Fraxiparine

La fraxiparina è un farmaco anticoagulante e antitrombotico.
Il calcio di Nadroparin è caratterizzato da un fattore anti-Xa più elevato rispetto al fattore anti-IIa o all'attività antitrombotica. Il rapporto tra le due attività per la nadroparina è compreso tra 2,5 e 4.
In dosi profilattiche, la nadroparina non provoca una riduzione pronunciata del tempo di trombina parziale attivato (APTT).
Durante il corso del trattamento durante il periodo di massima attività, l'APTT può essere esteso a un valore 1,4 volte superiore allo standard. Questo prolungamento riflette l'effetto antitrombotico residuo della nadroparina di calcio.
farmacocinetica
Le proprietà farmacocinetiche sono determinate sulla base dei cambiamenti nell'attività del fattore anti-Xa nel plasma. Dopo somministrazione sottocutanea, quasi il 100% del farmaco viene assorbito rapidamente. La Cmax nel plasma viene raggiunta tra le 3 e le 4 ore, se il calcio con nadroparina viene utilizzato nella modalità di 2 iniezioni al giorno. Quando si utilizza nadroparina calcio nella modalità di 1 iniezione al giorno, la Cmax viene raggiunta tra le 4 e le 6 ore dopo la somministrazione. Il metabolismo si verifica principalmente nel fegato (desolfatazione, depolimerizzazione). Dopo somministrazione sottocutanea di T1 / 2, l'attività anti-Xa delle eparine a basso peso molecolare è superiore rispetto al caso delle eparine non frazionate e ammonta a 3-4 ore.
Per quanto riguarda l'attività del fattore anti-IIa, quando si usano eparine a basso peso molecolare, scompare dal plasma più velocemente dell'attività del fattore anti-Xa..
L'escrezione si verifica principalmente per via renale, nella forma originale o leggermente modificata.
Gruppi a rischio
Nei pazienti anziani, poiché la funzione renale è fisiologicamente ridotta, l'eliminazione viene rallentata. Ciò non influisce sulla dose e sulla modalità di somministrazione del farmaco a scopi profilattici, purché la funzione renale di questi pazienti rimanga entro limiti accettabili, ad es. leggermente violato.
Prima di iniziare il trattamento con LMWH, deve essere eseguita una valutazione sistematica della funzionalità renale nei pazienti anziani di età superiore ai 75 anni utilizzando la formula di Cockcroft.
Insufficienza renale da lieve a moderata (Cl> 30 ml / min): in alcuni casi può essere utile controllare il livello di attività del fattore anti-Xa nel sangue per escludere la possibilità di sovradosaggio nel corso del farmaco.
Emodialisi: l'eparina a basso peso molecolare viene iniettata nella linea arteriosa del ciclo di dialisi in dosi sufficientemente elevate da impedire la coagulazione del sangue nel circuito. In linea di principio, i parametri farmacocinetici non cambiano, tranne nel caso di sovradosaggio, quando il passaggio del farmaco nella circolazione sistemica può portare ad un aumento dell'attività del fattore anti-Xa associato alla fase terminale dell'insufficienza renale..

Indicazioni per l'uso:
Le indicazioni per l'uso di Fraxiparine sono:
- Prevenzione della formazione di trombi durante interventi chirurgici, coagulazione del sangue nel sistema di circolazione extracorporea durante emodialisi o emofiltrazione, complicanze tromboemboliche in pazienti ad alto rischio di formazione di trombi (in caso di respirazione acuta e / o insufficienza cardiaca in un'unità di terapia intensiva).
- Trattamento di tromboembolia, angina instabile e infarto miocardico non Q-wave.

Modalità di applicazione:
S / c (tranne per l'uso durante l'emodialisi).
Questo modulo è per adulti.
È impossibile entrare in / m!
1 ml di Fraxiparina equivale a circa 9500 UI di attività con fattore anti-Xa della nadroparina.
Tecnica di iniezione S / c
È preferibile entrare nel paziente in posizione supina, nel tessuto sottocutaneo della cintura addominale anterolaterale o posterolaterale, alternativamente sui lati destro e sinistro.
L'ago deve essere inserito perpendicolarmente (e non ad angolo) nella piega pizzicata della pelle, tenuta tra il pollice e l'indice fino alla fine della soluzione.

Le siringhe graduate sono progettate per la selezione della dose in base al peso corporeo del paziente.
Prevenzione del tromboembolia in chirurgia
Queste linee guida si applicano alle procedure chirurgiche eseguite in anestesia generale..
Frequenza di applicazione. 1 iniezione al giorno.
La dose applicata La dose è determinata dal livello di rischio individuale, in base al peso corporeo del paziente e al tipo di intervento chirurgico.
Situazioni con moderato rischio trombogenico. Nelle operazioni chirurgiche che presentano un moderato rischio trombogenico, così come nei pazienti senza un aumentato rischio di tromboembolia, si ottiene un'efficace prevenzione della malattia tromboembolica somministrando una dose di 2850 UI di attività anti-Xa al giorno (0,3 ml).
L'iniezione iniziale deve essere effettuata 2 ore prima dell'intervento chirurgico.
Situazioni con un aumentato rischio trombogenico. Chirurgia dell'anca e del ginocchio: il dosaggio della nadroparina dipende dal peso corporeo del paziente. Iniettato una volta al giorno: 38 UI di attività con fattore anti-Xa / kg prima dell'intervento, ad es. 12 ore prima della procedura, dopo l'operazione, ad es. a partire da 12 ore dopo la fine della procedura, quindi un giorno, fino al terzo giorno dopo l'operazione, compreso; 57 UI di attività anti-Xa / kg a partire dal quarto giorno dopo l'intervento chirurgico.
Le dosi utilizzate nei pazienti, a seconda del peso corporeo, sono le seguenti:

Peso corporeo del paziente, kgIl volume di Fraxiparine somministrato 1 volta al giorno prima dell'intervento e fino al terzo giorno dopo l'intervento, mlIl volume di Fraxiparine somministrato 1 volta al giorno, a partire dal quarto giorno dopo l'intervento, ml
cento1.01.0

Effetti collaterali:
L'effetto collaterale più comune è la formazione di un ematoma sottocutaneo nel sito di iniezione. In alcuni casi, ci sono noduli densi che non indicano l'incapsulamento dell'eparina, che scompaiono dopo pochi giorni.
Grandi dosi di Fraxiparine possono provocare emorragie in varie località e lieve trombocitopenia (tipo I), che di solito scompare con un'ulteriore terapia. Forse un moderato aumento temporaneo del livello di enzimi epatici (ALT, AST).
La necrosi cutanea e le reazioni allergiche sono rare. Sono stati segnalati diversi casi di reazioni anafilattiche e trombocitopenia immunitaria (tipo II) associate a trombosi arteriosa e / o venosa o tromboembolia.

Controindicazioni:
Ipersensibilità (inclusa trombocitopenia) a Fraxiparine o altri LMWH e / o eparina nella storia; segni di sanguinamento o aumento del rischio di sanguinamento associato a emostasi compromessa, ad eccezione della sindrome DIC, non causata da eparina; lesioni organiche di organi con tendenza al sanguinamento (ad esempio, un'ulcera acuta dello stomaco o del duodeno); trauma o intervento chirurgico sul sistema nervoso centrale; endocardite settica.

