Come le gambe fanno male con le vene varicose, pronto soccorso nella lotta contro il dolore

Le vene varicose o le vene varicose sono un processo patologico che molte persone affrontano. Nella maggior parte dei casi, la malattia colpisce i vasi delle gambe, portando al loro allungamento, deformazione e assottigliamento delle pareti vascolari. Inoltre, le valvole situate all'interno delle vene cessano di svolgere pienamente le loro funzioni, a causa delle quali la circolazione sistemica viene interrotta e il sangue ristagna nelle vene..

Sotto l'influenza dei fattori descritti, le navi aumentano di dimensioni, appaiono sulla superficie e appaiono attraverso la pelle. Di conseguenza, un'intera rete vascolare è visibile sulla superficie della pelle, spesso con noduli e ulcere trofiche. Tuttavia, oltre ai disturbi estetici, il problema è molto più profondo ed è spesso accompagnato da sensazioni dolorose..

La natura del dolore con le vene varicose

Prima di tutto, è importante capire che il termine "molto spesso" non significa che il dolore sia accompagnato dal 100% dei casi di vene varicose. Molto dipende da una serie di fattori, dalle caratteristiche individuali del corpo del paziente e anche nelle fasi successive della progressione del processo patologico, il dolore potrebbe non essere.

Se classifichiamo sensazioni dolorose, prima di tutto considereremo la loro localizzazione:

  • Nella maggior parte dei casi, la sindrome del dolore è localizzata direttamente nel sito delle lesioni vascolari, la loro deformazione.
  • Al secondo posto in termini di frequenza di localizzazione si trova l'area del muscolo gastrocnemio, mentre i dolori stessi sono localizzati più vicini alla regione poplitea della gamba.
  • La più bassa probabilità di localizzazione della sindrome del dolore va nella zona della caviglia.
Dolore alle vene varicose

Naturalmente, la probabilità di sviluppare dolore alle gambe aumenta con il progredire del processo patologico. Ciò è dovuto allo stato aggravante dei vasi sanguigni, al loro aumento, alla progressione dei processi stagnanti e, di conseguenza, a un aumento della pressione vascolare. In definitiva, la pressione può aumentare così tanto che le pareti della nave non resistono, questo minaccia di emorragie interne, la formazione di ematomi e ulcere trofiche.

Di conseguenza, la natura del dolore dipende dal grado di sviluppo della malattia:

  1. Nelle fasi iniziali, le sensazioni dolorose o piuttosto spiacevoli di un carattere tirante o schiacciante sono causate dal gonfiore delle gambe. È importante capire che insieme ai disturbi del flusso sanguigno, il fluido si ritrova anche nelle gambe, provocando gonfiore. Nelle fasi iniziali, l'edema è periodico, appare più spesso la sera e il disagio è causato dalla fatica, dal camminare con le scarpe durante il giorno, in casi estremi, dalla tensione della pelle.
  2. Il fatto della fatica merita un'attenzione speciale. Con le vene varicose, le gambe si stancano più velocemente. Inizialmente, questo viene espresso durante uno sforzo fisico prolungato durante il giorno (se il paziente rimane in piedi per molto tempo, cammina molto, ecc.). Tuttavia, mentre la malattia progredisce, la fatica si fa sentire più spesso e più intensamente, a causa della quale si avvertono sensazioni dolorose caratteristiche. In questo caso, i dolori sono di natura opaca, anche tirando o dolorando.
  3. A circa il secondo stadio della malattia, con un peggioramento della condizione delle vene, la loro più grave deformazione e disfunzione delle valvole di moderata gravità, il paziente lamenta l'effetto della gravità. In questo caso, i dolori sono caratterizzati da scoppio, in alcuni casi sono persino chiamati acuti. Ciò è dovuto alla crescente pressione nelle navi e se all'inizio è sufficiente sdraiarsi su una collina in modo che il dolore si attenui, in futuro dovrai affrontarle usando i farmaci.
  4. Il più probabile è lo sviluppo della sindrome del dolore, nonché la sua maggiore intensità nel caso della progressione delle vene varicose al quarto stadio finale. È in questa fase che la deformazione vascolare e la pressione vascolare raggiungono un picco.

È difficile descrivere più precisamente le caratteristiche delle sensazioni dolorose con le vene varicose nelle gambe. Ciò è dovuto alle caratteristiche individuali dell'organismo di ciascun paziente, nonché alle caratteristiche del decorso della malattia. Tuttavia, il dolore può essere sentito come:

  • Stupido.
  • traino.
  • Dolorante.
  • scoppio.
  • Frantumazione.
  • Acuto.
  • Simile a Rezi.

Anche al secondo, e ancor più spesso al terzo stadio dello sviluppo della patologia, i dolori sono accompagnati da crampi muscolari, che disturbano i pazienti principalmente durante il sonno notturno..

Sintomi delle vene varicose

Cause di sensazioni dolorose

Comprendere da dove proviene il dolore delle vene varicose può aiutarti a gestire in modo più efficace questo problema o prevenire l'insorgere del dolore. Quindi, i dolori sorgono sotto l'influenza dei seguenti motivi:

  • I cambiamenti patologici nel letto vascolare rallentano la circolazione sanguigna in alcune aree delle vene. Ciò porta a una diminuzione del flusso sanguigno, a causa della quale inizia la fame di ossigeno, si verifica il dolore.
  • La circolazione sanguigna favorisce l'eliminazione dei prodotti di decomposizione, che vengono costantemente prodotti dall'organismo in piccole quantità. A causa di una diminuzione del deflusso di sangue e del suo ristagno, i prodotti di decomposizione vengono rimossi lentamente, il che porta alla comparsa di tossine che avvelenano le cellule viventi, questo processo provoca anche sensazioni dolorose.
  • I disturbi trofici che compaiono nelle fasi successive dello sviluppo delle vene varicose e con la progressione della malattia si intensificano, provocando dolore sempre più acuto.

Il dolore aumenta con lo sforzo fisico, l'affaticamento delle gambe, nella maggior parte dei casi diventano particolarmente intensi nel pomeriggio o alla sera.

Metodi per trattare la patologia

Per la completa eliminazione del dolore, è necessario dirigere tutte le forze al trattamento del processo patologico. Per fare ciò, è necessario consultare un medico che effettuerà una diagnosi, sulla base della quale prescriverà un trattamento più adatto per un particolare paziente..

Il trattamento richiederà del tempo, durante il quale il paziente sarà tormentato dal dolore. Pertanto, è importante capire non solo come trattare le vene varicose, ma anche conoscere i metodi per alleviare il dolore.

Pronto soccorso nella lotta contro il dolore

L'eliminazione del dolore è solo una parte sintomatica del trattamento, nella maggior parte dei casi non influisce sulla soluzione del problema principale: le vene varicose.

