiazione del dolore all'inguine, alla parte bassa della schiena e all'osso sacro.
  5. Sintomo di dispareunia (manifestazione di una sensazione di disagio nella vagina o nella vulva, sia durante il rapporto sessuale che dopo il suo completamento).
  6. La manifestazione di una crisi del dolore (a seguito di una grave ipotermia del corpo, eccessiva affaticamento fisico, stress psicoemotivo).
  7. La comparsa di dolore nell'addome dopo un sovraccarico prolungato (dinamico o statico).

Di fronte a questa sintomatologia clinica, è necessario consultare un medico il più presto possibile, poiché questa patologia può avere un gran numero di spiacevoli complicazioni:

  • le vene varicose possono essere una controindicazione al parto naturale;
  • il lavoro degli organi riproduttivi è interrotto;
  • c'è la paura del contatto sessuale;
  • compaiono irritabilità e ansia.

Va anche detto che tutti i sintomi sopra elencati possono essere espressi in diversi modi, in alcuni pazienti si notano tutti i segni della malattia e in alcuni solo alcuni di essi.

Metodi per diagnosticare la malattia

Per stabilire la diagnosi corretta, il paziente deve sottoporsi a un esame completo. Se una donna si lamenta del dolore che appare per una ragione sconosciuta, lo specialista determina innanzitutto tutti i motivi che sono fattori nella manifestazione del sintomo del dolore. Gli arti inferiori del paziente vengono attentamente esaminati. Quindi puoi identificare la manifestazione delle vene varicose. In alcune situazioni, una diagnosi viene fatta da un medico vascolare.

I principali metodi diagnostici sono i seguenti:

  1. Ultrasuoni del sistema venoso. L'esame consente di esaminare la tortuosità e l'espansione delle vene.
  2. Laparoscopia. Determinare le vene varicose nella regione ovarica.
  3. CT. Permette di escludere la malattia, identificare le vene varicose nelle ovaie e nell'utero, vedere la dilatazione sul monitor e la loro tortuosità.
  4. Oarycography selettiva L'esame più accurato. Prodotto iniettando un mezzo di contrasto nelle vene succlavia e femorale.
  5. Ecografia Doppler. Determina nelle vene delle ovaie e dell'utero una diminuzione della velocità sistolica del processo.

L'uso di questi metodi consente di definire più chiaramente i sintomi della malattia..

Gradi e approccio differenziale

Per standardizzare la diagnosi e la possibilità di un approccio al trattamento differenziale, A.E. Volkov ha diviso le vene varicose tenendo conto del luogo di formazione dell'ectasia venosa e delle dimensioni dei vasi dilatati.

Sono classificate tre fasi di questa malattia:

  • il primo stadio - movimento "cavatappi" della nave, la dimensione della vena non è superiore a 6 mm;
  • il secondo stadio - la dimensione della vena non è superiore a 7-11 mm durante il tipo totale di vene varicose, VR delle vene del plesso uterino arcuato, VR delle vene parametriche, ectasia libera del plesso ovarico;
  • il terzo stadio - la dimensione della vena è superiore a 11 mm durante la forma principale di formazione parametrica o il tipo totale di VR.

Tenendo conto della gravità del processo patologico, è possibile utilizzare metodi medici di trattamento o intervento chirurgico..

Metodi di trattamento per le vene varicose

Durante le vene varicose in stadio 1-2, vengono spesso utilizzati metodi conservativi di terapia (esercizi terapeutici, farmaci NPS, venotonica).

Terapia conservativa sintomatica durante la sindrome di congestione venosa, che include la normalizzazione del riposo e dell'attività fisica, che esclude carichi attivi eccessivi e posizione prolungata.

Quando al paziente vengono diagnosticate vene varicose, le procedure di trattamento sono principalmente finalizzate al raggiungimento dei seguenti compiti:

  1. Sollievo dai sintomi di sanguinamento, dolore, ecc..
  2. Ripristino del tono delle vene, aumento della circolazione sanguigna nei tessuti.
  3. Cessazione del flusso sanguigno inverso attraverso il sistema venoso ovarico.

È necessario rendersi conto che anche una terapia di altissima qualità di questa patologia non permetterà di curare completamente le vene varicose..

Tuttavia, un trattamento adeguato consentirà di prevenire i principali sintomi clinici e di migliorare significativamente le condizioni del paziente..

Il trattamento di EMCT comprende diversi componenti principali:

  1. Esercizi terapeutici regolari per prevenire l'insorgenza della malattia.
  2. Uso del corso di droghe durante un'esacerbazione.

Terapia conservativa delle vene colpite

A causa della posizione interna delle vene infette da patologia, i farmaci vengono utilizzati per via orale, è semplicemente impossibile applicare unguenti e gel venosi.