Gravidanza:
Esperimenti su animali non hanno mostrato l'effetto teratogeno del calcio nadroparinico, tuttavia, nel primo trimestre di gravidanza, è preferibile evitare la nomina di Fraxiparine, sia in una dose profilattica che sotto forma di un ciclo di trattamento.
Durante il II e III trimestre di gravidanza la Fraxiparina può essere utilizzata solo in conformità con le raccomandazioni del medico per la prevenzione della trombosi venosa (quando si confrontano i benefici per la madre con il rischio per il feto). Il trattamento del corso durante questo periodo non viene utilizzato.
In caso di domande sull'uso dell'anestesia epidurale, si raccomanda, per quanto possibile, di sospendere il trattamento profilattico con eparina almeno 12 ore prima dell'anestesia.
Poiché l'assorbimento del farmaco nel tratto gastrointestinale nei neonati è, in linea di principio, improbabile, il trattamento con Fraxiparine nelle madri che allattano non è controindicato..

Interazione con altri medicinali:
Lo sviluppo dell'ipercaliemia può dipendere dalla presenza simultanea di diversi fattori di rischio. Farmaci che causano iperkaliemia: sali di potassio, diuretici risparmiatori di potassio, ACE-inibitori, bloccanti del recettore dell'angiotensina II, FANS, eparine (basso peso molecolare o non frazionato), ciclosporina e tacrolimus, trimetoprim. Il rischio di sviluppare iperkaliemia aumenta con la combinazione dei suddetti farmaci con Fraxiparine.
L'uso combinato di Fraxiparine con tali farmaci che influenzano l'emostasi come l'acido acetilsalicilico, i FANS, gli antagonisti della vitamina K, i fibrinolitici e il destrano, porta a un reciproco miglioramento dell'effetto.
Inoltre, si dovrebbe tener conto del fatto che gli inibitori dell'aggregazione piastrinica (ad eccezione dell'acido acetilsalicilico come farmaco analgesico e antipiretico, ad es..

in una dose superiore a 500 mg): FANS, abciximab, acido acetilsalicilico in dosi antipiastriniche (50-300 mg) per indicazioni cardiache e neurologiche, beraprost, clopidogrel, eptifibatid, iloprost, ticlopidina, tirofiban aumentano il rischio di sanguinamento.

Overdose:
Il sovradosaggio accidentale con la somministrazione di SC di dosi elevate di eparine a basso peso molecolare può causare sanguinamento.
Nel caso della somministrazione orale - anche di una dose massiccia - di eparina a basso peso molecolare (finora non nota), non si possono prevedere gravi conseguenze, dato il bassissimo assorbimento del farmaco.
Trattamento: per emorragie minori - ritardare la dose successiva.
In alcuni casi, può essere mostrato l'uso di protamina solfato, tenendo conto di quanto segue: la sua efficacia è significativamente inferiore a quella descritta in relazione a un sovradosaggio di eparina non frazionata; il rapporto rischio / beneficio del protamina solfato deve essere attentamente valutato a causa dei suoi effetti collaterali (specialmente shock anafilattico).
Se si decide di utilizzare questo trattamento, la neutralizzazione viene effettuata mediante iniezione endovenosa lenta di protamina solfato.
La dose efficace di protamina solfato dipende da: la dose somministrata di eparina (100 unità antieparina di protamina solfato possono essere utilizzate per neutralizzare l'attività di 100 UI di attività anti-Xa fattore di LMWH); tempo trascorso dopo la somministrazione di eparina, con una possibile riduzione della dose di antidoto.
Tuttavia, è impossibile neutralizzare completamente l'attività del fattore anti-Xa..
Inoltre, la cinetica dell'assorbimento dell'eparina a basso peso molecolare può rendere temporanea questa neutralizzazione e richiedere la frammentazione dell'intera dose calcolata di solfato di protamina in diverse iniezioni (2-4), distribuite nell'arco di una giornata.

Condizioni di archiviazione:
A una temperatura non superiore a 30 ° C.
Tenere fuori dalla portata dei bambini.

Modulo per il rilascio:
Fraxiparine - soluzione iniettabile.
Confezione:
- il blister contiene 2 siringhe monouso, 0,3 ml ciascuna; in una scatola di cartone 1 o 5 bolle.
- nel blister ci sono 2 siringhe monouso da 0,4 ml; in una scatola di cartone 1 o 5 bolle.
- nel blister ci sono 2 siringhe monouso, da 0,6 ml ciascuna; in una scatola di cartone 1 o 5 bolle.
- nel blister ci sono 2 siringhe monouso, da 0,6 ml ciascuna; in una scatola di cartone 1 o 5 bolle.
- il blister contiene 2 siringhe monouso da 1 ml; in una scatola di cartone 1 o 5 bolle.

Composizione:
1 siringa contiene: nadroparina di calcio UI anti-Xa 2850.
Eccipienti: soluzione di idrossido di calcio - q.s. (o acido cloridrico diluito) a pH 5,0–7,5; acqua per preparazioni iniettabili - q.s. fino a 0,3 ml.
1 siringa contiene: nadroparina di calcio UI anti-Xa 3800.
Eccipienti: soluzione di idrossido di calcio - q.s. (o acido cloridrico diluito) a pH 5,0–7,5; acqua per preparazioni iniettabili - q.s. fino a 0,4 ml.
1 siringa contiene: nadroparina di calcio, UI anti-Xa 5700.
Eccipienti: soluzione di idrossido di calcio - q.s. (o acido cloridrico diluito) a pH 5,0–7,5; acqua per preparazioni iniettabili - q.s. fino a 0,6 ml.
1 siringa contiene: nadroparina di calcio, UI anti-Xa 7600.
Eccipienti: soluzione di idrossido di calcio - q.s. (o acido cloridrico diluito) a pH 5,0–7,5; acqua per preparazioni iniettabili - q.s. fino a 0,8 ml.
1 siringa contiene: nadroparina di calcio, UI anti-Xa 9500.
Eccipienti: soluzione di idrossido di calcio - q.s. (o acido cloridrico diluito) a pH 5,0–7,5; acqua per preparazioni iniettabili - q.s. fino a 1 ml