Tuttavia, è molto importante eliminare il dolore, considerare i principali metodi per affrontare le sensazioni spiacevoli e dolorose:

  • Nelle fasi iniziali dello sviluppo della malattia, i dolori sono instabili, la loro intensità è piuttosto bassa e si verificano principalmente la sera. In tali casi, è sufficiente prendere una posizione sdraiata e appoggiare i piedi su un cuscino o semplicemente appoggiarli contro il muro in modo che i piedi siano al di sopra del livello del corpo. Questa posizione facilita il flusso sanguigno, riducendo in tal modo dolore e gonfiore;
  • È anche molto utile fare un leggero massaggio, impastando gli arti inferiori con movimenti di massaggio e sfregamento. Ricorda che puoi allungare le gambe durante il giorno, il che è molto utile nelle fasi successive dello sviluppo della malattia..
Esposizione al dolore

Metodi tradizionali di sollievo dal dolore

In caso di dolore intenso che ti disturba costantemente, nonché nei casi in cui non c'è modo di massaggiarti o rilassarti, dovresti ricorrere all'aiuto di farmaci. Naturalmente, solo un medico dovrebbe prescrivere un farmaco, ma nella maggior parte dei casi vengono utilizzati i seguenti farmaci:

  • Mezzi speciali sotto forma di gel - principalmente stiamo parlando di farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) che eliminano efficacemente il dolore, oltre ad avere un pronunciato effetto antinfiammatorio e moderato antipiretico.
  • In alcuni casi, puoi ricorrere ad antidolorifici, ma con le vene varicose, il loro effetto è insignificante e di breve durata. Questi sono principalmente analgesici e antispasmodici.
  • Se le sensazioni dolorose sono accompagnate o aggravate da convulsioni, vale la pena parlare con il medico dell'uso di miorilassanti che aiutano a ridurre gli spasmi muscolari..
  • Inoltre, i metodi tradizionali per affrontare le sensazioni dolorose con le vene varicose nelle gambe includono l'uso di speciali calze a compressione, calze o collant. Questo metodo è considerato il più efficace in termini di sollievo dal dolore e il suo effetto è il più lungo. La biancheria intima menzionata deve essere acquistata solo in farmacia e in considerazione del fatto che ha un diverso grado di compressione, consultare prima il medico.

Rimedi popolari

Nella medicina popolare, ci sono anche molti modi per eliminare o prevenire il dolore causato dallo sviluppo delle vene varicose. Prendi in considerazione alcuni dei metodi e delle ricette più efficaci:

  • Ippocastano - la tintura alcolica deve essere preparata dal frutto di questo albero. Per fare questo, macina 100 grammi di castagne sbucciate, mettilo in un piatto di vetro e versa 500 millilitri di vodka. Metti la ciotola in un luogo buio e lascia per 7-8 giorni a temperatura ambiente, mescolando una volta al giorno. Successivamente, la tintura viene filtrata e le gambe vengono sfregate con esso prima di andare a letto o anche durante il giorno se i dolori disturbano durante le ore di luce del giorno.
  • I prodotti a base di cera d'api o propoli mostrano un'elevata efficienza nella lotta contro il dolore con le vene varicose. Per preparare il medicinale, prendi 80-90 grammi di propoli, macinalo e versa 300 millilitri di alcool medico in un piatto di vetro. L'agente viene infuso per 30 giorni o fino a quando la propoli è completamente sciolta, per tutto questo tempo viene anche conservata in un luogo buio, scuotendolo periodicamente. Non appena il medicinale è pronto, puoi strofinare i piedi o fare lozioni..

Prevenzione del dolore

È anche importante capire che nelle fasi iniziali della malattia, quando il dolore non è intenso o disturba raramente, ma è stato iniziato il trattamento, sarà sufficiente seguire le raccomandazioni che riducono la probabilità di sensazioni dolorose:

  1. Evitare di indossare scarpe col tacco alto.
  2. Assicurati che le tue scarpe siano comode.
  3. Nella stagione fredda, quando si lavora in ambienti chiusi, è importante passare dagli stivali alle scarpe più leggere e più comode;
  4. Cerca di ridurre al minimo lo stress sulle gambe.
  5. È impossibile mantenere una posizione statica per lungo tempo. Se stai molto, prova a sederti di più, ma se ti siedi molto, è importante fare periodicamente delle passeggiate o almeno riscaldarsi.
  6. Durante il giorno, prova a massaggiare le estremità inferiori, 5 minuti di leggero massaggio ti proteggeranno dal dolore durante il giorno.
  7. È anche importante condurre uno stile di vita sano, iniziare a praticare sport leggeri, mangiare bene, rinunciare a cattive abitudini, ecc..

Sul perché le vene sulle gambe fanno male

Tirare sensazioni dolorose alle gambe provoca un grave disagio, interferendo con la vita a tutti gli effetti. Molto spesso, il dolore è causato da malattie manifestate da vene ostruite. Queste patologie pericolose sono il risultato di una ridotta circolazione del sangue, pertanto si formano coaguli di sangue nei vasi, che provocano tromboflebite, trombosi o aterosclerosi.

Le patologie sono pericolose: se un coagulo di sangue si rompe, una persona può morire. Pertanto, è importante capire perché le vene delle gambe fanno male, a cosa è collegato e come sbarazzarsi di queste spiacevoli sensazioni.

Meccanismo di sviluppo

Lo sviluppo della patologia delle vene degli arti inferiori segnala la sua insorgenza con dolore che si manifesta dopo l'attività fisica o, al contrario, una lunga permanenza in posizione statica. La sera, le gambe si gonfiano, sentono pesantezza e dolore. Più la patologia progredisce, meno carico sarà necessario per la manifestazione dei sintomi. Nei casi più avanzati, la sindrome del dolore si fa sentire anche in uno stato di completo riposo..

La sindrome del dolore si verifica a causa dell'irritazione dei recettori. Poiché i vasi venosi si allungano a causa dell'accumulo di sangue in essi, si deformano lentamente e si infiammano. I vasi infiammati innescano la nocicezione fisiologica.

Il suo sviluppo passa attraverso 2 fasi:

  1. Il segnale di dolore primario deriva da impulsi di fibre nervose spesse di classe A..
  2. Ci vorrà del tempo per sviluppare dolore secondario. È di natura diffusa, che fornisce un segnale che passa attraverso i recettori fini di classe C.

Il corpo risponde alle reazioni patologiche producendo ormoni, che provocano lo sviluppo di una sindrome del dolore di diversa intensità e durata: istamine, prostaglandine, ecc..