Durante questa malattia, vengono utilizzati i seguenti farmaci:

  1. Estratto di ippocastano (escuzan) - per alleviare l'infiammazione e l'edema.
  2. Diosmina (flibodia, detralex) - per eliminare l'elevata elasticità vascolare, prevenire danni, ridurre la permeabilità.
  3. Vitamina C - rafforza le pareti vascolari.
  4. Troxerutina: necessaria per migliorare la produzione di sangue dai vasi deformati, ridurre il processo infiammatorio e il gonfiore, aumentare l'attività delle vene.

I medici consigliano di combinare il trattamento conservativo con la terapia fisica e l'uso della biancheria intima a compressione. Soprattutto sono richiesti indumenti compressivi durante la gravidanza.

Intervento chirurgico

L'intervento chirurgico è un metodo estremo di trattamento, che viene utilizzato se la malattia è in uno stadio molto avanzato e si presume la VR delle vene. L'operazione chirurgica viene selezionata tenendo conto della posizione della principale perturbazione delle vene e prevede i seguenti interventi:

  • Operazione di Trendelenburg-Troyanov (crossectomia) - è anche usato per le malattie delle vene delle gambe;
  • legatura di una vena nei genitali (di solito eseguita contemporaneamente alla miniflebectomia perineale);
  • legatura delle vene ovariche.

Se è necessaria un'operazione, la scelta delle manipolazioni appropriate è abbastanza individuale, poiché tutto dipenderà dalla posizione delle vene varicose.

Ginnastica fisica e correttiva

Se consideriamo gli esercizi fisici necessari, allora le donne durante questa malattia devono eseguire almeno uno degli esercizi ogni giorno: "betulla", "bicicletta", "forbici". Anche una doccia di contrasto nell'area pelvica e esercizi di respirazione sono molto utili. Allo stesso tempo, la ginnastica eseguita correttamente ed efficacemente è il modo più veloce per ripristinare una vita sana e normale..

Gli esercizi più semplici ma efficaci sono i seguenti:

  1. Mentre sei sdraiato sulla schiena, solleva le gambe, quindi piegati e sollevati il ​​più in alto possibile. L'esercizio viene eseguito circa 10 volte..
  2. Posizione supina, allungare le gambe, quindi, piegarsi, tirare verso l'area del torace. Esegui almeno 10 volte.
  3. Per mezz'ora, dovrai camminare per la stanza. Prima - sulle dita dei piedi, poi - sui talloni, dopo - alzando le ginocchia il più in alto possibile.
  4. Sdraiato a pancia in giù, a turno per sollevare le gambe. Nella posizione massima, la gamba deve essere fissata per alcuni secondi. Almeno 7 set per ogni gamba.

Ricette e rimedi popolari

Le vene varicose possono essere trattate a casa.

I metodi di trattamento popolari più famosi e comuni:

  1. Infuso di ippocastano.
  2. Tintura di Kombucha.
  3. Tintura di radice di tarassaco.
  4. Trattamento con sanguisughe applicate al coccige e alla regione sacrale.

La dieta svolge un ruolo importante durante il trattamento delle vene varicose. La dieta quotidiana deve essere equilibrata e avere abbastanza fibre e proteine ​​naturali..

Azioni preventive

È inoltre necessario utilizzare alcuni semplici suggerimenti che servono come prevenzione dell'ERCC. Inoltre, se vengono costantemente osservati, possono anche migliorare le condizioni generali del corpo:

  1. Esercitarsi tutti i giorni.
  2. Utilizzare collant speciali per il trattamento.
  3. Aggiungi più verdure alla tua dieta quotidiana. Evitare cibi che causano costipazione.
  4. Quando lavori sedentari, fai delle pause, devi camminare per almeno 10 minuti ogni due ore.
  5. Non abusare di bevande alcoliche e non fumare.
  6. Non assumere farmaci ormonali in modo incontrollabile.
  7. Dopo un intervento chirurgico rispetto a VVMT, devono essere assunte dosi profilattiche di farmaci prescritti da un medico.

Possibile previsione

Se la condizione varicosa non viene affatto trattata, dopo un po 'le vene iniziano ad aumentare ancora di più (del 90%), questo minaccia di gravi effetti collaterali, inclusa la trombosi. Nel restante 10% dei pazienti con vene varicose, in cui è comparsa dopo la gravidanza, la malattia non progredisce in una fase più grave, tuttavia non scompare mai da sola.

Se inizi il trattamento della patologia, puoi ottenere un pieno recupero (15-25%, tenendo conto della gravità) o un miglioramento significativo (55-60%), specialmente nel caso di combinazione simultanea dei metodi operativi e conservativi. Ma, in un modo o nell'altro, dopo una terapia complessa, deve essere eseguita la profilassi permanente, che consiste nell'aderire allo stile di vita corretto, nel trattamento regolare o nel supporto di compressione delle vene.