Inoltre:
Nonostante il fatto che la concentrazione di vari farmaci con eparina a basso peso molecolare sia espressa in unità internazionali di attività anti-Xa, la loro efficacia non si limita all'attività anti-Xa. Sostituire il regime posologico di un LMWH con un altro è pericoloso e inaccettabile, perché ogni regime è stato validato da specifici studi clinici. Pertanto, è richiesta particolare attenzione e rispetto delle istruzioni specifiche per l'uso per ciascun farmaco..
Rischio di sanguinamento. È necessario osservare i regimi terapeutici raccomandati (dosaggi e durata del trattamento). Altrimenti, può verificarsi sanguinamento, specialmente nei pazienti a rischio (anziani, pazienti con insufficienza renale, ecc.).
È stato osservato sanguinamento grave: nei pazienti anziani, soprattutto a causa dell'indebolimento della funzionalità renale con l'età; con insufficienza renale; in pazienti di peso inferiore a 40 kg; se la durata del trattamento supera quella raccomandata (10 giorni); in caso di inosservanza delle condizioni di trattamento raccomandate (in particolare la durata e l'impostazione della dose in base al peso corporeo per l'uso in corso); se combinato con farmaci che aumentano il rischio di sanguinamento.
In ogni caso, è richiesto un controllo speciale nei pazienti anziani e nei pazienti con insufficienza renale, nonché quando il farmaco viene utilizzato per più di 10 giorni. In alcuni casi, può essere utile misurare l'attività del fattore anti-Xa per rilevare l'accumulo di farmaci..
Rischio di trombocitopenia indotta da eparina (HIT). Se un paziente in trattamento con LMWH (in corso o in dosi profilattiche) presenta: dinamica negativa della trombosi, per la quale viene trattato il paziente, flebite, embolia polmonare, ischemia acuta degli arti inferiori, infarto del miocardio o ictus, devono essere considerati come manifestazione di trombocitopenia indotta da eparina (HIT) e analisi immediata della conta piastrinica.
Applicazione nei bambini. A causa della mancanza di dati, l'uso di LMWH nei bambini non è raccomandato.
Funzione renale Prima di iniziare il trattamento con LMWH, è necessario monitorare la funzionalità renale, specialmente nei pazienti anziani di età superiore ai 75 anni. La clearance della creatinina viene calcolata utilizzando la formula Cockcroft e sulla base del peso corporeo effettivo del paziente: negli uomini, creatinina Cl = (140 anni) × peso corporeo / (0,814 × creatinina sierica), che esprime l'età in anni, il peso corporeo in kg e la creatinina sierica in μmol / L (se la creatinina è espressa in mg / ml, moltiplicare per 8,8).
Per le donne, questa formula è integrata moltiplicando il risultato per 0,85.
Il rilevamento di grave insufficienza renale (Cl di creatinina circa 30 ml / min) è una controindicazione all'uso di LMWH in una forma di corso (vedere "Controindicazioni").

Fraxiparine (soluzione)

Anticoagulante ad azione diretta. Applicazione: trombosi venosa profonda, embolia polmonare, infarto miocardico. Prezzo da 2488 RUR.

Analoghi: atenativo, eparina, enoxaparina.

Che tipo di droga

Fraxiparine è una soluzione per iniezione sottocutanea. Il farmaco appartiene alla classe degli anticoagulanti, usati per prevenire la tromboembolia, ridurre la coagulazione del sangue.

Il medicinale è prodotto in siringhe usa e getta, le confezioni hanno colori diversi, a seconda del dosaggio.

Ingrediente attivo e composizione

Fraxiparine è una soluzione trasparente incolore destinata alle iniezioni sottocutanee.

Il principale ingrediente attivo è la nadroparina di calcio. 1 siringa contiene da 2850 a 9500 UI di ingrediente attivo anti-Xa.

Altri ingredienti: acqua purificata, idrossido di calcio o acido cloridrico.

Proprietà farmacologiche

Fraxiparine - anticoagulante ad azione diretta.

  • influenza la formazione di protrombinasi;
  • migliora l'emocromo;
  • riduce il rischio di micro e macrotrombosi;
  • normalizza la microcircolazione nei tessuti degli organi interni.

Farmacodinamica e farmacocinetica

La nadroparina di calcio è un'eparina a basso peso molecolare. La sostanza si lega rapidamente all'antitrombina III, che porta all'inibizione attiva del fattore Xa. Questo spiega l'alto effetto antitrombotico.

Dopo la somministrazione, si osserva la massima concentrazione dell'ingrediente principale nel sangue dopo 4-5 ore.

Il farmaco viene assorbito dall'88%. L'emivita del farmaco è di 2 ore, ma l'effetto antitrombotico rimane per altre 18 ore.

La fraxiparina è metabolizzata nel fegato.

Indicazioni per l'uso

Fraxiparine: le iniezioni sono prescritte per il trattamento e la prevenzione della trombosi, l'eliminazione di disturbi circolatori già esistenti.

Fraxiparine: cosa è prescritto per:

  • prevenzione di coaguli di sangue durante interventi chirurgici e ortopedici in soggetti a rischio di insufficienza cardiaca o respiratoria acuta;
  • prevenzione della coagulazione del sangue durante l'emodialisi;
  • trattamento dell'angina instabile e infarto del miocardio senza onda Q;
  • prescritto per fecondazione in vitro per migliorare le proprietà reologiche del sangue, facilitare l'impianto dell'embrione.

Fraxiparine è principalmente usato per il trattamento nel reparto di terapia intensiva.

Controindicazioni per l'uso

Le istruzioni per l'uso di Fraxiparine indicano le seguenti restrizioni d'uso:

  • sanguinamento interno, emorragia intracranica;
  • aumento del rischio di sanguinamento sullo sfondo di peggioramento dell'emostasi, lesioni ulcerative degli organi interni;
  • forme gravi di insufficienza renale;
  • lesioni, interventi chirurgici sul midollo spinale, cervello, bulbi oculari;
  • endocardite infettiva nella fase acuta;
  • ipersensibilità a componenti di medicina.

Metodo di somministrazione e dosaggio

Il farmaco viene iniettato per via sottocutanea nell'addome, alternativamente nei lati destro e sinistro. Sono consentite iniezioni nella coscia.

Fraxiparine - dosaggio

indicazioni
Prevenzione dello sviluppo di tromboembolia dopo l'intervento chirurgico4 ore prima dell'intervento, quindi 0,3 ml una volta al giorno.

La durata del trattamento è di almeno 7 giorni o fino al passaggio del paziente all'osservazione ambulatoriale.

Per prevenire la tromboembolia durante gli interventi ortopedici38 anti-HA UI / kg. Il 4 ° giorno dopo l'operazione, è consentito un aumento della dose di 1,5 volte.

La prima dose viene somministrata 12 ore prima dell'operazione, la successiva - 12 ore dopo. Quindi - una volta al giorno.

La durata minima del trattamento è di 10 giorni.

Pazienti con insufficienza cardiaca o respiratoria che si trovano nel reparto di terapia intensiva o in terapia intensivaPazienti con un peso fino a 70 kg - 3800 anti-Ha Me, con un peso superiore a 70 kg - 5700 unità.

Il farmaco viene somministrato una volta al giorno. La durata del trattamento è determinata dal medico.

Attacco cardiaco, angina instabileOgni 12 ore, 86 unità / kg per 6 giorni.
Trattamento di tromboemboliaEntro 10 giorni a 86 unità / kg con un intervallo di 12 ore.
Per prevenire la coagulazione del sangue durante l'emodialisi0,3-0,5 ml di farmaco vengono iniettati nella linea arteriosa del ciclo, a seconda del peso del paziente.

Nell'infanzia, gravidanza ed epatite B

La fraxiparina durante la gravidanza e l'allattamento è prescritta solo in casi estremi. Poiché il principio attivo può penetrare nella placenta e nel latte materno.

Il farmaco non è usato per il trattamento di pazienti di età inferiore ai 18 anni.

Effetti collaterali

Dopo l'iniezione del farmaco, si osservano spesso reazioni locali negative: ematoma nell'area di iniezione, comparsa di formazioni solide, necrosi tissutale.

Fraxiparine - reazioni collaterali:

  • vari sanguinamenti;
  • reazioni di ipersensibilità - eruzioni cutanee, arrossamento della pelle, edema di Quincke;
  • iperkaliemia;
  • priapismo.