Separatamente, si dovrebbe soffermarsi sull'ormone bradichinina. Questo mediatore infiammatorio appare nella parte plasmatica del sangue durante la sua coagulazione. Si trova anche nella pelle. Questo ormone è soprattutto "colpevole" nella formazione di edema e dolore, in quanto espande le pareti dei vasi sanguigni, influendo sulla loro permeabilità.

Oltre agli ormoni, la sindrome del dolore è stimolata da sostanze specifiche secrete dalle terminazioni nervose. Si chiamano algogeni.

Resistendo alla fonte del dolore, il corpo produce coaguli di sangue, causando spasmo nelle pareti venose dei vasi sanguigni. L'assunzione di farmaci analgesici ridurrà lo spasmo eliminando il dolore. Tuttavia, non sarà in grado di ridurre il rischio di coaguli di sangue e risolvere la radice del problema. In caso di dolore alle gambe associato a vasi venosi, è necessario sottoporsi a consulenza medica e diagnostica. Un flebologo è impegnato in questi problemi. I risultati degli studi diagnostici e i sintomi della patologia manifestata consentiranno al medico di prescrivere un trattamento adeguato per la situazione..

Relazioni causali

La risposta del corpo ai disturbi ormonali di natura recettoriale porta a un rallentamento del flusso sanguigno. A causa del suo ristagno nelle estremità inferiori, le vene si espandono, "insufficienza" venosa: perdita di elasticità e scarsa contrattilità.

Più a lungo le vene vengono dilatate, maggiore è il rischio che si formino coaguli di sangue che aderiscono alle pareti venose.

Le cause più comuni di trombosi venosa degli arti inferiori sono:

  • Disturbi ormonali;
  • Attività fisica eccessiva;
  • Uso a lungo termine di contraccettivi ormonali;
  • Obesità;
  • Abuso di tabacco;
  • Alcolismo;
  • Il periodo di gravidanza e travaglio;
  • Predisposizione genetica;
  • Lesione;
  • Hypodynamia;
  • Anomalie vascolari congenite;
  • Dieta squilibrata.

Ricorda! Quando un coagulo di sangue blocca completamente una vena e impedisce al sangue di muoversi attraverso di essa, una persona è in pericolo mortale.

Elenco di malattie pericolose

Per un trattamento competente ed efficace, è necessario identificare il motivo per cui le vene fanno male. Tutte le patologie del sistema venoso sono convenzionalmente divise dai medici in 2 gruppi, che si basano sul meccanismo della loro origine:

  1. Malattie causate dalla sovrapposizione di vasi sanguigni da un trombo: tromboflebite e trombosi venosa profonda della gamba;
  2. Malattie basate sul deflusso improprio di sangue venoso: vene varicose, insufficienza venosa cronica.

Ognuna di queste patologie differisce nel corso, sintomi e metodi di trattamento. Considera come si manifestano le malattie e anche come possono essere eliminate.

Tromboflebite superficiale

La tromboflebite superficiale è una patologia causata dal processo infiammatorio delle vene safene, che si sviluppa a causa della formazione di coaguli di sangue in esse.

La malattia si manifesta più spesso nel sesso più equo.

Le manifestazioni vive di patologia includono i seguenti sintomi:

  • Il rossore è visibile su tutta la lunghezza della vena della gamba, comparendo nel processo di infiammazione;
  • Le letture della temperatura sulle superfici interessate vengono notevolmente superate;
  • Durante la palpazione nella vena, il paziente avverte disagio;
  • Dolore alle vene delle gambe;
  • La pelle sopra la vena si scurisce;
  • La nave è compattata.

Fattori che causano patologia:

  • Iniezioni endovenose;
  • Stile di vita associato a posizioni sedute o distese statiche;
  • Vene varicose;
  • Patologia causata da un aumento della coagulazione del sangue;
  • Obesità;
  • Gravidanza;
  • fumatori;
  • Terapia ormonale o contraccezione a lungo termine con ormoni;
  • Età avanzata sopra i 60 anni;
  • Paralisi delle gambe.

Nella fase di esacerbazione, i sintomi sono espressi in modo acuto, ma la patologia non ha un serio pericolo per la vita umana. Per la diagnosi, sono sufficienti un esame visivo e un'ecografia delle navi..

I metodi di trattamento sono spesso conservativi, eseguiti in regime ambulatoriale. Impacchi caldi sono utili per alleviare il dolore. I medici raccomandano spesso di dare all'arto interessato una posizione elevata per ridurre gonfiore e dolore. Dai farmaci vengono prescritti farmaci antinfiammatori non steroidei. Con le tattiche farmacologiche correttamente selezionate, i segni della patologia sono significativamente ridotti di 14 giorni. Solo nei casi più gravi, quando il trattamento conservativo non ha aiutato a eliminare i sintomi, l'intervento chirurgico viene in aiuto del paziente: la vena "colpita" è legata o rimossa.

Trombosi venosa profonda

La TVP è il tipo più pericoloso di disturbo venoso. La frequente formazione di coaguli di sangue provoca lo sviluppo di complicanze: un coagulo di sangue o il suo componente, staccandosi dalla parete del vaso, penetra nella circolazione sistemica e quindi nell'arteria polmonare.

Il pericolo della patologia è che può svilupparsi in qualsiasi paziente con "problemi" venosi. Il rischio più elevato di sviluppare TVP è registrato nei seguenti casi:

  • Trauma posticipato che ha danneggiato la vena;
  • Uno stile di vita in cui una persona si trova spesso in una posizione statica;
  • L'abitudine di incrociare costantemente le gambe;
  • Terapia ormonale o contraccezione a lungo termine con ormoni;
  • Oncologia;
  • Gravidanza;
  • Predisposizione genetica;
  • Obesità;
  • Vene varicose;
  • Insufficienza venosa.

La particolarità della patologia è che non si manifesta nella maggior parte dei pazienti. Pertanto, il dolore acuto e intenso nelle vene è una ragione per il rinvio immediato a uno specialista..

A volte i seguenti segni indicano l'aspetto della malattia:

  • puffiness;
  • Dolore;
  • La pelle nel sito della vena interessata diventa rossa e diventa calda.

Se respiro corto, dolore toracico, tosse, durante il quale viene rilasciato sangue, unisciti alla sindrome del dolore nelle vene, dovresti consultare immediatamente un medico! Questi sintomi indicano la penetrazione di un coagulo di sangue nell'arteria polmonare..

La diagnosi della patologia richiede l'uso di metodi di ricerca complessi:

  • Ecografia vascolare;
  • Analisi per la rilevazione di D-dimero nel sangue;
  • venografia.