Le vene varicose parametria che cos'è

Le vene varicose del piccolo bacino nelle donne sono provocate da un fenomeno come un flusso inverso di sangue attraverso la vena ovarica, che si verifica sullo sfondo della spremitura dei vasi sanguigni.

Il meccanismo scatenante per lo sviluppo della malattia è la gravidanza, in particolare i cambiamenti ormonali osservati durante questo periodo e la crescente pressione dell'utero sui vasi della piccola pelvi.

Questo tipo di vene varicose si manifesta con dolore intenso e prolungato nell'addome inferiore, che di solito appare dopo uno sforzo fisico intenso costante o prima delle mestruazioni.

Perché si verificano le vene varicose della piccola pelvi e che cos'è? Nella maggior parte dei casi, questa malattia viene diagnosticata nelle donne e molto spesso questo disturbo si riscontra in pazienti di età compresa tra 25 e 45 anni..

Molto spesso, tali pazienti cercano prima di curare le vene varicose da soli - i rimedi popolari che vengono utilizzati senza prescrizione e consultazione di uno specialista possono portare a effetti collaterali indesiderati, quindi è ancora necessario contattare un flebologo.

I fattori che provocano lo sviluppo di questa malattia includono:

  1. Stile di vita sedentario.
  2. Attività fisica insopportabile.
  3. Problemi ormonali.
  4. Malattia infiammatoria pelvica.
  5. Patologie congenite delle pareti vascolari: sottosviluppo, aplasticità, debolezza.
  6. Problemi sessuali - anorgasmia, dolore e disagio durante i rapporti sessuali, di natura psicologica, spesso praticati rapporti interrotti.

Le vene varicose nella piccola pelvi sono molto simili alla condizione delle vene varicose nelle gambe. In entrambi i casi, sono interessate le valvole nelle vene che aiutano il flusso sanguigno al cuore. La funzione delle valvole per prevenire il riflusso del sangue è compromessa. Quando le valvole collassano, il sangue ristagna nelle vene. Le vene che si gonfiano si allungheranno e peggioreranno la congestione. La sindrome da sovraccarico venoso pelvico si sviluppa principalmente vicino all'utero, alle tube di Falloppio, alla vulva e persino alla vagina.

Sintomi delle vene varicose del piccolo bacino

Numerosi sintomi possono indicare la presenza di vene varicose pelviche nelle donne. I più importanti sono i dolori irragionevoli nell'addome inferiore, nella zona pelvica, spesso sono dati alla regione lombare o al perineo. Inoltre, una donna può essere disturbata dalle secrezioni mucose dai genitali, in particolare nella seconda metà del ciclo mestruale..

Oltre a quelli principali, ci sono anche altri sintomi, non meno importanti, delle vene varicose degli organi pelvici nelle donne:

  1. Dismenorrea. Dolore durante le mestruazioni.
  2. In alcuni casi - compromissione della fertilità.
  3. Irradiazione dolorosa al sacro e alla parte bassa della schiena, nonché alla zona inguinale.
  4. Corso percettibile delle cosiddette sindromi premestruali.
  5. L'emergere di una crisi dolorosa (a causa dello stress psico-emotivo trasferito, del superlavoro fisico, dell'ipotermia).
  6. Il fenomeno della dispareunia (la comparsa di una sensazione di disagio nella vulva o nella vagina sia durante l'intimità che dopo la sua fine).
  7. Il verificarsi di dolore nell'addome dopo uno sforzo prolungato (sia statico che dinamico).

Di fronte a questi sintomi, è necessario contattare immediatamente uno specialista. Poiché questa malattia può avere molte spiacevoli conseguenze:

  • l'attività degli organi del sistema riproduttivo è interrotta;
  • le vene varicose possono essere una controindicazione al parto naturale;
  • c'è una sensazione di ansia e irritabilità;
  • c'è la paura del rapporto sessuale.

Vale anche la pena notare che i suddetti sintomi possono essere espressi in diversi modi (più o meno forti), alcune donne hanno tutti i segni della malattia e altre ne hanno 1-2.

Diagnostica

Per fare la diagnosi corretta, una donna viene sottoposta a un esame completo completo.

Quando un paziente si lamenta del dolore insorto per un motivo poco chiaro, il medico determina innanzitutto tutti i fattori che hanno causato la comparsa della sindrome del dolore. Le gambe del paziente vengono attentamente esaminate. Quindi puoi rilevare l'aspetto delle vene varicose. In casi speciali, viene eseguita una consultazione con un medico vascolare.