Con il trattamento a lungo termine, si osservano eosinofilia, trombocitopenia, un aumento della quantità di enzimi epatici.

istruzioni speciali

Nei pazienti anziani, l'eliminazione della nadraparina rallenta sullo sfondo del deterioramento fisiologico della funzione renale. È necessario un aggiustamento della dose per prevenire lo sviluppo di insufficienza renale durante il trattamento.

Durante il trattamento, è necessario monitorare costantemente il numero di piastrine.

Il medicinale non può essere somministrato per via intramuscolare.

Il farmaco è prescritto con cautela nel trattamento di pazienti con anamnesi di patologie renali ed epatiche, forme gravi di ipertensione, alterazioni della circolazione sanguigna nei vasi e retina.

I pazienti di peso inferiore a 40 kg devono essere sottoposti a costante controllo medico e se la durata del trattamento supera i 10 giorni.

Overdose

In caso di sovradosaggio, si verificano sanguinamenti di varia localizzazione.

Con un leggero sanguinamento, è sufficiente rimandare la prossima iniezione. In caso di gravi conseguenze, viene prescritto il protamina solfato: il farmaco neutralizza le proprietà anticoagulanti dell'eparina.

Interazioni farmacologiche

Il rischio di sviluppare iperkaliemia aumenta se assunto insieme ai seguenti farmaci:

  • diuretici risparmiatori di potassio;
  • FANS;
  • sali di potassio;
  • ACE-inibitori;
  • antagonisti del recettore dell'angiotensina;
  • ciclosporina;
  • trimetoprim;
  • tacrolimus.

L'uso combinato con acido acetilsalicilico, fibrinolitici, FANS, anticoagulanti indiretti contribuisce allo sviluppo di un effetto reciprocamente rinforzante.

Analoghi

Il predecessore e analogo più vicino è eparina. Ma la fraxiparina è un rimedio più sicuro, agisce più velocemente, meno spesso provoca lo sviluppo dell'osteoporosi e altre reazioni negative..

Altri analoghi - Atenativo, Flenox, Enoxaparina.

Il farmaco è prescritto esclusivamente da un medico, in base alle condizioni del paziente e ai risultati della diagnosi.

Fraxiparine

Farmaco di prescrizione
Modulo per il rilasciosoluzione per somministrazione sottocutanea in fiale da 10 pezzi per 0,3 ml, 0,4 ml, 0,6 ml o 0,8 ml
fabbricanteSanofi Winthrop Industry, Francia
Sostanza attivaNadroparin calcio

Le consultazioni vengono effettuate da medici professionisti con esperienza significativa nella risoluzione di problemi di infertilità.

Forma e composizione del rilascio

Soluzione iniettabile (2850)1 siringa
Nadroparin calcio UI anti-Xa2850
eccipienti: soluzione di idrossido di calcio - q.s. (o acido cloridrico diluito) a pH 5,0–7,5; acqua per preparazioni iniettabili - q.s. fino a 0,3 ml

il blister contiene 2 siringhe monouso, 0,3 ml ciascuna; in una scatola di cartone 1 o 5 bolle

Soluzione iniettabile (3800)1 siringa
Nadroparin calcio UI anti-Xa3800
eccipienti: soluzione di idrossido di calcio - q.s. (o acido cloridrico diluito) a pH 5,0–7,5; acqua per preparazioni iniettabili - q.s. fino a 0,4 ml

nel blister ci sono 2 siringhe monouso da 0,4 ml; in una scatola di cartone 1 o 5 bolle

Soluzione iniettabile (5700)1 siringa
Nadroparin calcio UI anti-Xa5700
eccipienti: soluzione di idrossido di calcio - q.s. (o acido cloridrico diluito) a pH 5,0–7,5; acqua per preparazioni iniettabili - q.s. fino a 0,6 ml

nel blister ci sono 2 siringhe monouso, da 0,6 ml ciascuna; in una scatola di cartone 1 o 5 bolle

Soluzione iniettabile (7600)1 siringa
Nadroparin calcio UI anti-Xa7600
eccipienti: soluzione di idrossido di calcio - q.s. (o acido cloridrico diluito) a pH 5,0–7,5; acqua per preparazioni iniettabili - q.s. fino a 0,8 ml

nel blister ci sono 2 siringhe monouso, da 0,6 ml ciascuna; in una scatola di cartone 1 o 5 bolle

Soluzione iniettabile (9500)1 siringa
Nadroparin calcio UI anti-Xa9500
eccipienti: soluzione di idrossido di calcio - q.s. (o acido cloridrico diluito) a pH 5,0–7,5; acqua per preparazioni iniettabili - q.s. fino a 1 ml

Il principio attivo del farmaco è la nadroparina di calcio. È contenuto in una concentrazione di 9500 UI per ml. È lo stesso, indipendentemente dalla forma di rilascio. Cambia solo il volume di soluzione nella siringa.

Fraxiparine è disponibile in siringhe, 10 pezzi per confezione. La capacità di una siringa può essere 0,3 ml, 0,4 ml, 0,6 ml o 0,8 ml. Sono confezionati in blister da 2 siringhe. Ci sono 5 di tali bolle in un pacchetto..

effetto farmacologico

Il farmaco è un'eparina a basso peso molecolare. Ha un'alta capacità di legarsi all'antitrombina III. Come risultato di questo legame, viene migliorata l'inibizione del decimo fattore della coagulazione del sangue. Di conseguenza, è meno probabile che si formino coaguli di sangue, che possono portare all'occlusione dei vasi sanguigni..

Altri meccanismi di azione antitrombotica:

  • Stimolazione TFPI;
  • rilascio di plasminogeno dall'endotelio vascolare;
  • miglioramento della reologia del sangue;
  • aumento della permeabilità delle membrane piastriniche.

Indicazioni per l'uso

  • prevenire la formazione di coaguli di sangue durante l'intervento chirurgico e nel primo periodo postoperatorio;
  • prevenire la formazione di coaguli di sangue durante l'emodialisi (procedura di purificazione del sangue per insufficienza renale);
  • ad alto rischio di formazione di trombi intravascolari in pazienti sottoposti a terapia in terapia intensiva;
  • per il trattamento della trombosi venosa profonda o dell'embolia polmonare;
  • nel trattamento dell'infarto del miocardio o dell'angina instabile.

Controindicazioni per l'uso

Le principali malattie e condizioni in cui la Fraxiparina è controindicata sono:

  • Qualsiasi sanguinamento, ad eccezione di quelli causati dalla coagulazione intravascolare disseminata.
  • Patologie organiche in cui aumenta il rischio di sanguinamento (ulcera gastrica, malattia infiammatoria intestinale, ecc.).
  • Storia di ictus emorragico.
  • Trauma cranico.
  • Operazioni neurochirurgiche.
  • Endocardite settica.
  • Grave insufficienza renale.

Se c'era una storia di trombocitopenia (bassa conta piastrinica), l'uso di Fraxiparine richiede cautela.

Modalità di applicazione

Il farmaco viene sempre iniettato per via sottocutanea. L'eccezione è rappresentata dai casi in cui la Fraxiparina viene utilizzata per l'emodialisi. Quindi viene somministrato per via endovenosa. La prima dose può anche essere somministrata in vena in caso di infarto del miocardio. Il farmaco non viene somministrato per via intramuscolare.