La terapia DVT ha lo scopo di ridurre un coagulo di sangue già formato e prevenirne la rottura. A tal fine, viene prescritta l'assunzione di tali farmaci:

  1. Anticoagulanti: riduce la coagulazione del sangue (previene l'aumento di un coagulo di sangue). Il corso del trattamento è lungo, almeno 3 mesi. È importante seguire l'esatto dosaggio prescritto dal medico, poiché i farmaci causano molti effetti collaterali..
  2. I trombolitici sono medicinali che aiutano a dissolvere i coaguli di sangue. Utilizzare solo in casi gravi.
  3. I collant a compressione aiutano ad alleviare gonfiore e dolore. Indossarli quotidianamente per 2-3 anni migliora il flusso sanguigno nelle vene. Questo tipo di trattamento è particolarmente rilevante per il rischio di sviluppare la sindrome post-tromboflebitica..
  4. Impianto di filtri nella vena cava inferiore. Consentono di tracciare i coaguli di sangue che si sono staccati, impedendo loro di entrare nell'arteria polmonare. Questo metodo viene utilizzato nel trattamento complesso, poiché i filtri non possono fermare la formazione di nuovi coaguli di sangue..

Phlebeurysm

Le vene varicose sono una patologia che porta disagio estetico al suo proprietario, tuttavia, con un trattamento adeguato, non è pericoloso per la sua salute e vita. L'insufficienza venosa si manifesta in un massiccio aumento delle vene safene nelle gambe.

Le vene varicose si sviluppano a causa del fatto che le valvole, che si trovano all'interno di ciascuna vena, iniziano a dirigere il flusso sanguigno in una sola direzione. E a causa della perdita di elasticità delle pareti vascolari, le capacità funzionali delle valvole cambiano: si sviluppa un flusso sanguigno "inverso". Accumulandosi gradualmente nei vasi venosi, il sangue provoca vene varicose.

Le seguenti categorie di persone sono più suscettibili allo sviluppo della patologia:

  • Donne;
  • Persone anziane;
  • Pazienti obesi;
  • Pazienti con una predisposizione genetica alla trombosi;
  • Incinta;
  • Persone la cui attività professionale è associata a una costante attività fisica.

I sintomi principali e secondari delle vene varicose sono presentati nella tabella.

I sintomi si manifestano più luminosi con il cambiamento del tempo o uno sforzo fisico prolungato.

È impossibile curare completamente le vene varicose. Il suo trattamento è prescritto se le vene delle gambe fanno male, oltre a eliminare il disagio estetico. Come possono aiutare i medici in questo caso, perché non ci sono medicine per eliminare questa malattia?

  1. L'uso regolare della calzetteria a compressione migliora la circolazione sanguigna, riducendo i sintomi spiacevoli.
  2. Se la dimensione della vena dilatata è ancora piccola, viene utilizzata la scleroterapia. Un farmaco viene iniettato nella nave interessata, il che "fa" guarire la vena.
  3. La scleroterapia con schiuma eliminerà i noduli di grandi dimensioni.
  4. La chirurgia per rimuovere le vene varicose viene eseguita utilizzando un laser o un intervento chirurgico convenzionale.

Insufficienza venosa

La patologia si sviluppa a seguito di cambiamenti nella funzionalità delle valvole venose: il ritorno del sangue dalle gambe al cuore è disturbato, causando il suo ristagno.

Le principali manifestazioni di patologia:

  • Gonfiore dei piedi e delle caviglie, peggioramento significativo dopo una lunga permanenza "in piedi";
  • Costante dolore e affaticamento agli arti inferiori;
  • Vene varicose;
  • Cambiamenti nella pelle: prurito, desquamazione, assottigliamento, scolorimento;
  • Ulcere trofiche che sono difficili da eliminare.

La diagnosi della patologia viene eseguita mediante ultrasuoni e venografia.

Come trattamento, si consiglia ai pazienti di ridurre il carico sulle gambe, indossare regolarmente biancheria intima a compressione e mantenere le gambe in posizione elevata il più spesso possibile..

I farmaci assumono la nomina di diuretici e anticoagulanti.

Nei casi più difficili, viene eseguita la chirurgia.

Terapia alternativa e prevenzione

I cambiamenti nelle normali condizioni delle vene che portano al dolore e alle condizioni pericolose sono spesso associati a scelte di vita scadenti. Pertanto, i medici ritengono che insieme ai farmaci e alla fisioterapia prescritti, le seguenti tecniche aiuteranno a stabilire il lavoro di navi importanti:

  • Dieta bilanciata;
  • Cottura “sana” (bollitura, cottura a vapore);
  • Corretta distribuzione dell'attività fisica e del riposo;
  • Regolazione del peso corporeo;
  • Rifiuto di cattive abitudini;
  • L'uso di trattamenti idrici contrastanti in parallelo con il massaggio dei piedi e delle caviglie.

La medicina tradizionale nel trattamento del dolore causato da cambiamenti patologici nei vasi venosi può aiutare solo se si verificano 2 condizioni:

  1. Il trattamento è concordato con il medico;
  2. Viene effettuato in combinazione con la terapia farmacologica.

Se trascuri queste regole, l'aiuto degli erboristi può danneggiare, non aiutare..

Perché le vene sulle gambe fanno male, cosa fare

Il dolore alle estremità inferiori è familiare a quasi tutti, e spesso ciò è dovuto al flusso sanguigno alterato. In una situazione simile, dicono che le vene nelle gambe fanno male..

Il disagio è temporaneo o permanente. Nel primo caso, ciò è causato dal superlavoro, nel secondo è necessaria la consultazione di un medico, poiché questo spesso indica lo sviluppo di patologie vascolari.

Cause della malattia venosa

Anche prima dell'inizio del dolore alle gambe, si verifica una rete vascolare o un leggero gonfiore delle vene. Ma non tutte le persone capiscono che in tal caso, è necessario consultare un medico e non considerarlo un problema estetico..

Le principali cause del dolore sono:

  • indossare scarpe scomode (tacco stretto, alto, instabile);
  • abuso di alcool, fumo;
  • obesità, dieta malsana (fast food, cibo troppo salato, non bere abbastanza liquido);
  • la presenza di malattie croniche come diabete, gotta, ecc.;
  • frequente ipotermia delle gambe;
  • predisposizione genetica.

Uno stile di vita sedentario o, al contrario, uno sforzo fisico eccessivo provocano disagio. Nelle donne, i vasi sanguigni si infiammano a causa dello stress durante la gravidanza..

A rischio sono le persone le cui attività professionali sono associate al trasferimento di pesi (caricatori), di lunga data in piedi (venditori, parrucchieri), permanenza prolungata nella zona di vibrazione (lavori su determinate attrezzature). Anche il lavoro sedentario in ufficio provoca danni venosi.

Classificazione delle malattie venose

Le patologie in cui fanno male gli arti inferiori comprendono diversi tipi di malattie..