  1. Laparoscopia. Identificare le vene varicose nell'area ovarica.
  2. Ultrasuoni del sistema venoso. Lo studio ti consente di vedere l'espansione delle vene, la loro tortuosità.
  3. Ecografia Doppler. Rivela una diminuzione della velocità sistolica nelle vene dell'utero e delle ovaie.
  4. Oarycography selettiva. La ricerca più accurata. Eseguito iniettando contrasto attraverso le vene femorali e succlavia.
  5. TAC. Ti consente di escludere patologie, identificare le vene varicose nell'utero e nelle ovaie, mostrare la loro tortuosità ed espansione sullo schermo.

L'uso di tali metodi consente di determinare con maggiore precisione i sintomi della malattia..

Per standardizzare la diagnosi e tentare un approccio differenziale al trattamento, A.E. Volkov ha classificato le vene varicose della piccola pelvi in ​​base al diametro dei vasi dilatati e alla localizzazione dell'ectasia venosa..

Ci sono 3 gradi di questa malattia:

  • Grado 1 - diametro delle vene fino a 5 mm (qualsiasi plesso venoso del bacino piccolo), percorso "cavatappi" della nave;
  • 2 gradi - diametro delle vene 6-10 mm con tipo totale di vene varicose, ectasia libera del plesso ovarico (pl.pampiniformis ovarii), VR delle vene parametriche (pl.uterovaginalis), VR delle vene del plesso arcuato dell'utero;
  • Grado 3 - diametro della vena> 10 mm con tipo totale di VR o tipo principale di localizzazione parametrica.

A seconda della gravità del processo patologico nella piccola pelvi, è possibile utilizzare metodi conservativi di trattamento e interventi chirurgici.

Trattamento delle vene varicose del piccolo bacino

Se a una donna sono state diagnosticate le vene varicose della piccola pelvi, il trattamento mira a raggiungere i seguenti obiettivi:

  1. Cessazione del flusso sanguigno inverso nelle vene delle ovaie.
  2. Normalizzazione del tono venoso, miglioramento dell'apporto di sangue ai tessuti.
  3. Ritiro dei sintomi: dolore, sanguinamento e così via.

La terapia di ERCT comprende due componenti principali a:

  1. Corso di farmaci per esacerbazione.
  2. Uso continuo della terapia fisica per prevenire le ricadute.

Con le vene varicose della piccola pelvi di 1 o 2 gradi, di norma, vengono utilizzati metodi di trattamento conservativi (venotonica, farmaci antinfiammatori non specifici, esercizi di fisioterapia). Il trattamento conservativo per la sindrome della congestione venosa della piccola pelvi è sintomatico, inclusa la normalizzazione delle condizioni di lavoro e di riposo con l'esclusione di uno sforzo fisico significativo e una permanenza prolungata in posizione verticale.

Dovrebbe essere chiaro che anche il trattamento di alta qualità non consente di curare completamente le vene varicose del bacino. Tuttavia, un'adeguata terapia consente di sbarazzarsi della maggior parte delle manifestazioni cliniche e migliorare significativamente le condizioni del paziente..

Trattamento conservativo

A causa della posizione interna delle vene interessate, i farmaci vengono prescritti per via orale; non è possibile utilizzare gel e unguenti venosi. In questo caso, vengono utilizzati i seguenti mezzi:

  1. Diosmina (Detralex, Phlebodia) - per eliminare la maggiore elasticità dei vasi sanguigni, ridurne la permeabilità, prevenire la fragilità;
  2. Estratto di ippocastano (escuzan) - per alleviare gonfiore e infiammazione;
  3. Troxerutina (troxevasin) - per migliorare il deflusso di sangue dai vasi danneggiati, aumentare il tono delle vene, ridurre l'edema e l'infiammazione;
  4. Vitamina C (ascorutina) - per rafforzare le pareti dei vasi sanguigni.

Gli esperti raccomandano di combinare la terapia farmacologica con esercizi di fisioterapia e indossare biancheria intima a compressione speciale. Una particolare necessità di indumenti compressivi sorge durante la gravidanza.

Intervento chirurgico

La chirurgia è una misura estrema che viene utilizzata quando la malattia è molto avanzata e c'è una predisposizione alla BP delle vene. L'intervento chirurgico viene selezionato in base alla posizione delle principali violazioni e prevede le seguenti procedure:

  • legatura della vena ovarica;
  • legatura della vena genitale (spesso in combinazione con miniflebectomia perineale);
  • Operazione Troyanov-Trendelenburg (crossectomia) - in caso di danno alle vene degli arti inferiori.