Durante l'iniezione, il paziente si trova sulla schiena. L'iniezione viene somministrata per via sottocutanea, nell'addome o nella coscia. A causa del piccolo volume del farmaco, anche una piccola perdita può ridurre significativamente la dose che una persona riceverà. Pertanto, è indesiderabile rimuovere le bolle d'aria dalla siringa prima dell'iniezione. La loro presenza nella siringa non è pericolosa per il paziente..

Mantenere l'ago rigorosamente perpendicolare. Con due dita, la pelle dell'addome viene raccolta in una piega. Quindi viene fatta un'iniezione. Questo posto non viene sfregato dopo l'iniezione.

Dosaggio

Il farmaco viene dosato in base al fatto che 1 ml di Fraxiparine contiene 9500 UI di calcio di nadroparina.

Per la prevenzione delle complicanze tromboemboliche durante le operazioni chirurgiche, il farmaco viene prescritto 1 volta al giorno. A quale dose viene somministrata deve essere determinata individualmente. Dipende dai fattori di rischio per le complicanze tromboemboliche. È determinato dallo stato di salute, dal peso corporeo del paziente, dal tipo di intervento chirurgico eseguito.

Il rischio può essere valutato come moderato o alto.

Con un moderato rischio di complicanze tromboemboliche, la Fraxiparina viene somministrata alla dose di 0,3 ml al giorno, che corrisponde a 2850 UI. La prima iniezione viene effettuata 3 ore prima del prossimo intervento chirurgico. Quindi il trattamento continua per 1 settimana. Le iniezioni di fraxiparina vengono somministrate una volta al giorno. Se necessario, il corso può essere continuato se permane il rischio di tromboembolia. Si consiglia di continuare la terapia fino a quando il paziente non viene dimesso per cure ambulatoriali..

Il rischio è considerato elevato quando si esegue un intervento chirurgico alle estremità inferiori. In questo caso, quando si sceglie un dosaggio, viene preso in considerazione il peso corporeo del paziente. La prima dose viene somministrata 12 ore prima dell'intervento programmato. Dosaggio - 38 UI per chilogrammo di peso del paziente.

Dopo l'operazione, Fraxiparine viene iniettato di nuovo nella stessa dose 12 ore dopo. Quindi - una volta al giorno. Una dose simile viene mantenuta per 3 giorni. Dal quarto giorno, il dosaggio di Fraxiparine è aumentato a 57 UI per kg di peso corporeo. Il corso generale minimo di trattamento dura 10 giorni. Il medico può estenderlo se il rischio di coaguli di sangue è valutato elevato.

Dosi approssimative per pazienti con pesi corporei diversi:

  • Con un peso fino a 50 kg, vengono somministrati 0,2 ml di Fraxiparine nei primi tre giorni, quindi, prima della fine del ciclo terapeutico, 0,3 ml al giorno.
  • Con un peso corporeo da 50 a 70 kg, vengono applicati rispettivamente 0,3 e quindi 0,4 ml al giorno.
  • Per i pazienti di peso compreso tra 70 e 100 kg, sono prescritte dosi di 0,4 e 0,6 ml.
  • Con un peso superiore a 100 kg, vengono utilizzati dosaggi di 0,6 ml e dal quarto giorno passano a 0,8 ml al giorno.

La Fraxiparina è spesso prescritta a pazienti che si trovano nel reparto di terapia intensiva, ma che non hanno ricevuto un trattamento chirurgico. L'indicazione è un aumento del rischio di formazione di trombi. Questi sono pazienti con insufficienza respiratoria, infezioni gravi, insufficienza cardiaca. In questo caso, Fraxiparine viene somministrato una volta al giorno. La dose è determinata dal peso corporeo. Tutti i pazienti sono divisi in 2 gruppi. Fino a 70 kg, vengono somministrati 0,4 ml al giorno. Se il peso di una persona è maggiore, vengono prescritti 0,6 ml di Fraxiparine al giorno.

Oltre al trattamento anticoagulante, viene utilizzato il bendaggio elastico degli arti inferiori. La durata della terapia farmacologica può variare da paziente a paziente. Si consiglia di continuare fino a quando l'attività fisica della persona non viene completamente ripristinata. Se non ci sono fattori di rischio specifici per la tromboembolia (operazioni oncologiche, una storia di tromboembolia), il corso raccomandato è di 10 giorni. Inoltre, se necessario, può essere continuato con l'uso di anticoagulanti, che vengono assunti per via orale.

Fraxiparine

Prezzi nelle farmacie online:

La fraxiparina è un anticoagulante ad azione diretta con un effetto antitrombotico. Disponibile sotto forma di una soluzione per iniezione sottocutanea.

Azione farmacologica Fraxiparine

In conformità con le istruzioni per Fraxiparine, il principio attivo attivo del farmaco è la nadroparina di calcio. Gli eccipienti che compongono la soluzione sono acido cloruro, idrossido di calcio, acqua purificata.

La fraxiparina è un'eparina a basso peso molecolare creata dalla depolimerizzazione dell'eparina semplice. Il farmaco aumenta l'effetto dell'antitrombina e accelera la transizione della protrombina alla trombina.

Il farmaco ha un effetto terapeutico rapido e a lungo termine. Quando usata, la Fraxiparina aiuta a normalizzare il contenuto di lipoproteine ​​nel sangue, ha effetti immunosoppressivi e antinfiammatori.

Dopo una singola iniezione sottocutanea, Fraxiparine raggiunge la massima concentrazione sierica in circa 3-5,5 ore. Viene metabolizzato nel fegato mediante depolimerizzazione e desolfatazione. L'attività anticoagulante della sostanza persiste per 18 ore dopo l'iniezione. Il periodo di completa eliminazione dal corpo è di 7 ore. Escreto dai reni.

Indicazioni per l'uso di Fraxiparine

Fraxiparine è prescritto nei seguenti casi:

  • Trattamento dell'angina pectoris instabile e infarto del miocardio senza onda Q sull'elettrocardiografia;
  • Prevenzione della coagulazione del sangue durante l'emodialisi;
  • Eliminazione di tromboembolia;
  • Prevenzione dello sviluppo di complicanze tromboemboliche durante interventi ortopedici e chirurgici, nonché nelle persone con un aumentato rischio di formazione di trombi nel cuore acuto o insufficienza respiratoria in terapia intensiva (unità di terapia intensiva).

Metodi di utilizzo di Fraxiparine e dosaggi

Il medicinale è destinato alla somministrazione sottocutanea nella posizione sdraiata del paziente in profondità nel tessuto sottocutaneo della superficie posteriore o antero-laterale della regione addominale sul lato destro e sinistro alternativamente (eventualmente iniettando nella coscia).

Al fine di prevenire la tromboembolia in chirurgia, il farmaco viene prescritto in una dose di 0,3 ml. Viene somministrato 2-4 ore prima dell'operazione, dopo di che viene somministrato una volta al giorno. Durata della terapia - almeno 1 settimana.