Vene varicose

Questo è il problema più comune La parete venosa diventa anelastica, si verifica il ristagno di sangue, i tubercoli sporgenti compaiono sotto la pelle a causa di vene dilatate. Le navi si infiammano e appaiono bluastre, blu scuro o viola. Nei luoghi della lesione, la pelle si ispessisce, appare la pigmentazione.

Nella fase iniziale, le vene varicose, oltre a un difetto estetico, si manifestano con l'edema degli arti inferiori entro la fine della giornata. Con la progressione della patologia, la gamba fa costantemente molto male, fa male.

Spesso, il dolore si verifica sotto il ginocchio, poiché questa parte è più vulnerabile durante uno sforzo fisico intenso. Appare una rete vascolare, pelle secca, accompagnata da prurito. Una persona sente come è venuta fuori una grande vena safena e fa male.

Se si verifica il problema, le navi diventano più sottili. Ci sono situazioni in cui si sono verificati scoppio e sanguinamento della parete venosa. Qui è necessario l'aiuto del medico.

Un'ulcera si forma nel sito della nave che esplode. Se il trattamento non viene avviato in tempo, la malattia si svilupperà, portando alla disabilità..

Flebite e tromboflebite

Di solito la flebite si verifica sullo sfondo di vene varicose, malattie infettive, lesioni. Con il suo decorso acuto, si sente come la vena si è gonfiata, ispessita, il dolore è apparso. Un arto infiammato è più caldo di una gamba sana e la temperatura corporea aumenta. La malattia è pericolosa dal verificarsi di infiammazione purulenta (ascesso, flemmone).

Con la flebite avanzata, si sviluppa tromboflebite, caratterizzata dall'infiammazione della parete venosa, quando si verifica un trombo nel lume vascolare e il sangue diventa viscoso.

Lo sviluppo della patologia si verifica sullo sfondo delle vene varicose esistenti e un raffreddore comune può causarlo. Il paziente sente come la vena è gonfia e dolorante, è una fascia dolorosa stretta che brilla attraverso la pelle.

Di solito il dolore è concentrato nella parte superiore della parte inferiore della gamba, c'è un aumento della temperatura corporea, debolezza.

Il pericolo principale è una violazione del deflusso venoso, che provoca il blocco della nave. Se non si inizia il trattamento, nel tempo il coagulo di sangue si interrompe, si verifica un'embolia polmonare - la conseguenza più grave in cui si interrompe il flusso sanguigno, che è fatale.

Trombosi

In questo caso, non ci sono sintomi evidenti. Viene spesso diagnosticato in pazienti costretti a letto con paralisi degli arti. I seguenti fattori sono in grado di provocare la trombosi:

  • attività fisica eccessiva;
  • vecchiaia;
  • obesità;
  • stile di vita sedentario.

Una vena profonda è interessata, si forma un trombo in breve tempo. Se non si attacca alla parete venosa, in qualsiasi momento può staccarsi e muoversi insieme al sangue attraverso i vasi. La malattia è caratterizzata da edema bilaterale delle estremità.

Il paziente si lamenta che le vene interne delle gambe fanno male, sente come pulsa il vaso, la superficie si espande. Se la malattia non viene curata, esiste il rischio che un coagulo di sangue si stacchi, che entrerà nell'arteria polmonare con flusso sanguigno e bloccherà il suo lume..

Cause fisiologiche del dolore venoso

Chiunque può avere una situazione in cui la vena è gonfia e dolorante. O addirittura scoppia. Ciò può accadere dopo stress meccanici. Ma nelle persone sane, le pareti dei vasi sanguigni sono elastiche, non è facile ferirle..

Le vene diventano fragili se c'è qualche patologia e lievi lividi o attriti portano a lesioni.

Lo stress meccanico può causare sanguinamento - interno o esterno. Con le vene varicose, il sangue entra nella pelle, formando un livido scuro. Quando la vena si infiamma, si avverte dolore. Ma se scoppia, succede inosservato per una persona..

A volte con un'iniezione endovenosa, è possibile un'ustione chimica della nave, che porta allo sviluppo della flebite. L'infiammazione nelle vene si verifica se l'iniezione non viene eseguita correttamente o se il catetere non è inserito correttamente.

Come si manifesta il dolore venoso, come ridurlo

Indipendentemente dalla causa che ha causato l'infiammazione nelle vene, il disagio si manifesta sempre:

  • sotto forma di torsione del dolore agli arti inferiori;
  • una sensazione di pesantezza nella parte inferiore della gamba e del piede;
  • gonfiore delle gambe.

Con le vene varicose, si ha la sensazione che il ginocchio si infastidisca, il posto sotto di esso. Di solito, il dolore si verifica nel tardo pomeriggio, dopo l'attività fisica attiva, se una grande quantità di liquido è stata bevuta il giorno prima o è stato abusato di alcol.

Spesso, il dolore appare di notte, interferisce con il sonno. Questi sintomi indicano che sono le vene, non i muscoli, a far male. La persona si sente come se le vene bruciassero e prurissero dall'interno. Dopo il sonno, c'è una sensazione di formicolio alle gambe. Questi ultimi non obbediscono, come il "cotone", a volte non è facile alzarsi dal letto. Ma dopo poco tempo, questo stato passa.

Succede che c'è dolore alle vene la sera, un fine settimana o una vacanza e non c'è modo di vedere uno specialista. Per alleviare la condizione, si consiglia di:

  • sciacquare i piedi con una doccia fresca o applicare un impacco freddo sulla zona interessata;
  • durante il riposo o il sonno, metti un arto dolente su una collina: un cuscino, una coperta arrotolata;
  • usa un unguento contenente gerundina o eparina.

Se la temperatura aumenta, puoi prendere un medicinale antinfiammatorio..

Trattamenti alle vene

Per capire cosa fare se le vene fanno male, è necessario consultare un medico per una diagnosi accurata. Il medico determinerà quale tipo di malattia ha portato all'infiammazione vascolare e prescriverà il trattamento.

Per l'appuntamento iniziale, il paziente è registrato con un terapista. A seconda dei risultati del test e del modo in cui i vasi sanguigni fanno male, il medico sceglie da solo il metodo di terapia o consiglia di contattare uno specialista di profilo stretto - un flebologo.