In caso di necessità di intervento chirurgico, la selezione delle azioni appropriate è molto individuale, poiché tutto dipende dalla localizzazione delle vene varicose.

esercizi

Gli esercizi di fisioterapia per le vene varicose della piccola pelvi consistono nei seguenti esercizi:

  1. Da una posizione eretta, con i piedi paralleli, alzati sulle dita dei piedi e abbassati. Ripeti fino a 30 volte.
  2. Da una posizione eretta, i talloni sono allineati, le dita dei piedi divaricate. Alzati e scendi fino a 30 volte.
  3. Stai dritto, allarga i talloni, allineando le calze. Sali sulle calze fino a 30 volte.
  4. Crea una "bici" e una "betulla", assicurandoti che le gambe siano completamente estese.

Gli esercizi possono essere eseguiti ovunque. Se lo desideri, puoi sostituire, aggiungere o sottrarre qualsiasi esercizio, la cosa principale è assicurarsi che il corpo non si sovraccarichi. La fisioterapia deve essere associata all'indossare calze a compressione.

Rimedi popolari

I rimedi popolari più popolari e famosi:

  1. Infuso di kombucha (chaga).
  2. Tintura di ippocastano per somministrazione orale.
  3. Trattamento con sanguisughe poste sul sacro e sul coccige.
  4. Infuso di radice di tarassaco o raccolta di erbe a base di radice di tarassaco. Ha un effetto venotonico.

Anche la dieta svolge un ruolo significativo nel trattamento delle vene varicose: l'alimentazione deve essere bilanciata e contenere una quantità sufficiente di proteine ​​animali e fibre vegetali.

Prevenzione

Inoltre, segui alcune semplici raccomandazioni che non serviranno solo come prevenzione della VVMT, ma miglioreranno anche le condizioni generali del corpo:

  1. Indossare speciali collant medicati.
  2. Fai esercizi di respirazione ogni giorno.
  3. Fai una doccia di contrasto, concentrandoti su cosce, perineo e basso ventre.
  4. Durante il lavoro sedentario o in piedi, fare delle pause, camminare per 5-10 minuti ogni 1-2 ore.
  5. Aggiungi più fibre vegetali e olio vegetale alla tua dieta. Evita cibi piccanti, salati e stitici.

effetti

Le complicanze più comuni di questa malattia sono:

  • malattie dell'utero e appendici di natura infiammatoria;
  • malattia della vescica;
  • sanguinamento uterino.

In condizioni di deflusso venoso compromesso, esiste il rischio di sviluppare trombosi delle vene pelviche. Ma la frequenza di questo tipo di complicanze non supera il 3-5%.

Le vene varicose del piccolo bacino

Succede che dopo il parto, si verificano complicazioni nel corpo della madre. Durante la gravidanza, il corpo di una donna subisce gravi cambiamenti, le cui conseguenze sono di creare una nuova vita e, sfortunatamente, in una serie di malattie. Le vene varicose del piccolo bacino sono una delle tante possibili.

La malattia si sviluppa nel 30% delle donne in gravidanza, spesso colpisce lo stato degli organi interni dopo la nascita di un bambino. Succede che i sintomi compaiano a questo punto: in un modo simile, il corpo risponde allo stress prolungato, dimostrando che le condizioni del corpo si sono deteriorate negli ultimi nove mesi. La situazione è evidente se non è nato il primo figlio o la nascita è avvenuta con complicazioni.

Ad alcuni medici, quando viene chiesto "come trattare una malattia", si stringono nelle spalle e chiedono di non preoccuparsi. Se il dolore è costantemente disturbato, esiste il rischio di ulteriori complicazioni della malattia, la risposta è una: trattare!

Sintomi della malattia

Le vene varicose della piccola pelvi possono essere facilmente nascoste a una persona da una serie di altre malattie che causano dolore costante all'addome. Periodicamente, la malattia si sviluppa in parallelo con altre patologie della gravidanza. Se inizi il trattamento in tempo, i risultati rimarranno sicuramente positivi..

I pazienti con vene varicose della piccola pelvi hanno sintomi:

  • Il dolore costante alla schiena e all'addome aumenta se rimani a lungo senza muoverti. Se il focus delle sensazioni dolorose cresce, dà nel perineo o nella parte bassa della schiena;
  • Dolore del rapporto sessuale, mancanza di orgasmo - sintomi e cause dello sviluppo della malattia. Spesso, i segni si sviluppano in parallelo, è necessario rimanere attenti e monitorare attentamente le sensazioni in modo da non perdere il dolore inquietante. Se il rapporto sessuale viene interrotto a scopo di contraccezione, il rischio di malattia è estremamente elevato;
  • La sensibilità vaginale è aumentata;
  • Negli adolescenti, la malattia si sviluppa raramente, procede senza manifestazioni ovvie. Se c'è scarico ingiustificato dai genitali, questo diventa un segnale allarmante per contattare un medico. Lo scarico genitale inspiegabile si verifica anche nelle donne adulte;
  • Strana reazione del corpo alle variazioni di temperatura;
  • Mestruazioni gravi, accompagnate da dolore costante e doloroso, sindrome premestruale, dismenorrea;
  • Risposta negativa a uno sforzo fisico eccessivo;
  • Stagnazione del sangue nelle vene parametriche;
  • A volte - difficoltà a urinare.