Quando si eseguono operazioni ortopediche, la dose di Fraxiparine dipende dal peso del paziente:

  • 40-55 kg - 0,5 ml una volta al giorno;
  • 56-70 kg - 0,6 ml una volta al giorno;
  • 70-80 kg - 0,7 ml due volte al giorno;
  • 81-100 kg - 0,8 ml 2 volte al giorno.

Per il trattamento dell'infarto del miocardio senza onda Q e dell'angina pectoris instabile, il farmaco viene somministrato 2 volte al giorno ogni 12 ore. Il corso dura 6 giorni. La prima dose della soluzione viene somministrata per via endovenosa come iniezione polare, le dosi successive vengono somministrate per via sottocutanea. Per il trattamento del tromboembolia, il farmaco viene somministrato 2 volte al giorno con un intervallo di 12 ore. La durata del trattamento è di 10 giorni. Il dosaggio della fraxiparina secondo le istruzioni dipende dal peso del paziente:

  • meno di 50 kg - 0,4 ml:
  • 50-59 kg - 0,5 ml;
  • da 60 a 69 kg - 0,6 ml;
  • 70-79 kg - 0,7 ml;
  • da 80 a 89 kg - 0,8 ml;
  • 90-99 kg - 0,9 ml;
  • oltre 100 kg - 1 ml ciascuno.

Effetti collaterali di Fraxiparine

Secondo le recensioni, Fraxiparine può causare reazioni collaterali dal corpo:

  • Sistema di coagulazione del sangue: sanguinamento di varie localizzazioni;
  • Sistema ematopoietico: trombocitopenia, eosinofilia;
  • Sistema epatobiliare: aumento dell'attività delle transaminasi epatiche;
  • Sistema immunitario: reazioni cutanee, edema di Quincke;
  • Reazioni locali: piccoli ematomi nel sito di iniezione, comparsa di noduli densi, nevrosi cutanea;
  • Altri: iperkaliemia reversibile, priapismo (erezione dolorosa prolungata, non associata all'eccitazione sessuale).

Controindicazioni all'uso di Fraxiparine

Le controindicazioni alla Fraxiparina sono:

  • Ipersensibilità ai suoi componenti;
  • Adolescenza e bambini di età inferiore ai 18 anni;
  • Grave insufficienza renale;
  • Emorragia intracranica;
  • Gravidanza e allattamento;
  • Chirurgia o trauma al cervello, midollo spinale, occhi;
  • Danno d'organo organico, accompagnato da sanguinamento;
  • Endocardite acuta settica;
  • trombocitopenia.

Con cautela, Fraxiparin, secondo le recensioni e le istruzioni, è prescritto con un aumentato rischio di sanguinamento:

  • In pazienti che pesano fino a 40 kg;
  • Con insufficienza renale o epatica;
  • Con una storia di ulcere peptiche;
  • Dopo operazioni sul midollo spinale o sul cervello, organi della vista;
  • Con grave ipertensione arteriosa;
  • In caso di alterata circolazione sanguigna nella retina o nella coroide degli occhi.

Overdose di fraxiparina

In caso di sovradosaggio di Fraxiparine, secondo le recensioni, è possibile sanguinamento, che richiede una diminuzione del dosaggio o un ritardo nella successiva somministrazione del farmaco.

Analoghi di Fraxiparine

In termini di azione farmacologica, gli analoghi di Fraxiparine sono Angioflux, Anfibra, Gemapaksan, Piyavit, Fragmin.

Informazioni aggiuntive

Durante la terapia farmacologica, è necessario monitorare regolarmente il numero di piastrine. Con lo sviluppo di trombocitopenia e trombosi, una riduzione significativa della conta piastrinica e della sindrome DIC, il farmaco deve essere sospeso.

Le istruzioni per Fraxiparine indicano che la soluzione deve essere conservata in un luogo fresco e buio fuori dalla portata dei bambini..

Disponibile dalle farmacie su prescrizione medica.

Fraxiparine

Istruzioni per l'uso:

Prezzi nelle farmacie online:

Fraxiparine - un farmaco con anticoagulante, azione antitrombotica.

Forma e composizione del rilascio

La forma di dosaggio di Fraxiparine è una soluzione iniettabile (per somministrazione sottocutanea): leggermente opalescente, trasparente, giallo chiaro o incolore (2 siringhe in blister, in una scatola di cartone da 1 o 5 blister).

Composizione di 1 ml di soluzione:

  • principio attivo: calcio nadroparina - attività anti-Xa fattore 9500 ME (unità internazionali);
  • componenti ausiliari: soluzione di idrossido di calcio (o acido cloridrico diluito) - in una quantità sufficiente a pH 5-7; acqua per preparazioni iniettabili - fino a 1 ml.

Il contenuto di calcio di nadroparina in varie forme di dosaggio di Fraxiparine (a seconda del volume della siringa):

  • 0,3 ml - 2850 ME;
  • 0,4 ml - 3800 ME;
  • 0,6 ml - 5700 ME;
  • 0,8 ml - 7600 ME;
  • 1 ml - 9500 ME.

Indicazioni per l'uso

  • tromboembolia (trattamento);
  • angina instabile e infarto del miocardio senza onda Q (trattamento);
  • complicanze tromboemboliche: durante interventi ortopedici / chirurgici; in pazienti con un'alta probabilità di formazione di trombi in caso di insufficienza cardiaca / respiratoria acuta in terapia intensiva (prevenzione);
  • coagulazione del sangue durante l'emodialisi (prevenzione).

Controindicazioni

  • aumento del rischio di sanguinamento / segni di sanguinamento associati a emostasi compromessa (eccetto per DIC non eparinizzato);
  • storia gravata di trombocitopenia associata all'uso di nadroparina;
  • grave insufficienza renale (a 70 kg di clearance della creatinina: 0,6 ml.

Il farmaco viene somministrato una volta al giorno durante l'intero periodo di rischio di formazione di trombi..

Angina instabile e infarto miocardico non Q-wave

La fraxiparina viene somministrata ogni 12 ore. La durata dell'uso è di solito 6 giorni. Negli studi clinici, il farmaco è stato prescritto in combinazione con acido acetilsalicilico (325 mg al giorno).

La dose iniziale deve essere somministrata come singola iniezione in bolo endovenoso, seguita da sc.

La dose è determinata in peso - 86 UI anti-Ha / kg.

tromboembolia

In assenza di controindicazioni, gli anticoagulanti orali devono essere prescritti il ​​più presto possibile. La fraxiparina viene utilizzata ogni 12 ore fino al raggiungimento del tempo di protrombina target (di solito 10 giorni).

La dose è determinata in peso - 86 UI anti-Ha / kg.

Prevenzione della coagulazione del sangue nel sistema di circolazione extracorporea durante l'emodialisi

La dose di fraxiparina viene determinata individualmente, tenendo conto delle condizioni tecniche della dialisi.

All'inizio di ogni sessione, Fraxiparine deve essere iniettato una volta nella linea arteriosa del ciclo di dialisi. Per i pazienti senza un aumentato rischio di sanguinamento, le dosi iniziali sono impostate in base al peso, ma sufficienti per una sessione di quattro ore:

    10% - molto spesso; > 1% e 0,1% e 0,01% e 4,85 11111 Valutazione: 4,8 - 13 voti

Perché Fraxiparine è prescritto durante la gravidanza?