Il trattamento viene effettuato in diversi modi, a seconda della gravità della malattia:

  1. Con la terapia farmacologica, vengono prescritti farmaci che portano al diradamento del sangue e al rafforzamento dei vasi sanguigni, farmaci antinfiammatori. Se una vena sporge sotto la pelle e fa male, usa creme e unguenti che alleviano l'infiammazione e il dolore. A volte sono necessarie pillole o iniezioni per prevenire la formazione di coaguli di sangue, migliorare la circolazione sanguigna locale e prevenire conseguenze pericolose.
  2. La fisioterapia è un trattamento efficace. Di solito vengono prescritti magnetoterapia, elettroforesi, UHF, pneumomassaggio o ozono terapia. Ciascuno dei metodi ha un effetto diretto: sollievo dal dolore, riassorbimento del fuoco infiammatorio, miglioramento della circolazione sanguigna.
  3. Se il trattamento conservativo è inefficace, è necessario un intervento chirurgico. I chirurghi eseguono spesso la coagulazione laser, specialmente quando trattano piccoli vasi. Questo metodo non richiede la rimozione delle vene, le loro pareti danneggiate vengono distrutte, il lume è "sigillato". La scleroterapia viene utilizzata per eliminare la rete vascolare e sbarazzarsi di piccole vene dilatate. Per rimuovere la nave interessata, viene utilizzata la miniflebectomia, un metodo che non richiede incisione e sutura. L'operazione viene eseguita attraverso piccole forature. Ha sostituito la venectomia, che è diventata un metodo obsoleto..

Non è vietato integrare il trattamento principale in modi non convenzionali. It:

  • l'irudoterapia, che viene utilizzata in parallelo con la fisioterapia, favorisce l'assottigliamento del sangue ed è particolarmente indicata per i pazienti che non tollerano i farmaci;
  • bagni terapeutici a base di decotti di erbe medicinali (bardana, camomilla, foglie di betulla, ortica), si comprime sulle aree interessate con l'aggiunta di succo di aloe o aceto di mele;
  • prendendo un decotto di coni di luppolo, tintura di giovani frutti di noci, castagne;
  • puoi spalmare i punti dolenti con olii essenziali di menta, arancia, limone, massaggiando leggermente.

Oltre al trattamento prescritto, è necessaria una certa dieta, il cui compito principale è fluidificare il sangue e normalizzare il peso corporeo con un eccesso di peso.

È necessario bere molta acqua pulita, tisane (almeno 2 litri al giorno) per prevenire la viscosità del sangue. È necessario includere nella dieta alimenti proteici, fibre, per ridurre al minimo la quantità di carboidrati veloci (dolci, muffin).

Misure di prevenzione

Per prevenire le malattie venose, devi analizzare il tuo stile di vita:

  • se necessario, aumentare l'attività fisica o, al contrario, ridurre lo stress eccessivo;
  • se le condizioni di lavoro richiedono una seduta o una posizione prolungata, fare brevi pause per riposare;
  • sbarazzarsi di cattive abitudini (consumo di alcol, fumo) o minimizzarle;
  • poggia le gambe la sera, mettendole su una pedana (cuscino);
  • le donne rifiutano la contraccezione orale, che contribuisce alla formazione di coaguli di sangue.

Se ci sono primi segni di vene varicose, è utile indossare biancheria intima a compressione (calze, collant), che previene la formazione di edema e favorisce l'attivazione del flusso sanguigno nelle vene profonde.

Sensazioni dolorose ripetitive nei vasi indicano eventuali malfunzionamenti nel corpo. Non devi cercare di curarli da solo o intorpidire il dolore nelle vene prendendo un antidolorifico. È necessario consultare un medico per determinare la vera causa del disagio e prescrivere la terapia corretta..

Perché le vene alle gambe fanno male - cause, possibili malattie, diagnosi e trattamento

Gravità, gonfiore e dolore alle gambe sono condizioni familiari a molti. Soprattutto spesso, questi sintomi della malattia venosa perseguitano la bella metà dell'umanità alla vigilia della primavera, quando le donne dagli stivali si trasformano in tacchi a spillo belli, ma non molto comodi. I flebologi affermano che è possibile evitare molti problemi se si conosce: perché una vena sulla gamba fa male, i segni distintivi delle vene varicose da altre malattie vascolari, come alleviare il dolore con l'aiuto di farmaci che accelerano il sangue e la medicina tradizionale.

Cos'è Vienna?

Lo studio della struttura delle vene, il loro funzionamento e la diagnostica viene effettuato da una sezione speciale di medicina - flebologia. Da un punto di vista medico, una vena è qualsiasi nave che riceve sangue dai capillari e lo spinge verso il cuore sotto grande pressione. La vena è composta da diversi strati. Il primo è l'endotelio, lo strato interno, quindi c'è un tessuto molle, che è coperto da una densa parte connettiva. Le vene più importanti nella parte inferiore del corpo includono:

  • nave cava inferiore;
  • vena iliaca;
  • femorale;
  • popliteo;
  • vena safena della gamba;
  • piccolo vaso sanguigno nascosto della gamba.

Le vene possono ferire

Se confrontiamo la vena con le normali arterie, la prima parete dei vasi è molto sottile e facilmente deformabile, motivo per cui sorgono più sintomi spiacevoli. Inoltre, il dolore può apparire a causa del flusso sanguigno ostruito. Quindi il corpo inizia a produrre uno speciale ormone bradichinina, il cui scopo è quello di espandere i vasi e aumentare la permeabilità delle loro pareti. Un eccesso di questo ormone può anche portare a gonfiore e infiammazione dei recettori del dolore..

Come fanno male le vene

In caso di infiammazione nei vasi degli arti inferiori, i pazienti di solito lamentano dolore di diversa intensità e localizzazione. All'inizio, il paziente avverte una leggera pesantezza alle gambe, affaticamento e distensione, che scompaiono rapidamente a riposo. Dopo che la malattia inizia a progredire, i sintomi peggiorano: appare il dolore localizzato in un punto, una sensazione di torsione delle gambe e gonfiore.

Soprattutto spesso tali sintomi disturbano una persona di notte e anche l'adozione di una posizione eretta non fornisce sollievo. Nelle fasi finali dello sviluppo della malattia, le vene delle gambe diventano estremamente dolorose alla palpazione, rigide e gonfie. La cianosi o il rossore appaiono spesso nel sito di formazione. È impossibile trascurare una tale condizione: è necessario contattare urgentemente un flebologo.

Perché le vene sulle gambe fanno male

Sono a rischio le persone sane il cui lavoro è associato al sollevamento pesi, alla posizione prolungata in un punto o opposto alla lunga camminata. Inoltre, attira le vene in coloro che in ogni modo trascurano i consigli sui pericoli del fumo e dell'alcool, mangiano in modo improprio o conducono uno stile di vita sedentario. Spesso le donne in gravidanza soffrono di dolore alle vene delle gambe. Tra le centinaia di possibili malattie in Russia, solo tre sono diagnosticate nel 90% dei casi:

  • phlebeurysm;
  • trombosi;
  • tromboflebite.

Phlebeurysm

I medici ritengono che il problema principale con la comparsa di vene varicose sia una predisposizione ereditaria. Tuttavia, anche la rete venosa più sottile non può espandersi senza una ragione apparente. L'inizio dello sviluppo della malattia e la sua velocità dipendono da diversi fattori contemporaneamente, tra cui:

  • stile di vita immobile;
  • indossare tacchi alti;
  • aumento dell'attività fisica;
  • essere incinta o entrare in menopausa;
  • prendendo contraccettivi ormonali.