I sintomi sono meno comuni in altre malattie, che colpiscono spesso la massa degli organi pelvici. Le vene varicose dell'utero e le vene varicose del testicolo sono infiammazioni separate che non hanno nulla a che fare con i motivi di cui sopra. La diagnosi viene fatta da un medico sulla base di diversi indicatori: i sintomi sono un fattore preso in considerazione, le cause della malattia vengono chiarite in seguito.

Ricorda, i pazienti con vene varicose si manifestano in modo diverso, a volte non tutti i sintomi sono osservati nel corpo. Per dimostrare che la diagnosi è corretta, i medici usano stimolanti per testare la risposta del corpo. Viene effettuata una diagnosi tempestiva per garantire un trattamento rapido e indolore. Non c'è bisogno di abbandonare il corpo, non puoi permettere alle vene varicose di svilupparsi impunemente.

L'auto-guarigione non dovrebbe essere praticata. La maggior parte delle donne non è in grado di diagnosticare la malattia da sola senza conoscenze specialistiche - devono andare dal medico. Anche dopo aver letto molti articoli sulla malattia, è facile ignorare le controindicazioni più semplici di ogni procedura di trattamento..

Diagnosi: come viene confermata la diagnosi

È consentito chiedere consigli su malattie da diversi medici: un flebologo venoso, un chirurgo specializzato nel trattamento dei vasi sanguigni. Il medico fornirà consulenza competente, spiegherà le cause della malattia e raccomanderà il trattamento necessario.

Prima del trattamento, viene mostrato di contattare il dipartimento di ginecologia con reclami. In risposta all'appello, il medico ha il diritto di prescrivere una serie di studi che dimostreranno o confuteranno la presenza di patologia tra gli organi interni:

  • Flebografia attraverso l'utero;
  • Ovaricography;
  • ultrasuoni;
  • Laparoscopia;
  • TAC.

Ogni procedura viene eseguita con il consenso delle donne sottoposte a trattamento. Le ragioni della diversità risiedono nel prendere in considerazione le caratteristiche individuali del paziente, i desideri della donna e, possibilmente, i piccoli dubbi del medico curante nella diagnosi.

Se le vene varicose del piccolo bacino vengono diagnosticate in una ragazza incinta, viene spesso prescritto un trattamento parsimonioso. Include l'uso di abbigliamento medico speciale. La donna in travaglio non assume farmaci, l'effetto dei farmaci sul feto non è stato studiato. È meglio non correre rischi e sbarazzarsi della malattia solo dopo la gravidanza. I collant curativi rimangono un must fino al completo recupero.

La regola principale del trattamento è la normalizzazione dello stile di vita del paziente: è impossibile rimanere in piedi per molto tempo, il lavoro, specialmente comportando sforzi fisici, dovrebbe essere normalizzato. Gli esercizi per le vene varicose pelviche non sono contestati, essendo di natura preventiva. Nominato da un medico. L'azione principale è scaricare il corpo: vengono utilizzati esercizi come "betulla", "forbici", "bicicletta" e altri. Anche gli esercizi di respirazione sono utili, normalizzando il lavoro di un corpo stanco, riportando le navi al loro stato precedente. Doccia di contrasto giornaliera raccomandata nella zona del cavallo.

Le ragioni per lo sviluppo delle vene varicose influenzano le condizioni generali degli organi interni, anche se i sintomi non dimostrano una condizione simile. Durante il trattamento, la dieta dovrà essere normalizzata, rinunciando a cattive abitudini come l'alcol e il fumo, non è necessario parlare di droghe. Si raccomanda di aumentare il consumo di prodotti vegetali, sicuramente anche freschi, di olio vegetale. È utile per i vasi sanguigni che hanno bisogno di nutrienti. È utile consumare più prodotti che includono o producono collagene, entrando nel corpo: la sostanza ha un effetto positivo sui tessuti connettivi dei vasi sanguigni, ripristinando e dando la precedente flessibilità.

Tra le medicine ci sono:

  • Detralex in un dosaggio standard elimina i sintomi in 2,5-3 mesi di assunzione.
  • Analoghi Detralex: Phlebodia, Antistax, Venarus sono prescritti se il paziente manifesta una reazione allergica ad altri farmaci per vari motivi.