La fraxiparina appartiene alla categoria dei farmaci anticoagulanti, che impedisce il lavoro attivo della coagulazione del sangue e previene la formazione di coaguli di sangue. Il rimedio è prescritto alle donne in gravidanza in casi eccezionali, in particolare quando il rischio per la sua vita supera il rischio derivante dal trattamento farmacologico. Leggendo l'annotazione sul farmaco, la futura mamma teme sempre il suo uso. Il corso è prescritto rigorosamente dal medico, solo allora puoi evitare possibili effetti collaterali.

Cosa devi sapere su Fraxiparine?

La fraxiparina è classificata come eparina a basso peso molecolare, che ha un effetto anticoagulante. Pertanto, il farmaco attiva una catena di reazioni che porta alla coagulazione del sangue. La somministrazione regolare del farmaco non consente al sangue di ristagnare sulle pareti dei vasi sanguigni e impedisce la formazione di trombosi nelle donne. Il componente attivo dell'agente è la nadroparina di calcio. Questa sostanza crea rapidamente e fortemente legami con le molecole proteiche nel plasma, prevenendo la trombosi.

Riferimento! L'introduzione del farmaco consente di avere un effetto pronunciato sulla composizione del sangue e migliorare le proprietà del sangue. In questo caso, le reazioni collaterali non vengono praticamente rilevate. Sebbene le eparine da sole abbiano la capacità di aumentare il rischio di sanguinamento.

Affinché una donna durante la gravidanza non incontri la formazione di coaguli di sangue nei vasi, il medico a volte prescrive per lei un ciclo di assunzione di Fraxiparine. Per prescrivere un farmaco, il medico deve avere serie ragioni, vale a dire il rischio di diagnosticare la trombofilia nel paziente. Se la coagulazione del sangue è compromessa a tal punto che la probabilità di coaguli di sangue supera la sua assenza, ciò rappresenta un grave pericolo per il feto all'interno dell'utero. Il trattamento prematuro può portare alla morte del bambino.

Oltre a migliorare le condizioni del sangue della donna, il farmaco mantiene un normale apporto di sangue al bambino nell'utero. Il vantaggio indiscutibile di questo farmaco è il momento in cui le sostanze in esso contenute non penetrano mai nella barriera placentare e non influenzano la vita nascente.

Quando una donna incinta ha bisogno di Fraxiparine?

Durante la gravidanza, Fraxiparin è necessario come terapia di decorso nei casi in cui la gestante ha un aumento della coagulazione del sangue o il rischio di tale manifestazione è molto elevato. Il corso è prescritto dal medico individualmente. Alcune donne incinte devono somministrare il farmaco durante tutti i 9 mesi di gravidanza. Un trattamento così lungo è di solito giustificato se una donna ha avuto in precedenza aborti a causa di coaguli di sangue. È in questi casi che anche un piccolo divario senza un farmaco può portare a ipossia fetale e causare aborto spontaneo..

Attenzione! L'esatta sicurezza del farmaco non è stata stabilita clinicamente, ma molti medici concordano sul fatto che il farmaco può essere usato con calma in tutti i trimestri della gravidanza. In ogni caso, nel secondo e terzo trimestre dei casi identificati di effetti negativi di Fraxiparine, n.

Per molti anni, il farmaco è stato usato per trattare e prevenire un'eccessiva coagulazione del sangue nelle future mamme, sebbene l'abstract del farmaco non sia stato modificato per diversi decenni..

Nel primo trimestre, l'assunzione del farmaco è la più controversa. Prima di prescrivere Fraxiparine a una donna incinta in questo momento, il medico esamina i dati diagnostici di laboratorio e calcola il grado di rischio di parto prematuro e morte fetale in utero. Di norma, cercano di ritardare l'uso del farmaco almeno fino a 16 settimane di gravidanza, quando la protezione della placenta è già stata formata..

Entro il terzo trimestre, il feto e le dimensioni dell'utero raggiungono i loro volumi massimi, la vena cava inferiore è fortemente compressa, da cui scorre il sangue dagli arti al muscolo cardiaco. Durante questo periodo, il rischio di ristagno di sangue è elevato, il che può portare alla formazione di coaguli di sangue. Il blocco dell'arteria polmonare può essere fatale.

L'uso di Fraxiparine durante la gravidanza

Durante la gravidanza, il farmaco deve essere iniettato nel modo più accurato possibile; per questo, il produttore ha attaccato siringhe monouso convenienti con un ago speciale. La soluzione viene iniettata sotto la pelle nei volumi prescritti dal medico. In farmacia, puoi trovare dosaggi di 0,3 ml, 0,4 ml, 0,6 ml, 0,8 ml e 1 ml..

Durante la gravidanza, spesso non rischiano e prescrivono un dosaggio minimo di 0,3 ml, utilizzato non più di 3 volte al giorno. La durata del corso viene calcolata in base alle singole analisi del paziente, ma non deve essere inferiore a 10 giorni. Più un peso corporeo di una donna, maggiore è il dosaggio che dovrebbe fare..

Uso anticoagulante durante la gravidanza: Fraxiparine

Durante la gravidanza, ci sono situazioni in cui il medico, dopo il successivo esame del sangue, prescrive un farmaco aggiuntivo per la donna: un anticoagulante. La tendenza a formare coaguli di sangue è pericolosa per la vita della madre e del bambino, pertanto è consentito l'uso di farmaci controindicati durante questo periodo. La Fraxiparina durante la gravidanza, nonostante il divieto di istruzioni ufficiali, è prescritta per prevenire l'ipercoagulazione. La maggior parte degli emostasiologi concordano sul fatto che il farmaco, se usato correttamente, non danneggia il feto..

Il meccanismo d'azione di Fraxiparine

La Fraxiparina è un'eparina a basso peso molecolare con un effetto anticoagulante. In altre parole, impedisce l'attivazione della catena di reazioni che portano alla coagulazione del sangue. Con la somministrazione regolare di questo farmaco, vengono prevenuti i coaguli di sangue..

Il principio attivo di Fraxiparine è la nadroparina di calcio. Questa sostanza è in grado di formare legami rapidi e affidabili con molecole proteiche nel plasma. È questo meccanismo che impedisce la comparsa di coaguli di sangue. L'introduzione di Fraxiparine, o nadroparina calcio, ha un effetto pronunciato sulle proprietà del sangue e praticamente non provoca reazioni collaterali. Come tutte le eparine, non aumenta la possibilità di sanguinamento..

La trombofilia è una malattia della coagulazione del sangue con rischio di coaguli di sangue. Questa condizione può portare alla morte del feto all'interno dell'utero. La fraxiparina durante la gravidanza mantiene un normale apporto di sangue al nascituro, non danneggia la salute della madre. Un altro vantaggio di questo farmaco è che non passa attraverso la barriera placentare e non influisce sul feto..

Applicazione durante la gravidanza

Durante la gravidanza, Fraxiparine è prescritto per il trattamento di condizioni associate all'aumento della coagulazione del sangue, nonché per la loro prevenzione. La durata del corso di terapia è selezionata individualmente: in alcuni casi, è di tutti i 9 mesi. Può essere necessario un trattamento a lungo termine se una donna ha avuto in precedenza aborti a causa di coaguli di sangue. In tali casi, anche un'interruzione di un giorno nella somministrazione della soluzione medicinale può provocare la morte del feto..