Il dolore alle gambe con vene varicose non è l'unico sintomo caratteristico di questa malattia. Molto spesso, le donne si lamentano di gonfiore, prurito, lividi o intorpidimento. Se la malattia non si interrompe in tempo, può apparire gonfiore delle vene, il colore della pelle può cambiare dal rosa pallido al blu pallido o all'ombra terrosa e compaiono le ulcere. Nel tempo è possibile l'atrofia cutanea, caratterizzata da aree leggermente affondanti dei muscoli delle gambe.

tromboflebite

Molto spesso, le vene varicose nelle gambe sono accompagnate da un'altra malattia altrettanto grave: la tromboflebite. La malattia è caratterizzata dall'infiammazione della parete interna dei vasi sanguigni e dalla successiva formazione di un coagulo di sangue. Segni evidenti di tromboflebite:

  • forte dolore alla vena;
  • rigonfiamento;
  • bruciando;
  • aumento della temperatura corporea complessiva;
  • arrossamento al sito di formazione di coaguli di sangue e gonfiore.

Il gruppo a rischio comprende tutte le stesse categorie di cittadini sopra elencate, oltre a:

  • persone con pressione alta;
  • pazienti con patologie del sistema cardiovascolare;
  • donne che hanno recentemente avuto un parto;
  • persone con ridotta composizione del sangue, coagulazione eccessiva, cattiva circolazione sanguigna;
  • chiunque abbia recentemente subito gravi lesioni agli arti o abbia cattive abitudini.

Trombosi

La comparsa di coaguli di sangue nelle vene profonde delle gambe è un evento comune per le persone con disabilità, i pazienti paralizzati, le persone, gli anziani, i fumatori e i pazienti obesi. Molto spesso, la malattia è quasi asintomatica, il che complica la diagnosi tempestiva. Tra le manifestazioni classiche di trombosi ci sono:

  • dolore acuto quando si preme su una certa area della pelle;
  • rigonfiamento;
  • un aumento della temperatura nel sito di localizzazione di un trombo;
  • arrossamento;
  • dolore quando si piega o si estende la gamba.

A causa della frequente assenza di sintomi, può essere estremamente difficile notare la malattia in una fase precoce. Per la prevenzione, i medici consigliano a tutti coloro che sono a rischio di sottoporsi a esami regolari, se necessario, assumere anticoagulanti e condurre uno stile di vita attivo. Non trascurare l'ispezione domestica. Siti frequenti di localizzazione di un trombo: coscia, area poplitea, parte inferiore della gamba. Se noti che una vena è gonfia sotto il ginocchio e fa male, contatta immediatamente la clinica.

Cosa fare se fa male una vena alla gamba?

Se le vene alle gambe fanno male, molto probabilmente la ragione di ciò sono le vene varicose, che possono portare molti problemi al proprietario di tale patologia. A causa del costante disagio, la qualità della vita è significativamente ridotta. Pertanto, non c'è nulla di sorprendente in quanto sia acuta la questione di sbarazzarsi di questa malattia..

Le principali cause del dolore

Se i vasi sanguigni non riescono a far fronte al volume del sangue circolante, diventa stagnante, che si manifesta con una serie di sintomi, uno dei quali è il dolore. Molto spesso, le vene degli arti inferiori sono colpite dal carico pesante su di esse..

In questo caso, la parete vascolare diventa più sottile, il diametro della vena aumenta, il sangue scorre più lentamente lungo i rami e la fornitura di organi viene interrotta. Anche l'apparato valvolare soffre, il che aggrava la condizione. Esiste anche il rischio di reflusso di sangue attraverso la vena interessata. La principale patologia che porta a tali processi sono le vene varicose e le sue complicanze, che includono:

  • trombosi,
  • flebite,
  • insufficienza venosa,
  • ulcerazione della superficie delle gambe,
  • dermatite, ecc..

Il dolore è accompagnato da una serie di sintomi concomitanti che completano il quadro clinico della malattia. I pazienti lamentano:

  • gonfiore delle gambe, soprattutto di sera,
  • vene sporgenti, loro tortuosità e cianosi,
  • vene del ragno (teleangectasie),
  • crampi agli arti inferiori,
  • affaticabilità veloce,
  • sensazione di bruciore lungo le formazioni venose,
  • la presenza di tubercoli e foche nell'area della proiezione vascolare.

Esistono fattori che predispongono alle vene varicose, tra cui:

  • femmina,
  • vecchiaia,
  • squilibrio ormonale,
  • obesità addominale,
  • ridotta tolleranza al glucosio,
  • dislipidemia,
  • gravidanza e rinascita,
  • duro lavoro fisico,
  • Fare sport,
  • lunga permanenza in posizione verticale,
  • eredità,
  • altre patologie infiammatorie e sistemiche concomitanti,
  • cattive abitudini,
  • parenti stretti affetti da vene varicose.

Più fattori di rischio ha un paziente, più è probabile che gli venga diagnosticata la presenza di vene varicose. Pertanto, durante la prima visita dal flebologo, l'attenzione è rivolta al sondaggio sullo stile di vita..

Cosa fare se compaiono i primi sintomi?

Di solito, i pazienti con manifestazioni iniziali di vene varicose non lo prendono sul serio. Sono preoccupati solo per il lieve gonfiore delle gambe e per i cambiamenti esterni sotto forma di vene del ragno non estetiche, lividi, fragilità dei vasi superficiali. Le donne sono più preoccupate di questo fatto rispetto ai rappresentanti della parte maschile della popolazione. Per questo motivo, sono i primi ad andare dal medico per scoprire perché le vene alle gambe fanno male..

Se c'è un flebologo nel villaggio, allora è meglio prendere immediatamente un appuntamento con lui. In assenza di tale opportunità, puoi andare da un terapeuta o un chirurgo. Qualsiasi medico sarà in grado di valutare le condizioni delle vene, fare una diagnosi preliminare e indirizzarti a uno specialista ristretto per la consultazione.

Il flebologo effettuerà un esame, che comprende una serie di test diagnostici.

  1. Test di Valsalva. Al paziente viene chiesto di sdraiarsi su un divano con le gambe distese orizzontalmente. In questa posizione, le vene di solito scompaiono. Al paziente viene chiesto di stringere i muscoli della parete addominale anteriore (premere) o la tosse. In presenza di vene varicose, le vene interessate si gonfiano.
  2. Test di Troyanov-Tredelenburg. Il paziente giace sulla schiena con una gamba sollevata di 90 gradi. Un laccio emostatico viene applicato sulla coscia, al paziente viene chiesto di alzarsi. Entro 30 secondi, le vene si riempiono di sangue. Il laccio emostatico viene rimosso e si osserva il riempimento delle navi.
  3. Test di Sheinis. Tre lacci emostatici vengono applicati sulla gamba del paziente: nella coscia, nel ginocchio e sotto il ginocchio. Chiedi di alzarti. Se le vene sono tese in una delle aree, si può presumere che siano presenti vene varicose.