Se i metodi di trattamento conservativo non aiutano, devi ricorrere all'intervento chirurgico. L'operazione viene eseguita in un'area in cui vi è una forte congestione del sangue. Il medico si assicurerà che i parametri venosi siano in buone condizioni e funzionino normalmente.

Cosa succede se le vene varicose non vengono trattate

Le malattie che portano le conseguenze della malattia non possono essere definite fatali e terribili. Tuttavia, è inaccettabile sedersi a braccia conserte affinché la malattia progredisca. Non dobbiamo dimenticare che quando non c'è trattamento, gli organi interni soffrono. Se vengono diagnosticate le vene varicose, il miometrio dell'utero è interessato, creando molte difficoltà per il corpo con il deflusso di sangue.

I ricercatori distinguono tre gradi di sviluppo delle vene varicose:

  1. La vena aumenta a 5 millimetri, il tipo e il decorso delle navi è il cavatappi;
  2. La vena aumenta a 6-10 millimetri, è possibile l'insorgenza di estasi sciolta del plesso ovarico, danno alle vene parametriche e alle vene del plesso arcuato dell'utero;
  3. La vena aumenta di oltre 10 millimetri, le vene varicose del piccolo bacino assumono finalmente un aspetto totale o la parametria venosa è interessata.

Il trattamento varia in base allo stadio di progressione. Nei casi più gravi, anche la chirurgia è possibile. Nella prima e nella seconda fase del decorso della malattia, vengono utilizzati metodi conservativi di trattamento dei vasi sanguigni, che agiscono sulle cause del danno d'organo, sterminando la malattia. Applicare la venotonica (aumentare il tono vascolare), la terapia fisica, i farmaci antinfiammatori.

Se i primi sintomi compaiono già, è necessario consultare un medico in modo che non peggiori in seguito. La maggior parte delle donne cerca di non prestare attenzione alle vene varicose del piccolo bacino, nel frattempo il trattamento non richiede molti sforzi.

È vietato iniziare il trattamento da soli. Le vene varicose del piccolo bacino non sono una malattia fatale, ma la violazione delle regole minaccia di gravi complicazioni.

Le vene varicose del piccolo bacino: cause, sintomi, diagnosi e trattamento

Le vene varicose della piccola pelvi sono provocate da un fenomeno come un flusso inverso di sangue attraverso la vena ovarica, che si verifica sullo sfondo della spremitura dei vasi sanguigni. Il meccanismo scatenante per lo sviluppo della malattia è la gravidanza, vale a dire i cambiamenti ormonali osservati durante questo periodo e la crescente pressione dell'utero sui vasi della piccola pelvi. Questo tipo di vene varicose si manifesta con dolore intenso e prolungato nell'addome inferiore, che di solito appare dopo uno sforzo fisico intenso costante o prima delle mestruazioni.

Soddisfare:

  • Cause delle vene varicose pelviche
  • Sintomi della malattia
  • Le conseguenze delle vene varicose del piccolo bacino
  • Diagnosi della malattia
  • Stadi della malattia
  • Trattamento delle vene varicose del piccolo bacino

Cause delle vene varicose pelviche

La gravidanza (violazione del flusso sanguigno negli organi pelvici) è la causa principale delle vene varicose pelviche, ma non l'unica. La malattia può essere provocata da:

  1. Predisposizione ereditaria, debolezza congenita delle pareti venose, sottosviluppo delle valvole venose.
  2. Eccessiva produzione di ormoni sessuali femminili.
  3. Malattie delle donne di natura infiammatoria.
  4. Rapporti interrotti come contraccettivo comune.
  5. Uno stile di vita sedentario, un lavoro che coinvolge sedute statiche o in piedi.
  6. Parto difficile e gravidanze multiple.
  7. Attività fisica frequente frequente.
  8. Anorgasmia (mancanza di orgasmo).
  9. Dolore nell'area genitale durante e dopo il rapporto sessuale.

Spesso questo tipo di malattia si verifica negli adolescenti, solo senza manifestazioni sintomatiche. L'unico segno dell'insorgenza della malattia è la comparsa di una scarica abbondante dal tratto genitale..

È importante distinguere le vene varicose della piccola pelvi dalle vene varicose dell'utero, poiché entrambi i disturbi hanno cause diverse e presentazione clinica.

Video: cause delle vene varicose del piccolo bacino.

Sintomi della malattia

  1. Dolore grave e di lunga durata nell'addome inferiore, che si diffonde nella regione lombosacrale e nella zona perineale e si intensifica, di regola, dopo una posizione eretta o seduta prolungata, nei primi giorni delle mestruazioni, durante e dopo i rapporti sessuali, nonché su uno sfondo di stress, superlavoro, ipotermia.
  2. Irregolarità mestruali (dismenorrea).
  3. In rari casi, disturbo della minzione.
  4. Dolore e tenerezza della vagina e del perineo.
  5. Chiare manifestazioni di sindrome premestruale.
  6. Scarico eccessivo dal tratto genitale.
  7. Noduli venosi nella parte posteriore della coscia, glutei e perineo.