Di quanto sia sicura la Fraxiparina durante la gravidanza non si può dire con certezza. L'istruzione contiene informazioni che la sua nomina è possibile nel 2o e 3o trimestre. Gli emostasiologi sono sicuri che il farmaco sia innocuo per donne e feti, ma non sono stati condotti studi clinici in questa categoria di persone. Cioè, la questione della teratogenicità della Fraxiparine rimane aperta. Tuttavia, il farmaco è stato usato per molto tempo per il trattamento e la prevenzione di un aumento della coagulazione del sangue nelle donne in gravidanza e l'annotazione al farmaco non è stata adattata per diversi decenni..

Alle donne incinte viene raramente prescritta Fraxiparine. Dopo aver ricevuto i dati diagnostici di laboratorio, il medico determina il grado di rischio di nascita pretermine e morte fetale intrauterina, quindi decide sulla necessità di utilizzare il farmaco. La sua somministrazione regolare aiuta a ripristinare la normale coagulazione del sangue ed evitare tali complicazioni..

Il 1o trimestre è il più pericoloso per l'assunzione di qualsiasi farmaco, compresi gli anticoagulanti. Provano a rinviare il loro uso fino a 16 settimane, quando si forma la placenta. Nel 2 ° e 3 ° trimestre, è consentito usarlo se la donna incinta non ha altre controindicazioni.


Più lungo è il periodo, maggiore è il rischio di complicanze dovute all'aumento della coagulazione del sangue. La placenta cresce durante tutti i 9 mesi, il numero di vasi grandi e piccoli è in costante aumento in esso. I coaguli di sangue si formano più rapidamente nei capillari, il che porta a ipossia fetale cronica e ulteriore ritardo della crescita intrauterina.

Nel 3 ° trimestre, l'utero e il feto raggiungono le loro dimensioni massime. Più diventano grandi, più comprimono la vena cava inferiore, attraverso la quale il sangue scorre dalle estremità al cuore. Di conseguenza, ristagna, il che porta allo sviluppo di coaguli di sangue. L'opzione più pericolosa è il blocco dell'arteria polmonare, questa condizione può portare alla morte di una donna incinta.

Diventa chiaro che ci sono indicazioni vitali per la nomina di Fraxiparine. In tutti i casi di cui sopra, i rischi derivanti dal suo utilizzo sono inferiori alle conseguenze della compromissione della coagulazione del sangue.

La Fraxiparina durante la pianificazione della gravidanza è anche prescritta per un aumento della coagulazione del sangue. La formazione di trombi è uno dei motivi che impediscono all'uovo fecondato di fissarsi sulla parete dell'utero. Cioè, l'introduzione di questo farmaco promuove il concepimento.

Modalità di applicazione

Quando si prescrive la Fraxiparina durante la gravidanza, è importante sapere come iniettarla. Il produttore era preoccupato per la comodità d'uso: il farmaco è disponibile sotto forma di soluzione versata in siringhe monouso con un ago per iniezione sottocutanea. Il volume di una dose può essere diverso, nelle farmacie puoi trovare opzioni: 0,3 ml, 0,4 ml, 0,6 ml, 0,8 ml, 1 ml.

Durante la gravidanza, il dosaggio minimo è più spesso prescritto - 0,3 ml, 1 volta al giorno. La durata del corso di iniezioni viene selezionata individualmente, ma non può essere inferiore a 10 giorni. Il dosaggio aumenta se la donna ha un peso corporeo elevato.

Ideale quando l'introduzione di Fraxiparine viene eseguita da un medico. Ma poiché a molti viene prescritto il farmaco per molto tempo e talvolta per tutti i 9 mesi, diventa necessario padroneggiare la procedura da soli. Eppure, prima di passare al trattamento domiciliare, è necessario che uno specialista esegua diverse iniezioni. Quindi verrà fuori vedere la tecnica corretta e capire quali possono essere le sensazioni quando viene iniettata la soluzione..

L'introduzione della soluzione viene effettuata come segue:

1. Rimuovere l'aria dalla siringa capovolgendola.
2. Preparare un batuffolo di cotone imbevuto di alcool.
3. Sdraiati sulla schiena e tratta con alcool una piccola area della pelle, facendo un passo indietro di alcuni centimetri dall'ombelico.
4. Sulla zona trattata, afferrare la piega della pelle con due dita.
5. Introdurre un ago nell'apice della piega con un angolo di 90 ° rispetto alla superficie generale della pelle.
6. Spingere lentamente lo stantuffo fino a quando non viene iniettata tutta la soluzione.
7. Rimuovere l'ago, premere cotone idrofilo sul sito di puntura.

Dopo la procedura, non dovrebbe essere consentito strofinare il sito di iniezione. Devi cambiarlo quotidianamente, alternando i lati (sinistra, destra). Immediatamente dopo aver rimosso l'ago, potrebbe comparire un po 'di sangue nel sito della puntura e dopo un po' - un leggero gonfiore. Questo è normale e non dovrebbe essere allarmante..

La fraxiparina durante la gravidanza può essere ottenuta gratuitamente. Il farmaco viene scaricato nella clinica prenatale nel luogo di residenza. La sua ricevuta è fornita per mezzo di un certificato generico nell'ambito del progetto nazionale "Salute" (Ordine del Ministero della salute e dello sviluppo sociale della Federazione Russa del 16 gennaio 2008 N 11H).

Controindicazioni

La fraxiparina è un potente farmaco, quindi il suo uso è controindicato in alcune condizioni e malattie. Prima di prescrivere questo farmaco, il medico esamina attentamente la storia e prescrive un rinvio per la diagnostica di laboratorio. I dati raccolti aiutano a valutare lo stato di salute della donna e identificare possibili rischi.

La nomina di Fraxiparine è impossibile nei seguenti casi:

  • con intolleranza individuale alla nadroparina;
  • con una carenza di coagulazione del sangue con sanguinamento;
  • se non è stato ottenuto un risultato positivo dal precedente trattamento con agenti antipiastrinici.

La Fraxiparina è prescritta con cautela a pazienti con funzionalità epatica o renale compromessa, malattie del tratto gastrointestinale, ipertensione..

Effetti collaterali e conseguenze

Gli effetti collaterali della somministrazione di Fraxiparine a volte compaiono sotto forma di reazioni cutanee: il sito di iniezione è pruriginoso e coperto da un'eruzione cutanea. Le allergie possono manifestarsi con orticaria, edema di Quincke. Lo shock anafilattico è estremamente raro. Il sovradosaggio può causare sanguinamento.

La fraxiparina durante la gravidanza è sempre prescritta sulla base di indicazioni gravi, le conseguenze per il feto non sono state studiate. Ma la maggior parte dei medici concorda sul fatto che se si segue il dosaggio, il rischio che si verifichino è minimo..

La fraxiparina durante la gravidanza è prescritta con cautela, non ci sono dati clinici sul suo uso durante questo periodo, ma le recensioni delle donne incinte sono positive. Il farmaco ripristina la normale coagulazione del sangue e previene la formazione di trombi, evitando aborti spontanei, carenza di ossigeno e morte fetale intrauterina. In base al dosaggio prescritto dal medico, il rischio di reazioni avverse è basso..

Autore: Olga Khanova, dottore,
appositamente per Mama66.ru