Vengono eseguiti anche altri test simili ai precedenti: Preshta, Fegan, Starosvet, Delbe-Perthes e loro modifiche. Tutti mostrano luoghi in cui la parete venosa è indebolita, nonché aree di rottura della valvola..

Dopo l'esame e l'interrogatorio, il medico prescriverà test di laboratorio standard, ultrasuoni dei vasi degli arti inferiori. È necessario determinare il livello di zucchero e lipidi nel sangue..

Trattamento conservativo

Per sbarazzarsi dei sintomi della malattia, è necessario seguire le raccomandazioni del medico. Sono prescritti farmaci, fisioterapia e indumenti compressivi. Dei medicinali vengono utilizzati i seguenti gruppi:

  • Flebotonici e protettori delle vene: anavenolo, detralex, glivenolo, ginkor-forte, esalazione con ascorutina, nilek, vazobrale. Questi fondi hanno proprietà antiedema e la capacità di restringere il lume dei vasi sanguigni..
  • Tonici esterni: troxevasin, lyoton, venoruton.
  • Unguenti anti-infiammatori: gel diclofenac, troxicam, unguento indometacinico, gel fastum.
  • Glucocorticosteroidi per uso esterno: unguenti di prednisolone e idrocortisone, clobetasol, flumetasone.
  • Anticoagulanti: eparina, fragmin, fraxiparina.
  • Farmaci antinfiammatori non steroidei: acido acetilsalicilico, voltaren.
  • Agenti antipiastrinici piastrinici: reopolglucina, pentossifillina, dipiridamolo.
  • Prostaglandine Farmaci a base di E: vasopressina, actovegil, ecc..

Solo il medico curante è responsabile della prescrizione dei farmaci. Il regime di trattamento e il regime di dosaggio dipendono dal grado della malattia e dalla presenza di complicanze. Per questo motivo, non dovresti provare a curare le vene varicose da solo. Molti farmaci hanno un rigido elenco di indicazioni. L'uso inappropriato può portare allo sviluppo di effetti collaterali.

Flebologo o chirurgo vascolare?

Se la malattia è in una fase precoce, il flebologo offrirà un trattamento conservativo e parlerà dei metodi di prevenzione. In caso di cambiamenti persistenti nelle navi, così come il desiderio del paziente di cambiare l'aspetto delle gambe, può essere raccomandata una visita a un chirurgo vascolare.

Attualmente, sono stati sviluppati metodi senza sangue per il trattamento delle vene varicose. Loro sono:

  • phlebosclerotherapy,
  • coagulazione delle vene,
  • cryoflebextraction.

Si ritiene che solo il trattamento chirurgico seguito dalla prevenzione sia l'unico modo sicuro per sbarazzarsi delle vene varicose. Tuttavia, anche il trattamento chirurgico è condizionatamente radicale.

Dopo 5 anni, dal 10 al 60% dei pazienti ritorna dal dottore con una ricaduta e lamenta che le vene delle gambe fanno di nuovo male.

La scleroterapia prevede l'introduzione di composti speciali nel lume della vena varicosa, che la restringe. Questo metodo di trattamento può essere offerto a pazienti con difetti estetici minori, nonché in preparazione per la successiva rimozione delle vene..

Fisioterapia e prevenzione

Per curare le vene varicose, dovrebbero essere utilizzate tutte le possibili terapie. La fisioterapia è una parte importante del servizio policlinico. In caso di danno venoso, vengono utilizzate l'esposizione al laser magnetico, elettroforesi, baroterapia e darsonvalizzazione. La scelta del metodo dipende dal quadro clinico e dalle attrezzature dell'istituto medico..

Le misure preventive consistono nella massima eliminazione dei fattori causali. Sono possibili le seguenti opzioni:

  • indossare calze anti-varicose durante la gravidanza, predisposizione ereditaria e posizione prolungata in posizione verticale,
  • normalizzazione dei livelli ormonali, se c'è uno squilibrio,
  • sbarazzarsi di cattive abitudini,
  • controllo della glicemia,
  • perdita di peso,
  • normalizzazione dell'attività fisica,
  • eliminazione di dislipidemia, ecc..

La biancheria intima a compressione occupa un posto speciale nel trattamento e nella prevenzione della malattia. È selezionato in base al grado di patologia. Si raccomanda di essere indossato da quasi tutti i pazienti con diagnosi di vene varicose..

Cosa si può fare a casa?

L'auto-aiuto dovrebbe essere usato se le vene delle gambe fanno male e non c'è modo di vedere un medico. Ci sono alcuni semplici passaggi da fare per sbarazzarsi dei sintomi.

  1. Libera gli arti da scarpe, vestiti, sdraiati sulla schiena, alza le gambe sopra il livello del corpo. Dovresti essere in questa posizione per 20-30 minuti..
  2. Una doccia a contrasto ha un buon effetto, che consiste nel versare acqua calda e poi fredda sui piedi..
  3. Indossare calze anti-varicose al mattino. In loro assenza, non puoi avvolgere strettamente gli arti con una benda elastica, alleviando la pressione dalla punta alla coscia.
  4. Dovresti fare terapia fisica ogni giorno. Gli esercizi di base includono:
    • rotolando dal tallone alla punta,
    • camminare in punta di piedi,
    • trasferimento alternato del peso corporeo da un piede all'altro,
    • imitazione del ciclismo sdraiato sulla schiena,
    • rotazione a piedi,
    • camminando su talloni e dita dei piedi.
  5. Normalizza gradualmente il tuo lavoro e la routine di riposo.

L'alimentazione svolge un ruolo importante nel complesso trattamento delle vene varicose. Gli alimenti che contribuiscono al processo infiammatorio dovrebbero essere rimossi dalla dieta: piccante, salato, acido, dolce, fritto, affumicato.

Se ci sono problemi con il sovrappeso, è necessario limitare ulteriormente l'apporto calorico giornaliero e una tantum. Un endocrinologo e un nutrizionista possono aiutare in questo. Il diabete mellito comporta l'esclusione di prodotti da forno, dolci, acqua gassata e pasta.

Il dolore alle gambe regolare è un sintomo che merita un'indagine. Può essere un segno di una serie di condizioni mediche. Per dire con certezza se si tratta di vene varicose o meno, solo un medico può. L'automedicazione porta spesso a complicazioni e fasi avanzate della patologia.