L'intensità della manifestazione dei sintomi in ciascun caso è diversa, così come il loro numero. Una donna può avere 1-2 sintomi, l'altra - tutto quanto sopra..

Esistono due varianti del decorso della malattia: le vene varicose del perineo e della vulva e la sindrome della congestione venosa del piccolo bacino. In entrambi i casi, le cause e la manifestazione sintomatica sono quasi le stesse..

Le conseguenze delle vene varicose del piccolo bacino

Se si osserva almeno uno dei suddetti sintomi, consultare un medico per un consiglio, non trascurare la condizione. Le vene varicose del piccolo bacino, scatenate, hanno diverse spiacevoli conseguenze:

  • disfunzione dell'utero;
  • controindicazione al parto naturale;
  • la comparsa di malattie concomitanti come le vene varicose delle gambe e le emorroidi;
  • disturbi mentali (aumento dell'ansia, irritabilità, disturbi del sonno, scarsa attenzione, paura dei rapporti sessuali dovuti a sensazioni dolorose).

Diagnosi della malattia

Una diagnosi corretta e tempestiva è di grande importanza, poiché le vene varicose della piccola pelvi sono pericolose per lo sviluppo di infiammazione e trombosi. Spesso le persone sono state trattate per anni per malattie infiammatorie ginecologiche (endometriosi, fibromi uterini, ecc.), Perché i sintomi sono simili, ignari delle vene varicose, iniziando la malattia, senza liberarsi dal dolore. In questo caso, il medico esegue una diagnostica differenziale per un'inconfondibile conferma della diagnosi e del rilevamento dell'area in cui si verifica il flusso inverso di sangue nelle vene del perineo. Diversi metodi sono usati per questo:

  • Ultrasuoni degli organi pelvici e degli arti inferiori;
  • Ecografia Doppler dei vasi sanguigni (caratteristiche della circolazione sanguigna nelle formazioni vascolari);
  • flebografia transuterina (sito di coaguli di sangue);
  • laparoscopia diagnostica (raramente, per escludere la presenza di malattie correlate).

Stadi della malattia

Fase 1: le vene aumentano di diametro fino a 5 mm, dilatate sul bordo superiore dell'ovaio sinistro. In questa fase, la malattia è dovuta a insufficienza valvolare acquisita o ereditaria delle vene ovariche..

Fase 2: le vene aumentano di diametro fino a 10 mm, coprendo l'ovaio sinistro, c'è anche un allargamento varicoso delle vene uterine e dell'ovaio destro.

Fase 3: le vene aumentano di diametro di oltre 10 mm, mentre si verifica un ingrossamento varicoso dell'ovaio destro, che si avvicina di dimensioni a sinistra. Questa fase è dovuta a patologie ginecologiche (tumori).

A seconda dello stadio di sviluppo della malattia, viene prescritto un trattamento appropriato..

Trattamento delle vene varicose del piccolo bacino

È impossibile curare completamente le vene varicose, ma con un trattamento tempestivo e adeguato, è possibile rallentare significativamente il suo sviluppo e la comparsa di gravi complicanze, eliminare i sintomi della malattia, ottenere una remissione a lungo termine della malattia, migliorare la qualità della vita del paziente.

Per la prima e la seconda fase delle piccole vene varicose pelviche, l'uso di calze a compressione (obbligatorie durante la gravidanza), i farmaci (in caso di esacerbazione - farmaci venotonici e farmaci per migliorare le proprietà reologiche del sangue) e la terapia locale (raramente pomate, gel), correzione della nutrizione con prevalenza di fibre e le proteine, la terapia fisica e in alcuni casi i rimedi popolari sono effettivamente utilizzati. Insieme, queste misure consentono di ripristinare il tono delle vene, prevenire il ristagno e migliorare il trofismo dei tessuti. Quando viene diagnosticata la presenza di vene varicose, è necessario smettere di fumare e fumare. Al terzo stadio della malattia, quando la terapia conservativa è impotente, viene utilizzato un trattamento chirurgico (legatura del plesso venoso, embolizzazione). L'operazione aiuta a dimenticare la malattia per diversi mesi, ma, sfortunatamente, la malattia è incline a ricadere, soprattutto in assenza di prevenzione.

Con le vene varicose causate da disturbi ormonali, correzione farmacologica dei livelli ormonali e l'uso di preparati ormonali topici - unguenti, supposte, gel.